Robert Wilson e Sam Harris dialogano su “scienza e fede”

Dopo l’assegnazione del Premio Templeton 2011 a Martin Rees (cfr. Ultimissima 10/4/11), alcune voci di fondamentalisti si sono sollevate contro la legittimità della Fondazione Templeton di donare un premio agli scienziati che promuovono il dialogo fra “scienza e religione”. Alcuni hanno chiesto addirittura la chiusura.

Su The Guardian è comparso un articolo in cui due noti personaggi con visioni opposte hanno dialogato su questo tema. Il primo è il filosofo Sam Harris, uno dei quattro cavalieri dell’ateismo internazionale (oltre a Richard Dawkins, Christopher Hitchens e Daniel Dennet). Harris, per capirci, è uno che ritiene che la “scienza debba uccidere la religione”. E per questo, ma anche per molti motivi, è stato criticato da mezzo mondo scientifico, e non solo, per mancanza di metodo scientifico e promozione del fondamentalismo anti-religioso. Anche gli stessi atei lo ritengono un fanatico. E’ uno di quelli che è diventato militante dopo l’11 settembre 2001, attaccando infatti, oltre all’ovvio cristianesimo protestante americano, anche l’Islam. Il suo interlocutore è stato Robert Winston, medico, ricercatore e divulgatore scientifico, docente all’Imperial College, già presidente della British Association for the Advancement of Science, autore di oltre 300 lavori scientifici in riviste peer-reviewed e membro delle più importanti accademie scientifiche.

La discussione tocca più argomenti e vale la pena leggerla integralmente. Riportiamo solo qualche spunto: mentre Harris sostiene che il discorso religioso non ha validità, al contrario di quello scientifico, Winston, oltre a rispondere che «la scienza non è l’assoluto», si sorprende per la sua rabbia nel parlare e nello scrivere. Harris si giustifica dicendo di essere preoccupato dal fondamentalismo religioso e Winston replica: «libri come il tuo o quelli di Richard Dawkins fanno lo stesso, polarizzano i punti di vista. “L’illusione di Dio” (libro di Dawkins) ha suscitato reazioni molto aggressive da coloro che in precedenza non lo erano affatto. Il modo di scrivere dei non credenti è aggressivo o rabbioso verso le persone che non sono d’accordo con la vostra visione».

Harris riconosce quanto detto da Winston, ma replica tirando in ballo il cristiano Francis Collins, uno fra gli scienziati viventi più importanti degli ultimi anni, noto per aver sequenziato il genoma umano: «Questo è forse un problema crescente negli Stati Uniti, ma in linea di principio è un problema ovunque. Prendi uno come il genetista Francis Collins, che è uno dei più influenti scienziati negli Stati Uniti, il quale dice che “Dio onnipotente creò il cielo e la terra”, e sostiene che Dio abbia impiantato il libero arbitrio nel cervello dei primati come una sorta di aggiornamento del software, perché il libero arbitrio e la legge morale sono impossibili da immaginare come prodotti dell’evoluzione. Non ci sono buone ragioni scientifiche per pensare che abbia ragione». Winston risponde contestualizzando la frase di Collins, espressa non in sede scientifica: «Ma lui sta dando il suo personale giudizio sulla situazione. I tuoi scritti sono belli, divertenti, ma non credo che la denigrazione di uno scienziato serio come Collins ti possa fare un sacco di bene. Dobbiamo stare molto attenti a criticare gli altri scienziati, tranne quando la loro scienza è chiaramente in errore. Il suo ragionamento non è rilevante per il sequenziamento del genoma umano, cioè quello per cui lui è famoso, non si basa certo sulla fede in Gesù. Credo che debba essere ritenuto come un essere umano, oltre che scienziato».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

18 commenti a Robert Wilson e Sam Harris dialogano su “scienza e fede”

« nascondi i commenti

  1. Adriana ha detto

    I fanatici e gli estremisti hanno sempre la meglio perchè attirano a sè l’attenzione, questo succede in politica, nella religione, nello sport, nei blog…

    0
    • Rebecca ha detto in risposta a Adriana

      Sopratutto nella religione atea 🙂

      0
    • Rocco ha detto in risposta a Adriana

      Ma Sam Harris ha ancora il coraggio di esporsi pubblicamente dopo che è rimasto isolato nella sua battaglia. Ovviamente solo Dawkins lo sostiene, ma d’altraparte è uno che è andato in pensione dichiarando di aver fallito la sua battaglia per l’ateismo. L’unica cosa che ha fatto nella sua vita.

      0
  2. Filippo Chelli ha detto

    Buongiorno, carissimi,
    Dove è possibile leggere integralmente la discussione?

    0
    • Rebecca ha detto in risposta a Filippo Chelli

      Tutti gli articoli hanno un link diretto. Basta cliccare sulle parole in “violetto”. In questo caso sulla parola “The Guardian”.

      0
    • Filippo Chelli ha detto in risposta a Filippo Chelli

      ho trovato…non avevo visto il link al guardian…
      Un grande ringraziamento all’autore di questo articolo per la perfetta traduzione.

      Filippo Chelli

      0
  3. Aleister Crowley ha detto

    Quello che fa rabbia in questi tizi e’ che non capiscono le differenze tra le diverse e specifiche categorie del pensiero umano.
    Se una persona dicesse di chiudere tutte le facolta’ di filosofia perche’ e’ una scienza inutile (non serve direttamente a fare produzione o reddito) sarebbe preso, a ragione, per scemo.
    Se un ricercatore dice di chiudere tutte le chiese e cancellare le religioni c’e’ chi gli da’ ragione.
    La filosofia, la religione, la matematica, ecc. sono tutte cose che riguardano l’umano. Se ne togli una manca qualche cosa, sono tutte utili alla vita dell’uomo. nessuna va scartata per un fatto ideologico. Lo puoi fare ma tanto prima o poi ritorna, sono cose incancellabili, fanno parte della natura umana.

    0
  4. Rocco ha detto

    Ma come si fa a paragonare il discorso scientifico a quello religioso, tentando così di screditarlo? Ma non capiscono che solo gli emarginati dalla società possono abboccare?

    0
  5. Michele Santambrogio ha detto

    La stessa esistenza di Francis Collins confuta tutte le teorie complottiste degli invasatei. Credo sia la persona più odiata, da parte loro, dopo il Papa e Madre Teresa di Calcutta.

    0
  6. Giorgio P. ha detto

    Aspettate un momento, qualcuno mi aiuti a collegare le due cose:
    1) Un filosofo dice che la scienza debba uccidere la religione;
    2) Uno scienziato dice che non è possibile che ciò avvenga.

    0
    • Flavio ha detto in risposta a Giorgio P.

      Tra l’altro Harris dubito anche che sia filosofo. Credo che non faccia alcun tipo di ricerca dato che non insegna in alcuna università…tutti i laureati in filosofia sono filosofi? Assolutamente no, come tutti i laureati in matematica non sono matematici. Per esserlo occorre insegnare e fare ricerca.., cosa che Harris non fa. Tuttavia non è in pensione che Dawkins è gli altri cavalieri dell’irrazionalità. Mi chiedo, cosa fa nella vita questo qui?

      0
  7. Francesca ha detto

    Ma Harris ha detto che la “scienza deve uccidere la religione”?
    Stento a crederci, davvero…

    0
  8. valentina ha detto

    SOLO UN MEDICO, tra gli scienziati, avrebbe potuto rispondere così magistralmente… ritengo che la medicina sia integrazione di metodo scientifico e umanistico… il medico è molto più predisposto del filosofo (che, per definizione, se ne sta lì a speculare e ricercare, senza contatto con l’uomo) ad aprirsi, ad abbattere i pregiudizi…

    0
« nascondi i commenti