America: nascono le facoltà di “ateismo”, “parapsicologia” e “gattologia”

Nel 2006 in alcune università inglesi e americane nasce un corso dedicato alla parapsicologia, per tutti coloro che intendono studiare i fantasmi e il paranormale. Nel 2007 invece, l’Università di Bari ha dedicato un corso di tre anni all‘igiene e benessere del cane e del gatto. Nel 2008, negli USA, nasce invece un corso di laurea dedicato al campione di calcio David Beckham. E se in Australia prende avvio un corso universitario di “Filosofia in ufologia”, alla Georgetown University gli studenti potranno invece seguire un corso su “Star Treck e filosofia”. Verso fine 2010, l’Università del South Carolina ha pensato di dedicare un corso dedicato alla stella del pop Lady Gaga, gli studenti dunque si potranno laureare in “ladygagaismo”.  Ma non dimentichiamo, che -sempre negli USA- si possono trovare corsi di facoltà di “studio del pene”, “cyberfemministmo” e di “musica omosessuale“.

Non poteva quindi mancare anche la laurea in “Secolarismo“, ideata in questi giorni dal Pitzer College, in California. Ne dà notizia in Italia il quotidiano Il Foglio, commentando: «per diventare teologi bisogna tendenzialmente laurearsi in teologia, ma non è ancora chiaro cosa potrebbero diventare gli studenti laureati in “Secolarismo”. Ateologi? Secolariatri? Agnosticologi? Odifreddisti?». L’autore, Mattia Ferraresi, informa che i ragazzi che dal prossimo autunno sceglieranno di darsi ragione scientifica della non-esistenza di Dio o del fatto che la Bibbia è uno strepitoso racconto fantasy, frequenteranno una facoltà negativa per approfondire le ragioni di chi rifiuta di darsi una ragione sui temi d’indagine che l’uomo affronta da qualche tempo a questa parte: origine del mondo, significato dell’esistenza, destino di tutte le cose e così via. «E’ un po’ come se gli scettici verso la medicina» -continua il giornalista- «istituissero una facoltà di “Malattia”». L’inventore è Phil Zuckerman, un sociologo “agnostico-ateo” sulle questioni che riguardano il mistero profondo” e che si prende immensamente sul serio. Si giustifica dicendo che una tendenza diffusa merita di ricevere il sigillo della scientificità. Commenta Ferraresi: «come laurearsi sul tuffo in piscina dal balcone, sulla vodka negli occhi, sulla violenza negli stadi ma con numeri molto più rilevanti».

Ecco dunque creato l’ennesimo corso, dopo “Golf management”, “Astrobiologia”, “Ittologia”, “Educazione della danza”, per tentare di contrastare l’inarrestabile fenomeno dell’abbandono degli studi dopo il liceo, che sembra dominare il panorama occidentale.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

35 commenti a America: nascono le facoltà di “ateismo”, “parapsicologia” e “gattologia”

« nascondi i commenti

  1. Katy ha detto

    Noooooooo, peccato che mi laureo a giugno!! Beh, posso sempre prendere una seconda laurea in “secolarismo” e una terza in “ittologia”… 🙂

    0
  2. Norberto ha detto

    Ottimo Zuckerman! La prossima sarà laurea in “come diventare l’uomo più ridicolo d’america da un giorno all’altro”?

    0
  3. Mandi ha detto

    Allora l’ironia su Pierpippa Odifreddo non è esclusiva di questo sito!!

    0
  4. Mikhail Tal ha detto

    IO ESIGO LA LAUREA IN ODIFREDDOLOGIA, 1° anno di corso:Conoscienza biografica di Odifreddi e della sua musica preferita , con tema finale dal titolo “da ex seminarista a tuttologo cretino”
    2°anno:Conoscienza dei testi con approfondimenti.
    3°anno:Conoscienza sommaria in tutti gli argomenti che affronta Odifreddi

    -Matematica
    -Musica Barocca
    -Storia
    -Filosofia
    -Politica
    -Geopolitica
    -Teologia
    -Storia delle religioni
    -Esperto in calli dei piedi
    -Esperto sul non senso della vita

    Poi per chi vuole cè un master che si svolgerà in casa di Odifreddi facendo il suo lacchè.

    0
    • Nofex ha detto in risposta a Mikhail Tal

      🙂 grande! Immagino che la “i” di conoscenza sia per sottolineare l’ironia del commento. L’ultima conoscenza di pierpippa poi credo non possa essere tale, a meno che sia autobiografica. Mi sembra così ridicolo che un ateo scrivi su un blog chiamato “il non senso della vita”. Può sperare di avere un senso quel che scrive se tutto il resto non lo ha?

      0
    • Franz ha detto in risposta a Mikhail Tal

      Dimentichi “l’autopippologia” e “storia del masochismo ateo”…

      0
    • gabriele ha detto in risposta a Mikhail Tal

      mi iscrivo al corso

      0
  5. Chissenefrega ha detto

    Sarebbe molto interessante anche un bel corso di laurea che spiegasse in che modo una donna vergine prima durante e dopo il parto ha generato un figlio che da grande ha camminato sulle acque.

    0
    • Mikhail Tal ha detto in risposta a Chissenefrega

      C’è si chiama Teologia ed è un corso che esiste da secoli, dovresti informarti;-)

      0
    • Jung ha detto in risposta a Chissenefrega

      Non credo ci sia bisogno di spiegare le cose scientificamente per stabilire ché esse accadano. Nessuno sa spiegare la formazione della Sindone….non esiste l’immagine dunque? Nessuno sa spiegare moltissimi miracoli…dunque non è mai avvenuto nulla? Nessuno mi sa spiegare cosa sia la felicità e perché io lo sia in questo momento. Dunque non sono felice? Nessuno mi sa spiegare perché sono innamorato solo della mia ragazza e nessuno mi dimostra che lei è veramente innamorata di me. Dunque ci stiamo illudendo? Fandonie razionaliste. In realtà poi, il fisico Frank Tipler ha spiegato che un parto da una donna vergine è scientificamente possibile anche se improbabilissimo.

      0
      • stefan@ ha detto in risposta a Jung

        “Non credo ci sia bisogno di spiegare le cose scientificamente per stabilire ché esse accadano. Nessuno sa spiegare la formazione della Sindone….non esiste l’immagine dunque?”

        Infatti la scienza spiega che La Sindone è un falso del XIII secolo.

        0
        • Francesco B. ha detto in risposta a stefan@

          E infatti la Scienza alla quale ti riferisci ha anche scoperto che l’errore di datazione del carbonio 14 è dovuto al fatto che l’incendio a cui è sopravvissuto il reperto ha accelerato il processo di decadimento radioattivo e ha stabilito inoltre che il materiale di cui è fatta la Sindone è di origine palestinese. In più il campione analizzato per la prima volta era un pezzo di cotone aggiunto dalle suore che conservavano il reperto, per coprire i buchi dell’incendio. Quindi la Scienza che stupida non è non ha ancora pronunciato una sentenza definitiva.

          0
          • Piero B. ha detto in risposta a Francesco B.

            Scusa ma, come fa un’incendio a ringiovanire un tessuto? Se l’incedio ha accelerato il decadimento radioattivo allora avremmo dovuto aspettarci una datazione molto più antica. Oltretutto se non ricordo male i campioni non furono presi in prossimità dei rintoppi.

            0
            • Francesco B. ha detto in risposta a Piero B.

              Accelerare il decadimento del carbonio 14 non vuol dire ringiovanire il tessuto. Significa che parte del C14 presente nell’anno tal dei tali è decaduto più velocemente di quello dell’anno precedente, per cui la datazione errata deriverebbe dal fatto che il decadimento non ha seguito il corso naturale.

              0
          • stefan@ ha detto in risposta a Francesco B.

            Guarda, per tutte le discussioni sulla datazione della Sindone conosci come me gli argomenti in campo e dove reperirli, quindi non vedo utilità nell’insistere sull’argomento. Invito piuttosto Jung ad informarsi in tal senso, prima di dichiarare che la scienza non abbia niene da dire sulla sindone.
            In realtà non è nella mia natura lanciare provocazioni, come in questo caso. Ma mi ha infastidito la superficialità dell’articolo che ironizza su una iniziativa del tutto legittima, quale quella di organizzare un corso di studi sul pensiero ateo ed agnostico. Ed in particolare l’avere associato questa iniziativa a corsi bizzarri reperiti in qualche recesso universitario. Quando poi, a volerla dire tutta, l’ironia sui corsi di parapsicologia e di ufologia andrebbe meglio indirizzata a chi organizza corsi che parlano di concezioni immacolatee.

            0
          • Zarathustra ha detto in risposta a Francesco B.

            Francesco, potresti citare o almeno indicarmi la tua fonte? Perchè mi sembra molto improbabile che un processo chimico come la combustione, che per inciso è lo stesso processo con cui noi ricaviamo energia dagli alimenti, possa influire in un processo nucleare come il decadimento radioattivo che richiede energie molto più elevate, e che comunque è governato da una differente forza fondamentale (elettromagnetica vs nucleare debole).

            0
            • Asdrubale ha detto in risposta a Zarathustra

              In realtà l’incendio può aver apportato al tessuto del carbonio nuovo dall’esterno. Il processo nucleare non è alterato dalla combustione ma un esame delicato come quello del C14 funziona bene solo su reperti che sono stati conservati al riparo per diverso tempo (sepolti, sommersi etc.) mentre nel caso della sindone il tessuto è passato di mano in mano, trattato con unguenti, esposto a diversi incendi. Fermo restando che nessuno può stabilire con certezza la quantità iniziale di C14 nella sindone perché un processo straordinario come una resurrezione può averla alterata.

              0
            • Francesco B. ha detto in risposta a Zarathustra

              Non è la combustione ma il CALORE il quale come tutti quelli che hanno fatto fisica sanno porta al movimento delle particelle, ed essendo il decadimento radioattivo la perdita di energia e di massa un’aumento del calore circostante può accelerare il decadimento radioattivo. Ma sono tutti dei può darsi e dei forse, non c’è ancora una risposta definitiva.

              0
        • Joseph ha detto in risposta a stefan@

          Dimentichi i pollini presenti sulla Sindone, presenti al tempo di Cristo ed estinti nel Medioevo. Chi ce li ha messi? E perchè?

          0
    • Aleister Crowley ha detto in risposta a Chissenefrega

      Be’ vai sul sito dell’UAAR e vedrai come e con grande successo hanno copiato il “falso del XII secolo”.

      0
  6. Gabrio ha detto

    Ho deciso di istituire un corso di SCIENZE DELLE MERENDINE nella quale si potranno seguire i seguenti corsii: Istituzioni di Matematica applicata alle confezioni, Teorie e Tecniche del risciacquo nel lavabo, Diritto Comparato del Tegolino, Storia della Merendina Antica, Medievale, Moderna e Contemporanea. Chissà che forse in America mi prendono 😉

    0
    • Francesco B. ha detto in risposta a Gabrio

      Beh le connessioni tra il tempo di preparazione di un Saccottino Mulino Bianco e la teoria della relatività di Einstein sono molteplici, e hanno risvolti applicativi soprattutto per quanto riguarda il confezionamento del Kinder Pinguì 🙂

      0
  7. Edoardo ha detto

    Attenti, che la radiodatazione della Sindone non ha sciolto i dubbi in modo definitivo, caso mai ha complicato le carte in tavola.
    Ci sono argomenti fondati sia pro che contro l’autenticità, e mi pare che la Chiesa stessa non si sia espressa in modo definitivo.

    0
    • Aleister Crowley ha detto in risposta a Edoardo

      Be’ se l’immagine riesci a riprodurla con un laser (come ha fatto il CNR, producendo uno strato di polimerizzazione del lino inferiore a quello della sindone originale), allora vuol dire che l’hanno fatta ai tempi di guerre stellari!!!

      0
  8. Larry SFX ha detto

    ehi! un po’ di rispetto per gli ufologi e gli astrobiologi, che anche loro vengono attaccati da questi bulli “razionalisti” che hanno fatto della scienza un dogma!

    0
  9. Morpheus ha detto

    A quando un merviglioso corso sulla Fantascienza? Ma fatto bene, sul serio!

    0
  10. Lunadicarta ha detto

    Se gli studi universitari fossero solo una fesseria, allora la facoltà di “star trek” potrebbe essere una cosa seria, visto e considerato che il klingoniano e il romulano per i fan sono vere e proprie lingue “parlate”.
    Disapprovo l’unione del corso barese sul benessere e l’igiene di cani e gatti ai corsi fake, perché tutto sommato si tratta dell’equivalente veterinario del corso base per “medici di famiglia”.

    0
  11. Adriana ha detto

    Se è per questo, negli Stati Uniti insegnano pure il creazionismo, con tanto di museo…

    0
  12. m.giovanna massa ha detto

    siamo veramente nel mondo dell’aria fritta,non potendo eliminare Dio dalla vita degli uomini, allora si cerca di riempirla con cose inutili e senza senso. La cosa grave è che la gente a cui sono dirette simili proposte,vive nel regno dell’insulsaggine non si cura più di discernere tra una cosa buona e una cattiva..tutto è ok purchè sia alternativo e io possa riempire il mio tempo. L’intera società sembra lanciata a tutta velocità verso il nulla di un’ignoranza che si fa, ogni giorno, più abissale.

    0
« nascondi i commenti