Gran Bretagna: parlamentari spingono per limitare gli aborti

Membri di diversi partiti del Parlamento inglese stanno unendo le forze per approvare una normativa contro gli alti tassi di aborto nel paese. Sembra quindi che i cambiamenti negli Stati Uniti stiano già cominciando a smuovere la situazione anche in Europa.

Nadine Dorries, deputato conservatore e l’ex ministro laburista Frank Field hanno introdotto alcuni emendamenti per richiedere ai medici di offrire una consulenza alle donne che vogliono abortire. Si punta ad una riduzione di quasi 200.000 aborti. «Non basta più dire “abortire è un diritto della donna”» ha dichiarato la Dorries nel corso di un’audizione 29 marzo. «E’ anche un diritto della donna avere una consulenza».

I parlamentari hanno deciso di agire anche in seguito ai risultati di una ricerca, la quale mostra che le donne che abortiscono hanno il 30 % in più di probabilità di sviluppare problemi di salute rispetto a coloro che non lo fanno. «Le donne non hanno una corretta informazione e conoscenza sulle eventuali conseguenze per la salute fisica o mentale», ha continuato Nadine Dorries.

Se l’emendamento venisse approvato, si legge su EwtnNews– potrebbe essere considerato il primo avanzamento pro-life in Gran Bretagna dal 1990, quando i membri del parlamento votarono per abbassando il limite dell’aborto di 28-24 settimane.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

27 commenti a Gran Bretagna: parlamentari spingono per limitare gli aborti