Dante Svarca, il vigile urbano dell’UAAR, denunciato per vilipendio alla religione

E’ da qualche giorno che ci occupiamo dell’ultima goliardata dei membri dell’UAAR, l’associazione convinta di rappresentare in grande ammucchiata atei, agnostici e razionalisti italiani. Un ex vigile urbano di Ancona, Dante Svarca, leader dell’UAAR marchigiana, ha recentemente presentato un esposto a carico del vescovo, mons. Edoardo Menichelli, accusandolo di “plateale abuso della credulità popolare”, per aver presentato ai fedeli l’eucaristia come il miracolo della transustanziazione, affermando la presenza effettiva nell’ostia consacrata della vera e viva carne di Gesù. Come riportato in precedenti articoli la faccenda ha però preso una piega alquanto ridicola ed imbarazzante per i protagonisti della vicenda, in particolare per il promotore dell’iniziativa, Dante Svarca. Il quale però -occorre dirlo- qualche successo l’ha ottenuto: l’associazione religiosa Legio Mariaecome riporta l’ANSA– lo ha difatti omaggiato di una bella denuncia per “offesa ad una confessione religiosa mediante vilipendio”. In una nota riportata da La Stampa, l’associazione religiosa spiega: «Le affermazioni di Svarca sono assolutamente inesatte, dal punto di vista storico culturale, circa i fondamenti della religione cristiana cattolica: infatti, la consacrazione del pane e del vino, in corpo e sangue di Cristo, non vuole rappresentare per i sacerdoti e per i fedeli un atto di scienza umana bensì un atto di fede. In altri termini, il reato di abuso della credulità popolare non risulta in alcun modo configurabile per il semplice fatto che nessun sacerdote afferma che l’ostia ed il vino sono, rispettivamente, il corpo ed il sangue “biologico” di Cristo ma sono il corpo ed il sangue “spirituale”, che nessuno strumento tecnico-scientifico (nella fattispecie l’accertamento del Dna) può rilevare». Al contrario, «le gravi affermazioni, pubblicamente rese dallo Svarca, oltre a poter perpetrare il reato di calunnia e di diffamazione, sicuramente configurano il reato, tuttora vigente, di offesa ad una confessione religiosa mediante vilipendio». Sarebbe comunque bastato informarsi presso il Catechismo della Chiesa Cattolica, al punto 283, per trovarvi scritto: «Transustanziazione significa la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo di Cristo, e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue. Questa conversione si attua nella preghiera eucaristica, mediante l’efficacia della parola di Cristo e dell’azione dello Spirito Santo. Tuttavia, le caratteristiche sensibili del pane e del vino, cioè le «specie eucaristiche», rimangono inalterate». Inalterate rimangono quindi le specie eucaristiche, meno -probabilmente- la fedina penale del nostro vigile urbano anticlericale.

Anche da Il Giornale piovono battute sull’iniziativa. «L’ultima crociata degli atei: far l’esame del Dna alle ostie». Così inizia il divertente articolo firmato da Luciano Gulli, nel quale viene presa di mira la comica parrocchia agnostica. Si definisce l’ex comandante dei Vigili urbani di Ancona un «un signor Nessuno irresistibilmente attratto dalle luci della ribalta mediatica, che ne ha pensata una che un angolino di ribalta, sia pure per cinque minuti, oggi gliel’avrà guadagnata». Così, questo Svarca, è riuscito a «guadagnarsi i suoi tre minuti e mezzo di fugace notorietà». Per amore alla verità bisogna anche dire che il nostro amico non è solo un pensionato ed ex-vigile urbano ma è anche un celebre scrittore teologo, autore di un famosissimo (!) studio di evangelizzazione atea, “Jahvè, Dio e Allah: false divinità” (data la rima dev’essere anche poeta…), che -per fortuna- nessuna testata giornalistica ha citato, facendo così sfumare l’intento pubblicitario del vigile urbano.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

6 commenti a Dante Svarca, il vigile urbano dell’UAAR, denunciato per vilipendio alla religione

« nascondi i commenti

  1. LucaPavani ha detto

    Come si suol dire…oltre il danno, la beffa.

    0
  2. fabrizio privato ha detto

    Ma modestamente parlando come può un Vigile Urbano fare un’esegesi biblica? Maah.

    0
    • Riccardo_UK ha detto in risposta a fabrizio privato

      E questo che c’entra? Lei ha dei problemi con i vigili urbani? Pregiudizi? Non accetterebbe l’idea che un vigile urbano (non questo Svarca ovviamente) possa produrre un’esegesi biblica accettabile?

      0
      • Enrico ha detto in risposta a Riccardo_UK

        Riccardo ha ragione, i vigili urbani come categoria non c’entrano nulla. Potrebbero essere dei nobel della chimica senza alcun problema.

        0
  3. fabrizio privato ha detto

    Chiedo scusa se ho discriminato i Vigili Urbani che fanno ottimo lavoro per la nostra sicurezza.

    0
  4. Giovanni ha detto

    Transustanziazione significa la conversione di tutta la sostanza del pane nella sostanza del Corpo di Cristo, e di tutta la sostanza del vino nella sostanza del suo Sangue. […] Tuttavia, le caratteristiche sensibili del pane e del vino, cioè le «specie eucaristiche», rimangono inalterate.

    Quindi il catechismo dice che l’ostia è diventata corpo, ma contemporaneamente è rimasta pane. Che il vino è sangue e contemporanemente è rimasto vino.

    D’altro canto da gente che dice che 1=3 che ci vogliamo aspettare.

    Per fortuna che siete “razionalisti”

    0
« nascondi i commenti