The Economic Times vs. Dawkins: «l’ateismo è un atto di fede»

Il noto quotidiano indio-britannico The Economic Times , il più importante newspaper finanziario indiano, con una tiratura giornaliera di oltre 620.000 copie (il Corriere della Sera ne ha 519mila), ha affidato ad un suo opinionista una forte critica verso l’ateismo (o anti-teismo) moderno. Nell’articolo si legge: «Il Dio che Richard Dawkins [l’ateo più famoso del mondo] respinge è un Dio amorevole, compassionevole e misericordioso. E’ molto più facile accettare questo che rifiutarsi consapevolmente e ostinatamente come fa lui».

Verso la fine dell’articolo, l’editorialista mette in evidenza alcune contraddizioni che chi si professa ateo/anti-teista non può non incontrare: «Dire che l’ateismo rifiuta l’esistenza di qualsiasi divinità non ha senso. Come può qualcosa che non esiste essere respinta? I credenti evocano Dio e lo accettano come reale. Gli atei fanno la stessa cosa ma poi respingono l’idea definendola irreale. Sono atti di fede entrambi. Dico questo circa la forza della fede: non riusciamo infatti a vivere senza di essa».

Non riusciamo a vivere senza la fede perché la maggior parte dei nostri gesti quotidiani sono in realtà atti di fiducia verso altri, visbili o invisibile (e senza dover aspettare alcuna dimostrazione “scientifica”), poiché la fede è il metodo di conoscenza della realtà più utilizzato dall’uomo.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________