L’ateismo si basa completamente su un atto di fede

Riceviamo e pubblichiamo volentieri. L’articolo pubblicato oggi sul blog Ragione e Fede, intitolato: l’ateismo si basa completamente su un atto di fede.

Il post descrive molto bene come si muove l’ateismo moderno, strumentalizzando la scienza per fini anti-teistici. Ma la stessa scienza si basa su atti di fede e lo stesso ateismo è un atto di fede, dato che è impossibile dimostrare l’inesistenza di Dio. «L’ateismo è un puro postulato irrazionale, cioè “un’affermazione non dimostrata e non evidente che viene comunque presa per vera in modo da fondare una dimostrazione o un procedimento che altrimenti risulterebbe incongruente.” Evidentemente vale la stessa cosa per gli uomini di fede. Credenti e atei “credono”, i primi che Dio esista, i secondi che non esista. Non vedo quindi il motivo di sbeffeggiare i credenti pavoneggiando una superiore razionalità…

Forse è per questo che gli atei dell’UAAR si ritengono una confessione religiosa (o forse lo fanno per poter acciuffare le agevolazioni economiche previste dall’articolo 8 della costituzione?), vedi in fondo a questa lettera scritta dall’UAAR al capo dello Stato».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

4 commenti a L’ateismo si basa completamente su un atto di fede

« nascondi i commenti

  1. IlCensore ha detto

    “Credenti e atei “credono”, i primi che Dio esista, i secondi che non esista. Non vedo quindi il motivo di sbeffeggiare i credenti pavoneggiando una superiore razionalità…”

    Perché l’onere della prova è a carico di chi afferma l’esistenza di qualcosa, non di chi la nega. E di prove, i credenti ne hanno portate ben poche.

  2. Ateofago ha detto

    Un cattolico che esprime la sua opinione ed il suo credo NON È UN PROCESSO quindi niente onere di prova. Al contrario, un ateo che non ha altro da fare che visitare i blog degli altri solo per lasciare commenti laconici ed insignificanti è solo UN INTOLLERANTE.

    Sarebbe forse troppo utopico e democratico pretendere che sia l’ateo che il credente scrivano ciascuno in pace sul proprio blog e permettere così alla gente di farsi un’idea dopo aver letto entrambi?
    Si, forse utopico perché l’intollerante ha il bisogno maniacale di lasciare il suo dissenso nelle case degli altri.

  3. ago86 ha detto

    Censore, io nego che la terra esista. Con il suo ragionamento, non devo portare alcuna prova per la mia affermazione, no?

« nascondi i commenti