Risultati della ricerca



Fondi alle scuole paritarie: sconfitti Rodotà ed Il Fatto Quotidiano

BolognaReferendum a Bologna sul finanziamento alle scuole paritarie: solo il 17% si è detto contrario alla collaborazione tra comune e istituti paritari.

 

Ai cittadini bolognesi è stata offerta la possibilità di lanciare un segnale al governo locale (e a quello nazionale): se non siete d'accordo con il sistema attuale scolastico che prevede il finanziamento statale alle scuole paritarie, recatevi alle urne ed esprimetevi attraverso un referendum.

Ebbene, il 70% dei cittadini è rimasto a casa evidentemente non intenzionato a modificare la collaborazione tra il Comune e gli istituti paritari, mantenendo dunque lo status quo. L'affluenza, come è stato fatto notare, è stata la più bassa nella storia recente delle consultazioni popolari cittadine:

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Battesimi adulti in Nepal, Francia e Spagna

Battesimo LibrescoLa Pasqua di quest’anno ha portato con se molti frutti inaspettati. Oltre 20 catecumeni nepalesi sono stati battezzati nelle varie parrocchie del Paese durante la Veglia della notte di Pasqua e così anche in Francia e in Spagna come in altre parti del mondo. Questo è un fenomeno che colpisce soprattutto se si considera che i neocristiani sono tutti adulti.

Secondo uno dei catechisti in Nepal, ci sono ogni anno circa 30-40 conversioni, che sono aumentate dal 2006 in poi, quando, con la caduta della monarchia induista, si è venuto a creare un

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

La giurista Alvare: «la morale sessuale cattolica difende la donna»

Alvare HeleneRecentemente, il 9 maggio 2013, si è tenuto a Washington DC il nono "National Catholic Prayer of Breakfast", un annuale evento culturale sorto come risposta alla chiamata di Papa Giovanni Paolo II verso un cammino di nuova evangelizzazione. Questo evento, ha come scopo la creazione di un momento di incontro e riflessione sui temi che i cattolici sono chiamati ad affrontare nella quotidianità, in qualità di elementi attivi della società moderna.

All'incontro di quest'anno, è stato particolarmente interessante l'intervento della Prof.ssa Helen Alvare, docente di Diritto presso la George Mason University School of Law, che ha dedicato un discorso alla moderna morale sessuale, ai suoi effetti, e alla "controproposta" cattolica a questo tipo di valori. Secondo la giurista, infatti, "il nuovo 'mercato' del sesso, ha danneggiato terribilmente l'immagine e la dignità della donna, soprattutto "

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Furio Colombo paragona la marcia pro life al terrorismo

Furio ColomboIl 12 maggio scorso si è svolta a Roma una colorata e festosa terza Marcia per la Vita a cui hanno partecipato 30mila persone, tantissime famiglie, giovani, bambini, credenti e non credenti, anziani e adulti, di destra e di sinistra. Tutti sono stati accolti a braccia aperte da papa Francesco che ha invitato tutti a partecipare alla raccolta firme "Uno di noi" per il riconoscimento pubblico dell'embrione.

Pochi giorni fa scrivevamo scandalizzati che a questa manifestazione non è arrivato nessun insulto, nessuna accusa di terrorismo, fondamentalismo, fanatismo ecc. Nessuno ha minacciato di buttare una

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Ancora odio laicista: processioni anticristiane e altro

AteoGrazie al pensionamento di personaggi come Dawkins, Zapatero, Odifreddi, Dennett e altri anziani leader laicisti (ora manca soltanto Hollande), l'ondata anticristiana sembra cominciare a diminuire ma tuttavia le posizioni dei pochi rimasugli, purtroppo, si radicalizzano.

In Florida, nonostante un'infuocata ed inutile battaglia delle congregazioni atee, il monumento con i Dieci comandamenti davanti al Palazzo di Giustizia rimarrà, lo ha deciso l'11th Circuit della Corte d'Appello. «Questa è stata una grande vittoria», ha detto Mat Staver del "Liberty Counsel", che ha rappresentato la contea contro gli scalmanati anticlericali. «Vale il detto che se si resiste al bullismo alla fine si esce vincitori».

Pesante sconfitta a

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Ma la radio della Rai non è la radio di “Repubblica”

Valentini - GrazianiQualche giorno fa su Repubblica è apparso un articolo a firma di Giovanni Valentini (sosia di Ciccio Graziani, foto a sx?) di chiaro stampo laicista (ovvero contro la presenza pubblica di qualsiasi aspetto religioso).

Questa l'accusa di Repubblica: «con l' avvento di Papa Francesco non si può tollerare oltre lo scandalo mediatico e civile di un direttore dei giornali radio - di una radio pubblica di uno Stato laico - che siede in permanenza nel Pontificio Consiglio delle comunicazioni sociali di uno Stato straniero come il Vaticano». Al centro dell'accusa Antonio Preziosi, direttore dei Gr Rai e "consultore" pontificio. La Rai, continua Valentini, «non è un'emittente confessionale che deve "evangelizzare" il pubblico».

Per mettere le mani avanti, Valentini scrive di non avere

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

R. Lewandowski: «sono cattolico, non mi vergogno di Gesù»

Robert LewandowskiFacili le ironie dopo che le due più grandi squadre di calcio spagnole, Barcellona e Real Madrid, hanno preso quattro gol a testa nella partita di andata delle semifinali di Champions League contro, rispettivamente, Bayer Monaco e Borussia Dortmund.

Cristiano Ronaldo e compagni hanno ancora gli incubi di notte a forza di pensare a Robert Lewandowski, attaccante del Borussia Dortmund autore di tutte e quattro le reti segnate al Real Madrid. L'attaccante, scartato in Italia dalla Roma, è uno dei trascinatori anche della sua nazionale, la Polonia. Un campione che non ha timori a parlare pubblicamente della sua fede cattolica, anzi, ha anche aderito alla campagna dei cattolici polacchi chiamata "Non mi vergogno di Gesù", dicendo: «Il

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

L’on. Binetti e l’orgoglio di essere integralmente cristiana

Paola BinettiL'anticattolicesimo è l'ultimo pregiudizio socialmente accettato, ha detto lo studioso lo storico americano (laico) Philip Jenkins e lo si vede nel gioco mediatico: quando bisogna parlare male dei cattolici si passa a definirli "fondamentalisti", "fanatici", "estremisti" e "integralisti" ecc.

Anche i politici cattolici sono quotidianamente presi di mira, ma non tutti, solamente quelli coerenti con la loro coscienza. Nessuno, ad esempio, oserà mai dare del fondamentalista al cattolico Ignazio Marino, perché la sua posizione etica è completamente allineata al pensiero nichilista-relativista che va per la maggiore, e completamente opposta a quella di Papa Francesco. Marino fa parte di quei cattolici che, come ha spiegato il filosofo Giovanni Fornero- fanno finta che «non esista una posizione cattolica ufficiale sui temi bioetici». Invece, essendo il cattolicesimo diverso dal protestantesimo, «ciò che dicono i documenti – a cominciare dalle encicliche papali – non cos

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

La teologia della liberazione e la risposta della Chiesa

Teologia della liberazione 

di Marco Fasol* *saggista e professore di storia e filosofia

 

Negli anni Settanta si affermava in Sudamerica la teologia della liberazione, elaborata soprattutto da alcuni teologi come Gustavo Gutierrez, domenicano e Leonardo Boff, francescano.

Questo movimento di liberazione nasceva nel contesto drammatico della povertà di massa dell’America Latina dove milioni di emarginati conducevano una vita di sofferenze e sfruttamento ad opera di oppressori senza scrupoli. Alcuni teologi prendevano giustamente ispirazione dalla storia biblica che nell’Esodo descriveva l’uscita del popolo ebreo dall’Egitto come un cammino di liberazione dalla schiavitù, guidato da Mosè, al quale era stato rivelato il nome del Dio della misericordia, nel roveto ardente. Questa base biblica v

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

La Chiesa stava con gli Indios in America Latina

Bartolome De Las Casas 

di Paolo Simoncelli* *da Il Tempo, 27/03/13

 

Vaticanisti, opinionisti, aruspici intenti a dedurre dai segni materiali o dai primi gesti di papa Francesco la sua "linea" di pontificato, hanno in buona parte trascurato il portato storico della Chiesa dell'America latina, le sue radici profonde, il suo operante Dna.

Francescani e domenicani operarono subito non a fianco dei "conquistadores", ma a fianco degli "indios" contro i "conquistadores". Mentre le missioni francescane, stanziate nell'attuale Messico, con la cultura della povertà evangelica sviluppavano l'immagine della nuova Chiesa primitiva dove i fedeli del Nuovo Mondo potevano attendere la Parusia (il ritorno del Cristo sulla terra), i domenicani battagliavano dommaticamente in difesa dei diritti degli "indios" ridotti in sc

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace