Risultati della ricerca



WikiLeaks e Vaticano: ecco cosa è emerso

Ciò che emerge nettamente dai documenti sul Vaticano redatti dai diplomatici americani e filtrati da WikiLeaks è l'opera diplomatica, umanitaria e caritativa della Chiesa cattolica. Ne parla a Zenit.it il professore associato di Storia delle Relazioni Internazionali all'Università "G. Marconi" di Roma e delegato internazionale del Pontificio Comitato di Scienze Storiche per i problemi di Storia Contemporanea, Matteo Luigi Napolitano. Egli dice: «I diplomatici americani notano più volte che il Vaticano è per lo sviluppo del Terzo Mondo e che vuole la cancellazione del debito per i Paesi poveri; il Papa, per gli americani, è sicuramente "il leader più ampiamente riconosciuto a livello mondiale, insieme al Presidente degli Stati Uniti". I documenti ci dicono che l’attenzione della Santa Sede per il Medio Oriente è costante: anche se la sua politica non combacia con quella del Presidente Bush. Con l’Amministrazione repub Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

L’Unione Europea: «la difesa dei cristiani diventa da oggi una priorità»

Il filosofo ateo Bernard -Henry Lèvy aveva fatto un appello dalle colonne del Corriere della Sera il 17/11/10: «i cristiani formano oggi, su scala planetaria, la comunità più costantemente, violentemente e impunemente perseguitata [...] Esiste oggi un permesso di uccidere quando si tratta dei fedeli del "papa tedesco"? Un permesso di opprimere, umiliare, martirizzare? Ebbene no. Oggi bisogna difendere i cristiani». Sembra proprio che il Parlamento Europeo si sia deciso di dare ascolto all'ennesima presa di posizione. Così pochi giorni fa l’Europarlamento ha approvato, col voto di tutti i gruppi politici, una risoluzione che, condannando i massacri di cristiani iracheni, impegna i governi dell’Ue a premere sui dirigenti di Baghdad perché vengano intensificati «in modo drastico gli sforzi per proteggere i cristiani e le comunità più vulnerabili». Alla

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Colonialismo e Chiesa cattolica, sfatiamo la leggenda nera

Il ruolo storico della Chiesa cattolica nel periodo del colonialismo, un'analisi oggettiva contrasta la leggenda nera che spesso associa il cristianesimo all'oppressione dei popoli indigeni. Attraverso una revisione critica della storia si evidenzia l'attivismo e l'impegno umanitario della Chiesa a favore della protezione e dei diritti degli indios.

   

La Chiesa cattolica incoraggiò il colonialismo? Si oppose alla riduzione in schiavitù degli indios? I missionari si prodigarono in conversioni forzate? Queste sono alcune delle domande a cui rispondiamo in questo dossier storico, come sempre citando i più accreditati storici e specialisti del tema.

Se infatti, ancora oggi, la Chiesa cattolica riceve accuse e critiche per non essersi opposta energicament

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Nell’atea Cina il record di giustiziati dallo Stato

Il quotidiano La Repubblica rivela che l'associazione "Nessuno tocchi Caino" ha reso pubblico il rapporto annuale sulla pena di morte. Ovviamente nei due Paesi in cui è presente l'ateismo di Stato, Cina e Corea del Nord, la pena di morte è ancora presente e utilizzata in modo massiccio. Non solo, ma in cima alla macabra classifica si posiziona proprio la Cina con oltre 5 mila esecuzioni in un anno, le quali coprono l'88% delle pene di morte del mondo. Ricordiamo che la Repubblica Popolare Cinese è ufficialmente atea e l'ateismo governativo è stato imposto dal terribile dittatore ateo Mao Tse-tung (vedi Wi

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Fidel Castro: dall’ateismo militante all’inaspettata apertura alla Chiesa

Dopo Cina e Corea del Nord, ci occupiamo dell'ateismo di Stato a Cuba. Il leader maximo cubano è riapparso in tv in questi giorni dopo 4 anni. Fidel Castro è stato il dittatore dal 1959 al 1976, e dal 1976 al 2008 ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio di Stato e Presidente del Consiglio dei ministri, affidandola poi al fratello Raul. Castro appena eletto nel 1959 decretò l'ateismo di Stato. Egli infatti è un fervente ateo, come i maggiori dittatori del XX secolo. Ha anche dichiarato: «Non sono mai stato un credente, e ho la convinzione totale che esiste una sola vita» (da Oliver Stone 's documentary, Il Comandante). E ancora: «Quando ero ragazzino mio padre voleva che io fossi un bravo cattolico e che mi confessassi tutte le volte che avevo pensieri impuri sulle ragazze. Così ogni sera io diventavo rosso a confessare i miei pensieri. Dopo una settimana decisi che la religione non era fatt

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Il laico Norberto Bobbio: «la morale laica è irragionevole»

Norberto Bobbio, un vero "papa laico" (come purtroppo non ne esistono più), è considerato unanimamente uno dei maggiori intellettuali ed una delle personalità culturali più influenti dell'Italia del ventesimo secolo. Lui sosteneva che: «La morale razionale che noi laici proponiamo è l’unica che abbiamo, ma in realtà è irragionevole». Infatti, perché si dovrebbe fare il bene piuttosto che il male, se facendo il male mi verrà un vantaggio e nessun svantaggio? Se manca il chiodo a cui appendere l’etica, allora nessuna etica è razionalmente possibile e quel chiodo non può che venire da un Legislatore fuori di noi, da Dio. La “morale laica” si può appoggiare solo sulla coscienza personale e il consenso popolare a una certa norma o comportamento, ma questo non regge. Lo ricorda su Zenit.it padre Gheddo, il più conosciuto tra i

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Attualità (archivio argomenti)

    Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Le Case Magdalene e la falsa storia di cui è accusata la Chiesa

Magdalene SistersCon il film "Magdalene" (2002) di Peter Mullan è esplosa la polemica delle case religiose irlandesi in cui finirono diverse donne orfani, prostitute o meritevoli di "correzione" secondo la mentalità dell'epoca. In questa ricostruzione dello scrittore Francesco Agnoli osserviamo e rispondiamo alle accuse rivolte alla Chiesa cattolica.


Alzi la mano chi non ha letto che violenza e pedofilia erano “endemici” nelle istituzioni religiose d’Irlanda tra gli anni Trenta e Novanta del Novecento. Chi non ha visto il film Magdalene, subito premiato, naturalmente, al festival di Venezia, e non si è sentito civilissimo, bravissimo, illuminatissimo, nello stigmatizzare le malvagità di preti e suore.

Chi non ha sentito spiegare che per forza, quelli là fanno professione di castità, vivono contro natura, e poi fanno sesso coi ragazzini, o li picchiano per sfogare le loro frustrazioni. Santa indignazione, unita alla consapevolezza di una superiorità morale

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

L’aborto non è un diritto, mai è stato definito così dalla legge

L'aborto è un diritto della donna, si sente dire spesso. Ma dove sta scritto? Secondo quale legge? Oltre alla controversia etica del presunto diritto di interrompere una vita umana seppur allo stadio embrionale, nessuna legge lo ha mai dichiarato un "diritto".

«La Corte europea non ha mai affermato che esista un “diritto all’aborto”», ha dichiarato Vladimiro Zagrebelsky, magistrato (comunista) ed ex giudice della Corte europea dei diritti dell’uomo. Anzi, la Corte «ha negato che possa pretendersi una pura e semplice libertà di scelta da parte della donna». Inoltre, ha proseguito, «nemmeno la legge italiana prevede un “diritto all’aborto”, essa regola la difficile, drammatica c

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

«L’universo è senza senso, procreare è una crudeltà»

La visione coerente del filosofo David Benatar: senza un Infinito che la trascende, la vita è una breve processione di frustrazioni e delusioni. E' così che ha abbracciato il denatalismo: perché fare figli in un universo privo di senso, rendendoli infelici?

   

«Se il Cristo non è risorto», scrisse Ludwig Wittgenstein, «noi siamo di nuovo in esilio, soli. Siamo in un inferno dove possiamo soltanto sognare, separati dal cielo come da un soffitto»Ludwig Wittgenstein, Pensieri diversi, Adelphi 1980, p. 68.

E' questo che pensa anche il filosofo vegano David Benatar, direttore del Dipartimento di Filosofia dell'Università di Città del Capo (Sudafrica) ed uno dei principali sostenitori del movimento denatalista (o anti-

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace