Risultati della ricerca



Brava suor Cristina, valorizza il bello ovunque si trovi!

SisterCRISTINANel marzo scorso scrivevamo del nuovo "fenomeno televisivo", suor Cristina Scuccia, appena apparsa al programma "The Voice of Italy". Eravamo rimasti molto colpiti dalla sua povertà di spirito, che aveva sconvolto i partecipanti al programma e milioni di telespettatori.

Una testimonianza inedita da un mondo, quello mediatico, intriso di odio, violenza ed ipocrisia. L'avevamo subito difesa dalle critiche ricevute, non era esibizionismo il suo ma il concretizzarsi dell'invito di Papa Francesco ad una Chiesa che non ha paura di andare ovunque, anche con il rischio di essere incidentata: «Ho un dono e ve lo dono. Francesco ci dice sempre di uscire ad evangelizzare, a dire che Dio non toglie niente anzi ci dona ancora di più, allora sono qui per questo». L'avevamo ringraziata e le avevamo dato un consiglio: di non farsi inebriare del successo, di r

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

L’omofobia non esiste: lo dicono i dati e la ricerca

P.zza Montecitorio, flash mob contro l'omofobiaEsiste davvero l'omofobia? E' davvero in corso un'emergenza omofobia? Cosa dicono gli studi in merito? La verità è che l'omofobia non esiste, è quanto dimostriamo con questo dossier in cui abbiamo elencato tutti gli studi e le testimonianze di omosessuali che smentiscono l'esistenza dell'omofobia.

     

Al di là di spiacevoli episodi di bullismo, che colpiscono tutte le minoranze (in maggior parte le persone obese), non vi è per fortuna alcuna emergenza omofobia in Italia.

Ed è un bene, i cattolici sono i primi ad esserne felici, d'altra parte Catechismo cattolico vieta qualunque offesa o discriminazione verso le persone

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Ambrogino d’Oro a Paola Bonzi: 16mila vite salvate dall’aborto

Paola BonziQualcuno che ti aiuti a riflettere in un momento di grande sfiducia, un luogo dove tu possa sentirti accolto quando la lucidità della tua psiche vacilla, una dimensione calda e umana che ti conforta e ti ricorda la prospettiva della vita quando il tuo unico pensiero protende alla morte. Il Centro aiuto alla Vita della clinica Mangiagalli di Milano tenta, quotidianamente, di essere tutto questo.

Di aiutare giovani donne a superare maternità difficili, orientate a quella che sembra essere l'unica soluzione possibile, l'aborto. In tante, tantissime, coloro che entrate in questo Centro per uno sfogo in cui sembravano pronte a spegnere quel respiro che già pulsava in grembo, oggi benedicono quel figlio, divenuto motivo di una esistenza. E tutte oggi dicono grazie a Paola Bonzi, direttrice del Cav della clinica Mangiagalli. Sono circa 16 mila i bambini nati dalle quasi 18 mila donne conosciute nella piccola sala della clinica.<>

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Emanuela Orlandi: analisi dettagliata di tutte le piste investigative

Emanuela OrlandiQuali sono le ipotesi maggiormente accreditate per spiegare il caso Orlandi, la sparizione della giovane cittadina vaticana, divenuto oggi un “cold case” italiano. Dal ruolo del Vaticano alla Banda della Magliana, da De Pedis ai “supertestimoni”, fino alla controversa rivelazione di Marco Fassoni Accetti. In questo dossier l’analisi delle varie piste d’indagine..


Il caso di Emanuela Orlandi è uno dei più grandi misteri italiani, una cittadina vaticana scomparsa il 22 giugno 1983 di cui non si sa più nulla. Una delle tante sparizioni che purtroppo avvengono ogni anno, ma si tratta dell'unico caso caratterizzato da una fitta rete di rivendicazioni di presunti rapitori attraverso telefonate e comunicazioni anonime, ritrovamenti di oggetti ed effetti personali di Emanuela -ma mai una prova certa e indubitabile della sua detenzione-, contenenti minacce incrociate tra diversi autori delle missive, richieste assurde ma, allo stesso tempo, anche dettagli effettivamente pre Continua a leggere...

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

5×1000: flop dell’UAAR e dell’Arcigay

5X1000In base ai dati pubblicati dall’Agenzia delle Entrate sul 5x1000, con la dichiarazione dei redditi del 2011, l'associazione Emergency di Gino Strada ha ricevuto il maggior numero di firme (363.070), per un importo totale di 10,6 milioni di euro. Seconda e terza classificate sono Medici Senza Frontiere (264 mila firme per 8,7 milioni) e l'Associazione italiana per la Ricerca sul cancro (274 mila firme per 6,5 milioni).

Oltre alle meritorie attività di tante organizzazioni laiche, numerosissime ovviamente le scelte anche verso le associazioni cattoliche: si nota nei primi posti della classifica l'Associazione Worldfamily of Radio Maria (88mila firme per 2 milioni di euro), seguito dal Movimento Cristiano Lavoratori (98mila firme per 1,5 milioni). Nei primi venti anche l'Associazione Opera San Francesco per i poveri (35mila firme per 1,3 milioni), nonché l'Associazione Missioni Don Bosco (30mila firme per 916 mila euro). Più sotto la

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

L’infanticidio torna di moda nelle società secolarizzate

Neonato  di Giulio Meotti da Il Foglio, 25/03/13

 

Nel 1977 l’allora chirurgo generale degli Stati Uniti, C. Everett Koop, scomparso tre settimane fa e salutato dalla stampa liberal come il grande pioniere della sanità americana, tenne un discorso che fece scalpore al parterre dell’American Academy of Pediatrics, intitolato “The slide to Auschwitz”. “L’infanticidio è messo in pratica e sono preoccupato perché non c’è protesta, disse il medico-ministro. “Sono preoccupato perché quando i primi 273 mila tedeschi, anziani, disabili e ritardati furono uccisi nelle camere a gas non ci fu protesta neppure allora da parte della professione medica e non fummo molto lontani da Auschwitz”.

Sono trascorsi trentasei anni da quello storico j’accuse di Koop e l’infant

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Ma una Chiesa povera non aiuta nessuno…

Caritas«Come vorrei una Chiesa povera e per i poveri!». Questa è la bellissima espressione di papa Francesco durante l'incontro con i media il 16 marzo. La frase può essere letta in modo superficiale, come hanno fatto i media e anche alcuni uomini di politica (ad esempio Beppe Grillo), oppure può essere intesa dal punto di vista cristiano, assumendo dunque una validità logica e un senso compiuto.

Se venisse presa letteralmente e in modo superficiale, come dicevamo, la frase non avrebbe senso. Cosa se ne fanno i poveri di una Chiesa povera? Cosa se ne fanno i poveri di una Caritas che non ha i soldi per offrire pasti gratuiti tutti i giorni? Cosa se ne fanno i poveri di un ricovero di religiosi che non hanno i soldi per il riscaldamento? Assolutamente nulla, una Chiesa povera non

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Sondaggi Rasmussen: forte legame tra chiesa e americani

Washington Prepares For Pope Benedict XVI's VisitSecondo un recente Rasmussen Reports la maggior parte degli americani si sente legato alla chiesa locale o ad una organizzazione religiosa. 

Solo il 12% ha detto di sentirsi "molto legato" ad associazioni di beneficenza locali o gruppi locali ricreativi, che sono i secondi classificati. Dopo di essi associazioni sportive, gruppi teatrali e schieramenti politici (7%) in coda alla classifica.

In particolare il 54% degli americani adulti si sente legato alla chiesa locale, di cui il 34% si dice "molto legato", mentre il 25% non si sente legato ad una chiesa

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Nuovo studio: i dollari di Pio XII per sconfiggere Hitler

Pio XII scrive Più passa il tempo e più la leggenda nera contro Papa Pacelli si sgretola perché sempre più nuovi elementi riaffiorano a smentire i suoi accusatori. L'ultimo di questi  riguarda una ricerca effettuata dalla storica Patricia McGoldrick che, studiando sulle carte contenute nei National Archives britannici, ha scoperto come il Vaticano abbia combattuto il nazismo anche attraverso investimenti finanziari.

Infatti, fin dall'inizio della seconda guerra mondiale, la Santa Sede decise di spostare i suoi titoli e le sue riserve auree dalle zone dominate dai nazisti verso le banche degli Stati Uniti e della Gran Bretagna facendo degli USA il centro finanziario nella quale sostenere e amministrare la Chiesa Universale, investendo anche altri 10 milioni di dollari nell'economia americana. Protagonista di questa manovra finanziaria è stato <>

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

La Chiesa, la ricchezza e la fame nel mondo…, ecco un’ottima risposta

Quante volte si legge la frase: "Perché la chiesa ostenta tanta ricchezza e oro quando con quella ricchezza che possiede potrebbe sfamare milioni di persone?". Ecco, per rispondere alle solite banalità anticlericali, di cui sono rimasti vittime anche tanti cattolici, ci serviamo questa volta di un'ottima replica di padre Angelo Bellon apparsa sull'interessante sito web “Amici Domenicani”.  Per chi volesse  approfondire ulteriormente l'argomento, rimandiamo anche a quest'altra risposta.

Ecco la "classica" domanda di una lettrice, Francesca: «Buon giorno padre, di recente sono stata in vacanza e ad una cattedrale famosa dovevi pagare €4,50 pe

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace