Omosessuali si nasce o si diventa? Ne parla Luca di Tolve

La possibile scoperta di una causa biologica e/o genetica che intervenga nel determinare l’orientamento sessuale è considerata da molti l’obiettivo della vita. Attualmente la ricerca scientifica riconosce che in molte persone c’è una predisposizione costituzionale all’omosessualità, ma non una pre-determinazione, o “causa” diretta (in realtà non c’è nemmeno nessuna notizia di alcun pool genetico che determini in modo diretto un qualche tratto psicologico della persona). Questi soggetti possono avviarsi verso la condizione omosessuale solo in presenza di uno specifico ambiente familiare (detta anche “classica relazione triadica”: padre/madre assente, padre/madre iper-coninvolto, ragazzo sensibile). L’argomento è comunque complesso ed esistono numerosi studi con risultati opposti che si contraddicono a vicenda.

Tuttavia gli omosessuali sostengono chiaramente di essere totalmente determinati nella loro scelta dalla genetica, prova schiacciante del fatto che il loro non è un orientamento sessuale patologico. Oltre al fatto che il tentativo lascia il tempo che trova, – dato che anche se si scoprisse il fatidico “gene gay” i sostenitori della “malattia omosessuale” potrebbero sempre affermare che, alla pari delle altre malattie genetiche, anche l’omosessualità è un difetto genetico da prevenire/correggere scientificamente-, l’opinione dell’omosessuale deve soventemente scontrarsi con quella dell‘ex-omosessuale. Quest’ultimo infatti sostiene con la sua stessa vita e il suo cambiamento, che la sua posizione non era affatto determinata da fattori genetici/biologici, tant’è che ha potuto ravvedersi. Solitamente in questi casi gli omosessuali rispondono distribuendo accuse di “omofobia” a caso, negando il fatto che l’ex omosessuale sia stato veramente omosessuale oppure negando che sia realmente diventato eterosessuale. In Italia l’ex omosessuale più conosciuto è senz’altro Luca di Tolve, complice anche la canzone “Luca era gay” cantata da Povia a Sanremo (anche se non si è mai capito se fosse rivolta a lui).

Del suo percorso, della sua infanzia tormentata, del suo successo nel mondo gay, dei suoi rapporti omosessuali, della profonda infelicità di questa cultura, della scoperta dello psicologo Nicolosi, del cambiamento sessuale, dell’innamoramento, del matrimonio con Teresa, del linciaggio mediatico da parte di Arcigay e dell’avvio dell’Associazione Lot (www.gruppolot.it) con altri ex-omosessuali, Luca ne parla in questo video (presente anche sua moglie).

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

32 commenti a Omosessuali si nasce o si diventa? Ne parla Luca di Tolve