Cristianofobia occidentale: maggio-settembre 2014

FemenProsegue il nostro aggiornamento bimestrale (in questo caso trimestrale) dell’intolleranza laicista nei confronti dei cattolici occidentali, ovviamente in nome della proclamata tolleranza laica. Riteniamo che il laicismo sia il terrorismo occidentale (o cristianofobia occidentale) nei confronti dei cristiani, fortunatamente non arriva all’eliminazione fisica ma si mostra spesso come censura, intolleranza, violenza intellettuale e denigrazione. Nonostante la lunga pausa estiva, siamo riusciti comunque a raccogliere qualche notizia abbastanza preoccupante.

Francia. Il tribunale penale di Parigi ha assolto le nove “Femen” che il 12/02/13 avevano fatto irruzione nella cattedrale di Notre Dame (come al solito a seno nudo, al grido ritmato di “mai più Papa!”), scagliandosi con dei bastoni contro un’antica campana coperta di lamina d’oro, esposta in occasione degli ottocentocinquant’anni della cattedrale. Inoltre, i guardiani della cattedrale che avevano tentato di fermarle sono stati condannati a varie ammende, dai trecento ai mille euro, perché avrebbero usato modi troppo spicci. La cosa ancora più paradossale è che invece pochi giorni dopo la sentenza, due donne sono state condannate in Francia a nove mesi di prigione (per incitamento all’odio, alla violenza e alla discriminazione in ragione dell’appartenenza a una religione) per aver profanato una moschea a Mayotte, deponendo davanti all’entrata del luogo di culto la testa di un maiale.

Italia. Andrea Aquilino, attivista del Movimento 5 stelle (ex candidato M5S alla Regione Lazio nel 2013) è stato espulso dal partito perché cattolico. «Espulso a mia insaputa», ha spiegato. «Reato: rifiuto di abiurare la propria fede cattolica ed i principi di democrazia diretta dal basso per abbracciare il “fondamentalismo a 5 stelle”». Aquilino infatti è stato accusato per aver preso le distanze dal ddl Scalfarotto sull’omofobia e dal famigerato bacio omosessuale in aula degli eletti M5S in Parlamento.

Italia. In un condominio di Milano è comparso un nuovo divieto: «Vietato pregare nei cortili». Due mamme, un’imprenditrice e madre di due bambini e un’altra madre di cinque figli, hanno infatti avuto l’idea di rigenerare la tradizione del rosario nei cortili nel mese di maggio, il mese della Madonna dato che il condominio è sorge attorno a un piccolo santuario della Vergine. Alcuni condomini però non l’hanno presa bene: «È un gesto che rischia di offendere gli atei o coloro che appartengono ad altre religioni», hanno detto. Le mamme si dicono dispiaciute: «Il nostro, al contrario, era un gesto di pace e distensione. Chi lo riteneva, tra l’altro, avrebbe potuto tranquillamente ignorarci». Hanno comunque deciso di ritrovarsi nella casa di una delle due con gli altri condomini. «Recitiamo il rosario, i bambini lo sussurrano, e alla fine mangiamo dei biscotti e ci salutiamo».

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

21 commenti a Cristianofobia occidentale: maggio-settembre 2014