Dawkins fa il bulletto con i cristiani, ma non con l’Islam

Richard DawkinsL’ex zoologo Richard Dawkins, assieme ai vari integralisti Daniel Dennett, Christopher Hitchens, Sam Harris e agli italiani Odifreddi, Augias e Flores D’Arcais, ha avuto il merito di rivelare pubblicamente quanto possa essere intollerante e discriminatorio l’ateismo militante.

Le loro posizioni non solo hanno riportato Dio al centro del dibattito in Occidente, ma hanno anche stimolato tantissimi intellettuali non credenti a confrontarsi ed avvicinarsi a quelli cristiani, riconoscendo in essi degli interlocutori seri con i quali allearsi per respingere le aggressive banalità del laicismo antireligioso.

Ormai questi soggetti hanno fatto il loro tempo (non a caso superano tutti i 60 anni di età), tanto che perfino nella secolarizzata Gran Bretagna l’ex arcivescovo di Canterbury, Rowan Williams, ha sconfitto Richard Dawkins in un dibattito presso l’Università di Cambridge sul ruolo della religione nel 21 ° secolo. Gli 800 uditori, gran parte studenti, hanno votato Williams come più convincente di Dawkins. L’ex arcivescovo anglicano ha sostenuto che «la religione è sempre stata una questione di costruzione delle comunità, una questione di costruzione di relazioni di compassione e di inclusione. L’idea che l’impegno religioso debba essere puramente una questione privata va contro il cuore della storia religiosa […] Il concetto stesso di diritti umani ha profonde radici religiose. La convenzione dei diritti umani non sarebbe quello che è se non fosse per la storia del dibattito filosofico-religioso».

Dawkins ha anche mostrato la codardia che caratterizza i fondamentalisti di cui è rappresentante: finché c’è da sbeffeggiare i credenti cristiani ed ebrei non hanno problemi a fare i bulletti, ma si guardano bene dal criticare l’Islam. Lo ha notato una rivista ebraica riportando che durante una intervista ad Al-Jazeera, Richard Dawkins ha sostenuto che il dio dell ‘”Antico Testamento” è “orribile” e “un mostro”, e che il Dio della Torah è il personaggio più sgradevole “nella fiction”. Alla domanda se pensava lo stesso del Dio del Corano, Dawkins ha invece schivato la domanda: «Beh, um, non conosco molto bene il Dio del Corano».

Come viene scritto sulla rivista ebraica: «Come può essere che il più impavido ateo del mondo, celebre per le sue opinioni contro i cristiani ed ebrei, conosce così poco il Dio del Corano? Non ha avuto il tempo di informarsi? Oppure il professor Dawkins semplicemente dimostra che il tratto più cruciale della sua specie è l’istinto di sopravvivenza?» 

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

96 commenti a Dawkins fa il bulletto con i cristiani, ma non con l’Islam

« nascondi i commenti

  1. Numero 34 ha detto

    Bravissimi, complimenti!!
    Non solo continuate con le solite balle, protetti dai fascisti e dalla stampa di regime, ma in questo articolo evitate di far sapere ai vostri accoliti perché Dawkins ha paragonato il Dio del Vecchio Testamento ad un mostro psicopatico.. e vabbeh.

    Ma poi dai, che codardi che siete.
    Dire che Dawkins non ha il coraggio di parlar male di Allah non rivela forse il fatto che se poteste, dico, se poteste, anche voi sareste subito corsi alle armi per aver offeso il vostro ****?

    0
    • lorenzo ha detto in risposta a Numero 34

      L’articolista, affermando che Dawkins è un vigliacco forte con i deboli e debole con i forti, potrebbe farlo per interesse di parte: se però lo affermi anche tu, che sei un suo devoto, vuol dire che la cosa è assolutamente vera.

      0
    • Vincenzo ha detto in risposta a Numero 34

      Lei dice:” ..Protetti dai fascisti e dalla stampa di regime…”, ma dove vive??? I principali giornali (repubblica, La Stampa, Corriere della Sera, il fatto, l’unità Il giornale , Libero …) sono tutto eccetto che filo cattolici, i fascisti poi non sono affatto clericali, anzi, basta vedere le idee di “Casa Pound”. Questo suo breve e banale intervento la caratterizza come un nostalgico vetero marxista, superato dalla storia.

      0
    • edoardo ha detto in risposta a Numero 34

      Primo punto: i fascicomunisti e la stampa di regime è culo e coscia con gli individui come quelli di cui tu sei esempio eclatante con certe scempiaggini.
      Secondo: codardi ed imbelli siete voi, che vi scegliete un uditorio che non è in grado di rispondere ai vostri argomenti preparati a tavolino. Quella volta che vi scontrate con gente preparata, crollate come peri marci.
      Dai, non fare il codardo adesso, diccelo te del perché Dio del vecchio testamento ecc..ecc…
      In questo sito c’è gente che conosce teologia e le sacre scritture molto meglio di me.
      Sicuramente qualcuno ti risponderà, non certo io.
      Non fuggire, intavola qua una bella disquisizione di teologia, scienziato della Bibbia, non scappare, dacci una bella lezioncina di teologia, mostraci la tua conoscenza delle sacre scritture, facci vedere quant’è profondo il tuo pensiero.
      Stupiscici con la tua scienza e la tua conoscenza, illumina la via di noi miseri pellegrini in questa valle di lacrime, mostraci la via che ci possa liberare dalla schiavitù della religione cristiana, dai!
      Chiama pure Scabbellè….quell’altro fregno…come cavolo se chiama?

      0
    • simonetta ha detto in risposta a Numero 34

      Non capisco cosa tu voglia dire; se uno vuole criticare la “violenza” della religione non può trascurare cosa sta avvenendo (purtroppo) nell’Islam: l’ultima è della quindicenne stuprata dal patrigno e costretta a subire 100 frustate!
      Ma dai, come fai a postare simile assurdità?
      Beh, comunque, Ciao!

      0
    • Alèudin ha detto in risposta a Numero 34

      quali sarebbero le balle?

      Il Dio del vecchio Trestamento è un mostro psicopatico (in realtà no) perchè 4000 anni fà credevano Dio che fosse così, quella era la loro capacità di comprensione.

      Si aggiorni e legga anche il Nuovo Testamento, che come dice la parola è diverso e più aggiornato del precedente.

      Come saprà per noi Cristiani è quello il Dio completo e definitivo, l’Amore;
      risulta quindi anacronistico parlare del “vecchio” ma ovviamente a qualcosa dovrà pur attaccarsi per attaccarci.

      0
      • DSaeba ha detto in risposta a Alèudin

        Tra l’altro fare un paragone tra il “Dio del nuovo testamento” e il “Dio del primo testamento” vuol dire non aver letto nemmeno un pizzico, nemmeno il minimo sindacale di metafisica, perchè si ammette un divenire in Dio che è assolutamente improprio.

        0
    • Penultimo ha detto in risposta a Numero 34

      No dire che dawkins non parla di alha significa non voler generare tensioni con l’occidente,visto che comunque reagirebbero male,logicamente quegli islamici a estrazione fanatica,non tutti,visto che da cattolico ho parlato anche con un ragazzo di fede islamica con il quale dialogo tranquillamente e che è mio amico e che anzi qualche volta è venuto in chiesa con me solo per sapere come preghiamo.Mentre lei non tutti gli atei, oggettiva su internet tutte le sue imbecillità proprio perchè è un vile che non dirà mai per strada il suo vero pensiero,dunque è un perenne ipocrita,oltre che un’ignorante che non sà che Benito mussolini era ateo.D’altro canto è inutile che poi qualcuno si ogettivizzi nelle ignoranza delle ideologie marxiste,che di certo hanno regalato un’umanità migliore.

      Dunque con gli imbecilli ideologizzati si deve lascir perdere,non perchè sono atei o cristiani,ma perchè imbecilli e basta.

      0
      • Mariasole ha detto in risposta a Penultimo

        Il dogma massone che impone: “Le religioni confessionali vanno eliminate perché l’uomo è Dio” usa il fondamentalismo per dimostrare che appunto TUTTE le religioni sono fonte di violenza. Allo stesso modo l’ateismo viene diffuso in occidente per sollevare contro di esso il mondo musulmano sobillato dalla neorivoluzione, che ha ereditato la lotta di classe trasformandola in lotta di popoli del sud del mondo contro il nord del mondo. In qst ottica si può leggere la vicenda siriana.. L’integralismo è funzionale all’occidente ateo e viceversa in vista di un dominio mondiale in cui non ci saranno più religioni.. vincerà la visione integralista o atea? Forse entrambe.. ma sono solo supposizioni..

        http://www.youtube.com/watch?v=IHRkMcVrt2w

        0
    • Lugh ha detto in risposta a Numero 34

      Fazzisdi!!! Fazzisdi!!! Aaaaargh!!! Fazzisdi di qua, fazzisdi di là, fazzisdi di sù, fazzisdi di giù!!! Guarda nell’armadio, c’è un fazzisda!!!

      Ma quanto cacchio continuerete a scassare con ‘sto spauracchio? Te e i tuoi kompagni riuscite solo a parlare per slogan? Siamo nel 2013 ciccio, la guerra e finita e la vostra rivoluzione da borghesucci annoiati fallita.

      0
      • Daphnos ha detto in risposta a Lugh

        Ti faccio notare che per queste persone sono i credenti a vivere in un mondo di fantasia.

        0
    • manuzzo ha detto in risposta a Numero 34

      Vedi numero 34, anche se sei un gran bugiardo, non ti voglio far morire per nessuna ragione: chi ne guadagnerebbe dalla morte di un ateo (bugiardo tra l’altro: confronta la tua frase “difesi dai fascisti” col programma di casapound, non penso sia ignoranza la tua: è semplice menzogna) se non il padrone che servite? piuttosto, mi racconti chi ha aggredito chi alla giornata mondiale della gioventù di Madrid? se vi incazzate come iene quando vedete un gruppo che risponde ai vostri assalti semplicemente pregando, o vi manca qualche rotella, o è tutto in completa coerenza col padrone che servite, il Principe di questo mondo.

      0
      • Alberto ha detto in risposta a manuzzo

        Non diamo troppa importanza a questo scemo, ha sparato la sua cavolata ed è scappato, amen. D’altra parte quelli come lui la vigliaccheria c’è l’hanno scritta nel dna.

        0
    • FM ha detto in risposta a Numero 34

      ” in questo articolo evitate di far sapere ai vostri accoliti perché Dawkins ha paragonato il Dio del Vecchio Testamento ad un mostro psicopatico.. e vabbeh”

      Veramente nemmeno Dawkins stesso spiega il motivo… nei suoi libri e dibattiti va raramente oltre fallacie logiche come l’ad hominem (attacco offensivo al posto di argomenti), uomini di paglia (attaccare una distorsione di qualcosa e non la cosa stessa), etc…

      Dawkins commenta la bibbia in maniera assurda… o meglio non la commenta affatto, fa una stringa di offese basate su passaggi selenzionati e completamente strappati dal loro contesto.

      NON A CASO Dawkins solitamente PERDE i suoi dibattiti e ha un TERRORE ASSOLUTO a tenere un dibattito con WL Craig (un evangelico che spesso dibatte con atei) e che più volte ha richiesto un dibattito e che Dawkins ha schivato con blande scuse.
      È risaputo anzi che Dawkins rifiuta di dibattere chiunque sia preparato minimamente, cercando bersagli facili (peccato per lui che Williams non sia così impreparato come lui credeva haha)

      Sinceramente MOLTI ATEI NEGANO DAWKINS, notando la sua pochezza intellettuale (al di fuori della biologia) e il suo comportamento irrazionale.

      È l’Oddifreddi inglese, insomma.

      Gli atei più istruiti ed intelligenti, spesso si distanziano con forza dal ‘Nuovo Ateismo’ di Dawkins e Oddifreddi.

      I sostenitori del nuovo ateismo sono infatti una marmaglia di gente poco istruita nella filosofia, nella teologia e anche nella scienza (Dawkins è competente solo nel suo piccolo ramo e come Oddifreddi spesso le spara anche in contesto scientifico).

      Ci sono sicuramente atei intellettuali degni di tale appellativo (come Tallis o Mackie)… Dawkins non è uno di essi.

      0
    • minstrel ha detto in risposta a Numero 34

      Si legga la demolizione completa e logica che fa Alvin Plantiga delle sparate di Dawkins e Dennett nel libro “Where the conflict really lies”
      Basta essere Numeri, diventi un “uomo vivo”!

      0
  2. soren liston ha detto

    dawkins può dire quello che vuole!! Dio c è e noi lo sentiamo

    0
  3. Luca ha detto

    Dice l’articolo che Dawkins e compagnia hanno riportato Dio al centro del dibattito. Non so se sia così, ma di certo hanno contribuito ad inbarbarirlo, a creare un ambiente cristiano più rinchiuso in sé stesso, più ideologizzato, meno pronto a cercare e testimoniare Dio nell’uomo, prontissimo a ghettizzarlo nell’astrazione delle idee. Sono attenzioni di cui non si sentiva il bisogno.

    0
    • Paolo Viti ha detto in risposta a Luca

      Beh, certamente hanno provocato dubbi in molti cristiani spingendoli a condannare e ghettizzare ideologicamente ogni giorno i loro fratelli nella fede invece di guardare umilmente al proprio cuore e cominciare a dire: “ma cosa devo imparare io dal cristianesimo?”, piuttosto che ripetere presuntuosamente “il cristianesimo ha bisogno di…, i cristiani devono fare..” Sono consigli di cui non si sente il bisogno, credimi. Tu ne sai qualcosa, caro Luca?

      0
      • Luca ha detto in risposta a Paolo Viti

        Non capisco bene cosa tu voglia dire, non pensavo proprio a cristiani che ghettizzano altri cristiani (?) quanto diciamo ad un’auto-ghettizzazione di riflesso. Nella mia ipotesi non per paura dell’avversario, ma per una scomparsa, nelle contrapposizioni violente, della domanda che giustamente ricordi: cosa posso imparare IO …

        0
        • Paolo Viti ha detto in risposta a Luca

          Ecco, se tu caro amico Luca cominciassi a porti questa domanda ogni tanto, forse interromperesti questo tuo quotidiano rosario di consigli e suggerimenti, a volte provocatori, ai cristiani per cominciare a pensare a cosa puoi imparare tu dal cristianesimo. In ogni caso questo non è l’argomento dell’articolo che, come spesso fai, hai sfruttato per sottolineare gli errori dei cristiani e compiacerti del tuo altare superiore da Gran Consigliere.

          0
          • Luca ha detto in risposta a Paolo Viti

            Grazie Paolo. Anche se non ci conosciamo e possono sembrare parole vuote, ti assicuro che quella domanda me la faccio ogni giorno. Ogni bene

            0
  4. Andrea ha detto

    I soliti fondamentalisti atei “coraggiosi” e “rispettosi”. Non so quale delle due doti prevalga.

    Ma forse prevale il mio ribrezzo per simili prolusioni…

    0
  5. luca ha detto

    certo il “global christian post” è un giornale di fondamentalisti cristiani è ovvio che per esso Dawkins perde sempre. A prescindere.

    0
  6. unafides ha detto

    Vigliacco! Evidentemente i suoi ideali non sono così forti da fargli rischiare la vita, l’ipotesi concreta di passare una vita sotto scorta l’ha spaventato come un coniglio bagnato, molti intellettuali prima di lui hanno passato una vita d’inferno per aver attaccato l’islam senza per questo spaventarsi, ma è evidente che uno il coraggio non se lo può dare ed un conto è attaccare i cristiani sapendo di farla franca e altra responsabilità è attaccare l’islam mettendo a repentaglio la sua pavida vita. Comunque non cambia di una virgola il mio pensiero su di lui, ma senz’altro, la prossima volta che mi capiterà di sentirla non potrà non sfuggire un ghigno.

    0
  7. Numero 34 ha detto

    Allora, visto che il commento non è stato ancora censurato, mi permetto di dire la mia, SENZA PROVOCAZIONI.
    Sperando che passi.

    Per quanto riguarda la frase di Dawkins su YHWH come personaggio più sgradevole di tutta la letteratura, mi riferisco a questo:

    Il Dio dell’Antico Testamento è forse il personaggio più sgradevole di tutta la letteratura: geloso e fiero di esserlo, è un castigamatti, meschino, iniquo e spietato; sanguinario istigatore della pulizia etnica; un bullo misogino, omofobo, razzista, infanticida, genocida, figlicida, pestilenziale, megalomane, sadomasochista e maligno secondo il suo capriccio.

    Ora, Bibbia alla mano, posso dimostrare che ogni aggettivo di questi è ben meritato e supportato dalla Bibbia stessa.

    Per quanto riguarda la seconda parte, il ragionamento è questo: che senso ha dire che Dawkins è un codardo, quando rischia la pelle a dire qualcosa contro Allah?
    Persino io, in Italia, devo intervenire in questo blog anonimamente per non avere ritorsioni sociali!
    Il mio ragionamento è: non è che volete sottintendere che se poteste, anche voi manganellereste chi “bestemmia” il vostro dioccolo?
    Perché questo è ciò che presume l’autore.

    0
    • Fabio Moraldi ha detto in risposta a Numero 34

      Caro amico, le tue obiezioni forse ti sembreranno nuove e vincenti, in realtà sono riciclate e ammuffite. Da secoli queste cretinate vengono rinfacciate ai cristiani, come se facessero breccia. Le tue promesse di dimostrazione mi fanno ridere 😀

      In realtà il discorso è molto semplice: l’Antico Testamento non è un resoconto storico dei fatti (anche se molte cose sono accadute realmente), i Profeti hanno spiegato attraverso di esso come Dio ha scelto ed educato un popolo per guidarlo alla venuta di Cristo. Lo ha fatto come fa un padre severo, attraverso promesse, sfide e punizioni dato che il popolo era di “dura cervice”. Ha chiesto in modo autoritario di abbandonare il politeismo e di non farsi idoli, è un Dio geloso certamente, ma lo è per il bene dell’uomo. Occorre poi leggere l’A.T. contestualizzando i fatti al periodo storico in cui sono avvenuti o raccontati. Guerre e conquiste erano all’ordine del giorno, ci ha pensato poi Gesù e il Nuovo Testamento a dare un giudizio a tutto questo, gli uomini erano pronti ma perché sono stati preparati ad esserlo.

      Rispetto alla seconda parte del tuo delirio, non capisco cosa ci possa trattenere dal manganellare i bestemmiatori. Non sono forse alla nostra portata di mano? Se contatto la redazione del sito e ottengo il tuo indirizzo IP in due giorni potrei essere sotto casa tua con una schiera di cattolici armati fino ai denti. Chi me lo impedisce? Nessuno. Eppure tutto questo non avviene. La violenza è di casa soltanto nei regimi islamici e atei, questi ultimi i peggiori, come esempio basta citare la Cina e la Corea del Nord, due Nazioni ancora ufficialmente atee.

      0
    • edoardo ha detto in risposta a Numero 34

      Te sei tutto matto, caro mio.
      Suonato come una campana a morto.
      Tu, persino tu, in Italia devi scrivere qui con un nome che non è quello tuo vero….da quando in qua la gente scrive sui forum e sui blog col suo nome e cognome? E mettici pure il codice fiscale, allora!
      Tu avresti ritorsioni sociali perché scriveresti su questo blog e noi dal tuo nome “vero” ti rintracceremmo e ti verremmo a cercare a casa per “pituffarti”?
      Sai come dicono in Veneto? Tu sei matto patocco !
      Ti do un consiglio: non farti le canne. Vedrai che le paranoie e i fantasmi della mente si dissolveranno nel nulla.

      0
    • Sophie ha detto in risposta a Numero 34

      “Persino io, in Italia, devo intervenire in questo blog anonimamente per non avere ritorsioni sociali! Il mio ragionamento è: non è che volete sottintendere che se poteste, anche voi manganellereste chi “bestemmia” il vostro dioccolo?”

      Ahahahahah guarda che qui non siamo nell’ateismo di Stato di Mao Tse Tung. Tu stai male. 😀

      0
    • EquesFidus ha detto in risposta a Numero 34

      Il tuo ragionamento è erroneo, e nasce sia da una lettura fondamentalista della Bibbia (paradossalmente, di pari livello ma di segno opposto rispetto a quella effettuata dai fondamentalisti protestanti americani) sia dal desiderio di annientare l’odiato nemico, ovverosia il cristianesimo, usando il suo stesso libro sacro o almeno parte di esso. Se partiamo da questi presupposti, è chiaro che qualsiasi religione, filosofia o ideologia non è esente da critiche pesanti.
      Il discorso è in effetti ben complicato, e per discuterlo doverosamente bisognerebbe discettare su una enciclica (“Dei Verbum”), sulla cosiddetta “economia della Salvezza” (che non c’entra nulla col pecuniato, a titolo informativo) e sulla critica testuale veterotestamentaria, ovverosia bisognerebbe anche discutere i contesti storico-culturali e le diversità stilistiche dei vari libri dell’Antico Testamento, cosa non certo affrontabile in poche righe su un blog. Un buon punto di partenza ad ogni modo rimane la Costituzione Dogmatica “Dei Verbum”, che puoi trovare a questo link: http://www.vatican.va/archive/hist_councils/ii_vatican_council/documents/vat-ii_const_19651118_dei-verbum_it.html . Esiste comunque anche una svariata ed approfondita letteratura sull’argomento, su cui è possibile approfondire.
      Comunque sia, ovviamente, le conclusioni non sono quelle dei fautori dello zoologo anglosassone: il Dio Padre non è un mostro, anzi, tanto è vero che già nell’Antiuco Testamento si può ritrovare il concetto dell’amore per il prossimo come sé stessi, concetto che verrà ripreso da Gesù il Cristo.

      0
    • unafides ha detto in risposta a Numero 34

      Fai ridere più di dawkins, prima di tutto pensi di essere fortunato perchè il tuo commento non è stato rimosso, mentre qui nessuno si sta sognando di censurarti, bastano le tue assurdità da sole a squalificare te e il tuo pensiero. Poi parli di presunte ritorsioni sociali, che immagino siano supportate da prove, altrimenti rischieresti di passare seriamente per un ossessivo paranoico. Ad ogni modo ti lascio avere i punti di riferimento che credi, per te può essere un fallito che si nasconde per pavidità, per me sono migliaia di uomini, donne e bambini che si recano a Messa ogni Domenica senza sapere se riusciranno ad uscire vivi da quella Chiesa e nonostante questo continuano ad affollare le funzioni religiose.

      0
    • Penultimo ha detto in risposta a Numero 34

      “Persino io, in Italia, devo intervenire in questo blog anonimamente per non avere ritorsioni sociali!”

      delirio di persecuzione: il paziente ritiene di essere oggetto di una persecuzione (situazione spesso identificata anche col termine paranoia).
      Per paranoia si intende una psicosi caratterizzata da un delirio cronico, basato su un sistema di convinzioni, principalmente a tema persecutorio, non corrispondenti alla realtà.

      0
      • Penultimo ha detto in risposta a Penultimo

        I cristiani con la spada in giro a minacciarti di morte vivono nelle tue fantasie ideologiche!

        0
    • anna ha detto in risposta a Numero 34

      Poniti anche questa domanda: come mai non si trova in Italia una satira che sia una sulla barbarie islamista (non islamica,religione degna del massimo rispetto)?
      Troppi apallici (chiedo scusa), tutto qui.

      0
    • FM ha detto in risposta a Numero 34

      “Ora, Bibbia alla mano, posso dimostrare che ogni aggettivo di questi è ben meritato e supportato dalla Bibbia stessa.”

      Peccato che estrarre frasi fuori dal contesto come faresti tu (e come fa Dawkins) non sia una cosa che è razionale e logica, ma è irrazionale e scorretta.

      Da notare che questo tipo di critica è vecchio, trito e largamente sorpassato.


      “Persino io, in Italia, devo intervenire in questo blog anonimamente per non avere ritorsioni sociali!”

      Ma fammi il piacere. Questo è ‘the atheist delusion’ direi, completa di manie di persecuzione.

      “Allora, visto che il commento non è stato ancora censurato, mi permetto di dire la mia, SENZA PROVOCAZIONI.”

      E poi provoca… sei come Dawkins, prima affermi di essere razionale e aperto e poi cadi nel ‘trolling’.

      Quindi i casi sono 2:

      O non riesci a pensare con la tua testa e Dawkins pensa per te.

      Oppure sei così insicuro del tuo ateismo che devi difendere anche tipi come Dawkins per convincerti che le tue credenze sono vere.

      0
  8. luca ha detto

    è una mia impressione o nel definirlo “ex zoologo” usate del sarcasmo?
    Vi informo che la biologia e la zoologia sono delle scienze e Dawkins è uno scienziato.
    Io da grande ammiratore di Dawkins riconosco che anche lui a volte può sbagliare. E’ umano (anche se voi lo attaccate brutalmente a prescindere con una intolleranza che fa paura).
    Critichereste Ratzinger con un briciolo della foga che usate contro Dawkins?

    0
    • Vincenzo ha detto in risposta a luca

      Dawkins viene ripagato giustamente con la stessa moneta. Ad un intellettuale che molto spesso offende apertamente i credenti in modo banale e volgare (cosa che non fa onore alla sua intelligenza) non rimane che controbattere con una dura dialettica di segno opposto. L’ “intolleranza che fa paura” è propria di Dawkins.

      0
    • manuzzo ha detto in risposta a luca

      Penso di parlare a nome di tutti nel dire che se uno è ateo convinto, qui non li frega una mazza a nessuno. Al limite ci dispiace per lui….

      RIFLESSIONE MIA:
      Il disprezzo per quelli come lui è normale: è uno grazie al quale si diffonde la mentalità che insultare gratuitamente i cristiani accusandoli di ogni porcheria è giusto. Se un individuo ha il colore della pelle diverso dal tuo non lo offendi, perché altrimenti è razzismo, se però è cattolico, va umiliato, insultato, sbeffeggiato ecc… perché “è laicità di stato”. A me voi atei (vedesi il commento di numero 34) sembrate solo dei fanatici, e la storia insegna bene che avete ucciso molto di più voi in un secolo e mezzo che tutte le altre religioni messe insieme. Non mi fate paura attenzione: potete uccidermi una sola volta; è il condizionamento psicologico che fate sui più deboli a preoccuparmi (per questi ultimi). Io dei vostri insulti me ne sbatto vigorosamente, come quasi tutti qui, ma quelli deboli che vengono sottoposti al vostro bullismo beh… in seguito gli fate così il lavaggio del cervello (vedi catechismo UAAR e baggianate varie) che li spingete a credere che dal Nulla con un PUFF bestiale è uscito fuori un universo e che per caso dalle pietre è uscita un’accozzaglia di molecole che replicava se stessa mediante meccanismi ad RNA. Ovviamente tenete nascosti bene le ossa di gigante (poiché ne parla la Bibbia, scientificamente NON DEVONO essere rivelati!) e andate convincendo la gente che siamo solo scimmie è che siamo noi, dentro al non senso, a dare un senso alla vita. Assurdo, da un punto di vista critico, ma uno dei metodi migliori per reclutare anime per l’inferno. Io preferisco il paradiso (cit.), e mi impegnerò sempre nel mio piccolo per evitare che trasciniate con voi degli innocenti. Ed ora mi dedico a qualcosa di più concreto, visto quanto ho scritto…. 🙂

      0
    • Fabio Moraldi ha detto in risposta a luca

      Dawkins è un banale divulgatore scientifico, che ha tradito la scienza per sfogare il suo odio contro chi crede in Dio.

      Come scienziato non ha mai scoperto nulla. E’ famoso solo per la sciocchezza del gene egoista, confutato ormai dalla maggioranza della comunità scientifica.

      0
      • Brain ha detto in risposta a Fabio Moraldi

        A proposito di seria divulgazion scientifica, vogliamo provare ad approfondire le “ossa di gigante” che sarebbero teneute nascoste? ne parla Manuzio sopra, questa si che e’ roba seria, degna di questo sito…

        0
        • simone ha detto in risposta a Brain

          Ma che caspita stai dicendo??

          Toccare Dawkins significa sorbirsi poi le reazioni dei suoi sconclusionati devoti…è da mettere in previsione.

          0
          • Brain ha detto in risposta a simone

            Il “che caspita stai dicendo?” mi auguro sia rivolto a Manuzzo che nel suo precedente intervento (dopo aver doverosamente tuonato contro il fanatismo e la pericolosità degli atei, intenti secondo lui ad operare “condizionamento psicologico” sui più deboli, ah, l’ironia) scrive qualcuno (presumibilmente un subdolo ateista) tiene ben “nascosti bene le ossa di gigante (poiché ne parla la Bibbia, scientificamente NON DEVONO essere rivelati!)”. No, vi prego, approfondiamo… questa è roba seria e razionale, altro che le riflessioni di Dawkins. Attendo fiducioso.

            0
        • EquesFidus ha detto in risposta a Brain

          Ciò che ha detto manuzzo è erroneo; tuttavia, il tentativo di usare il caso e la casualità per tentare di spiegare l’esistenza del mondo sensibile non solo è irrazionale ma è anche anti-scientifico, dal momento che anche le tesi che cercano di aumentare le probabilità (infinitesimali e tendenti a 0 nel periodo di storia dell’Universo sino ad oggi), come la teoria del multiverso, presentano ancora più falle e sono paradossalmente meno provate dell’esistenza dell’ Ente creatore ed increato di cui cercano (oserei dire disperatamente) di negare l’esistenza.

          0
        • manuzzo ha detto in risposta a Brain

          google ti aiuterà

          0
      • Simone ha detto in risposta a Fabio Moraldi

        Tanto per mettere un po’ di cose in chiaro…
        Come ha detto E.O. Wilson (il più grande biologo evoluzionista vivente), che tra l’altro ebbe un feroce dibattito con Gould e più recentemente con Dawkins stesso, “l’ex zoologo” non fa più scienza da un pezzo, visto che è troppo occupato a scrivere e dire baggianate contro la religione.
        Questo però non significa affatto che anche in tutto il resto sia una mezza cartuccia. Provate a leggervi un libro come “il racconto dell’antenato” o “il più grande spettacolo della terra” che espongono in maniera molto chiara l’evoluzione e altri argomenti correlati.
        Al contrario degli atei nostrani, poi, Dawkins ha fatto effettivamente anche un po’di ricerca scientifica (tanto per dire, è citato varie volte nel libro tecnico “Ecologia e comportamento animale”). Nè è vero che la sua teoria del “gene egoista” sia stata smentita (fonti?), semmai è discussa, che è un’altra cosa.

        0
        • Max ha detto in risposta a Simone

          Sono d’accordo con te. Tanto e’ vero che non comprendo (e non sono certo l’unico…) come una persona che ha fatto ricerca e soprattutto divulgazione scientifica di livello per una vita, poi si fa prendere dal suo astio contro la religione per scrivere qualunque argomento, anche il piu’ “thin”, contro di essa.

          H. Allen Orr, biologo evoluzionista di grande fama (scrive articoli su Nature, Science, ecc.) ed ateo anch’egli, scrive davvero bene dei lavori scientifici e divulgazione di Dawkins ma fa a pezzi quelli in cui l’inglese parla della religione come un male intrinseco. Per esempio in queste recensioni per “The New Yorker Review of Books”:

          http://www.nybooks.com/articles/archives/2007/jan/11/a-mission-to-convert/
          http://www.nybooks.com/articles/archives/2004/feb/26/a-passion-for-evolution/

          Un estratto:

          “Except for a mention of Hitler, he sidesteps what is arguably the key lesson of the twentieth century—that secular ideologies, including atheist ones, can inspire atrocity and genocide as readily as any religious creed. And Dawkins’s treatment of Hitler is remarkable: arguing “please don’t trot out Hitler as a counter-example,” he notes that Hitler never renounced his Roman Catholicism and quotes from an obscure speech in which the future Führer emphasized that he was a good Christian boy. Dawkins’s normally robust skepticism seems to fail him here and he’s silent on the obvious interpretation—that Hitler knew how to manipulate a Catholic crowd.” – H. Allen Orr, A Passion for Evolution, The New Yorker Review of Books, 2004

          0
      • Alberto ha detto in risposta a Fabio Moraldi

        Ormai Dawkins non è più nemmeno un divulgatore scientifico, visto che si occupa a tempo pieno di dimostrare l’inconsistenza del cristianesimo o se vogliamo della religione in generale. Direi che è piu un filosofo della scienza, senza avere però alcun titolo accademico in questo campo.

        0
      • anna ha detto in risposta a Fabio Moraldi

        Proprio così, Fabio Moraldi; trattasi di sfogo nevrotico, dunque di competenza psichiatrica.

        0
    • unafides ha detto in risposta a luca

      …e tu faresti il contrario?

      0
    • anna ha detto in risposta a luca

      Senti, Dawkins ha come visione assolutistica che la religione sia il male (o uno dei mali) del mondo.
      Però non cita mai l’islamismo del terrorismo suicida, misogino, sostanzialmente folle.
      E tu non commenti minimamente questo incredibile contraddizione: metterebbe forse in crisi il tuo (pre)giudizio sulla ‘grandezza’ di Dawkins e sulla ‘cattiveria’ del Cattolicesimo?
      Rispondi, ne hai facoltà.

      0
    • FM ha detto in risposta a luca

      Non so se hai mai letto quello che dice o scrive Dawkins.

      Biologia a parte, il suo contributo è stata una sfilza di ad hominem.

      Dawkins ha fatto offese pesantissime, accuse e diffamazioni. Anche contro Ratzinger stesso. Queste vengono perdonate perchè insulta i Cristiani.

      Tale comportamento non sarebbe MAI TOLLERATO se attaccasse un altro gruppo etnico o religioso. Per questo non osa attaccare i mussulmani.

      Sa che ‘offendere i Cristiani’ è come ‘sparare sulla croce rossa.’

      Mi pare che il comportamento di Dawkins non sia affatto dei migliori. Ci si deve sorprendere perchè poi, anche molti atei, lo tengono in tanta bassa stima? Direi di no.

      0
  9. DSaeba ha detto

    Ma Dawkins dopo la brutta figura con Lane Craig è riuscito ad uscire dalla tana? Perchè non torna a fare biologia e basta? Non è abbastanza remunerativo?

    0
  10. Daphnos ha detto

    “Protetti dai fascisti e dalla stampa di regime”, “persino io, in Italia, devo intervenire in questo blog anonimamente per non avere ritorsioni sociali!”

    AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH

    e chi si rialza da terra?!? Dio Santo gente, questo ora ci denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo come potenziali manganellatori… siamo messi male 🙂 🙂 🙂

    0
  11. Chris ha detto

    Io non sono un teologo ma sto leggendo la Bibbia da diversi mesi eppure tutta la misoginia,egoismo,odio,razzismo e tutte le porcate varie frutto dell’ignoranza io fino ad’ora non ho visto nulla di questo,anzi sono tanti i punti in comune al nuovo testamento,come l’attenzione ai poveri,il rispetto dello straniero in terra d’Israele e misericordia (ad’esempio verso Davide,o verso Re d’Israele pervertiti e poi penitenti) e poi dove la vedete la misoginia? Quando viene divisa l’eredità tra i discendenti di Giacobbe una delle tribù non aveva un’erede maschio ma tre figlie femmine che chiedono a Mosè il permesso di riceverne l’eredità e consultando Dio,il padre eterno gli dà ragione!Quando parlate vi prego,che sia Religione,politica o altro INFORMATEVI!!!!

    0
    • Daphnos ha detto in risposta a Chris

      L’Antico Testamento è evidentemente MISOGGGGGINO… leggeti Samuele 2 e scopri con orrore che il Re Davide era poligamo!! Che cosa inaudita!!! Un sovrano mediorientale dell’antichità che sposa più donne! Vergognatevi!

      0
  12. alessandro pendesini ha detto

    ….«Come può essere che il più impavido ateo del mondo, celebre per le sue opinioni contro i cristiani ed ebrei, conosce così poco il Dio del Corano? Non ha avuto il tempo di informarsi? Oppure il professor Dawkins semplicemente dimostra che il tratto più cruciale della sua specie è l’istinto di sopravvivenza?»…..

    Modestamente : Dawkins è una persona colta e intelligente, e, anche se da ateo, sembra apprezzare e godersi la vita ! Per cui ritengo sia l’istinto di sopravvivenza che lo abbia fatto desistere nel pronunciarsi su l’ipotetico e tanto osannato Dio del Corano.
    P.S. Dawkins NON sembra essere candidato al suicidio. Punto

    0
    • enrico ha detto in risposta a alessandro pendesini

      @ alessandro pendesini

      Suvvia, sia coerente con se stesso…Dawkins potrebbe scegliere se suicidarsi o meno???

      0
    • enrico ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Rispetto alcune considerazioni lette.
      Per operare un giudizio etico su Dio, considerando i passi dell’antico testamento, bisogna almeno ipotizzarne l’esistenza.
      Il fatto di interpretare alcuni fatti descritti come malvagi, deriva dall’interpretarne le conseguenze come fatto irreparabile, ovvero che la morte sia un evento definitivo e la fine dell’uomo.
      Questo perchè chi dà tali giudizi non crede nè all’anima, nè alla sua immortalità.
      Ma è evidente che si tratta di una posizione illogica. Non ha senso limitarsi a giudicare l’agire di Dio tralasciando che in tale sistema la morte non è affatto la fine.

      0
      • alessandro pendesini ha detto in risposta a enrico

        @enrico
        Ce io sappia nessuna persona ha potuto dimostrare -con argomenti o dimostrazioni razionali filtrati dalla severa metodologia scientifica- che esiste una qualsiasi forma di vita cosciente dopo la morte !

        0
        • Fabio Moraldi ha detto in risposta a alessandro pendesini

          Nessuna persona ha mai nemmeno dimostrato che Alessandro Pendesini sta vivendo davvero una vita da tot anni e non sia invece un cervello in una vasca da bagno attaccato a delle macchine da qualche minuto che lo fanno illudere di vivere una vita e di avere un passato da ricordare.

          Finché nessuno dimostrerà che Pendesini non si sta illudendo di vivere e non è attaccato ad una macchina, Pendesini è irrazionale a continuare a vivere.

          Ecco come i razionalisti per esistere non possono che essere contraddittori.

          0
          • alessandro pendesini ha detto in risposta a Fabio Moraldi

            @Fabio Moraldi
            Considero il suo commento NON come una risposta ma un modo particolarmente subdolo per evitare di rispondere, comunque indegno di una persona colta. La mia domanda era e rimane : quale sarebbero le prove che confermano razionalmente l’esistenza di una vita dopo la morte ? Avrebbe la cortesia di rispondere a questa precisa domanda in modo intelligibile ? Grazie

            0
            • Fabio Moraldi ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Facciamo così, dato che sono un po’ timido faccio fatica ad iniziare per primo. Quando lei mi dimostra attraverso prove razionali che non è un cervello in una vasca da bagno attaccato ad una macchina che la fa illudere di vivere, allora io troverò il coraggio per le mie “prove”.

              Incredibile come nel 2013 si debba ancora dare retta ai razionalisti che chiedono prove scientifiche per tutti, poi però mangiano il risotto al ristorante senza nemmeno aver fatto un’analisi per provare scientificamente l’assenza di veleno, mettendo scioccamente a rischio la loro vita.

              0
        • enrico ha detto in risposta a alessandro pendesini

          @ alessandro pendesini

          la resurrezione di Gesù Cristo.
          E’ un fatto storico, in quanto testimoniato da persone che lo hanno conosciuto prima della morte in croce, che l’hanno visto morire in croce, e successivamente lo hanno visto risorto.
          Non credo che lei quando incontra “tizio”, che lei conosce, applichi una qualche metodologia scientifica “severa” per acertarsi che sia effettivamente “tizio”.

          0
          • alessandro pendesini ha detto in risposta a enrico

            @enrico
            Non mi risulta aver negato l’esistenza di Gesu !!
            Lei è libero di credere nel libero arbitrio o qualsiasi altra cosa, leggende e miti compresi. Sarebbe pero’ molto più interessante da parte sua giustificare con esempi intelligibili e pertinenti il suo “credo” incominciando dall’ipotetica vita dopo la morte !!! Aspetto….

            0
            • Fabio Moraldi ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Lei è libero di credere alla leggenda di essere una persona vivente invece di un cervello attaccato ad una macchina che le sta dando l’illusione di vivere una vita relazionale. Sarebbe però molto più interessante da parte sua giustificare con esempi intelligibili e pertinenti il suo “credo” cominciando dal dimostrare di non essere un cervello attaccato ad una macchina.

              0
        • enrico ha detto in risposta a alessandro pendesini

          @ alessandro pendesini

          Comunque il suo commento mi sorprende, poichè lei non ha capito il senso della mia affermazione.
          Posto si voglia dare un giudizio sull’agire di una persona, in questo caso Dio come fa Dawkins, è evidente che bisogna muoversi all’interno del sistema di riferimento in cui tale ente viene, le vengo incontro, ipotizzato.
          Ora non ha senso affermare che l’agire di Dio sia immorale per gli atti che si leggono nell’AT, poichè la stessa morte, in tale sistema di riferimento, non è affatto la fine.
          Semmai sarebbe stato comprensibile, ma non corretto, se avesse sollevato questioni su concetti come la dannazione eterna.
          Il senso del mio intervento lo può comprendere, ma deve almeno provare a lasciare da parte i suoi pregiudizi, nell’episodio evangelico della torre di Siloe.
          Non è la morte il vero dramma per l’uomo.

          0
    • unafides ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Quindi ritieni giusto diffondere le tue idee in base al pericolo che ti deriverebbe da esse? Mi spiego meglio, ritieni giusto diffondere critiche al cattolicesimo perché non rischi niente e giusto nascondere i tuoi pensieri sull’islam perché avresti paura delle reazioni? E che razza di ideale è mai questo? Milioni di cattolici in molte parti del mondo rischiano la vita ogni giorno per difendere il proprio diritto a nutrirsi di Cristo e dubito che siano votati al suicidio, più semplicemente mettono Dio al primo posto e non si spaventano delle conseguenze.

      0
      • alessandro pendesini ha detto in risposta a unafides

        @Unafides
        Come lei sa, un ateo non crede in una vita dopo la morte. Questo puo’ giustificare il fatto che se un ateo rischia la vita nel diffondere le sue legittime convinzioni, ha tutto da perdere. Quando invece un credente cristiano potrebbe -diciamo- “sacrificarsi” per accedere in paradiso. Nota la differenza ?

        0
        • Penultimo ha detto in risposta a alessandro pendesini

          Tipo?

          Dunque poichè l’ateo non crede nella vita dopo la morte allora scappa anche dalle sue convinzioni non apena è necessario salvarsi la vita.Un “ptriota della laicità delle peoperie convinzioni”.

          Sulla seconda parla per ideologia,i cristiani amano la vita e non la danno al paradiso per il paradiso,ma per quelli che li stanno intorno.Raramente vanno sulla croce,molto più spesso sono messi sulla croce.Riesci a cogliere la differenza?

          0
        • unafides ha detto in risposta a alessandro pendesini

          Sì, ma puoi capire che se chi diffonde un ideale non è disposto a rischiare, automaticamente perde di significato l’ideale stesso. Non che nel caso di dawkins ci fosse bisogno di impegnarsi per smontare le sue affermazioni…

          0
        • enrico ha detto in risposta a alessandro pendesini

          @ alessandro pendesini

          Le ricordo che per lei nè un ateo nè un credente può decidere alcunchè.
          Per lei non esiste il libero arbitrio.
          La sua affermazione è priva di significato, nel suo sistema di riferimento.
          Detto questo, per noi che crediamo al libero arbitrio, cercare volontariamente il martirio non è cosa buona.
          Si studi la setta dei parabolani.

          0
    • Penultimo ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Ma non sono per la libertà di pensiero?

      Non martirizza le scatole per la libertà di pensiero e dunque perchè quelli che lo lasciano esprimere li contesta e quelli con cui invece non può esprimersi (anche qui, il suo terrore dell’islam è stupido e irrazionale) non li contesta?

      Perchè non è un suicida.

      Dunque (consequenzialità di cui sopra) è terrorizzato dall’islam e fa il baldanzoso con gli atri che reputa non fanatici,ovvero predica “fanatico” ai non fanatici e davanti ai veri fanatici tace.In che senso sarebbe un paladino della libertà di pensiero?

      0
    • Daphnos ha detto in risposta a alessandro pendesini

      Secondo me, Pendesini non ha detto una sciocchezza. E’ vero che Dawkins, come quasi tutti gli altri atei, sembri apprezzare e godersi la vita, ma poiché questo lo facciamo anche noi, potremmo, se davvero vogliamo cercare il dialogo e non avanzare per preconcetti, evitare attacchi relativi alle questioni utilitaristiche connesse alle proprie opinioni.

      Mi spiego meglio: a volte si instaura un battibecco tra credenti e non sul fatto che gli uni o gli altri sembrino infelici. Secondo me è un discorso fine a se stesso, anche perché non è necessariamente collegato al campo metafisico della questione; oltre ad essere spesso condito di pregiudizi. Gli atei sono tristi perché non amano, i credenti sono tristi perché non sono liberi, ecc… come se la fede di ciascuno dipendesse solo dalla convenienza del momento.

      Ecco, in questo (come in tutto ciò che riguarda anche solo marginalmente l’argomento) Dawkins fa propria questa miserrima opinione sui credenti, e l’ateobus di Londra, da lui sostenuto, lo dimostra. Se magari poteva avere un significato (non intrinseco, penso io, ma soggettivo) la frase “probabilmente Dio non esiste”, la successiva “ora smettila di preoccuparti e goditi la vita” è semplicemente frutto di ignoranza e, direi, anche un po’ offensiva. Ritenere i credenti degli psicolabili terrorizzati da ciò che non conoscono, ma al contempo morbosamente attaccati alle proprie superstizioni è, oggettivamente, una puttanata. E sarebbe bene che la cosa sia chiara. Questo è uno dei motivi per cui mi permetto di considerare Dawkins a un livello infimo della comprensione della questione.

      Tutto questo, sorvolando sul fatto che anche la scelta di non credere in Dio può essere, in alcuni casi, motivata da ragioni inconsciamente utilitaristiche. Come sembra promettere l’ateobus di Londra!

      0
      • alessandro pendesini ha detto in risposta a Daphnos

        @Daphnos
        Concordo ! Esistono credenti di “buona fede” questi non devono assolutamente essere biasimati, derisi o criticati ! Ho personalmente un amico inglese che insegna teologia e filosofia, ed un prete cattolico belga che insegna filosofia, greco, latino..e ben altri credenti di diversi orizzonti con i quali non ho problemi, anzi……..Bien à vous

        0
  13. nicola ha detto

    Le ingiurie e gli sberleffi sono rivolti sopratutto ai cattolici.
    I musulmani non ne sono oggetto per timore delle fatue. Ebrei (e protestanti) per legge o per political correct.Sono i cattolici ad essere ingiuriati e, in altre parti del mondo,perseguitati come, falsamente, espressione del colonialismo occidentale. E l’attacco ingiurioso è sistematico e pervasivo. Domenica sera scorsa è stato trasmesso da un canale nazionale il film I Borgia,un vero attacco alla cattolicesimo. Altro che le sparate di Odifreddi o le considerazioni di Mancuso!

    0
  14. Penultimo ha detto

    @numero 34

    Lo capisco che leggi alla lettera non c’era da dubitarne.

    “La lettera uccide lo spirito da la vita”
    http://www.sant-agostino.it/italiano/spirito_lettera/spirito_lettera.htm

    “Non tutto quello che e’ possibile e’ anche reale”
    Si dunque i falsi scribi mi dicono cio’ che gia so se queste erano le conclusioni.Poi nemmeno credo al Dio malvagio delli gnosticismo,se fosse cosi malvagio e despota,perche’ ti lascia parlare?Eppure non lo disprezzi liberamente?

    E possibili che il numero 31 rimandi all’esistenza reale di essenza diversa dal concetto di numero oppure cio che vedi 31 e’ un simbolo di un concetto che in se’ stesso non esiste,ma esiste come concetto rapresentante altro rispetto a se medesimo?Es organismi,pietre.

    Cosi spesso i concetti biblici rappresentano altro rispetto alle forme simboliche in cui si presentano.Lascia perdere la Bibbia uccide i moralisti ma non la Morale,speciechi presume di fare tutto da solo,senza chiedere,non dico a me, ma a gente che sul serio ha passato la vita,a meditare,a pregare e fare esegesi.Ma certamente a te non serve sai gia,dunque sai leggere,per fortuna so che la natura umana,non sa solo leggere,ma anche comprendere.

    0
  15. Xadren ha detto

    Ah, la libertà di insulta-…. di parola si esaurisce alla vista di un turbante. “Non conosco il Dio del Corano”, ma nemmeno quello della Bibbia, mio caro.

    0
    • domenico ha detto in risposta a Xadren

      mi risulterebbe che il Dio del Corano sia per i Musulmani lo stesso dell’Antico Testamento. Dawkins ed in questo caso i suoi intervistatori dovrebbero essere meglio informati…

      0
      • Xadren ha detto in risposta a domenico

        Non sono completamente d’accordo; il dio in cui credono i musulmani ha certamente alcuni (o parecchi) tratti in comune col Dio conosciuto dai Giudei prima della rivelazione di Cristo, ma non bisogna dimenticare che i musulmani considerano in buona parte validi solo gli episodi biblici che noi sappiamo essere apocrifi e credono che la nostra Bibbia sia tutto un inganno dei cristiani. In un certo senso, rovesciando le posizioni, è vero ciò che dici: dovrebbero essere meglio informati.

        0
  16. domenico ha detto

    Non so se è stato già fatto notare ma la rivista citata è sì ebraica ma l’articolista Douglas Murray è un ateo. La cosa rende il discorso più significativo ed incisivo.

    0
  17. Aphex ha detto

    Beh, che Dawkins sia un codardo lo si sapeva già, è da un po’ che gli si rinfaccia il suo star lontano dalla critica all’Islam. Che ormai la gente apra gli occhi sul fatto che ciò che sostiene (lui come qualsiasi invasateo) valga come il due di picche mi riempie di soddisfazione. Le argomentazioni di quest’uomo sono il nulla. Leggere i vostri commenti è stato interessante e mi ha anche permesso di rafforzare le mie conoscenze. Grazie.

    0
  18. io ha detto

    E’ solo un buffone!!

    0
  19. stefan@ ha detto

    Questo articolo dice sciocchezze. Ignoranza o malafede?
    http://www.youtube.com/watch?v=DW4Y2fEVFrQ

    0
    • Locca ha detto in risposta a stefan@

      “…Islam as one of the great evil of the world…”
      Bastava fare una breve ricerca (su youtube, per esempio) per rendersi conto che ci sono molti video di Dawkins che critica l’Islam e che dibatte con islamisti.
      Di più, se qualcuno volesse vedere il video in questione, dell’intervista con Al-Jazeera, si può fare un’idea più oggettiva di quella che suggerisce una frase estrapolata dal contesto. Parla dell’Islam e non ne parla bene.
      Quest’articolo è la solita spazzatura, dovreste un attimo riprendervi, perché siete a corto di critiche serie.

      0
    • Locca ha detto in risposta a stefan@

      Intorno al minuto 18, per esempio, si prende gioco dell’intervistatore, quando questi dice di credere che Maometto sia volato in paradiso in groppa ad un cavallo alato.

      0
    • Carmine ha detto in risposta a stefan@

      Bau bau…i cagnolini da guardia di Dawkins ci hanno messo un po’ ad arrivare 🙂

      0
      • Daphnos ha detto in risposta a Carmine

        Però secondo me hanno ragione, anche nel God Delusion Dawkins critica l’islam. Con la solita supponenza, i soliti luoghi comuni (assai diffusi purtroppo), anche se con meno virulenza e meno riferimenti, specchio della mancanza delle fonti prime e di conoscenza per sentito dire, al massimo ottenuta da altri polemisti del suo livello. Eppoi, perbacco, Dawkins prende in giro un’altra persona per le sue convinzioni, insomma è un vero eroe!

        Chiaramente UCCR non l’ha impostata troppo bene, in modo sensazionalistico, perché l’intervista rilasciata a quella rivista sembra rientrare nel campo dell’opportunismo, più che della codardia… meglio fare il finto tonto e non dare agli ebrei un motivo in più per perpetrare i loro crimini nei confronti dei musulmani spacciandoli tutti per potenziali terroristi.

        Comunque sono contento che, anche se imprecise, queste pubblicazioni chiamino all’intervento personaggi come quel “numero 34”, la cui presenza ci ha rinfrancato la giornata di ieri.

        0
  20. Bichara ha detto

    MI FA PIACERE CHE QUALCUNO LO HA NOTATO…oramai con i loro luridi petroldolari hanno comprato anime e coscienze e si sono infiltrati dappertutto , vertice compreso.Seminato moschee e centri di diffusione del hanatismo macomettano e del fascismo islamico.Comprano esami universitari e lauree per i loro “fratelli” e dall’altra parte gli atti di terrorismo e di violenza e le innumerevoli manifestazione di intolleranza hanno avuto l’effetto sull’occidentale medio
    Poco fa guardando una manifestazione a Nazareth(perchè durante una operazione militare a Gerusalemme , un soldato israeliano ha calciato una copia del corano.Tra i tanti scritti minacciosi e provocatori che alzavano nella manifestazione una mi ha colpito “l’islam sta arivando ,sta arrivando , sta arrivando” alludendo al successo dei movimenti islamici saliti al potere dopo la primavera islamica; il che è un enorme passo verso il califfato e il dominio del mondo (con l’aiuto dell’occidente!!!)…sentono che hanno gia in mano l’occidente , per calcoli demografici e come dicono spesso “apriremo Roma” roma come simbolo duplice per loro sia della cristianità che l’impero occidentale
    Nei paesi loro oramai noi cristiani d’oriente non abbiamo piu posto…una settimana fa in un villaggio in alt’Egitto una donna musulmana sparisce e subito vengono attaccati e uccisi i cristiani e bruciati le loro case e saccheggiat i i loro negozi…l’altro ieri hanno trovato questa donna a sharm el sheiq e si ècapito che i cristiani non c’entravano niente..intanto come nelle frequenti passate esperienze del genere nessun cristano ha avuto il benchè minimo risarcimento dei danni e gli agressori come al solito (visto che sono musulmani) rimangono liberi, in modo che si sappia che aggredire i cristiani non comporta nessun rischio..e continua l’incitamento alla violenza e l’odio secondo la sharia della criminalità ,giorno e notte , via satellite , tv , radi ,giornali ,moschee.

    0
  21. Eli Vance ha detto

    Nulla di sensazionale, ci sono fedi talmente sentite che sono testimoniate con le opere fino al martirio, e altre fedi, come il “nullismo” che invece non lo sono benchè i motivi per uno che ci credesse fino in fondo non mancherebbero: pensiamo ai miliardi di vite umane perse a causa dei credenti, o alle sudditanze psicologiche operati dalla chiesa su miliardi di persone, sempre secondo le credenze di alcuni.
    Osservo anche che mentre, almeno in base a me stesso, stia poco tempo a pensare a ciò che è contrario alla fede, certuni invece parlano sempre di ciò cui dicono di non credere (Dio). In genere quando si rimugina così tanto su una cosa è perchè c’è un qualcosa di fondo, esempio un ragazzo che continua a ripetere all’amico che ha dimenticato la ex ed è acqua passata.
    Insomma ho forti perplessità e a mio avviso fondate che la non-fede parlata di molti non dipenda da un non-credere, quanto piuttosto a un ribellarsi a ciò che uno crede, e il non ammetterlo e il tentativo di auto-convincimento (perchè non trovo altre definizioni nel chi ripete le medesime cose da anni) sono solo alcuni dei meccanismi per cui si realizza questa ribellione.

    0
  22. Bichara ha detto

    è in risposta al primo commento di Anna

    0
« nascondi i commenti