Minnesota: ecco l’intolleranza di alcuni sostenitori del “gay marriage”

Un gruppo di giovani nel Minnesota (USA), appartenenti alla “American Society for the Defense of Tradition, Family, and Property” (TFP) ha organizzato una manifestazione molto patriottica (fin troppo!) contro la ridefinizione del matrimonio, in versione gay, per le strade principali, chiedendo agli automobilisti di suonare il clacson in segno di sostegno.

Come si può osservare nel video qui sotto, moltissimi hanno sostenuto la manifestazione: c’è chi ha suonato, chi è sceso dall’auto per congratularsi, chi ha ripreso con le videocamere e chi si è unito al gruppo.

Coloro che non erano d’accordo potevano semplicemente proseguire a guidare evitando di suonare il clacson, invece molti automobilisti hanno ancora una volta espresso bene una certa intolleranza omosessualista, tirando bottiglie e lattine contro i giovani, urlando minacce, bestemmie, parolacce e insulti vari (“nazisti” si sente urlare). Una manciata di contro-manifestanti – uno dei quali portava una pistola nella fondina laterale – ha fatto segni volgari con le mani.

Più volte abbiamo fatto notare la violenta intolleranza di numerosi sostenitori del “gay marriage”, come se opporsi al riconoscimento del matrimonio omosessuale rendesse lecite reazioni tanto violente. C’è davvero in gioco la libertà d’opinione. Gli ultimi a farne le spese sono stati l’imprenditore Dan Cathy (e i suoi fast-food devastati per essersi schierato contro le nozze gay) e gli abitanti del North Carolina (insultati razzisticamente per aver votato in maggioranza un referendum contro le nozze gay). In questa pagina un piccolo riassunto degli episodi più violenti.

 

Qui sotto il video che raccoglie il sostegno e l’intolleranza osservati durante la manifestazione in Minnesota

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

47 commenti a Minnesota: ecco l’intolleranza di alcuni sostenitori del “gay marriage”