Dall’anticlericalismo femminista alla fede: il percorso dell’attrice Villoresi

In seguito a Divinamente, festival internazionale della spiritualità”, svoltosi a Roma e giunto alla quinta edizione, l’attrice Pamela Villoresi racconta con un’intervista su Acqua&Sapone il suo percorso di fede, dall’anticlericalismo femminista fino al ritorno al Cattolicesimo, tutto attraverso l’arte.

Il festival, di cui la Villoresi cura la direzione artistica, nacque, seppur ancora in forma germinale, 15 anni fa come il risultato dei «percorsi personali» dell’attrice che la influenzarono fino «radicalmente» cambiarne l’esistenza. L’incontro con il Signore, frutto della «meditazione del Vangelo e la figura di Edith Stein (Santa Teresa Benedetta della Croce)» e «dell’arte e la poesia» cristiana ha cambiato profondamente la vita dell’artista ora più «forte ed equilibrata». «Ora – ha dichiarato la Villoresi – vivo meglio e mi sento più libera».

Il viaggio spiriturale dell’attrice inizia da giovanissima. Dopo aver frequentato la scuola dalle suore, «soprattutto in coincidenza con il periodo del femminismo», seguì «un forte rifiuto dell’apparato ecclesiale». Rigetto nato dall’ignoranza e superato «leggendo molto, alla scoperta di testimoni della Chiesa» e che ha portato ad un percorso che «continua sempre, sostenuto dal desiderio del divino e dalla preghiera». Infine, la Villoresi conclude commentando: «Nella nostra società la sacralità è assente. […] Purtroppo, per inganni secolari, spesso si crede che avvicinandosi alla spiritualità si entri in un percorso di costrizione invece che di libertà. Eppure, io ho l’esperienza che intorno a noi ci sono continuamente delle persone che, anche inconsapevolmente, fungono da angeli e messaggeri, strumenti di Dio per la nostra anima».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

20 commenti a Dall’anticlericalismo femminista alla fede: il percorso dell’attrice Villoresi

« nascondi i commenti

  1. Controinformato ha detto

    amen sorella!
    bentornata a casa!

    0
  2. simone ha detto

    Basta mettere da parte le sterpaglie del luogo comune, ed ecco che la strada riappare.

    0
  3. Alèudin ha detto

    la penso esattamente così, Dio, il Vangelo sono la libertà, la vera libertà, mentre mi scontro quotidianamente con persone che credono che la libertà sia “fai cio che vuoi”, quarda caso motto satanista.

    Anche per me la figura di Edith Stein (Santa Teresa Benedetta della Croce) è stata importantissima per riflettere e mettermi in crisi.

    0
  4. Pino ha detto

    ho un ricordo personale della Villoresi. Quando vivevo in Francia, oltre 20 anni fa, andai una volta a visitare il Castello di Châteaudun a poco più di un’ora di macchina da Parigi. Salendo la stradina che porta all’ingresso del castello vidi parcheggiati molti furgoni con targa “Roma”, entrai, andai alla cassa e chiesi se si potesse visitare il castello. La cassiera mi rispose “oui, malgrè le tournage du film”. Una troupe italiana stava infatti girando uno sceneggiato su Benvenuto Cellini poi trasmesso dalla RAI e come attrice principale c’era la Pamela Villoresi che potei incrontrare visto che eravamo in pochissime persone oltre agli addetti ai lavori.

    0
  5. MARCO ha detto

    VENERDI’ ABBIAMO PORTATO A CASA LA MIA CARLOTTA MARIA!
    è BELLISSIMA E ATTIVISSIMA ANCHE SE HA SOLO 2 MESI E HA PASSATO QUELLO CHE HA PASSATO.
    CONTINUATE A PREGARE PER LEI PERCHE’ LA SUA STRADA è MOLTO LUNGA E DIFFICILE (HA SUBITO IL PRIMO INTERVENTO DI NORWOOD PERCHE’ NATA CON IL CUORE SINISTRO IPOPLASICO).MARIA COL VOSTRO AIUTO PUO’ AIUTARLA COME SEMBRA GIA’ FARE.GRAZIE.

    0
  6. Giorgio P. ha detto

    Che bello, il Signore ha voluto rispondere alle nostre preghiere!
    Marco, dai a tua figlia un bacetto da parte mia e di tutti i visitatori di questo sito.

    0
  7. Piero ha detto

    Se non sbaglio anche Laura Antonelli ha intrapreso un percorso simile, dopo aver avuto tanti guai, sia fisici, dovuti a operazioni chirurgiche errate imposte dal produttore per rinverdire i fasti del passato, sia giudiziari, dovuti alla detenzione di cocaina, sia spirituali, quando non appena la sua bellezza e’ sfiorita l’hanno abbandonata tutti.

    0
    • Piero ha detto in risposta a Piero

      E anche se non c’entra molto, era stato PENOSO lo scherzo fatto da quelli di “Scherzi a Parte” ad Agostina Belli, con una voce in una chiesa che sentiva solo lei.

      0
    • Sophie ha detto in risposta a Piero

      Forse è brutto detto così ma a volte ho impressione che in casi come ad esempio quello di Laura Antonelli, Dio permetta che avvengano una serie di eventi sfortunati per costringere quella persona a tornare e ad aggrapparsi solo a lui. Sarei curiosa di sapere se c’è un’intenzione reale di avvicinamento anche da parte di Sara Tommasi…

      0
      • Roberto Dara ha detto in risposta a Sophie

        Mi sembra un po’ azzardato paragonare quello che ha passato Laura Antonelli con le vicende boccaccesce della signorina Tommasi.

        0
        • Sophie ha detto in risposta a Roberto Dara

          Ah certo perchè Laura Antonelli secondo te non s’è data da fare…

          0
          • Roberto Dara ha detto in risposta a Sophie

            Laura Antonelli, che è stata una bravissima attrice, ha avuto gravissimi problemi di salute, personali e familiari, e ha anche rischiato di morire. Sara Tommasi, che non è una bravissima attrice, è solo una ragazza un po’ sciocchina, come tante, con la unica particolarità di essere nota al gossip.

            0
  8. Max ha detto

    Welcome home!

    0
« nascondi i commenti