L’archeologo Dan Bahat: «il Santo Sepolcro è autentico»

Un campo dove la scienza e la fede sono stretti alleati è sicuramente quello dell’archeologia. Negli ultimi cento anni la portata delle scoperte realizzate nei dintorni di Gerusalemme ha permesso di spazzare via secoli di teorie anti-cristiane, le quali identificavano Gesù e i Vangeli come inattendibili frutti di mitologie e invenzioni umane. Oggi non soltanto non è più possibile negare l’esistenza storica di Gesù, ma è possibile sostenere con la maggior parte degli storici che i Vangeli (almeno tre su quattro) sono opere immediatamente successive alla Sua morte, quando ancora erano in vita testimoni oculari (che facilmente avrebbero potuto smentire informazioni false).

Ha provato a fare un rapido punto sulla situazione l’archeologo israeliano Dan Bahat, in Italia in questi giorni per partecipare al Festival biblico di Vicenza. Interrogato da “Avvenire”, ha spiegato che «rispetto all’Antico Testamento la nostra conoscenza di Gerusalemme è cambiata totalmente con gli scavi nella collina della città di Davide, dove abbiamo trovato numerosi reperti sulla distruzione del 586 a.C., quella di Nabucodonosor», inoltre «sta tornando alla luce la città di Erode che è anche quella in cui è vissuto Gesù. La Gerusalemme di oggi è costruita sulla città romana che è tardiva, risale a un secolo dopo. Solo attraverso l’archeologia abbiamo potuto conoscere la città erodiana e così oggi abbiamo ritrovato quella che era la strada principale, la , il quartiere dove vivevano i sacerdoti. E poi il sistema centrale della fognatura, un’altra scoperta molto importante perché durante la rivolta contro i romani gli ebrei avevano nascosto lì dentro molte cose. Reperti che ci hanno aiutato a scoprire dettagli importanti sulla vita nel tempio».

Anche fuori da Gerusalemme gli scavi hanno aggiunto informazioni fondamentali: «Penso agli scavi a Kayafa, che è il luogo della battaglia tra Davide e Golia: si trova a Beit Shemesh, una trentina di chilometri a ovest di Gerusalemme. Abbiamo trovato un’iscrizione che cita le parole dei profeti: non fate del male alla vedova, proteggete gli orfani. Indicazioni morali che sono dei profeti più tardivi, come Isaia e Geremia. Sempre lì, poi, è venuto alla luce un centro di culto dell’epoca di Davide, decimo secolo a.C.: è la conferma che il suo regno era esteso, la dimostrazione che Davide non fu solo una figura mitologica».

Al Festival biblico però, Bahat ha parlato del Santo Sepolcro: «Sono molti gli elementi che mi fanno dire: questo può davvero essere il posto della sepoltura di Gesù. Archeologicamente non ha nessun senso identificare il sepolcro di Gesù con la Tomba del Giardino, come fanno i protestanti. Dobbiamo dire la verità. E secondo me è altrettanto importante distinguere il Santo Sepolcro da altri luoghi della vita di Gesù indicati dai francescani nel XIV secolo. Quelli sì hanno un valore solo spirituale, non storico». Probabilmente l’archeologo si riferisce alla Via Dolorosa, come ha spiegato in una precedente intervista.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

7 commenti a L’archeologo Dan Bahat: «il Santo Sepolcro è autentico»

« nascondi i commenti

  1. Enrico da Bergamo ha detto

    Il centro di tutto il Santo Sepolcro.

    0
  2. Chris ha detto

    Mi piacerebbe molto visitare la terra santa,camminare per le strade di Davide,dei profeti e sopratutto di Gesù,mi piacerebbe respirare l’aria di quei luoghi,secondo me Gerusalemme è un punto fermo nel tempo,aldilà di ciò che l’ha colpita e della sua storia moderna travagliata ma lì per me è forse ancora disponibile un “passaggio” che ti permette di vivere nei tempi antichi,non so…qualcuno ci è stato?

    0
  3. Gab ha detto

    Mentre le scoperte abbondando e confermano (se ancora ce ne fosse stato bisogno) la storicità della Bibbia sia dell’A.T. che del N.T. altre scoperte lasciano molto perplessi di fronte all’esistenza stessa di certi personaggi (come Maometto). E’ davvero la Verità a rendere liberi e la menzogna a rendere ciechi.

    0
  4. maria ha detto

    E’ una testimonianza bellissima. Sono stata in Israele e ci tornerò quanto prima :è un’esperienza unica per chi ha fede. Per chi non l’ha ,è impossibile non farsi domande. Grazie a a Dan Bahat e a tutti gli studiosi che fanno conoscere la Verità.

    0
    • Mattia ha detto in risposta a maria

      Bello che sia ancora possibile oggi trovare o visitare il Santo Sepolcro nonostante tutti i tentativi fatti dai nemici della cristianità per nasconderlo come l’imperatore Adriano che vi fece costruire nei pressi un tempio pagano o l’imperatore arabo Al-Hakim che tentò (riuscendovi parzialmente) di distruggerlo.

      0
« nascondi i commenti