La prof. Mary Poplin e il cambiamento dopo l’incontro con Madre Teresa di Calcutta

«Il cristianesimo offre la migliore espressione di come rendere giustizia ai poveri». Lo ha detto Mary Poplin, docente di pedagogia, storia e filosofia dell’educazione presso la Claremont Graduate University, direttrice del programma di formazione degli insegnanti e preside della Facoltà di Scienze della Formazione. E’ autrice del libro Finding Calcutta” (Books IVP 2008).

Poplin ha avuto la fortuna di lavorare con Madre Teresa di Calcutta, in India e nel suo libro ha proprio parlato del suo coinvolgimento in vari movimenti, dal femminismo al marxismo, fino al lavoro tra i poveri di Calcutta. Recentemente ha tenuto una conferenza, dal titolo: “Radical marxismo, Il femminismo radicale, amore radicale: Ciò che Madre Teresa mi ha insegnato sulla giustizia sociale”, presso il Davidson College in Davidson, NC. Prima di conoscere Madre Teresa, nel 1996, la prof. Poplin sentiva di essere una persona “spirituale”, come va di moda oggi, ma senza aver bisogno di Dio. Durante la conferenza ha spiegato di aver iniziato a studiare il cristianesimo dopo un sogno, in cui aveva dialogato con uno studente cristiano in una delle sue classi. Fu allora che ha iniziato a chiedersi il motivo per cui non si fosse mai soffermata su talune questioni, come docente. Ha quindi voluto interessarsi sull’operato di Madre Teresa in India: «avevo sempre dichiarato di amare queste cose che lei ha fatto: lavorare con le donne povere», ha raccontato. Questo è in definitiva ciò che l’ha portata a visitare Calcutta per alcuni mesi, voleva infatti capire perché la suora chiamava il suo operato «lavoro religioso e non lavoro sociale», e in cosa realmente consistesse.

Attraverso questa esperienza e le sue interazioni con Madre Teresa e con le suore, la docente si è subito resa conto che tutto quello che facevano era frutto della loro appartenenza cristiana e non di una vaga dedizione sociale agli ultimi: «Il loro primo lavoro è stato quello di appartenere a Gesù e di pregare incessantemente. Esse non parlavano [solo se necessario], ma pregavano per tutto il tempo», ha spiegato Popline. Il loro impegno tra i poveri era la loro preghiera. Madre Teresa mostrava un’«inspiegabile connessione tra la giustizia e rettitudine», insieme ad «una non-visione utilitaristica degli esseri umani, ma esseri fatti a immagine di Dio e quindi sacri. Il debole era importante quanto il più forte». Poco prima di tornare negli Stati Uniti, Madre Teresa le ha detto qualcosa che l’ha colpita profondamente: «Dio non chiama tutti a lavorare con i poveri. Dio non chiama tutti a vivere da poveri. Ma Dio fa chiamare tutti ad una Calcutta. Devi trovare la tua». Ognuno ha la sua vocazione, il suo compito nel mondo.

Poplin tornò all’insegnamento in università, cominciando a scrivere di Madre Teresa, in quello che lei chiama «un modo laico cristiano». Tuttavia, cadde presto in una crisi intellettuale: «mi sentivo come se stessi mentendo ai miei studenti», ha raccontato, perché non poteva parlare di Madre Teresa senza parlare di ciò che la sosteneva, cioè la fede cristiana. «Questa “secolarizzazione radicale” ci ha reso tristemente ignoranti di ciò che la maggior parte delle persone credono, e ha afflosciato la ricerca universale della verità». Oggi Popline ha introdotto nelle sue lezioni, a fianco dell’insegnamento sul marxismo, anche le fondamenta del pensiero cristiano. Questo è il “suo compito”, ha detto.

Antonio Tedesco

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

3 commenti a La prof. Mary Poplin e il cambiamento dopo l’incontro con Madre Teresa di Calcutta

« nascondi i commenti

  1. Salvatore ha detto

    Lei agiva quando ancora non andava di moda riempirsi la bocca con la noiosa parolina “diritti umani”.

    0
  2. Bichara ha detto

    Dai loro frutti li riconoscete…provate a immaginare il mondo senza “il sale della terra”
    Madre Teresa lei che viveva in mezzo alla poverta disse:in questo mondo c’è più fame d’amore che di pane

    0
  3. Sandra ha detto

    Finalmente qualcuno che si accorge che il Cristianesimo deve insegnarsi a scuola al meno tanto come le altre corrente filosofiche… è tristissimo vedere gente con educazione che non sa neanche i principi Cristiani, ma è ancora più triste che questa gente venga dell’Europa, terra d’origine Cristiano.

    0
« nascondi i commenti