Regno Unito: maggioranza di medici contrario a eutanasia e suicidio assistito

Indipendentemente dalla forte pressione di una certa area culturale, i medici inglesi respingono fortemente l’eutanasia e il suicidio assistito. In Ultimissima 23/3/11 si parlava dell’80% di oppositori tra gli specialisti della salute che vivono in un’area sociale fortemente esposta a ideologie radicali ed esasperatamente pro-death.

La rivista “Palliative Medicine” ha pubblicato recentemente uno studio nel quale i ricercatori hanno valutato tutti gli articoli scientifici pubblicati tra gennaio 1990 e aprile 2010, confermando che i medici del Regno Unito si oppongono all’introduzione sia di AVE (eutanasia volontaria) che PAS (suicidio assistito) nella maggior parte di essi. Lo stesso risultato è stato dato nel 2009, dove è risultato anche che gli specialisti in medicina palliativa erano quelli più fortemente contrari.

E’ bene sapere che la maggioranza dei medici rimane coerente con la propria etica professionale e con il Giuramento d’Ippocrate che recita espressamente: «Non somministrerò ad alcuno, neppure se richiesto, un farmaco mortale, né suggerirò un tale consiglio; similmente a nessuna donna io darò un medicinale abortivo», e nella versione moderna: «Giuro di perseguire la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale; di curare ogni paziente con eguale scrupolo e impegno; di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di una persona; di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana contro i quali, nel rispetto della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

52 commenti a Regno Unito: maggioranza di medici contrario a eutanasia e suicidio assistito