I figli dei single e dei divorziati hanno una peggiore salute psicologica

Il benessere psicologico dei bambini e dei giovani in Australia si è deteriorato in modo significativo negli ultimi 10 anni a causa dell’aumento di tassi di divorzi, la rottura dei rapporti tra conviventi e l’aumento dei bambini nati da madri single. Lo ha stabilito un rapporto pubblicato dal professor Patrick Parkinson, della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Sydney.

La ricerca ha evidenziato un aumento del 250 per cento di segnalazioni di abusi e abbandono, un raddoppio del numero di bambini accolti da altre famiglie, un aumento del 66 per cento di ricoveri in ospedale per autolesioni in ragazzi dai 12 ai 14 anni e il 90 per cento per la fascia d’età tra i 15 e i 17 anni ed infine un aumento del 52 per cento di ricoveri per le ragazze dai 15-24 anni per intossicazione acuta da alcool.

Il rapporto conclude con un elenco di 14 raccomandazioni focalizzate sulla preparazione al matrimonio e di sostegno alla famiglia. «Il governo australiano non può continuare a ignorare la realtà che due genitori tendono a fornire risultati migliori per i bambini di uno solo, e che l’ambiente più stabile e sicuro per i bambini è quando i genitori sono, e rimangono, sposati l’uno con l’altro», ha detto il prof Parkinson.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

11 commenti a I figli dei single e dei divorziati hanno una peggiore salute psicologica

« nascondi i commenti

  1. gabriele ha detto

    ho letto su un libro che i bambini riescono a superare meglio la morte dei loro genitori rispetto ad un divorzio, e diceva che il divorzio influisce in modo negativo sulla crescita
    il libro si chiamava ‘il cervello plastico’

    0
  2. a-ateo ha detto

    una notizia gravemente concordante in Italia:
    “Impiegati lasciati a casa e imprenditori falliti. Problemi coniugali e divorzi difficili. Sono questi i principali motivi che spingono a togliersi la vita. Un fenomeno in continua crescita e che colpisce soprattutto i giovani maschi con un rapporto di 3 a 1 rispetto alle donne. In un rapporto dell’ospedale Sant’Andrea di Roma si esaminano i dati italiani. Il nordest e la Sardegna le zone più colpite. Ogni anno nel mondo sono anno circa un milione i morti per suicidio, con un tasso di 14,5 ogni 100 mila abitanti”.
    “E se ad avere tendenze suicide sono soprattutto i giovani maschi (un rapporto di 3 a 1 rispetto alle donne), con il nord est e la Sardegna zone statisticamente piu’ a rischio del resto del paese, un particolare campanello d’allarme viene dai piu’ piccoli: “Dal 1980 al 2007 – spiega Pompili, autore di una ricerca che tra le prime in Italia ha indagato sul fenomeno del suicidio infantile – abbiamo registrato 374 suicidi tra bambini dai 10 ai 14 anni. Un dato allarmante”….
    al seguente link:

    http://affaritaliani.libero.it/

    0
    • Enrico da Bergamo ha detto in risposta a a-ateo

      Oltretutto i paesi al mondo con più suicidi sono quele del Nord Europa che i laicisti pongono come esempio.

      0
  3. Luigi R. ha detto

    Beh complimenti…questa non è una previsione ma un dato di fatto a posteriori.

    0
  4. Leonardo Paolo Minniti ha detto

    Ottimi risultati per la secolarizzazione…una cultura sempre a favore dell’umanità!

    0
  5. Lucy ha detto

    Utile per quelle donne egoiste che dicono a Gianna Nannini: “sai cosa ti invidio? che hai cresciuto un figlio da sola”…si, proprio invidiabile.

    0
    • Nofex ha detto in risposta a Lucy

      Egoismo è la parola giusta…pensano solo a sé, ai loro capricci…il bene del figlio? Bleah, cavoli suoi!

      0
      • Piero ha detto in risposta a Nofex

        piu’ che un figlio, pare che sia l’animaletto di casa (detto indipendentemente dalla Nannini, non conoscola sua storia…)
        Giusto per fare i capricci…

        0
  6. Enrico da Bergamo ha detto

    Sapete qualìè il principale problema del Sud America? L’assenza nelle famiglie della figura paterna che genera miseria.

    0
  7. a-ateo ha detto

    La notizia di libero trova ulteriore conferma in quello che si legge nel seguente link di UCCR:
    http://www.uccronline.it/2011/02/24/journal-of-psychiatry-research-%C2%ABmaggior-rischio-di-suicidio-per-figli-dei-divorziati%C2%BB/
    Libertà di divorzio….bella libertà davvero…

    0
« nascondi i commenti