La GMG 2011 non costerà nulla ai contribuenti spagnoli

Mancano ancora due mesi alla Giornata Mondiale della Gioventù (16-21 agosto 2011), e ci sono già 300.000 giovani non spagnoli iscritti. Gli sponsor hanno donato 15 milioni di euro e 1 milione di euro è stato donato da piccoli donatori.

Il direttore finanziario della GMG, Fernando Giménez Barriocanal ha dichiarato: «Non abbiamo ricevuto un solo euro della pubblica amministrazione. No, non abbiamo chiesto nulla», Il 30% del denaro proverrà infatti da fondi privati ​​e il restante 70% arriveranno da coloro che si coinvolgeranno con l’evento. «Il contribuente non verserà nemmeno un euro», continua.

Tuttavia, «la GMG porterà almeno diverse centinaia di milioni di euro in entrata alla Spagna». Il bilancio dell’evento è stato fin da subito reso disponibile per prevenire i soliti attacchi dal mondo laicista

Gli organizzatori hanno anche intervistato 25 giovani cattolici spagnoli chiedendo loro di esprimersi su vari argomenti “caldi”: i rapporti pre-matrimoniali, il divorzio, il rapporto tra la Chiesa e gli omosessuali, l’uso del preservativo e l’AIDS, temi bioetici come aborto ed eutanasia, lo scandalo della pedofilia, il significato del celibato, la teodicea ecc…

 

Qui sotto il video di presentazione, mentre le varie brevissime ed interessanti interviste si posso visionare (in spagnolo ma con la disponibilità di sottotitoli tradotti in italiano) presso questo account Youtube.

http://youtu.be/fSbynrN7Nu4

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

21 commenti a La GMG 2011 non costerà nulla ai contribuenti spagnoli

« nascondi i commenti

  1. Piero B. ha detto

    Con questo evento la Spagna ha solo da guadagnarsi.

    0
  2. deki ha detto

    mentre quattro esibizionisti senza dignità sfilano a Roma insultandolo con affermazioni false e volgari, Benedetto XVI compie un altro gesto epocale di apertura, ricevendo 200 rom in Vaticano e dicendo loro “Siete dentro la Chiesa”. Alla faccia della lobby lgbt e della delirante campagna elettorale anti-Pisapia.

    0
    • Nicola ha detto in risposta a deki

      Ma è stato insultato? Sinceramente, e ne sono contento, i media non ha hanno dato molto risalto all’evento e quindi sono poco informato.

      0
    • Karma ha detto in risposta a deki

      A proposito…quanto è costato l’euro pride dei gay? Perché nessuno lo chiede al comune di Roma? In fondo sono convinto che 3/4 della popolazione romana non approvano gli uomini che sfilano con il perizoma rosa per la città..

      0
  3. Luke ha detto

    Ma poi tra le altre cose come si può concepire che un Papa non meriti un minimo di spese comunali per organizzare tra le altre cose ad esempio la sua sicurezza e protezione: il Santo Padre è e rimane comunque un Capo di Stato da accogliere e difendere per doveri istituzionali .
    Anche in occasione della sua visita in Inghilterra, Gay e vergognose associazioni omosessualiste, atei militanti e violenti estremisti tirarono in ballo questo pretesto delle spese mandando non contenti alla Polizia britannica decine di migliaia di insulti e minacce di morte d’ogni tipo : chi sono loro, ma come si permettono ? Questa è una dittatura che vuole emarginarci e distruggerci su più fronti e in più lati, un Demonio che si sta scatenando con tutti i mezzi per annientare il Santo Padre e la Fede Cristiana Cattolica .
    E dire che molti cattolici o presunti tali, ancora non l’hanno capito di essere sotto attacco e di doversi difendere in tutti i modi e mezzi proprio da coloro i quali continuano beotamente ad appoggiare, facendosi ininterrottamente fregare ancora una volta come gonzi dalla stessa Sinistra che desidererebbe nient’altro che l’annientamento dei Valori Cristiani e l’instaurazione di un vero e proprio ateismo delle coscienze .
    Come fanno a non capirlo, a schierarsi con gente come Vendola, Bonino, Pannella, Concia ? .

    0
« nascondi i commenti