Il 60% dei genitori inglesi non vuole l’educazione sessuale a scuola

Più della metà dei genitori inglesi non vuole che l’educazione sessuale venga insegnata ai bambini a scuola. Lo ha stabilito un recente sondaggio commissionato da Babychild.

L’indagine, riporta il Dailymail, ha interrogato, tra aprile 26 e il 4 maggio, più di 1.700 genitori di bambini dai 5 agli 11 anni e ha rilevato che il 59% di essi non sono d’accordo con il fatto che l’educazione sessuale sia insegnata nelle scuole fin dalla giovane età. Quasi la metà (48%) degli intervistati ha invece dichiarato che i bambini dovrebbero avere almeno 13 anni.

Tra coloro che non sono d’accordo, il 41% ha detto di ritenere inappropriato questo tema da insegnare ai giovani, mentre il 28% sostiene che sia un compito dei genitori. Il 27% invece dice che non ci sia bisogno di questo tipo di insegnamento.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

29 commenti a Il 60% dei genitori inglesi non vuole l’educazione sessuale a scuola

« nascondi i commenti

  1. Larry SFX ha detto

    e per forza, con quello che gli insegnano (vorrei ricordare l’immagine di una certa bambola gonfiabile)…

    0
  2. Fabrizio ha detto

    A proposito consiglio la visione della settima puntata della quinta serie di South Park: “Proper condom use” (‘uso appropriato dei profilattici’).

    0
  3. Piero ha detto

    Come se insegnare educazione sessuale alla scuola elementare possa ridurre il numero di gravidanze precoci… guardatevi i dati in Gran Bretagna: nonostante i bambini siano letteralemnte bombardati di informazioni sul sesso sin dalla piu’ tenera eta’, ci sono sempre piu’ adolescenti madri (o che vogliono abortire).

    0
  4. ☺Ivanom☻ ha detto

    Così dicendo sembra che l’educazione sessuale sia un danno. Bisogna insegnarla, ma bene, così come hanno fatto a noi, in maniera meno esplicita e sempre finalizzata alla procreazione.

    0
    • Francesco B. ha detto in risposta a ☺Ivanom☻

      Quando in 5° elementare le maestre hanno fatto il corso d’educazione sessuale, prima ne parlarono con i genitori degli alunni per accordarsi su modalità eccetera e fu un percorso fatto davvero bene. L’educazione sana c’è ed è anche utile.

      0
    • Rebecca ha detto in risposta a ☺Ivanom☻

      Ma scusa….a te ti hanno insegnato qualcosa a scuola? A me nulla.

      0
  5. Nofex ha detto

    L’immagine è splendida. Sintetizza cosa significhi oggi l’educazione sessuale, quella che dite voi non esiste e forse non c’è n’è neppure bisogno. E’ la famiglia che ha questo compito.

    0
    • Flavio ha detto in risposta a Nofex

      La mamma che al mattino mette in cartella la merenda e nell’astuccio la gomma nuova e i profilattici mi pare suggestiva per capire dove si vuole arrivare.

      0
  6. Moon ha detto

    Io sono indeciso tra coloro che ritengono che sia dovere della famiglia e che non ci sia bisogno. Se penso alla mia storia, nessuno mi ha mai spiegato nulla. L’ho capito da solo che è la cicogna a portare i bambini, o no?

    0
  7. Flavio ha detto

    Non c’è nulla di inappropriato da insegnare se non fosse che viviamo in una società sesso-dipendente.

    0
  8. Massimo Ponzoni ha detto

    Ricordo agli amici che in Germania viene messo in carcere chi non manda i figli all’ora di educazione sessuale: http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=1626

    0
  9. Patrizio ha detto

    “Ai miei tempi” da 5 ad 11 anni ci parlavano di fiori, polline e farfalle, poi dai 12 ai 14 mi hanno insegnato in termini scientifici l’educazione sessuale. Meglio farla a scuola che apprenderla dal compagno di banco con i giornali o dai siti porno di internet in modo distorto!!!

    0
    • Raffa ha detto in risposta a Patrizio

      E se l’insegnante è Emma Bonino? Non è meglio che sia la famiglia ad occuparsi di essa? Sappiamo tutti che educazione sessuale significa promuovere contraccezione e rapporti prematuri.

      0
  10. Piero ha detto

    Riporto un commento apparso su blog di Rino Cammilleri:
    http://www.rinocammilleri.com/2011/05/gender-2/

    banalizzare la sessualità, distruggendo le complementarità, soprattutto banalizzando il sesso a pura merce “emozionale” anzichè sentimentale, si mira a distruggere nell’umanità il motore della civiltà: la speranza.
    e una analisi anche superficiale di ciò che il relativismo imperante propone/impone mostra come le virtù teologali siano sotto attacco sul loro stesso piano: la caritàcol pietismo ed il buonismo, la fede col sincretismo e il materialismo, la speranza con la ricerca affannosa dell’appagamento.
    quasto la dice lunga sulla provenienza di questo “piano”.

    opinione mia, naturalmente.

    Saluti

    0
  11. gabriele ha detto

    avete letto il ‘corriere del veneto’ .
    vogliono scontare i profilattici per combattere l’AIDS .
    e i miei compagni felici perchè potranno fare sesso più sicuro (non è per niente vero), ma soprattutto PIù SESSO!!!
    la civiltà è al collasso

    0
  12. Azariel ha detto

    Ricordo quando venne nel mio liceo un tizio a fare educazione sessuale. Beh, dire che era un pervertito era poco. Non faceva altro che fare battutine e commenti allusivi nei confronti delle alunne, oppure descrivere situazioni decisamente esplcite.

    0
  13. Francesco Santoni ha detto

    Mai fatta un’ora di educazione sessuale a scuola, e mi trovo benissimo. E’ ridicolo tentare di convincerci che sia necessario insegnare ciò che per decine di migliaia di anni non ha avuto bisogno di alcun insegnamento; ma valli a capire questi progressisti…

    0
    • Carmelo ha detto in risposta a Francesco Santoni

      Eppure Francesco ce ne sono molti anche fra di noi. Sembra che bisogna per forza andare dove ci porta l’opinione pubblica. La cosa che mi colpisce della chiesa è che invece se ne frega altamente di tutto ciò e ripete i suoi giudizi senza preoccuparsi se sono politicamente corretti o scorretti. Forse è per questo che uno come me si trova così bene.

      0
    • Davide ha detto in risposta a Francesco Santoni

      Per migliaia di anni non si è saputo nulla di malattie veneree, e quando esiste un sistema che protegge e sensato insegnare il suo uso.
      Viene inegnato agli adolescenti probabilmente perchè è in questa età che si pensa comincino un’attività sessuale.

      0
      • Francesco Santoni ha detto in risposta a Davide

        Gli antichi non erano così idioti come pensi, le malattie a trasmissione sessuale erano conosciute da un pezzo e tutti erano consapevoli di ciò che rischiavano con una vita sessuale promiscua.

        Questa educazione veniva dalla famiglia, dalla tradizione e dal buon senso. L’educazione sessuale a scuola non serve, ed anzi spesso risulta dannosa (a questo proposito proprio in questo sito sono stati spesso pubblicati articoli che lo dimostrano, ora non ho il tempo di ricercarmeli).

        0
« nascondi i commenti