Il genetista Dallapiccola cita Benedetto XVI e si oppone all’eutanasia

Il genetista italiano di fama internazionale, Bruno Dallapiccola, è intervenuto giovedì sulla legge attualmente in discussione circa le dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat).

Dallapiccola è direttore Scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, docente di Genetica Medica presso “La Sapienza” a Roma, già Direttore Scientifico dell’Istituto Mendel ed esperto di Genetica presso il Consiglio Superiore di Sanità. E’ stato Presidente della Società Italiana di Citogenetica Medica (AICM), della Società Italiana di Genetica Medica (AIGM), della Federazione Italiana per lo Studio delle Malattie Ereditarie (FISME), della Società Italiana di Genetica Umana (SIGU) ed è stato membro del Consiglio Direttivo della Società Europea di Genetica Umana. Attualmente è autore di oltre 700 pubblicazioni su riviste internazionali. Infine è anche membro dell’Istituto Nazionale di Bioetica.

Si è schierato sostanzialmente a favore del disegno di legge (molti altri cattolici hanno invece assunto posizioni opposte, cfr. “Posizioni favorevoli e contrarie al ddl sul “fine vita”). In un articolo apparso su Il Corriere della Sera ha spiegato che «la questione principale non è quella dello stato vegetativo persistente, né quella dei life sustaining treatment, ma la tutela della vita e la relazione medico-paziente e, più in generale, della natura stessa dell’atto medico. Con un duplice rischio: affermare un giudizio sul valore della vita basato su un criterio puramente utilitaristico e sfruttare il principio del consenso informato e la doverosa lotta all’accanimento terapeutico per introdurre di fatto procedure eutanasiche». Il genetista si è così opposto alla cultura secondo la quale, «in nome dell’autonomia del soggetto, ogni scelta individuale debba essere sempre sostenuta e approvata. Non si tratta, dunque, di presidiare o invadere il fine-vita, ma di evitare che, a partire dal caso Englaro, si diffonda un giudizio di disvalore sulle vite più fragili, che finirebbe per causare l’abbandono delle persone gravemente disabili, povere socialmente meno tutelate».

Lo scienziato cita anche il Santo Padre: «Benedetto XVI ci ricorda che “campo primario e cruciale della lotta culturale tra l’assolutismo della tecnicità e la responsabilità morale dell’uomo è oggi quello della bioetica, in cui si gioca radicalmente la possibilità stessa di uno sviluppo umano integrale” (Caritas in Veritate 11.74)». E commenta: «Il dinamismo della tecnica e la complessità del mondo moderno vanno governati se si vuol costruire il bene comune. La politica, dunque, nel promuovere lo sviluppo umano integrale, non può sfuggire al suo dovere di legiferare anche in campi precedentemente riservati al solo giudizio di coscienza. La legge sulle Dat appare un punto di equilibrio capace di difendere i più deboli e di chiarire la differenza tra causare la morte e accompagnare, indicando così a tutti che il valore della vita è il presupposto per la stabilità della società e per il godimento di ogni diritto individuale».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

10 commenti a Il genetista Dallapiccola cita Benedetto XVI e si oppone all’eutanasia

« nascondi i commenti

  1. Flavio ha detto

    Mi pare una presa di posizione ammirabile. Non so se sia cattolico (chiunque sano di mente apprezza il Papa) però ha sicuramente il mio stesso punto di vista.

    0
    • Flavio ha detto in risposta a Flavio

      Si è cattolico, è anche membro di Scienza e Vita, l’associazione di medici cattolici. Sarebbe bello se anche lui scrivesse qualche libro di divulgazione o sul rapporto tra scienza e fede. Lo comprerei all’istante.

      0
      • Mandi ha detto in risposta a Flavio

        Solo i laicisti scrivono libri e fanno proselitismo. I veri scienziati fanno il loro mestiere e non cercano di convincere nessuno delle loro convinzioni religiose. Per questo sembra che nella scienza ci siano pochi religiosi.

        0
  2. Rego ha detto

    Personalmente il ddl mi lascia parecchi dubbi.

    0
  3. EnricoBai ha detto

    Mi fa molto piacere che uno scienziato di questo calibro trovi nelle parole del Papa riscontro per il suo lavoro. La Verità è veramente a 360°!!

    0
  4. Giovanni ha detto

    Beh, non sempre si ispira al Papa, visto che ha recentemente affermato: “Mi stupisce il fatto che la fecondazione assistita venga inclusa tra i peccati visto che viene effettuata nel mondo anche in alcune strutture cattoliche”.
    http://veritaevita.blogspot.com/2011/03/limpudente.html

    0
    • Rego ha detto in risposta a Giovanni

      Analizzando questa frase credo che stia significando nulla. Non si evince che lui approvi la fecondazione assistita, magari lo fa ma non lo si ricava da questa frase. Può essere un’ironia o anche una critica alle strutture cattoliche. Bisognerebbe capire meglio cosa ne pensi.

      0
  5. Giovanni ha detto

    Se si legge tutta l’intervista, rintracciabile in rete, si comprende benissimo che non c’era alcuna ironia.

    0
« nascondi i commenti