In Arizona l’aborto selettivo diventa un crimine

Jan Brewer, governatore dell’Arizona, ha firmato un disegno di legge con il quale vieta l’aborto per motivi di razza o di sesso. Diventa così reato finanziare o praticare aborti selettivi.

Steve Montenegro, rappresentante dei Repubblicani in Arizona, colui che ha progettato la legislazione, ha dichiarato che questa legge è necessaria e rappresenta una importante affermazione in favore della vita e contro la discriminazione.

La Planned Parenthood -si legge su Life News– ha invece criticato il governatore per il suo sostegno a quella che ha definito una legge specificamente progettata dagli oppositori dell’aborto e destinata a polarizzare l’opinione pubblica.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

10 commenti a In Arizona l’aborto selettivo diventa un crimine

« nascondi i commenti

  1. Michele Santambrogio ha detto

    Ma è assurdo…non esiste l’aborto selettivo e l’aborto non selettivo….si si abortisce si seleziona, sempre!!!

  2. Lucy ha detto

    Speriamo che questa opinione pubblica venga presto polarizzata allora…!

  3. Flavio ha detto

    …questi repubblicani birichini…mi sa che mi toccherà sostenerli…

  4. gabriele ha detto

    leggete di cosa fanno a cuba con aborto ed autanasia
    http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=1682
    http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=1655
    vedete a che punto sono arrivati?
    p.s.
    debbo aggiungere che si dice che Fidel Castro sia un massone

  5. Credo ha detto

    L’aborto selettivo è qualcosa degno dei nazisti….o dei peggiori governi totalitari….le “selezioni” si facevano anche nei campi di concentramento.

    • Phantom ha detto in risposta a Credo

      Ribadisco l’osservazione fatta sopra…ma l’aborto in sé non è sempre selettivo? Non è sempre una selezione?

  6. Fedele Razio ha detto

    Phantom, l’aborto è sempre una selezione, ma la legge dell’Arizona va nella direzione giusta: il bambino che sta arrivando o lo accetti o non lo accetti.
    Mai e poi mai è legittimo mettersi nella condizione di dire: “lo accetto se”.
    Quella è eugenetica, ed è la strada dell’inferno in terra.

« nascondi i commenti