Il Comune di Parma ritira il patrocinio dalle “Giornate della Laicità”

Il Comune di Parma comunica in una nota che revocherà il patrocinio all’iniziativa “Giornate della laicità”, erroneamente concesso in precedenza, poiché non è consentito il patrocinio a iniziative promosse da movimenti politici e partitici.

Questa iniziativa è diversa da quella che si svolgerà a Reggio Emilia dal 15 al 17 aprile e di cui abbiamo parlato in Ultimissima 4/4/11, anche se fa parte dello stesso programma di proselitismo ateo in Emilia Romagna. A Parma, dal 12 al 20 aprile, presso il Cinema Edison, si terrà infatti un ciclo di film sulla laicità, organizzato da l’UAAR e altre congregazioni, come il Popolo Viola di Parma e l’Arci. Ma il Comune, guidato da una lista civica di centrodestra, ha voluto ritirare il patrocinio poiché l’articolo 3 dice: «Possono essere oggetto di Patrocinio eventi quali manifestazioni, spettacoli, mostre, convegni, congressi, incontri, iniziative sportive ad esclusione di quelli a carattere politico promossi da partiti o movimenti politici».

Identica la decisione della Provincia, poiché -si legge su La Repubblica– pare che il programma che è stato presentato sia diverso da quello pubblicato dalla stampa locale. Tra l’altro un contenuto noiosissimo, il quale comprende 4 filmettini mediocri al costo di 20€. Ma la tediosa scaletta non farà certo desistere dal parteciparvi, la motivazione che sta sotto è troppo forte: inventarsi qualsiasi cosa pur di dimostrare di essere vivi!

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

24 commenti a Il Comune di Parma ritira il patrocinio dalle “Giornate della Laicità”

« nascondi i commenti

  1. Flavio ha detto

    Ma come? Pure questo? Già non ci andrà nessuno, in più nemmeno lo sponsor comunale…quasi quasi per una sorta di carità fraterna mi iscrivo io, dai.

    0
  2. Samba ha detto

    Sono veramente mortificato… 🙂

    0
  3. Matilde ha detto

    Mi mette sempre di buon umore vedere come gli atei provano ad imitare il mondo cattolico con le loro iniziative ecc…ha sempre però un nonsochè di retrogusto ironico…

    0
  4. domenico ha detto

    Vorrei tanto sapere quali sono questi film sulla laicità. Saranno interessantissimi, come i documentari sull’accoppiamento delle formiche australiane 🙂

    0
  5. domenico ha detto

    Repubblica li riporta e l’unico commento che mi viene è quello di Fantozzi dopo aver guardato per l’ennessima volta “la corazzata Potëmkin”

    0
  6. Davide 1 ha detto

    Penso che non ci dormiro’ di notte, ci sarà anche Giulio Giorello che presenterà il suo ultimo libro “Senza Dio. Del buon uso dell’ateismo”.
    Temo che dal mese prossimo avremo un sacco di problemi in piu’.
    Ci pensate, non replicheranno piu’ la Sindone, visto che non ci sono riusciti, smetteranno di pensare di fare l’analisi del DNA alla particola, ecc.
    Potrebbero diventare gente di buon senso.

    0
    • Credo ha detto in risposta a Davide 1

      Già in effetti non capisco gli atei che bisogno hanno di dimostrare la falsità dei dogmi e delle reliquie cristiane…cosa hanno contro i cristiani?ognuno deve essere libero di scegliersi la propria illusione,sempre nel rispetto del prossimo sia esso ateo o religioso.

      0
      • Phantom ha detto in risposta a Credo

        L’illusione cristiana non l’avevo mai sentita…e se fosse tutto vero? Chi ha le prove di un’illusione?

        0
        • Credo ha detto in risposta a Phantom

          oh ma io non ho specificato quale illusione e poi certo che magari è tutto vero,dopotutto se qualcuno avesse le prove certe che è un ‘illusione questa non sarebbe più tale.

          0
    • Riff ha detto in risposta a Davide 1

      Parli del “buon ateismo”?

      0
      • Davide 1 ha detto in risposta a Riff

        No, solo che se l’UAAR non si inventasse tutte ‘ste cavolate, la vita sarebbe molto piu’ triste, alla fine qualcuno potrebbe anche pensare che l’ateismo sia una cosa seria.

        0
  7. Phantom ha detto

    Quanto mi spiace non poter partecipare!!

    0
  8. Joseph ha detto

    Scusate un attimo: a parte usare Einstein, notoriamente teista, come immagine (lo usano anche per la rivista “L’ateo”: che faccia tosta! l’altra immagine fenomenale é quella di staino per i darwin days: io la intitolerei “Ognuno ha il Creatore che si merita”), ma questi per la mostra del cinema hanno usato una foto di libri che bruciano? e per il dibattito sull’integrazione razziale che fanno, la Notte dei Cristalli?

    0
    • Flavio ha detto in risposta a Joseph

      libri che formano una croce, tra l’altro…giusto per sottolineare l’odio che li anima..!

      0
      • Mandi ha detto in risposta a Flavio

        Forse sono Bibbie e libri religisi…d’altraparte fu David Hume a proporre di bruciare tutto ciò che parlasse di Dio…

        0
  9. EquesFidus ha detto

    Vorrei solo far notare una cosa, un giochetto molto pericoloso che i gruppetti atei, anticlericali e laicisti stanno mettendo in opera: cambiare il significato delle parole, nello specifico della parola “laicità”. “Laico” deriva dal greco “laikos” (che significa “membro del popolo”), il quale indicava semplicemente coloro che non appartenevano al clero. Ovviamente, questo non vuol dire né che il laico deve essere anticlericale, né tantomeno ateo. Qual è stata l’operazione di questi signori? Siccome nella Costituzione si parla di Stato laico, ecco che “laico” diventa sinonimo di “ateo”, in altre parole non potendo cambiare la Costituzione si cambia il senso delle parole. Stato laico indica solo che membri dle clero (di qualsiasi clero, di qualsiasi religione) non possono interferire o ottenere cariche? Benissimo, cambiamo il significato di laico in ateo et voilà! lo Stato laico diventa improvvisamente ateo. Questo è il pericolossimo giochino che stanno facendo, e questa è la pericolosa menzogna che si cela dietro alle “Giornate della Laicità” (che, come appena dimostrato, sono un controsenso visto che non rappresentano “il popolo” ma solo una parte di esso, pergiunta pressoché insignificante).

    0
    • Azariel ha detto in risposta a EquesFidus

      Concordo perfettamente. La parola “laico” vuol dire solo “non appartenente al clero”, ma ormai l’hanno trasformata in “anticlericale”. E’ il solito trucchetto usato da questa gente, che purtroppo, però, inganna molte persone.

      0
    • Rego ha detto in risposta a EquesFidus

      Hai proprio centrato il punto!!

      0
« nascondi i commenti