Roberto Cota (Lega Nord) mantiene la promessa: volontari pro-life negli ospedali

Il governatore del Piemonte, Roberto Cota, lo aveva promesso ed è stato di parola: i consultori piemontesi saranno aperti ai volontari per la vita. «Il mio programma elettorale era chiaro e prevedeva l’inserimento delle associazioni pro-vita all’interno delle strutture del servizio sanitario regionale. E quando si governa, si devono mantenere gli impegni». Questo il suo commento -riportato da La Stampa– al voto della maggioranza che ha bocciato le richieste del centrosinistra di sospendere l’efficacia del nuovo protocollo approvato dalla giunta regionale di centrodestra. Il provvedimento resta operativo. Il centrodestra ha respinto anche un secondo ordine del giorno presentato da tutto il Pd e dall’ex presidente Bresso, da Sinistra e Libertà e dall’Idv, che puntava a modificare il protocollo nelle parti che assegnano «all’associazionismo un ruolo improprio che non è nella lettera e nello spirito della legge». Esulta anche Mario Carossa, capogruppo della Lega Nord, il quale dichiara: «Abbiamo bloccato un bieco tentativo di strumentalizzazione portato avanti dall’opposizione». Intanto Augusta Montaruli, vicecapogruppo Pdl, annuncia la prossima presentazione di una proposta di legge «affinché i consultori tornino ad essere un reale supporto alla famiglia».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________