Richard Dawkins: «l’anglicano Fisher è il più grande dei darwinisti»

Come tutti sappiamo, la tesi scientifica più strumentalizzata per escludere Dio dalla creazione è il darwinismo (questo di per sè la dice già lunga della conoscenza che gli atei hanno del Dio cristiano…). Oggi ricorre l’anniversario di morte di Sir Ronald Fisher (17 Febbraio 1890 – 29 luglio 1962), statistico, biologo evoluzionista e genetista.

E’ stato descritto dallo statistico Anders Hald come «un genio che quasi da solo ha creato le basi per la moderna scienza statistica» (A History of Mathematical Statistics. New York 1998). Presidente della Royal Statistical Society, della Société de Biométrie e dell’Istituto Internazionale di Statistica (IIS), ha fatto della statistica una scienza moderna, fondandone i concetti di riferimento. Amicissimo e collaboratore dei figli e nipoti di Charles Darwin, fu uno dei più importanti promotori del darwinismo, influenzando i migliori biologi evoluzionisti del ‘900.

Addirittura Richard Dawkins, il pontefice dell’ateismo scientifico internazionale ha dichiarato nel suo libro River out of Eden (Basic Books, 1995) che Fisher è senza dubbio «il più importante tra i successori di Darwin» (cfr. Wikipedia). Ma come, proprio Dawkins? Proprio colui che ritiene che se il darwinismo ha ragione, allora Dio non esiste? Ce lo ha detto in ogni suo libro e sotto ogni salsa da quasi vent’anni di militante divulgazione… Si dà però il caso però che Sir Fisher, il più grande dei darwinisti, sia stato un devoto cristiano, membro della Chiesa di Inghilterra, conservatore e appassionato delle Sacre Scritture. Il biologo H. Allen Orr lo ha descritto come un «anglicano profondamente devoto che, tra lo sviluppare la statistica moderna e la genetica delle popolazioni, scriveva articoli per riviste di chiesa» (vedi Gould on God, in Boston Review). Nel 1955 partecipò ad una trasmissione radiofonica su Scienza e cristianesimo dove spiegò la differenza tra la fede razionale e la fede “credulona”. Affermò anche: «ai bambini cristiani dovrebbe essere insegnato che la fede non significa la credulità, essa è invece una qualità molto simile coraggio, che permette di rimanere attaccati a ciò che è veramente buono» (da Biographical Memoirs of Fellows of the Royal Society, 1890-1962).

Celebri darwinisti agnostici e credenti. Sorprende quindi che l’autore di “The God delusion”, Richard Dawkins, abbia riconsociuto -almeno una volta- che essere celebri darwinisti o evoluzionisti non trova alcuna contraddizione dall’essere contemporaneamente credenti razionali. Insomma: Darwin e Dio senza alcun problema. Peccato che però continui a contraddirsi, pretendendo che solo la religione dell’ateismo può avere spazio tra i seguaci di Darwin. Sorridendo, ricordiamo che, oltre a Fisher, i veri darwinisti (e non i contraddittori neo-darwinisti) erano in maggioranza agnostici e credenti. Darwin, dopo aver chiuso il suo L’origine delle specie (1859) citando il Creatore, ebbe a scrivere vent’anni dopo: «Il mio giudizio è spesso fluttuante e persino nelle mie fluttuazioni più estreme non sono mai stato ateo nel senso di negare Dio. Credo che in generale, ma non sempre, la mia posizione possa essere descritta più appropriamente con il termine agnostico» (da Autobiografia, 1979). Fu il suo amico Thomas Huxley, definito il “Mastino di Darwin”, ad inventare il termine “agnostico”, proprio per mettere in chiaro che le sue credenze in campo biologico non portavano necessariamente ad una posizione nè teista nè atea. Alfred Russel Wallace, che propose la stessa teoria della selezione naturale contemporaneamente a Darwin, credeva in un Dio trascendente (da Il cranio di cristallo, Scarpelli 1993), come, del resto, i più celebri divulgatori del darwinismo: Lyell, Herschel, Henslow, Mivart, De Filippi, Chambers, Rosa, De Nouy, Sinnott, il gesuita Marcozzi ecc… Concludendo: come può una teoria scientifica eliminare Dio, se questa è nata e portata avanti da uomini credenti in Lui?? Misteri dell’ateismo…

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________