La serie TV Lost è incentrata su cristianesimo e cattolicesimo

Domencia scorsa è finita “Lost”, una serie televisiva serializzata statunitense creata da J.J. Abrams, Damon Lindelof e Jeffrey Lieber e trasmessa a partire dal 2004 negli Stati Uniti (l’ultima puntata trasmessa contemporaneamente in 59 Paesi del mondo ha registrato 13milioni di telespettatori). E’ ambientata principalmente su una misteriosa isola tropicale nel Pacifico del sud in cui si ritrovano i sopravvissuti di un incidente aereo. Acclamato dal pubblico e dalla critica, Lost ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui un Golden Globe e tre Emmy Award, registrando un’audience di più di 16 milioni di telespettatori (vedi Corriere della Sera del 9/1/10, 23/5/10 e 26/5/10). Sono in molti coloro che hanno sottolineato che la serie è decisamente incentrata sul cristianesimo e sul cattolicesimo. Addirittura due scirttori, Ankerberg e Burriugh, hanno pubblicato What can be found in Lost?, primo libro di approfondimento dei temi spirituali presenti nella serie, visti in prospettiva cristiana.

L’enciclopedia creata sulla serie televisiva ha proprio una voce in proposito: Lostpedia/ReligioniUfficiali. Da Lostpedia/Bibbia troviamo che il libro della Bibbia è molto spesso presente nelle scene e i titoli degli episodi corrispondono ai capitoli o a citazioni dell’Antico Testamento. Numerose sono anche le citazioni scritte e orali di brani biblici e moltissimi nomi dei personaggi e le loro storie corrispondono ai nomi e alle storie dell’Antico e del Nuovo Testamento.

Moltissimi gli appasionati in tutto il mondo che, Bibbia alla mano, stanno discutendo sui vari forum della serie televisiva: Lost Italia, Lost Friends ecc…

Anche due articoli di ReligionEnLibertad (La fede non va alla deriva su ‘Lost’ e Lost” si è concluso con una chiara connotazione cattolica) ne hanno parlato. In un’epoca segnata da narcisismo e individualismo, “Lost” sembra restituire il sano valore del cristianesimo, basato sulla comunità e la consapevolezza che l’uomo non è autosufficiente e ha sempre bisogno di essere “salvato”.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________