Lourdes, la guarigione dev’essere istantanea e non spiegabile: la serietà della Chiesa

Lourdes, scienza e miracoli. Il direttore del centro medico Bureau, Alessandro De Franciscis, spiega i criteri utilizzati per analizzare i casi che gli vengono sottoposti. Una griglia strettissima ed un equipe di specialisti credenti e non.

 

La guarigione dev’essere istantanea e completa, inspiegabile scientificamente, analizzata per lungo tempo da equipe di specialisti credenti e non credenti. Questo, in estrema sintesi, il procedimento utilizzato dal Bureau des Constatations medicales per i casi di guarigione che avvengono nelle piscine di Lourdes.

A rivelarlo è il dott. Alessandro De Franciscis, 15° presidente del centro medico posizionato nel santuario francese, specializzato in pediatria con interesse in Epidemiologia. Il Bureau è la prima griglia da cui passano coloro che affermano di aver ricevuto una grazia, solo se il caso risulta interessante e ben documentato viene aperto un fascicolo su cui si studierà per anni. In un anno, mediamente, sono un centinaio i casi che arrivano alla sua scrivania ma pochi (il 20%) superano il primo step di valutazione.

La griglia è strettissima, la serietà è massima e non c’è alcuna “corsa al miracolismo”, questo spiega perché dal 1883, anno in cui fu istituito il Bureau, solo 70 guarigioni sono state dichiarate ufficialmente inspiegabili. Se c’è un caso degno di essere approfondito De Franciscis convoca un gruppo variegato di medici, «non sono tutti credenti», specifica. Se il caso supera la prima fase, viene inoltrato al Comitato medico internazionale di Lourdes (CMIL), composto da 27 medici rappresentativi delle varie specializzazioni mediche. «La diagnosi», spiega De Franciscis, «deve riguardare una malattia precisa e avere una prognosi grave, non necessariamente mortale. La guarigione dev’essere imprevista, senza segni premonitori; istantanea; completa e durevole nel tempo. E dev’essere inspiegata alla luce delle attuali conoscenze mediche».

Un esempio significativo: «Ieri ho chiuso il fascicolo di un signore che seguivo da cinque anni», rivela il medico di Lourdes. «Ho convocato un gruppo di 42 professionisti, esperti in diversi settori della medicina. Abbiamo fatto una lunga riunione, analizzato le lastre, studiato tutte le informazioni necessarie e alla fine abbiamo concluso che il signore ha vissuto una bellissima storia, ma non si è trattato di un miracolo».

Ovviamente la parola “miracolo” è, giustamente, bandita. E’ un termine teologico e non medico, «compete solo al vescovo della diocesi dove risiede la persona guarita. Noi medici ci limitiamo a definire la guarigione come “inspiegata”». E’ capitato che nonostante il via libera dal punto di vista medico, la commissione teologica abbia bloccato l’iter.

Personalmente, ha aggiunto il direttore del Bureau, «credo ai miracoli, li ho visti». Iniziò a pensarla così anche un suo collega, il premio Nobel per la Medicina Alexis Carrel quando, recatosi alla grotta di Lourdes deciso a smentire “questa farsa”, assistette ad una guarigione improvvisa ed istantanea e si convertì al cattolicesimo. Qualche anno fa un altro premio Nobel per la Medicina, il francese Luc Montagnier, dopo essersi informato sui fatti di Lourdes, ha dichiarato: «Molti scienziati fanno l’errore di rifiutare ciò che non comprendono. Riguardo ai miracoli di Lourdes che ho studiato, credo effettivamente che si tratti di qualcosa non spiegabile. Io non mi spiego questi miracoli, ma riconosco che vi sono guarigioni non comprese allo stato attuale della scienza».

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

57 commenti a Lourdes, la guarigione dev’essere istantanea e non spiegabile: la serietà della Chiesa

« nascondi i commenti

  1. andrea g ha detto

    I miracoli di Lourdes, come tutti gli altri miracoli riconosciuti
    dalla Chiesa Cattolica, sono un magnifico aiuto per chi ha difficoltà
    (per varie ragioni) a credere, per avvicinarsi cioè a quella Realtà gloriosa
    che ci attende e nella quale già siamo immersi.
    Tuttavia, si richiede come condizione indispensabile un atto di giustizia,
    riconoscere logica e sensata l’esistenza di DIO.
    In caso contrario, a nulla servono i miracoli, come ci ricorda il Signore Gesù
    nella parabola del ricco epulone e del povero Lazzaro:
    “Allora egli gli disse: “Se non ascoltano Mosè e i profeti”,
    -la Legge e la Giustizia-
    “non crederanno neppure se uno risuscitasse dai morti”»-
    Luca XVI,31

    • Mister R. ha detto in risposta a andrea g

      Andrea g

      Vero, ma bisogna tenere presente che non si parla di un dio qualunque, ma del Dio giudaico-cristiano.

  2. Paolone ha detto

    Se la chiesa fosse seria non indurebbe malati gravi a credere di guarire facendo viaggi costosissimi e spesso disagiati a lourdes. Ma la credulità, con il suo sfruttamento sono la base della religione cristiana.

    La griglia è strettissima, la serietà è massima e non c’è alcuna “corsa al miracolismo”, questo spiega perché dal 1883, anno in cui fu istituito il Bureau, solo 70 guarigioni sono state dichiarate ufficialmente inspiegabili

    L’unica griglia strettissima è quella del tempo e della conoscenza.

    In realtà la spiegazione la danno le date: la quasi totalità dei miracoli risale tra l’800, quando lourdes fu inventata, e inizi 900 spingendosi massimo alla metà del secolo scorso.

    Poi la tecnologia è diventata troppo avanzata per le potenze divine, e non solo quella medica: anche i controlli sono cambiati, ed è cambiata la politica, la sensibilità comune e tutto il resto.

    Risultato: i miracoli sono pressochè spariti: dagli anni 80 i miracoli sono solo … 3.

    Un po come è accaduto per altre manifestazioni paranormali come le possessioni diaboliche: in epoca di ignoranza e arretratezza la chiesa dichiarava chiunque indemoniato.

    Oggi, giustamente, si vergogna perfino di parlare di possessioni diaboliche e assicura che solo una minima minima percentuale è posseduto dal diavolo.

    Ma una cosa è rimasta: il vergognoso traffico economico sulla debolezza, sulla malattia della gente.

    Perchè nonostante tutto preti, parrocchie, e organizzazioni apposite come unitalsi hanno lo scopo preciso di aumentare la credulità nelle persone e quelle più facili da convincere sono ovviamente i più deboli.. i malati.

    Un traffico ignobile di cui, appena possibile, ce ne occuperemo, sarà ciò che verrà attaccato per primo.

    «deve riguardare una malattia precisa e avere una prognosi grave, non necessariamente mortale. La guarigione dev’essere imprevista, senza segni premonitori; istantanea; completa e durevole nel tempo. E dev’essere inspiegata alla luce delle attuali conoscenze mediche».

    Esattamente come avviene per ogni caso di guarigione spontanea: la percentuale di successo delle guarigioni avutesi a Lourdes è di gran lunga minore della percentuale di remissione spontanea di molte malattie nel resto del mondo.

    Del resto.. perchè mai un credente che ha vera fede e crede nel vero dio dovrebbe andare a lourdes per guarire?

    Yahweh non è abbastanza potente per guarire una persona a casa propria, perchè mai dovrebbe obbligare la gente gravemente malata a viaggi scomodi e costosi?

    Forse perchè cosi fa guadagnare soldi ai suoi ministri.

    Ma sopratutto… perchè vuole guarire??

    La malattia è il percorso voluto dal vostro dio quindi volere la sua fine dovrebbe essere blasfemo, come tutta la medicina che combattendo la malattia di fatto va contro i piani del vostro signore!

    E’ il “Bureau delle Constatazioni Mediche”, gestito e creato dal vescovo e quindi da lui dipendente, che dichiara non c’è nessun confronto con il resto della comunità scientifica, tra l’altro in qualche caso le guarigioni sono riconosciute dopo la morte stessa del miracolato quindi ogni verifica da parte terza è impossibile.

    A volte come nel caso di Danila Castelli, la malattia, nonstante il miracoloso riconosciemnto si è ripresnetata portando alla morte il miracolato.

    Ma è il concetto stesso di miracolo a non avere senso, come involontariamente dimostra lo stesso articolo riportando le dichiarazioni del medico:

    Personalmente, ha aggiunto il direttore del Bureau, «credo ai miracoli, li ho visti». Iniziò a pensarla così anche un suo collega, il premio Nobel per la Medicina Alexis Carrel quando, recatosi alla grotta di Lourdes deciso a smentire “questa farsa”, assistette ad una guarigione improvvisa ed istantanea e si convertì al cattolicesimo.

    E quindi ha creduto non per fede ma perchè ha visto! Il libero arbitrio è stato cosi bellamente violato, Yahweh si sarebbe contraddetto e non sarebbe più una divinità.

    «Molti scienziati fanno l’errore di rifiutare ciò che non comprendono. Riguardo ai miracoli di Lourdes che ho studiato, credo effettivamente che si tratti di qualcosa non spiegabile. Io non mi spiego questi miracoli, ma riconosco che vi sono guarigioni non comprese allo stato attuale della scienza»

    ammesso che siano guarigioni vere, proprio perchè non sono ancora comprese non si possono chiamare miracoli dando un giudizio definitivo e fuorviante!

    Strano che simili osservazioni sfuggano a medici tanto preparati…

    • Mister R. ha detto in risposta a Paolone

      Paolone

      Ti stavo aspettando.

      Nessuno obbliga i malati ad andare a Lourdes, loro vanno lì perché lo vogliono.

      Un tempo sopravvivere al raffreddore era considerato un miracolo, oggi grazie alla scienza siamo in grado di guarirlo.
      Eppure nei miracolati certe malattie ancora oggi incurabili spariscono senza lasciare traccia, ma anche se in futuro esse venissero sconfitte dalla medicina, come si giustificherà il passato?

      La malattia era lì, incurabile per quei tempi, eppure è sparita senza nessuna ricaduta!

      Malattie come il cancro ti uccidono senza che il tuo corpo possa fare nulla.

      Per cui gli scienziati, fregandosene del materialismo, dicono una semplice frase:

      “Questa guarigione non è spiegabile”

      Lei vede complotti, inganni, frodi…
      Ma ha qualche prova, oppure si tratta di fantasie?

      Facile accusare in un blog, accusi pubblicamente i medici di Lourdes portando fatti!

      Dio non fa miracoli dalla mattina alla sera per il famoso e mai capito dagli atei LIBERO ARBITRIO, infatti i veri miracoli hanno lo scopo non di convertire, ma di aiutare, dare speranza e sostegno ai credenti.

      Se poi un ateo si converte sono affari suoi.

      • andrea g ha detto in risposta a Mister R.

        Non sono sicuro di aver compreso il senso della sua obiezione precedente,
        Mister R.
        Il mio pensiero è che la capacità di riconoscere il miracolo come
        manifestazione di Dio richieda la giustizia essenziale, la quale
        è di chiunque sia umile e, appunto, giusto; dunque non indispensabilmente
        cristiano.
        La specificità-unicità del Cristianesimo si basa sulle parole del Cristo:
        «Mai un uomo ha parlato come parla quest’uomo!». Gv VII,46

        • Mister R. ha detto in risposta a andrea g

          Andrea g

          Facciamo finta di essere nel 4000 d. C.
          L’umanità cura il cancro e la leucemia come adesso curiamo il raffreddore.

          Eppure tutti sanno che nel lontano e primitivo 2003 (ovviamente è una data fasulla) una donna è guarita da un cancro incurabile per l’epoca senza nessun trattamento o medicina del 4000 semplicemente andando a Lourdes.

          Lei da scienziato cosa penserebbe?

      • andrea g ha detto in risposta a Mister R.

        Penso che l’essenza del Cristianesimo la troviamo in Parole come:
        “IO sono la Via, la Verità, la Vita; nessuno viene al
        Padre se non per mezzo di ME” -Gv XIV,6

    • Alessandro ha detto in risposta a Paolone

      I luoghi di pellegrinaggio sono sempre esistiti e hanno un significato che va oltre la ricerca del miracolo di guarigione fisica. Si va in un luogo di pellegrinaggio per fare un ritiro spirituale e ricaricare la propria anima, e anche se non si guarisce fisicamente si trova spesso una forza in più per affrontare le difficoltà della vita.
      Il giudizio di un materialista sarà per forza di cose limitato solo al corpo e ai dati fisici attualmente misurabili, ma il miracolo è anche vivere le difficoltà della vita – che si tratti di una malattia o di altro – con il sorriso e la pace nel cuore.

    • Tiziana ha detto in risposta a Paolone

      La Chiesa primitiva nei primi 300 anni dopo Cristo, ha in nome della Fede compiuto un’infinità di miracoli e Gesù stesso nel giorno di Pentecoste ha ammonito i suoi dicendo che con la Forza dello Spirito avrebbero potuto guarire e sanare, ma sarebbe giunto il tempo dei miracoli morali…la conversione perché è quella che salva ed apre il Cielo. Vedete Paolone e tutti gli altri “polemici” chi si fissa a giudicare le cose di questa terra, non riesce a percepire la realtà della Gerusalemme Celeste che un cristiano è chiamato a raggiungere. Ho ottenuto tante grazie e posso testimoniare che senza conversione del cuore restano solo anomalie mediche, alla luce della Fede cambia tutto

    • Franco ha detto in risposta a Paolone

      Tutti i miracoli accertati in passato sono ancora oggi inspiegabili scientificamente, quindi l’unica obiezione valida in questo delirio viene a crollare.

  3. Aristarco De' Strigidi ha detto

    Senza miracoli, o per meglio dire, senza i “fabbricanti di miracoli”, il cristianesimo duemila anni fa neanche sarebbe mai nato.

    • giuliano ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      Non sono d’accordo con la sua affermazione. Se permette provo a dare una spiegazione al mio disaccordo:

      a) i miracoli del Vangelo presuppongono LA Fede e sono finalizzati a suscitare percorsi di Fede. MA aver Fede non necessariamente comporta il miracolo…;

      b) i miracoli nel Vangelo costituiscono segno e conferma dell’identità di Cristo e della sua missione divina. Ma senza il Gesù-uomo il Vangelo non potrebbe esistere…;

      c) i miracoli nel Vangelo sono in genere indicatori del genere di salvezza che Gesù propone. Appunto “propone”, non impone…;

      d) i miracoli nel Vangelo sono in genere indicatori del Bene che prevale sul Male, specialmente per l’anima delle persone. La “spettacolarizzazione” del miracolo passa quasi sempre in secondo piano…;

      e) i miracoli nel Vangelo non sono “classisti” e si ritrovano indistintamente a rincorrere “tutte” le tipologie di persone e censi. Meditate gente… soprattutto pensando ai “tipi” di società esistenti ai tempi di Gesù;

      f) i miracoli nel Vangelo nascono da valenze religiose e comportano un preliminare atteggiamento di preghiera (dichiarata o implicita). Quindi il concetto di Fede (essenziale ma NON esaustiva);

      g)i miracoli dei Vangeli hanno valenza “storica” in quanto tramandabili e tramandati (anche in Autori non cristiani come Giuseppe Flavio o pagani come Celso). Si fa fatica a tacitare il tutto col semplice “tutte balle….”;

      h) i miracoli dei Vangeli non sono negati persino dagli Autori giudei dei secoli successivi (ne parlavano male ma mai hanno smentito le “cose prodigiose”). Stesso risultato del punto g).

      Quanto precisato potrebbe far pensare che il Vangelo non potrebbe “stare in piedi” senza i miracoli ivi descritti. Ma non credo che la questione sia così automatica. Possiamo dire che i miracoli sono necessari alla nascita del cristianesimo, ma non sono anche sufficienti (da soli) alla nascita del cristianesimo.

    • Francesco ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      Caro Aristarco,
      la fede cristiana non si basa sui miracoli ma sulla resurrezione di Cristo. I miracoli sono tutti un contorno.
      E, mi lasci l’ardire, se Gesù fosse stato un normale uomo morto in croce e mai più risorto, non vedo perché i suoi discepoli si sarebbero messi in cammino in tutto il mondo ad annunciare la sua resurrezione fino al loro ultimo respiro, uccisi dai pagani come lo stesso San Pietro. Chi glie lo avrebbe fatto fare?

      • Mister R. ha detto in risposta a Francesco

        Francesco

        Non dimentichiamo San Paolo: Un giorno prima li massacrava e li odiava con tutta l’anima, il giorno dopo si converte, viaggia, scrive e si fa ammazzare per una setta dell’ebraismo perseguitata da tutti…

    • Mister R. ha detto in risposta a Aristarco De' Strigidi

      Aristarco De’ Strigidi

      Il cristianesimo è nato grazie a Gesù di Nazareth e l’unico miracolo fondamentale è la Sua resurrezione.

  4. Brunello ha detto

    Comunque l’ultimo miracolo è del 2008…mi pare che la scienza sia progredito abbastanza. Comunque a Lourdes si va per pregare, non per guarire

  5. alessandro pendesini ha detto

    -Cio’ che spiega la stragrande maggiranza dei miracoli non è altro che questo straordinario livello di speranza –o profonda convinzione- che provoca in determinati casi un’inondazione dell’organismo da linfociti « killer » (interferoni e altri antimicotici naturali prodotti sia dal sistema immunitario che da cellule tissulari) che uccidono le cellule cancerogene, ad esempio provocando a volte una totale remissione della malattia.
    -In questi e ben altri casi, l’autosuggestione (condizionamento emotivo o psichico) puo’ essere determinante sia per certe remissioni o guarigioni (effetto placebo), ma anche ESATTAMENTE il contrario, cioé la causa stessa di varie patologie (effetto nocebo).

    -Le nostre convinzioni (che dipendono dal cervello limbico, quindi dalle emozioni) possono essere utili per noi favorendo la guarigione, ma possono –in determinate situazioni- anche farci ammalare e persino ucciderci.
    Da testimonianze di antropologi, etnologi ecc…è stato accertato che nei Caraibi, molte persone credono nel Voodoo. E quando il mago lancia un incantesimo (l’equivalente di malocchio o malasorte) su di loro, possono in casi estremi ammalarsi e persino morire !

    • positrone76 ha detto in risposta a alessandro pendesini

      False ingerenze su tutta la linea.
      Le guarigioni sono istantanee non per processi lunghi (che vengono scartati).
      Dovrebbero guarire tutti ed invece guariscono solo quelli che accettano di essere malati.
      I medici del Bureau conoscono il fenomeno delle guarigioni spontanee.
      Non ci sono linfociti che ricostruiscono istantaneamente, ossa tagliate chirurgicamente.
      Questi tentativi di smentita sono del tutto irrazionali e privi di og i confronto con il fenomeno in oggetto

      • andrea g ha detto in risposta a positrone76

        Certo, ci ha messo un attimo a smontare la consueta marea di idiozie del tizio.
        Come segno, quando l’ego è fissato sul proprio orgoglio, se le inventa tutte.
        Grazie per la concisione, Positrone.

      • Sebastiano ha detto in risposta a positrone76

        E meno male che già il titolo recitava “Lourdes, la guarigione dev’essere istantanea e non spiegabile
        Ma il nostro i titoli non li legge nemmeno: parte lancia in resta con le sue spiegazioni di come funziona il cervello, convinto che tutti gli altri (compresa l’equipe di 27 medici del CMIL) siano ignorantelli al primo anno di medicina.

      • alessandro pendesini ha detto in risposta a positrone76

        Questi tentativi di smentita sono del tutto irrazionali e privi di og i confronto con il fenomeno in oggetto
        positrone76
        Da come risponde sono praticamente convinto che nella branca della neurofenomenologia sia molto vicino a ZERO !
        Se per caso dovessi sbagliarmi, me lo faccia sapere; vedro di descrivere qualche esempi relaivi a questi fenomeni neuronali, che certi illuminati attribuiscono -arbitrariamente e senza nessuna prova RAZIONALE ACCERTATA- a delle cause divine !……

  6. Agostino Melotto ha detto

    non siamo eterni…i miracoli servono solo a chi ne ha bisogno …credente o meno che sia. se col miracolo ci si può convertire …con la sua negazione si può essere atei o miscredenti. non è di per sé un valore e Gesù non li avrebbe fatti per creare dibattiti…

  7. Emanuele ha detto

    Lascio perdere le assurdità scritte dai soliti atei. Ne riporto solo una, giusto per sottolineare il livello di alcuni interlocutori.

    la percentuale di successo delle guarigioni avutesi a Lourdes è di gran lunga minore della percentuale di remissione spontanea di molte malattie nel resto del mondo.

    …geniale! In sostanza Lourdes è una specie di buco nero che annulla la probabilità di remissione spontanea di una malattia. Ma allora, pure in senso opposto, Lourdes avrebbe qualcosa di inspiegabile… Cosa la renderebbe così nefasta? Come gli effetti permarrebbero una volta tornati a casa? Mistero…

    Però voglio spendere una parola di plauso, ammirazione e ringraziamento peri volontari dell’UNITALSI, altro che farci i soldi! Solo chi ha conosciuto queste persone ne capisce la pietà e misericordia umana che le anima. Nessuno dovrebbe sparlarne, senza sapere nulla, nessuno dovrebbe mettere in dubbio quanto bene fanno ai malati e pellegrini.

    I volontari a differenza di chi scrive e basta lanciando accuse false a destra e sinistra, operano. Do un consiglio a chi vorrebbe vedere finire fenomeni come Lourdes: spengano il PC e aiutino concretamente qualche ammalato o disabile tutti i giorni… Vedrete che sentirà meno bisogni impellenti di andare a Lourdes. Quindi, cari miei, se volete far chiudere Lourdes la soluzione e nelle vostre mani… Se le togliete dalle tastiere.

    • alessandro pendesini ha detto in risposta a Emanuele

      Quindi, cari miei, se volete far chiudere Lourdes la soluzione e nelle vostre mani
      Emanuele
      Chi parla di “far chiudere Loudes” ???
      Qui si sta parlando di miracoli pretesi come eventi eterei, causati da divinità fantasmatiche, NON di certo far chiudere Lourdes ! Il ché -per pertinenti motivi-sarebbe assurdo. Come sarebbe assurdo proibire medicinali placebo, o l’omeopatia, in determinate patologie o disordini mentali.

      NB Da quello che leggo su questo sito, mi chiedo che conoscenze avete sulla neurofenomenologia per sostenere con accanimento e senza nessuna prova razionale le cause pretese divine dei miracoli !
      Non è mai capitato che un arto perso accidentalmente, o reciso per cause di gangrena, sia ricresciuto !
      -A Lourdes -dicono- ci sono molte stampelle ma nessuna gamba di legno……Da meditare

      • diacono ha detto in risposta a alessandro pendesini

        Si, che una gamba amputata e seppellita si sia riattaccata è successo, con tasto di attestazioni notarili sulle parole dei testimoni oculari: ma tanto chi non è disposto a credere, non si arrende nemmeno se vede un morto che risorge (Lc. 16.31)

      • Sebastiano ha detto in risposta a alessandro pendesini

        Immagino che le tue conoscenze siano di gran lunga superiori a quelle dell’equipe dei medici del Bureau…
        Puoi sempre mandargli una lettera dove gli spieghi come stiano prendendo abbagli colossali.
        Dopo puoi anche proporti come premio Nobel (occhio però a non fare la fine di Carrel).

        • alessandro pendesini ha detto in risposta a Sebastiano


          Immagino che le tue conoscenze siano di gran lunga superiori a quelle dell’equipe dei medici del Bureau…

          Caro Sebastiano (chi???)
          Posso confermarle che non so quasi niente su quasi tutto ! Ma rispetto a niente è già qualcosa. Un qualcosa che mi permette di costatare quanto siano “strambi” IRRAZIONALI ma anche falsi certi articoli del sito, e risposte fantasmagoriche che vengono date da certi cattolici….

          A proposito di “miracoli” : Molto diverso sarebbe il problema se si partecipasse a un evento non improbabile ma impossibile. Purtroppo, se tali fenomeni esistono in letteratura, non sono mai stati osservati e valutati da una commissione scientifica degna di questo nome……..

          Così, in tutti gli archivi che si accumulano nell’ufficio del dottore Patrick Theillier ; cattolico, difensore di EMI – NDE !!!, « collega » di un certo Dr.Carbonier il quale sostiene e diffonde false simmetrie spacciate per « scientifiche » e che ho personalmente screditato su wikipedia e via EMAIL ( veda
          Il mio articlo su https://fr.wikipedia.org/wiki/Expérience_de_mort_imminente )

          Questo la dice lunga sulle competenze scientifiche, o considerate tali, del Dr Theillier, permanente dell’ufficio medico del santuario di Lourdes !!!… Nei suoi dossier –lo ignorasse- non si trova nessuna traccia di resurrezione, e nessun membro amputato che sia cresciuto …

          Invece di fare lo spiritoso, in ricerca di visibilità, si ponga la domanda del perché se il dolore che avverte in caso di malattia e ci incoraggia a curarsi, PERCHE PERSISTE , SPESSO AL DI LA DI QUELLO CHE E’SOPPORTABILE, quando la cura non ha dato nessun risultato positivo e si prevede inevitabilmente la morte?!!!!!

          Queste sono le domande alle quali l’UCCR (R come razionale) deve imperativamente rispondere !…… altro che pretesi e osannati « miracoli »….

          • alessandro pendesini ha detto in risposta a alessandro pendesini

            errata corrige

            vedi
            Discussion:Expérience de mort imminente/Archives 1 — Wikipédia
            DUALISME OU MONISME CEREBRAL ? https://fr.wikipedia.org/wiki/Discussion:Expérience_de_mort_imminente/Archives_1

            • Brunello ha detto in risposta a alessandro pendesini

              Insomma per Alessandro la commissione medica di Lourdes è composta da incapaci o corrotti. Che poi se fosse così basterebbe fare esaminare i dati da un medico in gamba e si distruggerebbe la fama di Lourdes. Negare tutto quello che potrebbe smentire le proprie convinzioni è molto comodo… Ed anche un po’ ottuso

          • lorenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

            Mi sapresti spiegare scientificamente come possono improvvisamente ricrescere 10 centimetri di osso asportati, per evitare la necrosi, dalla gamba destra di una persona affetta da tubercolosi ossea multipla fistolosa?

          • lorenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

            Caro Alessandro,
            tu scrivi: “Purtroppo, se tali fenomeni esistono in letteratura, non sono mai stati osservati e valutati da una commissione scientifica degna di questo nome……..”
            Chi ha personalmente asportato i 10 cm di osso di cui sopra scrive: “… ma l’osso che ho operato io, che con le mie mani ho tolto dalla tua gamba, è ricresciuto!”
            Aspetto sempre la tua spiegazione scientifica.

            • alessandro pendesini ha detto in risposta a lorenzo

              … ma l’osso che ho operato io, che con le mie mani ho tolto dalla tua gamba, è ricresciuto!”…
              Lorenzo
              Non sono al corrente de caso che citi cosi come dell’affidabilità o pertinenza delle fonti…..
              Quello che posso affermare, senza esitazione o paura di essere ridicolizzato, che NON ESITE NESSUN CASO DIMOSTRATO E BEN DOCUMENTATO CHE UNA GAMBA RECISA, ad esempio SIA IN SEGUITO MIRACOLOSAMENTE CRESCIUTA ! O che una persona CLINICAMENTE MORTA abbia potuto essere miracolosamente rianimata …Ripeto NESSUN CASO…..
              Con speranza di essere stato chiaro….

              • lorenzo ha detto in risposta a alessandro pendesini

                Questo è il caso dell’osso ricresciuto:
                https://www.uccronline.it/2012/10/25/lourdes-lincredibile-guarigione-di-elisa-aloi-con-osso-ricresciuto/

                Riguardo alla gamba ricresciuta ed alla resurrezione di un morto, potresti informarti sul miracolo del “Pilar” e sull’evangelico Lazzaro ma, immagino, per te i testimoni di tali fatti non sono attendibili per principio e, di conseguenza, anche tali fatti non sono veri; quanto a me, i miracoli, pur belli, piacevoli a vedersi ed intriganti nella distinzione del vero dal falso, non sono certamente alla base della mia fede.

                  • lorenzo ha detto in risposta a Enrico

                    Grazie del link dell’articolo.
                    A questo punto però mi domando come sia stato possibile che, nel 1640, in un atto notarile vengano esattamente descritti i postumi clinici conseguenti ad un’operazione di attaccamento di una gamba: vuoi vedere che “qualcuno” è pronto a sostenere che la gamba non è ricresciuta ma è stata semplicemente riattaccata grazie alle conoscenze scientifiche della medina di allora (o forse di qualcuno venuto dal futuro) che era in grado di riattaccare gambe amputate da anni? 😉

                    • Enrico ha detto in risposta a lorenzo

                      L’unica obiezione possibile che può essere fatta è che anche nel caso in cui si riprenda ad utilizzare una gamba dopo un lungo periodo di inerzia vi sia un decorso analogo. Se non ricordo male è questa una delle strade battute dal Cicap nei suoi articoli in cui “tira ad indovinare” facendo una serie di ipotesi per cercare di dare una spiegazione ai fatti di Calanda; il Pellicer sarebbe stato un accattone che – per guadagnarsi da vivere – avrebbe simulato l’amputazione della gamba, tenendosela in realtà ripiegata su se stessa per tutto il tempo e venendo non a caso smascherato di notte, quando non immaginava di essere visto. Questa ipotesi cozza con numerosi dati fattuali della vicenda (la testimonianza dei medici che gli avevano amputato la gamba, la sepoltura del moncone tagliato , più banalmente il fatto che si tratta della spiegazione sulla carta più ovvia ed è difficile capire come meno di cinque secoli fa i notai e tutti gli altri personaggi coinvolti nella vicenda siano stati così sprovveduti da non escludere la spiegazione più semplice), però – non essendo medico – mi è sempre rimasto il dubbio se dal punto di vista della medicina il decorso descritto negli atti notarili sia solamente coerente con l’ipotesi di una gamba “riattaccata” o se proprio escluda altre possibili spiegazioni. In altre parole, se io ora tenessi la gamba ripiegata su se stessa per giorni e giorni senza muoverla, suppongo che perderebbe di tono muscolare ma arriverebbe anche – una volta ripresi i movimenti- ad assumere l’aspetto descritto negli atti? Se qualche medico ci legge, sarebbe interessante conoscerne il parere (anche se il fatto che il primario Cugola abbia ritenuto la cosa di tale interesse da farne un paper mi porta a supporre che quelli descritti siano i sintomi tipici ed esclusivi del decorso di un riattaccamento).

                • Sebastiano ha detto in risposta a lorenzo

                  Anche se ci fosse un caso di gamba recisa e poi ricresciuta improvvisamente si inventerebbe la qualunque…
                  Vedi sopra: cita un articolo suo sulle esperienze di morte imminente, credendo di screditare la serietà scientifica di un intero gruppo di 27 medici, non esattamente alle prime armi.
                  Tecnica vecchia, del resto: parlare d’altro per svicolare dal punto.

                  • alessandro pendesini ha detto in risposta a Sebastiano

                    Caro Sebastiano
                    Ho lei NON capisce quello che scrivo o è di malafede !

                    Ifatti, quando affermo « Così, in tutti gli archivi che si accumulano nell’ufficio del dottore Patrick Theillier ; cattolico, difensore di EMI – NDE»…..…
                    Quando un medico di nome Theillier, ex responsabile permanente dell’ufficio medico del santuario di Lourdes, ritiene che le Esperienze di Morte Imminente (EMI) siano da considerare eteree, divine,… quando sappiamo –e questo è stato accertato che è indiscutibilmente falso !!!
                    Se avesse dei dubbi, me lo faccia sapere, potro’ inviargli ulteriori e pertinenti chiarimenti….

                    Non le pare che a questo punto sia legittimo dubitare che Theillier abbia delle eventuali competenze nella branca della neurofenomenologia, quindi di fenomeni puramente neurologici tra i quali i pretesi « miracoli » divini ?

                    Non mi risulta inoltre che Theillier sia un neurologo, sarebbe il colmo !

                • Klaud ha detto in risposta a lorenzo

                  Lorenzo,
                  visto che il miracolo è avvenuto alla fine degli anni ’50, invece di tante parole, una radiografia del ‘prima‘ e del ‘dopo‘, no? Ho cercato, ma non ho trovato.

                  • lorenzo ha detto in risposta a Klaud

                    Mi meraviglio del tuo intervento: credi forse sia possibile gestire patologie ossee senza radiografie? Come credi sia possibile affermare che un osso è ricresciuto senza confronti radiologici?

                    • Klaud ha detto in risposta a lorenzo

                      Mi meraviglio della tua meraviglia: ho chiesto se vi sono radiografie in rete. Sarò beato se potrò credere avendo visto… 😆

                    • Kosmo1 ha detto in risposta a lorenzo

                      @Klaud
                      si vede che hai cercato poco e male:
                      https://youtu.be/h06AGbwQgUk?t=2m55s

                    • lorenzo ha detto in risposta a lorenzo

                      Klaud, riguardo alla guarigione della tubercolosi ossea, nemmeno io ho trovato ho trovato in rete le radiografie ma, se qualcuno chiede al “Lourdes Medical Bureau”, non credo si rifiutino di farle vedere: non credo sia infatti possibile diagnosticare né lo stato di avanzamento della tubercolosi ossea multipla fistolosa né sapere dove intervenire chirurgicamente senza radiografie perché sarebbe magia e non scienza medica.

                    • Klaud ha detto in risposta a lorenzo

                      Kosmo1,
                      poco e male esattamente come quello che hai trovato tu: non ci sono radiografie ma solo l’affermazione della Aloi che gli hanno ‘tagliato 10 centimetri di osso‘. Non sono un chirurgo, ma cosa significa tagliare 10 cm di osso? Che io sappia si taglia il femore per impiantare una protesi, altrimenti cosa rimane, una gamba ‘molle’ e penzolante? Gli hanno accorciato una gamba? Che la verità sia che hanno tolto una decina di cm di osso ma senza resecarlo totalmente, solo superficialmente e da un lato? In questo caso la ricrescita è un evento comune, osservato molte volte in scheletri antichi con segni di ferite, anche gravi, che si sono riparate appunto con la ricrescita dell’osso.

                      Lorenzo,
                      anch’io credo che siano state fatte delle radiografie, ma mi insospettisce il fatto che in tutte le interviste nessuno pensa di chiedergliele e lei di mostrarle.

                    • Kosmo1 ha detto in risposta a lorenzo

                      @Klaud:
                      ma sei cieco?
                      Nel filmato postato (trovato in 3 secondi 3) nel punto postato viene fatta vedere la radiografia, esattamente al punto 2:56!

                    • lorenzo ha detto in risposta a lorenzo

                      Klaud, chi ceca trova: al min 12.48 (-14.06) le due radiografie di prima e dopo a confronto; se poi prosegui viene anche mostrata la cicatrice da cui fuoriusciva l’osso nero in necrosi che veniva drenato (13.43/-13.10)
                      https://gloria.tv/video/o84HyQiCuDYD3hGBrk3S1Yr9R

                    • lorenzo ha detto in risposta a lorenzo

                      @Kosmo1
                      La radiografia da te indicata è quella dell’anca ricrescita a Vittorio Micheli: altro miracolo in cui le radiografie attestano la ricrescita ossea.

    • andrea g ha detto in risposta a Emanuele

      “geniale! In sostanza Lourdes è una specie di buco nero che annulla la probabilità
      di remissione spontanea di una malattia. Ma allora, pure in senso opposto,
      Lourdes avrebbe qualcosa di inspiegabile”

      Proprio così, Emanuele, il seriale multinick ossessionato non è neppure in grado
      di rendersi conto delle proprie intrinseche contraddizioni.

  8. Andrea2 ha detto

    Articolo interessante che spiega chiaramente la differenza fra un evento inspiegabile ed una guarigione spontanea anche se poi, dato che non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, c’è chi continua a fare finta di non capire cosa significhi una guarigione istantanea.
    L’articolo però non spiega perché sia più difficile ora che vengano riconosciute delle guarigioni inspiegabili rispetto ad un tempo. Il motivo è che perché una guarigione inspiegabile venga esaminata occorre che vi sia una completissima documentazione medica sia pre che post l’evento per cui ora la quantità di esami che si richiede è andata grandemente aumentando per cui non sempre, specie per il pre, è possibile averli tutti.
    L’articolo non dice che le guarigioni che ci sono state ma che non sono state inserite nelle 70 riconosciute sono circa 7500 e che tra queste rientra anche quella dotata della testimonianza di un premio Nobel della medicina ateo che in tale occasione si è convertito. Non dice nemmeno che ci sono anche persone che sono state oggetto di guarigione miracolosa ma che non se la sono sentita di ricevere pubblicità e di essere esaminati per anni dalla commissione medica.
    Riguardo alla sciocchezza detta da Emile Zola sul fatto che a Lourdes, tra gli ex-voto, non ci sono gambe di legno, ho già avuto occasione di dire che ho visto le lastre pre e post evento dell’ultima guarigione inspiegabile riconosciuta e che purtroppo si tratta di un tipo di lastra che avevo già visto e che quanto accaduto è molto più inspiegabile di una gamba ricresciuta.
    P.S. Non chiedetimi alcunché, non rispondo ad alcuno a causa della presenza continua di disturbatori seriali.

  9. Brunello ha detto

    Sono completamente d’accordo con Paolone, va duramente punito che imbroglia i malati promettendo una guarigione sicura ed immediata a Lourdes. Mi aspetto adesso un elenco completo di questi imbroglioni perché io non ho mai sentito nulla del genere da parte della chiesa, non vorrei che il signor Paolone abbia fatto dei discorsi da bar sport accusando in modo generico senza avere la minima prova di quello che dice 🙂

« nascondi i commenti