Archeologia: trovata probabilmente la tomba del biblico profeta Zaccaria

Archeologi israeliani hanno trovato in questi giorni un’antica chiesa fuori Gerusalemme, la quale potrebbe essere il luogo di sepoltura del biblico profeta Zaccaria. Il Dailymail spiega che la chiesa bizantina è stata ritrovata tra le colline della Giudea. Il direttore degli scavi, Amir Ganor dell’Israel Antiquities Authority, ha rivelato che la chiesa è stata distrutta da un terremoto circa 1.300 anni fa. Secondo gli studiosi dell’Antiquities Authority, la camera sepolcrale presente sotto l’altare della chiesa potrebbe essere stata la tomba del profeta Zaccaria, conosciuto dal libro omonimo scritto, scritto attorno al 520 a.C., nel quale si racconta del ritorno degli ebrei dall’esilio di Babilonia e la ricostruzione del Tempio. «Il pavimento -osservano gli archeologi- presenta uno dei più bei mosaici scoperti in Israele negli ultimi anni, unico nel suo artigianato e nel livello di conservazione». Come molte strutture antiche, la chiesa è stata costruita su basi ancora più antiche, di circa 500 anni, risalenti all’impero romano e al periodo del secondo Tempio ebraico. Sono presenti diverse pietre scolpite con delle croci e sotto l’edicio è presente una rete di tunnel che gli archeologi ritengono possano essere stati usati dagli ebrei durante i combattementi contro gli eserciti romani nel 132 d.C. La notizia è apparsa anche su FoxNews.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

35 commenti a Archeologia: trovata probabilmente la tomba del biblico profeta Zaccaria