Dacia Maraini, una femminista con tanti pregiudizi

Dacia MarainiAbbiamo parlato recentemente della scrittrice Dacia Maraini in occasione della pubblicazione del suo ultimo libro, dove si è inventata una Santa Chiara femminista e anticlericale.

Torniamo a parlarne a causa di un articolo sul “Corriere della Sera”. Nel solito pippone tardo-femminista sull’anacronistica festa dell’8 marzo, la 77enne femminista –definita da alcuni media “icona della sinistra più becera e fanatica”- ha spiegato che negli USA nessuno si fila questa data, considerata un’ossessione europea. Si lamenta del fatto che nell’America di Barack Obama sta «avanzando una nuova e preoccupante misoginia», fatta di «rutilanti e anonimi insulti verso chi chiede maggiore uguaglianza». Dopo aver sorprendentemente celebrato le «università private» -la maggior parte, suo malgrado, di tipo confessionale– come isole di vero progresso, non poteva risparmiarsi un attacco all’odiata Chiesa cattolica, definendola «immobilista e misogina per tradizione».

La Maraini è una scrittrice non certo una studiosa, altrimenti conoscerebbe gli studi del Henry Chadwick, storico della Chiesa dell’Università di Cambridge, secondo cui «il cristianesimo sembra aver riscosso un successo speciale fra le donne. E’ stato spesso attraverso le mogli che esso ha raggiuntole classi elevate nei primi tempi» (H. Chadwkic, “The Early Church”, Penguin Books 1967, p. 56). Ma perché questa sproporzione numerica di donne rispetto agli uomini, che permane ancora oggi nel mondo cattolico? Rodney Stark, tra i più celebri sociologi della religione viventi, lo ha spiegato così: «Perché il cristianesimo offriva loro una vita enormemente superiore a quella che avrebbero altrimenti condotto» (R. Stark, “Il trionfo del cristianesimo”, Lindau 2012, p. 162)

La Chiesa cattolica (la Chiesa stessa ha un articolo femminile perché –come spiegato da Papa Francesco- «la Chiesa è donna, è madre», è la sposa di Cristo) contribuì infatti a redimere il valore della donna rispetto al passato, ad esempio grazie alla nuova e radicale posizione su alcuni aspetti della vita sociale: perché il matrimonio fosse valido davanti a Dio il volere della donna doveva essere sincero. Il laicissimo storico del medioevo, Jacques Le Goff, ha ricordato: «Credo che tale rispetto della donna sia una delle grandi innovazioni del cristianesimo; pensiamo alla riflessione che la Chiesa ha condotto sulla coppia e sul matrimonio, fino a giungere alla creazione di tale istituzione, ora tipicamente cristiana e, cosa fondamentale, un atto che non può realizzarsi se non con il pieno accordo dei due adulti coinvolti […] Il matrimonio diventa impossibile senza l’accordo dello sposo e della sposa, dell’uomo e della donna: la donna non può essere data in matrimonio senza il suo consenso, essa deve dire sì».

Non solo, ricordiamo la proibizione dell’adulterio anche per il marito, il rispetto della vedovanza delle donne e della loro eventuale infertilità, non più vista come malattia. Proprio recentemente il prof. Miguel Gotor, docente di Storia moderna presso l’Università di Torino, ha spiegato che i cristiani «hanno prevalentemente costruito un modello cognatizio che consente il trasferimento della parentela e della relativa eredità in ugual misura sia ai maschi sia alle femmine». Tali relazioni «proprie del cristianesimo hanno favorito una progressiva parità tra uomo e donna».

Per chi volesse approfondire è possibile consultare il nostro dossier storico su questo tema. La Chiesa cattolica tradizionalmente ha favorito la parità tra gli uomini e tra l’uomo e la donna, le femministe dovrebbero iniziare a studiare, non è mai tardi anche ad una certa età, e mettere da parte i pregiudizi sessisti.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

7 commenti a Dacia Maraini, una femminista con tanti pregiudizi

« nascondi i commenti

  1. EquesFidus ha detto

    La Maraini è un residuato bellico del ’68, e di suo non sarebbe un problema dato che, a parte la cerchia dei “soliti noti” genderisti ed anticristiani. Purtroppo, certe idee si sono incancrenite e cronicizzate nelle menti di molte persone, a tal punto che una certa concezione della Chiesa, vista come misogina e opprimente, è ormai un fatto assodato dai più: oggi stesso, per esempio, ho letto un commento su un social network dove si lanciava una frecciatina velenosa alla Chiesa, vista come cupa ed oppressiva. Le uniche soluzioni a questo analfabetismo di ritorno, questa crassa ignoranza storica e religiosa, questa cancrena suppurata sono la preghiera e l’aderenza e il propagare in maniera vera e fedele la Santa Dottrina: non c’è altro modo per sfuggire al desolante panorama religioso attuale, fertile terreno per ogni eresia e fonte di cibo per i personaggi come la Maraini.

    0
  2. EquesFidus ha detto

    Seconda riga prima del punto, scusate: “, praticamente nessuno la conosce e le dà retta”.

    0
  3. gladio ha detto

    Se si facesse un referendum come in Crimea per l’ annessine dell’ Italia alla Russia io, sinceramente , voterei per l’ annessione.

    Scusatemi ma non se ne può proprio più: femministe da strapazzo, abortisti, eutanasisiti, uteri in affitto, idealogia di gender, propeganda omosessuale nelle scuole…

    Almeno Putin farebbe le ” pulizie di primavera” togliendoci di torno, una volta per tutte,tutta questa porcheria.

    0
  4. nicola ha detto

    Non sottovaluterei il fatto che Dacia Maraini scriva un libro su Santa Chiara.
    Naturalmente esprimendo il suo modo di vedere le cose.

    0
    • Sebastiano ha detto in risposta a nicola

      Boh, che significa?
      Vuoi dire che è interessante che la Dacia “paladina dei diritti delle donne” (ma solo quando questi coincidono con la sua ideologia, e anche a corrente alternata) scriva qualcosa per aver modo di parlare male della Chiesa?
      Mah, sinceramente traggo maggior giovamento con altre letture…

      0
    • Ottavio ha detto in risposta a nicola

      Offendere la memoria di santa Chiara pur di attaccare la Chiesa e tirare acqua al mulino laicista è certamente da sottovalutare e da criticare. Dacia Maraini non esprime il suo modo di vedere le cose, Dacia Maraini vuole solo aggredire ciò che odia.

      0
« nascondi i commenti