Lo storico ebreo Gilbert: «Vaticano e Pio XII salvarono migliaia di ebrei»

Ormai, a parte il rabbino Riccardo Di Segni e pochi altri, sono davvero numerosi gli storici ebrei a favore dell’operato di Pio XII circa le sorti degli ebrei durante la dittatura nazista.

L’ultimo in ordine cronologico ad esprimersi è stato Martin Gilbert,  storico di origine ebraica famoso come biografo ufficiale di Winston Churchill e come uno dei più noti studiosi dell’Olocausto, autore di 72 libri, molti dei quali sull’argomento.  Ha dedicato gran parte della sua vita a declassificare i documenti e verificare testimonianze sulla storia ebraica. 

Ha affermato il mese scorso: «Come storico ebreo, ho a lungo sentito il bisogno di rivelare pienamente l’aiuto cristiano agli ebrei durante la Seconda Guerra Mondiale e la storia degli uomini che sono stati coinvolti nel salvataggio». Gilbert ha anche parlato del ruolo del Vaticano e dei suoi rappresentanti: «All’inizio erano soprattutto preoccupati per il destino degli ebrei che si erano convertiti al cristianesimo, ma quando il delitto divenne evidente il Vaticano ha espresso preoccupazione non solo per la loro macellazione, ma  ha incoraggiato i rappresentanti pontifici in Europa a compiere ogni sforzo a favore dei perseguitati».

Cadono dunque le accuse a Pio XII, il quale «ha ritenuto, a mio parere correttamente, che l’intervento diretto avrebbe avuto conseguenze disastrose nelle forme di rappresaglia e un’escalation di persecuzione. Scomunicando Hitler non avrebbe ottenuto altro che aumentare la persecuzione dei cattolici sotto la loro sfera di controllo». Gilbert ha poi raccontato che «sacerdoti e vescovi cattolici hanno lavorato per salvare gli ebrei in ogni paese in cui venivano minacciati, tra cui Francia, Italia e Polonia, paese che era in vigore la pena di morte per coloro che aiutavano gli ebrei». Molti cattolici vennero massacrati per questi aiuti, come accadde alla famiglia Ulma (di cui è stato avviato il processo di beatificazione).

«In Ungheria», ha proseguito lo storico ebreo, «il Nunzio Apostolico Angelo Rotta ha condotto uno sforzo diplomatico tale da salvare oltre un centinaio di migliaia di ebrei. In Francia, la Chiesa cattolica è stata molto attiva nel salvare decine di migliaia di persone e in Italia, chiese e monasteri sono stati i primi a salvare vite umane. Quando le SS vennero a Roma, la Santa Sede prese sotto la sua protezione centinaia di migliaia di ebrei, accogliendoli in Vaticano e incoraggiando nel contempo tutte le istituzioni cattoliche a fare altrettanto». «Grazie a queste iniziative», ha quindi concluso, «meno di un quarto di tutti gli ebrei romani furono imprigionati o deportati. La Chiesa cattolica è stata al centro di questa grande operazione di salvataggio. Io la definisco un’opera sacra».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

39 commenti a Lo storico ebreo Gilbert: «Vaticano e Pio XII salvarono migliaia di ebrei»

« nascondi i commenti

  1. Mattia ha detto

    Ricapitolando la Chiesa durante il nazismo:

    1) ha condannato l’ideologia razzista.
    2) ha aiuato gli ebrei a salvarsi.
    3) ha complotato per spodestare Hitler.
    4) è stata lei stessa perseguitata.

    Eppure per taluni… era complice di Hitler. Roba da matti!

    0
    • Andrea ha detto in risposta a Mattia

      Semmai sapevo che Stalin imbavagliò gli Ebrei che volevano stendere un libro nero del nazifascismo… L’ho saputo da quei teapartisti che hanno scritto il mio libro di Storia del Liceo 😀 😀 .

      0
      • Mattia ha detto in risposta a Andrea

        Pare che ad un certo punto Stalin volle imitare Hitler pensando di rinchiudere gli ebrei sovietici nei gulag, progetto che non realizzò perché morì prima, il cossidetto “complotto dei camici bianchi”

        0
        • Andrea ha detto in risposta a Mattia

          Hitler, Stalin e Mussolini, si ammiravano tutti e tre reciprocamente e non ne facevano mistero. È così palese che per documentarsi basta un nonnulla con un qualsiasi motore di ricerca generico, purtroppo non trovo i manifesti fascisti con Lenin e Stalin dipinti col braccio teso in segno d’ammirazione, ma la reciproca ammirazione nel triangolo totalitario Berlino-Mosca-Roma c’era eccome.

          0
          • J.B. ha detto in risposta a Andrea

            Che Hitler ammirasse Mussolini è saputo, e anche Stalin ammirasse Hitler, non sono a conoscenza di reciproca ammirazione di Hitler e Mussolini verso Stalin (anche se il Fuhrer riprese il gulag sovietico trasformandolo in campo di concentramento, almeno questo mi hanno insegnato alla medie), e non nascondo che mi piacerebbe saperne di più, dove posso trovare queste informazioni?

            0
          • andrea ha detto in risposta a Andrea

            C’è una logica perfetta: sia l’imbianchino austriaco che il georgiano truzzo che il nostro babbeo olio di ricino&manganello erano atei.

            0
            • andrea ha detto in risposta a andrea

              Prima l’austriaco ammirava mussolino, poi mussolino ha ricambiato con le orrende Leggi razziali e concludendo con i repubblichini ad aiutar le ss a caricare gli Ebrei sui treni blindati.
              Tre demoni.

              0
  2. Vincenzo ha detto

    Torno da una vacanza a Budapest dove ho visto la targa marmorea sistemata dagli ungheresi nei pressi della Nunziatura in ringraziamento per l’opera umanitaria svolta dal nunzio Angelo Rotta in favore degli ebrei durante i terribili anni della seconda guerra mondiale. La guida turistica spiegava che gli ungheresi sono molto grati x quanto fatto dal cattolicesimo in favore dei perseguitati dal nazismo. A Budapest ho anche visitato il cosidetto “museo del terrore” in cui sono efficacemente rappresentate situazioni terribili di repressione, prigionia e tortura prima inflitte dai nazisti e dalle locali “croci frecciate” e poi dai comunisti, soprattutto a seguito dei fatti tragici del 1956. E’ una impressionante rappresentazione di quanto male abbiano fatto due delle ideologie anticristiane del xx secolo….. e poi qualcuno se la viene ancora a prendere con Pio XII….!?..

    0
    • Luca ha detto in risposta a Vincenzo

      io vado a Budapest a Novembre, pensavo di non andare a museo del terrore per non dover stare con l’angoscia, ma ora che leggo ciò che scrivi credo che invece lo visiterò. Se uno non vede coi propri occhi non capisce.
      Ciao

      0
  3. Lupo ha detto

    Si VERISSIMO. Subito poi di firmare il concordato con la Germania nazzista … Non parlando poi di saluto HEIL HITLER in ogni ufficiale occasione FISSANDO DEI FLASH DEI FOTOGRAFI ( le foto si possono AMMIRARE all, internet che e piena di quel verace tempo racchiuso ed impietrito in una peliccola e PERCHE PURTROPPO DIVENTATE DI DOMINIO PUBBLICO) Veramente un grande coraggio e una forza morale per le pecore smarrite accecate dalla propaganda politica ..non menzionando quello che succedeva durante le messe, durante cui proseguiva la loro indottrinazione e di che parlarono dei nostri nonni…. La CHIESA si rivela grande LUMINARE che sottolinea il buio.. Per fortuna ci siamo fatti le ossa gia dal basso medio evo coi suoi roghi spettacolari con cui strappava autorità dai cuori pensatori liberi illuminati…. Un vincolo ceco.. . Una vera fiaccola accesasi dalla vergogna di color scarlatto , un buon esempio di NEUTRALITÀ CHRISTIANA. Mi chiedo ma storicamente puo parlare , trova le parole ancora. E un vero bastione ed una fortezza un castello sulla sabbia. Non voglio perorare sulla sua pedofilia con cui sembra tutti danno addosso , che non capisco perche aspettavano 2009 in poi. Non mi sembra tanto convincente. Senza congiure si notano tante congiunture . Ma gia i suoi tentacoli ovunque … Che come cancro si diffende .. Prima di morire.. Un serpente che si morde la coda// Sinceramente SENZA COMMENTO

    0
    • Salvatore ha detto in risposta a Lupo

      Ma questo da quale manicomio è riuscito a scappare?

      0
    • Moon85 ha detto in risposta a Lupo

      che bel concentrato di leggende anti cattoliche! All’estero manca proprio un sito come Uccr!

      0
    • EquesFidus ha detto in risposta a Lupo

      Secondo me è una supercazzola, manca soltanto un “terapia tapioco” e un “antani” ogni tanto ed è perfetta.

      Detto questo è desolante ed offensivo leggere cose del genere (da quel che si può capire da un testo scritto in questo modo). Proprio vero che la gente non conosce la storia: siamo ancora alle foto del Papa che fail saluto hitleriano (tagliate artificialmente solo per fare propaganda anticattolica, basta cercare un po’ e si trovano subito quelle originali), la Chiesa vista come un’entità maligna e contraria al progresso (qualcuno di recente mi ha detto che metteva al rogo le “persone intelligenti”), magari che difende i pedofili come si evince dall’ultima parte del discorso (almeno credo). E poi ovviamente si conclude dicendo che è un cancro che sta venendo estirpato. Certo, un cancro: uno di quei cancri per cui se abbiamo le più belle opere d’arte, una cultura con dei fondamenti elevati, la scienza stessa lo dobbiamo a Lei, la Sposa di Cristo, che da 2000 anni illumina le genti. Altro che Stalin, Hitler e compagnia.

      0
      • Paolo Cattani ha detto in risposta a EquesFidus

        “non conosce la storia” e neanche l’ortografia, la sintassi, la morfologia… Al lupo, al lupo!!!

        0
    • Vincenzo ha detto in risposta a Lupo

      Ma sei capace di scrivere in un italiano almeno decente? complimenti alla tua ignoranza! Per la sostanza delle tue argomentazioni….. meglio stendere un velo pietoso….

      0
    • Leon ha detto in risposta a Lupo

      Ok,gli slogan sono in maiuscolo?X)

      a)Hitler non era nè cristiano nè ateo,era per la sua religione,infatti il nazismo non era soltanto un movimento politico.Era una fideistizzazione religiosa dello stesso pensiero politico.Questo è testimoniabilissimo da tutte le ritualità che le SS usavano.Il mito della razza ariana,del superuomo tedesco,sono tutti aspetti che sono inclusi nei fenomeni religiosi.

      b)Sono distinte foto di esponenti che prima della guerra mondiale socializzavano con il partito nazista.Sia in Francia,sia in Inghilterra,sia in paesi non coinvolti nella sudetta ideologia.E dunque questo non significa che la classe politica,che per motivi diplomatici,dialogava con Hitler,per evitare la guerra, fosse nazista.Ti basti pensare al patto Molotov- Ribbentrop,protratto con Stalin e poi abiurato.

      c)Mio nonno a combatutto in Eritrea e tanti nonni italiani furono costretti a combattere,molti di questi in seguito entrarono nella resistenza.E dunque vuoi condannarli perchè furono costretti?

      d)Sul “luminare” starai confondendo con l’illuminismo.

      f)Sull’inquisizione un pò di cultura da (pg 8 a pg 27 ma non fa male leggerselo tutto),il libro è di Adriano Prosperi,è stato uno dei massimi studiosi italiani sulla tematica e a scritto per Reppublica,Corriere della sera ecc.Cosi leviamo la scusante del “di parte”,ti consiglio il libero pensiero,ma che sia libero sul serio.

      Puoi consultarlo online qui

      http://books.google.it/books?id=29eSBdfQ7AcC&printsec=frontcover&dq=l%27inquisizione&source=bl&ots=tvRPrU_D6E&sig=4Va5WgWTFWGz21iHa6QHY9xgyRM&hl=en&sa=X&ei=akc2UP-EHani4QSUpIG4Dw&redir_esc=y#v=onepage&q=l%27inquisizione&f=false

      g)Se non sbaglio il mondo è pieno anche di atei pedofili,forse non hai rifletuto che la pedofilia,riguarda altra cosa dal credo religioso e politico e è una patologia.

      “Pedofilia

      Anomalia del comportamento adulto caratterizzata dal provare attrazione sessuale per i bambini. Si tratta di un grave disturbo della personalità, che può risultare molto pericoloso, giacché, spesso, i pedofili, per soddisfare il proprio desiderio, fanno ricorso alla violenza. E’ pur vero, però, che chi è affetto da tale disturbo non è assolutamente in grado di percepire il proprio comportamento, né di comprendere qual è il danno (anche “semplicemente” psicologico) arrecato ai minori, che solitamente non sono in grado di capire cosa sta accadendo loro. E’ indispensabile visita psichiatrica.”

      Ovviamente deprecabile per chiunque la attui.

      f)Ti lascio un’aforisma di Paolo Poli:

      “La mente è come l’ombrello: per funzionare deve essere aperta.”

      0

      • Azaria ha detto in risposta a Leon

        Concordo su tutto, ma la l’aforismo citato non è adatta a lupo… prima di aprirla la mente dovrebbe averla 😉

        0
        • Leon ha detto in risposta a Azaria

          Penso che ogni infividuo abbia una mente,ma ovviamente penso anche che bisogni mantenerla non ideologizzata,perchè se la ideologizza effetivamente è come non averla mai posseduta.X)

          0
  4. andrea ha detto

    Molto bello questo articolo di antiuaar dal titolo “Benito Mussolini: ecco tutto l’anticlericalismo del famoso ateo”.

    http://it-it.facebook.com/note.php?note_id=177781138918241

    0
  5. Mum ha detto

    Nessuno storico ha mai affermato che dal Vaticano non si sia fatto niente niente a favore degli ebrei ed infatti lo stesso Gilbert afferma: “…ma quando il delitto divenne evidente il Vaticano ha espresso preoccupazione”. E’ proprio questa l’accusa che tanti rivolgono a PioXII, cioè di aver usato pubblicamente la sponda del fascismo per poter rinsaldare il primato (politico e non morale) della Chiesa e non aver mosso dito se non quando la situazione si fece drammatica. Un capitolo a parte meritano invece a quei sacerdoti e semplici cittadini che diedero fin da subito protezione agli ebrei, ma non per questo dobbiamo dimenticarci che sia nelle truppe tedesche che italiane non mancavano i cappellani cattolici, così come nella società civile sacerdoti, ed a più alto grado vescovi e cardinali, che appoggiassero la causa fascista o nazista.

    0
    • Piero ha detto in risposta a Mum

      A parte che, da quando sei qui, ti sei coperto piu’ volte di ridicolo, dovresti avere il pudore di tacere quando non sai le cose…

      Un capitolo a parte meritano invece a quei sacerdoti e semplici cittadini che diedero fin da subito protezione agli ebrei, ma non per questo dobbiamo dimenticarci che sia nelle truppe tedesche che italiane non mancavano i cappellani cattolici, così come nella società civile sacerdoti, ed a più alto grado vescovi e cardinali, che appoggiassero la causa fascista o nazista.

      Per non parlare di tanti emeriti antifascisti, tipo Scalfari, Bocca, Fo, …

      0
      • Pino ha detto in risposta a Piero

        la cosa più divertente sono affermazioni del tipo “E’ proprio questa l’accusa che tanti rivolgono a PioXII”. Chissà chi sono questi “tanti”, stai a vedere che sono gli anticlericali arrabbiati ed i comunisti in servizio permanente effettivo che si sono abbeverati alle idiozie del drammaturgo Rolf Hochhuth.

        0
    • Leon ha detto in risposta a Mum

      Che argomentazione,perchè la Francia e l’inghilterra e gli Stati uniti hanno messo il dito prima?No

      Non può essere considerato un capitolo a parte,fu un’ordine di Pio XII (memoriali) proprio quello di nascondere al costo della vita gli ebrei sia nei monasteri sia nei conventi,hai idea di quanti cristiani sono finiti a Aushfitz insieme agli ebrei?
      L’ordine è visibile dell’ateggiamento del vescovo von Gallen,chiamato “il Leone di munster” in Germania.Più propiamente il regime nazista voleva impiccarlo per opposizione,non lo impiccò per ordine di Goebbels e per non fare suscitare scandali.Visto che Goebbels sapeva bene quale sarebbero state per il regime le conseguenze quella di ergere un vescovo a martire .Per questo Pio XII lo proclama cardinale.Si MA QUESTO SONO SOLO DISCUSSIONI DI UNA CULTURA NEMMENO PARI A 0 CHE SI SUPERANO ANCHE CON IL SOLO AUSILIO DI WIKIPEDIA,C’E’ LA FATE SENZA SLOGAN E CON I FATTI?x))

      Abassiamo il livello:

      Ho voluto giocare con il maiuscolo,come fanno con gli slogan.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Clemens_August_von_Galen

      Tuttavia sconsiglio il solo uso di wikipedia ma un’approfondimento con testi.

      Altro storico ebreo è Yad VAshem

      http://article.wn.com/view/2012/07/01/Israels_Yad_Vashem_Holocaust_Memorial_softens_stance_on_Pius/

      Il Jewish Chronicle riporta inoltre le dichiarazione di Gary Krupp, Presidente della Pave the Way Foundation, il quale sostiene che “è tempo di riconoscere il Papa Pio XII per ciò che egli ha realmente fatto e non per quello che non ha detto”.

      Perchè in Italia qualsiasi fatto vale per una contrapposizione ideologica partitistica supera la cultura?Questo volgarità deve cessare stà rovinando questo paese.

      0

      • Leon ha detto in risposta a Leon

        “A dire il vero la religione può gloriarsi di avere per nemici uomini così irrazionali; e la loro opposizione è così poco
        pericolosa che, al contrario, serve a confermare le sue verità” (Blaise Pascal-Pensieri)

        0

        • Mum ha detto in risposta a Leon

          Forse ti sfugge che sia Churchill che Roosvelt sono capi di Stato che fanno gli interessi della propria nazione mentre il Papa è un leader spirituale investito di una ben altra missione, i primi due infatti nessuno si sognerebbe proporli per la santità. Poi non credo che citare qualche oppositore del nazionalsocialismo o del fascismo esuli da responsabilità chi invece appoggiò o trasse vantaggio da tali regimi.
          La storia è complessa e va studiata nel suo insieme, ma questo è un lavoro faticoso che richiede grande imparzialità, dove tutte le fonti, non solamente di quelle che tornano utili, hanno lo stesso peso. Chi si domanda ad esempio perchè il Papa nel ’42 condannò i bombardamenti sulla Germania ma non le deportazioni di massa degli ebrei non potrà mai sapere se si trattò “silenzio colpevole” oppure “utile”, almeno fino a che il Vaticano consentirà il libero accesso agli archivi, cosa che per il momento non sembra disposto a fare.

          0
          • Pino ha detto in risposta a Mum

            hai ragione, la storia va studiata, cosa che tu non fai in quanto ti limiti a sparare corbellerie a raffica.

            0
          • Mattia ha detto in risposta a Mum

            Mi scusi Mum, ammetto di non essere bene infomrato in questo, ma mi dice quando il papa nel ’42 avrebbe condannato i bombardamenti sulla Germania? Poi comunque non è vero che non condannò le deportazioni ebraiche perché ignora il radiomessaggio di Natale nel ’42 o le ripetute proteste diplomatiche cosa che indusse Goebbels a far stampare opuscoli contro il “papa filoebraico”.

            0
          • Leon ha detto in risposta a Mum

            🙁

            Affermi:”il Vaticano consentirà il libero accesso agli archivi, cosa che per il momento non sembra disposto a fare.”
            Sicuro che questa sia storia e non il film denominato “Il codice da vinci”,dove il protagonista entra nel fantomatico,irragiungibile,segretissimo archivio del Vaticano?
            Mostriamo a tutti la grandissima segretezza:

            http://www.archiviosegretovaticano.va/

            Consultabile da qualsiasi storico,letterato,scienziato,cittadino ecc a prescindere dalle convinzioni religiose e di credo,tanto è vero che gli storici ebrei sia Gilbert che Yad VAshem,ne hanno usufruito con per le loro ricerche,con la massima serenità.Stanno anche digitalizzando i testi per renderli usufruibili online,certo che “una segretezza” del genere è degna della CIA.

            La storia non è nè complottismo,nè volgare moralismo,ma una ricerca di obiettività,e “obiettività” significa cercare la verità,dov’è “l’obiettività “nella tua affermazione?
            ——————————————–

            Francamente non me la sento di confutare il resto di sifatto moralismo fanatico e pregiudizievole,non per impossibilità,infatti le tesi da te riportate sono di Prosperi e Guzzman.E accusi di inobiettività,infatti aspettavo giustapunto tale moralismo ateo complottista da un momento all’altro,solo per farli vedere con i suoi stessi occhi a che livelli è.

            Hai visto che io ho citato Adriano Prosperi facendolo passare per Santo?Sopra,l’ho citato apposta:

            Ecco chi è

            http://www.uaar.it/news/2011/10/13/in-libreria-il-seme-dell-intolleranza-ebrei-eretici-selvaggi-granada-1492-di-adriano-prosper/

            Dunque perchè mi avete chiamato all’inobbiettività per semplice pregiudizio del mio credo?

            ——————–

            Poichè adesso non ho tempo per i fanatici confuterò le rimanenti stupidaggini dopodomani.

            0
    • Salvatore ha detto in risposta a Mum

      @Mum
      Non vorrei insegnarti la storia…ma ti ricordo che al tempo non si sapeva nulla di che fine facevano gli ebrei…quando la situazione divenne chiara allora il Vaticano intervenne.

      Ti ricordo inoltre che pensi di saperne di più di uno storico ebreo…non credi di essere inattendibile in quanto di parte?

      0
  6. andrea ha detto

    Non fosse stato per il Cattolicesimo che impregna (o almeno allora impregnava) la nazione italiana, la nauseabonda spazzatura fascista sarebbe immediatamente deragliata fino ai livelli da subito raggiunti dai demoni nazisti.
    Dopo 16 anni di delirio, con l’alleanza del babbeo di predappio con hitler, è venuto completamente in evidenza il covo di vermi che era da sempre il fascismo.

    0
    • Leon ha detto in risposta a andrea

      Ecco esemplificazione vivente delle parole di Pascal.Guarda che gli anni di piombo e il tempo della BR,e finito,anche quello delle lotte di classe,sia i gulag che i lager esistono solo in paesi incivili,che come esistito Primo Levi è esistito Varlam Salamov.Capisco che ancora ci siano dei nostolgici degli anni 70/80 che volenteri riprenderebbero mani alle armi e per afarsi la guerra a vicenda,tuttavia ti consiglio di rileggere quello scrivi.Perchè ti giuro, che con tutta la buona volontà di questo mondo,non c’è manco una proposizione logica in ciò che scrivi.Per logica non intendo la logica discorsiva,ma proprio l’ordine logico delle proposizioni che fondano anche i principi di matematica e del linguaggio naturale.

      Tre cose, noto che sapete dire,nonostante sia un credente non in grado di fare morali perchè pratico poco:

      Nazismo
      Fascismo
      Cattolico o religioso

      Fine del discorso.

      Che livelli paurosi.

      0
      • Leon ha detto in risposta a Leon

        Ovviamente il tutto corroborato da vari insulti più “varie e eventuali”,peccato che l’insulto non dimostra il fanatismo e l’intolleranza di chi viene insultato o perseguitato,ma proprio l’opposto, di chi perseguita.Se poi dopo, nella più totale incapacità di esprimervi senza insulti,senza ragioni (espirit de geometriè) e senza cuore (espirit de finesse),vi dicono che le cose non stanno cosi,rispondete scioccamente,”credete di avere la verità in pugno”,pensate a questo:

        Prima di avere qualcosa in mano bisogna cercarla,se non la cercassimo,allora non saremo degni di chiamarci uomini e donne,infatti la verità non significa possederla, ma cercarla,non significa disprezzarla, ma amarla,non significa leggerla, ma capirla,la verità per le mani e come cercare di afferrare l’acqua,anche se è arduo,sono necessarie entrambe congiunte col palmo aperto per bere da una fontana,ma mettendo la mano a pugno chiuso su una fonatana essa scivolerà via,e non potrai dissetarti.

        Non possego nulla se non la ricerca.

        0
        • andrea ha detto in risposta a Leon

          Se ti riferisci ancora al mio post (non sono sicuro nemmeno di questo), trovo il tuo mess più ermetico di quello precedente.
          Non sei obbligato, ma mi pare semplice educazione che tu parli a me direttamente, spiegandomi cosa ci sia (eventualmente) di così orribile nel post.
          Comunque, vedi te.
          PAX.

          0
          • Leon ha detto in risposta a andrea

            Ninete di particolare,semplicemente una doppia negazione logica che sia in matematica,che sia una frase (o proposizione)restituisce sempre un’affermazione.Ovvero la negazione della negazione di una proposizione logica è la proposizione stessa.(propietà di complementarietà delle operazioni logiche,legge della doppia negazione)

            Es
            P: “posseggo una calcolatrice.”
            NonP: “non è vero che posseggo una calcolatrice”
            (Non P) non P:”Non è vero che non posseggo una calcolatrice”.—>Dunque posseggo una calcolatrice ovvero la prima proposizione.

            Se fosse stato anziche “Non” “nessuno.”

            Non posseggo nessuna calcolatrice–>Dunque: non possego nemmeno una calcolatrice–>Dunque :non è vero che non posseggo una calcolatrice.

            Infatti non necessariamente con alcuni termini si genera la doppia negazione,restituindo anziche l’affermazione solo il secondo termine dunque la negazione.

            Tutto qui.Nessuna offesa, non volevo offendere.

            0
  7. andrea ha detto

    @Leon-Perdonami, ma non ho capito niente del tuo post (mentre di solito li trovo molto validi).
    Non comprendo che cosa esattamente tu rimproveri alle mie parole.
    Credo tu sia d’accordo che il Cattolicesimo è stato un baluardo contro lo strapotere della dittatura fascista, n’est ce pas?
    Comunque sia, un saluto.

    0
    • Leon ha detto in risposta a andrea

      Si capisce il contrario,adesso è chiaro.

      Invece dovrebbe essere “se qualcuno sarebbe stato cristiano il fascismo e il nazismo sarebbero deragliati”.La locuzione “non fosse stato” significa anche “se non fosse avvenuto che” ovvero “se il cattolicesimo non avesse sotenuto”..ecc

      Praticamente la rende affermativa.

      Perdonami tu piuttosto per la lettura interpretativa che qui esprimo,da logica,non è per rimprovero assolutamente, infatti ho interpretato secondo quel messaggio,solo che un termine può sconvolgere il senso.X))Capita spesso. Il termine è “Non fosse stato che.” infatti segue “sarebbe deragliata” facendo precedere qul termine significa che praticamente il cattolicesimo sosteneva il nazismo.Classica concezione atea militante su cui non mi trovo d’accordo.

      Comunque avendo ora capito:

      Sono d’accordo in parte penso ovviamente che sia stato il cattolicesimo (un elemento)+ tutto il resto,anche gli atei,solo che allora,forse erano meno intolleranti.

      0
« nascondi i commenti