Leggi restrittive e aborto, il dott. Puccetti smonta la ricerca di Planned Parenthood

Gli aborti tendono a non essere sicuri in paesi con una legislazione restrittiva«Le leggi restrittive sull’aborto non sono associate a tassi di abortività più bassi», tale proposizione (contro ogni buon senso) è inclusa nel recente studioInduced abortion: incidence and trends worldwide from 1995 to 2008sponsorizzato nientepopodimeno che dal Guttmacher Institute, il braccio di ricerca di Planned Parenthood, l’ente abortista più grande del mondo.

La tesi sostenuta dalla pubblicazione, riportata peraltro sulla prestigiosa rivista medica “Lancet”, risiede nella correlazione di un minor tasso d’abortività nelle regioni dove la legislazione a riguardo è più permissiva e della necessità di ulteriori investimenti in pianificazione familiare e in servizi per «l’aborto sicuro». Non sono mancate prevedibili manifestazioni di tripudio da parte delle organizzazioni abortiste ma molti dubbi di ordine scientifico e metodologico sono stati sollevati. In Italia ne ha parlato il dott. Renzo Puccetti,  specialista in medicina Interna e membro della Research Unit della European Medical Association nel suo articolo pubblicato su Zenit dove apertamente si chiede «se davvero questa lettura sia rispettosa della realtà, o se invece non sia piuttosto una rappresentazione conveniente per una prospettiva molto ideologica». 

«Il Guttmacher Institute», sottolinea, «fa parte di quella che viene chiamata “lobby dell’aborto” e che chiede alle istituzioni internazionali di riconoscere l’interruzione volontaria di gravidanza come parte dei cosiddetti diritti riproduttivi». Inoltre, rispetto alla metodologia, parla di «zibaldone grezzo […]  assai distante da quella trasparenza sui metodi seguiti che consente la verificabilità e riproducibilità propri del metodo scientifico galileiano». E’ verificabile «l’enorme grado di variabilità ed incertezza che sottende tutte le metodologie impiegate per stimare gli aborti clandestini». Su questa base incerta non è da dimenticare la testimonianza diretta del dottor Nathanson -responsabile di 75.000 aborti, poi convertito al Cattolicesimo e alla causa pro-life-, riguardo alla tecnica pluri-collaudata del gonfiare il numero delle interruzioni volontarie di gravidanza come strumento di pressione per l’ottenimento di provvedimenti pro-aborto. Inoltre, rispetto allo studio, bisogna considerare l’impiego di dati crudi anziché corretti per i numerosi fattori in grado di modificare gli stessi dati […] Ci si chiede così perché gli esperti che hanno pubblicato lo studio non abbiano corretto i dati di abortività per i numerosi fattori che notoriamente influiscono sul ricorso all’aborto: reddito, religiosità, fecondità, scolarità, razza, solo per citarne alcuni.».

L’invito è quello di comparare le stime del numero degli aborti prima della legalizzazione in alcuni paesi occidentali, come fa lo stesso ricercatore. Inoltre sono numerosi gli studi (indipendenti) che certificano direttamente come «legalizzare l’aborto significa accettare l’aumento degli aborti»: in Italia, così come in Romania, negli Stati Uniti, in Perù così come in Irlanda,  ecc.  E se anche il nostro parlamento (in modo trasversale), decide di dotarsi di un Intergruppo parlamentare per la vita, allora significa che è veramente palese -come sostiene il Prof. Puccetti- che «combattere per leggi restrittive significa combattere per la vita». Segnaliamo la testimonianza di questa mamma,  lacerata dall’IVG e che dopo 15 anni ha trovato il coraggio di condividere l’insegnamento che ha tratto dal proprio dolore, e la storia di Debora, capace di donare la propria vita per quella della figlia neonata.

Nicola Z.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

13 commenti a Leggi restrittive e aborto, il dott. Puccetti smonta la ricerca di Planned Parenthood

« nascondi i commenti

  1. Antony ha detto

    Certo che far fare una ricerca sull’aborto a Planned Parenthood…

    0
  2. Hugo ha detto

    Effettivamente mi pare ovvio che ad una legge che punisce un comportamento segua la diminuzione di questo comportamento. Sarebbe come dire che la legge sulle cinture obbligatorie ha aumentato il numero di chi vi gira senza. Mi stupisco di “Lancet”…ma sappiamo bene che questi grandi nomi su queste tematiche assumono posizioni politiche, come l’Apa sull’omosessualità.

    0
    • Paolo ha detto in risposta a Hugo

      Fiii siete attorniati dalle lobbies…e ancora con questa favoletta falsa dell’Apa. Che poi non ė mica solo l’Apa ma sono tutti gli ordini medici a sostenere, a ragion veduta, che l’omosessualità sia un naturale variante della sessualità umana. Tranne i soliti 4 gatti, questi sí con posizioni politico ideologiche a monte, che continuano in vano ad arrampicarsi sugli specchi per non veder smontate le proprie credenze religiose.

      0
  3. Agnostico ha detto

    Significativo che la critica all’obiettività di una ricerca pubblicata sul “The Lancet” venga da un docente dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum (fondato dalla Congregazione dei Legionari di Cristo) con un articolo pubblicato su un sito cattolico (Zenit).

    0
    • GiuliaM ha detto in risposta a Kosmo

      Avevo sentito anche di donne che abortivano perchè i loro figli avevano il labbro leporino…

      0
      • Kosmo ha detto in risposta a GiuliaM

        Ti racconto una cosa, per dirti l’indottrinamento a cui siamo sottoposti anche inconsapevolmente:
        quando mia cugina era rimasta incinta, aveva il terrore che il bambino avese qualche malformazione o che fosse Down. E ha cominciato a fare esami a destra e a manca. Ad un certo punto, mia nonna, con la sua saggezza popolare, le ha detto: “Ma alla fine, anche se fosse, che fai, lo abortisci?”
        Al che ci siamo guardati tutti negli occhi, come se nessuno fino a quel momento cia vesse pensato prima…

        0
« nascondi i commenti