Il governo australiano rifiuta il matrimonio omosessuale

Il Senato australiano ha bocciato una mozione dei Verdi che invitava il governo federale a sostenere il “matrimonio” tra persone dello stesso sesso.

Solo 9 senatori su 31 hanno dato il loro voto favorevole alla mozione avanzata da Sarah Hanson-Young. Anche il primo ministro (non credente) Julia Gillard e il capo dell’opposizione (cattolico) Tony Abbott, si sono entrambi opposti a qualsiasi modifica della legge del 1961 che regolarizza il matrimonio.

La tattica usata dai Verdi è stata quella di fare perno sul fatto che l’Australia è uno delle uniche poche nazioni democratiche che non hanno una legge sul matrimonio omosessuale. E’ stato loro ricordato, tuttavia, che questa non può essere una motivazione seria e che comunque solo 9 nazioni su 148 hanno legalizzato questo nuovo tipo di unioni.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

23 commenti a Il governo australiano rifiuta il matrimonio omosessuale

« nascondi i commenti

  1. gabriele ha detto

    9 su 148!
    sono già a questo punto, spero non avanzino

    i Verdi: verdi fuori, rossi dentro

    Thumb up 1

  2. Renato Valsecchi ha detto

    Bene! Non cadete nella tentazione del politically correct così come avvenne per l’eugenetica ad inizio ‘900.

    Thumb up 0

  3. gabriele ha detto

    http://affaritaliani.libero.it/cronache/bambino_cambia_sesso_a_dieci_anni020911.html
    ma adesso c’è un altro problema
    se cambia sesso, i lgbt l’avranno vinta
    non praevalebunt

    Thumb up 0

    • Rebecca ha detto in risposta a gabriele

      Spero veramente che la società si fermi un attimo per rendersi conto dove si sta letteralmente lanciando a folle velocità. Non si potrà tornare più indietro.

      Thumb up 0

      • Gunners ha detto in risposta a Rebecca

        ma a dieci anni non ci si può fare manco un tatuaggio e vogliono fargli cambiare sesso ? ? ? . . . . . . . . . . . .

        Thumb up 0

  4. Felix ha detto

    Un bambino a quell’età non può avere le idee così chiare su se stesso… magari era solo confuso e aveva bisogno di essere aiutato psicologicamente!

    Thumb up 0

  5. Max ha detto

    Devo ammettere che, date certe derive in paesi protestanti, temevo che anche gli Australiani avrebbero preso una cattiva strada, invece grazie a Dio…

    Thumb up 0

    • Renzo L. ha detto in risposta a Max

      Purtroppo credo sia solo questione di tempo…questo obbligo morale ad adeguarsi a chi si fa pioniere di qualcosa (magari pure sbagliando) è troppo forte.

      Thumb up 0

  6. pasquino ha detto

    Mi risulta che ci siano persone che fanno sesso con gli oggetti…a Singapore un tipo fu liberato dopo che gli si era incastrato il coso in una panchina.
    Spero che qualcuno non cominci a rivendicare il diritto di costoro ad avere un matrimonio . Per fortuna gli oggetti possono trovarli facilmente e se vogliono figli possono anche senza fecondazione artificiale!!!

    In America mi sembra esista un’associazione che rivendica il rapporto con animali.
    Fermare il matrimonio gay significa evitare ulteriori derive.

    Thumb up 0

  7. Piero ha detto

    OT OT OT OT OT OT OT OT OT OT OT OT OT OT OT
    Cari amici,
    scusate l’intromissione, spero vogliate perdonarmi.
    Ho girato un po’ di blog cattolici, e sono finito su quello del buon Andrea Tornielli.
    Mamma mia! Povero Tornielli! (nel senso che mi dispiace per lui) Come si e’ ridotto il suo blog. Ci sono piu’ atrotroll che cattolici. Non si puo’ discutere di nulla.
    Li’ c’e’ addirittura una piu’ comica di Giulia e Leptis messe insieme.
    Potete trovare molte chicche di Patrizia: una per esempio e’ che Kissinger e’ consulente del Vaticano, Berlusconi e’ dell’Opus Dei, e che la NATO e’ in Afghanistan per il traffico di organi prelevati dagli immigrati clandestini in Italia, e questo traffico in realta’ lo fanno i musulmani ricchi, e i sindacati hanno fatto la denuncia di questo in Vaticano.
    Non ci credete? :D
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-92937
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-92939
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-92950
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-93050
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-93114
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-93132

    Comunque e’ dalle 14 che cerco di postare un commento in risposta a questo:
    http://2.andreatornielli.it/?p=2468#comment-93121

    e non ci riesco. L’avro’ mandato una trentina di volte e non viene mai inserito.
    Non ho scritto nessuna volgarita’. Il commento e’il seguente:
    ===============
    In quel periodo è stato fatto il grosso del debito pubblico

    Ci sono altri che ignorano, a quanto vedo.
    http://italiapiu20.files.wordpress.com/2010/11/debito-pubblico-italiano-1861-20071.png

    Guardi in questo grafico quando ha cominciato ad impennarsi, il debito pubblico italiano.
    Ma informarsi prima, no eh?

    E, tanto per la precisione, guarda caso un simile boom si e’ creato grazie alle migliaia di micro imprese, perlopiu’ a conduzione familiare, fondate sull’etica cattolica, e non sul turbocapitalismo per esempio statunitense o cinese o sul socialismo reale che molti, anche tanti cattolici infatuati di marxismo, vorrebbero introdurre in Italia.
    Migliaia di piccole imprese che poi sono cresciute, e che tengono in vita questo moribondo paese. Ancora per poco, grazie anche a quelli che ci hanno venduto alla Cina.

    =========================

    Provate magari anche voi a postarlo, a me non mi riesce.
    Non capisco cosa ci sia che non vada. Visto che poi vengono pubblicati anche quelli piu’ offensivi e deliranti di Patrizia (ma chi? quella di Lapo?).
    Non sara’ che i moderatori del blog del buon Tornielli saranno gli stessi di quelli dell’UAAR? ;)

    Cmq aveva ragione uno qui che ha detto che tutti i blog cattolici diventano preda degli ateotroll invasatei. Se si e’ ridotto cosi’ il bel blog di Tornielli.
    E cosi’ ho deciso di ritornare a quella che consideravo la mia casa…

    Thumb up 0

    • Piero ha detto in risposta a Piero

      Vi ho portato da li’ anche una cara amica, Alessandra, che ci ha reso partecipi della sua esperienza alla GMG di Madrid, e che spero stia sempre con noi.
      Lei mi ha aiutato un po’ a controbattere alle bestialita’ incredibili che abbiamo dovuto leggere.

      Thumb up 0

    • Piero ha detto in risposta a Piero

      mamma mia, il blog del buon Tornielli sembra il blog dell’UAAR.
      Censurano i post, ci sono piu’ ateotroll che cattolici, stupidaggini trite e ritrite a non finire.
      Imbroglioni che gettano il sasso e nascondono la mano, dicono una cosa palesemente falsa poi non vogliono rispondere delle loro affermazioni…

      Thumb up 0

    • Maffo ha detto in risposta a Piero

      Ben tornato allora!

      Thumb up 0

  8. Fedele Razio ha detto

    Amici, la battaglia si fa sul linguaggio.

    Primo: il matrimonio è fra un uomo e una donna. Il resto è confusione fra matrimonio e riconoscimento legale delle relazioni omofile: mai associare nelle comunicazioni scritte e orali la parola “matrimonio” con la parola “gay”.

    Secondo: stop all’uso della parola gay; le parole giuste sono “omofilia”, e “persone che vivono l’esperienza dell’omofilia”.

    Infine: la vera posta in gioco quando si parla di confusione legale fra matrimonio e relazioni omofile è la pretesa dello Stato di ridefinire le relazioni in cui lo Stato non dovrebbe mai in nessun modo entrare: “marito/ moglie”, “genitori/ figli”, “sacerdote/ fedele”, “avvocato/ cliente”, “medico/ paziente”, con importanti conseguenze anche giuridiche (vedi il problema della segretezza della confessione, il problema dell’obbligo o meno di denuncia – roba da stato totalitario, il problema della libertà di educazione, etc.).

    Cari saluti.

    Thumb up 0

  9. Fedele Razio ha detto

    @LEPTIS MAGNA

    “Leptis Magna ha detto:
    25 agosto 2011 alle 19:01

    Ah, a proposito…
    Il vostro amichetto Fedele Razio sul sito dell’UAAR ha scritto che non è una casualità il nesso fra matrimonio gay e terremoto a New York, per la serie “dio vede e provvede”.”

    Caro Leptis, come bene evidenziato da un amico di UCCR in un commento più avanti, io ho scritto “la coincidenza c’è, e ognuno è libero di interpretarla come crede”.

    Dimmi dove ho sbagliato?

    Invece posso dirti dove hai sbagliato tu: mi fai dire/ scrivere cose che non ho detto/ scritto.

    Cari saluti.

    Thumb up 0

« nascondi i commenti