Aborto e promozione omosessuale tra i motivi della disfatta di Zapatero

Josè Luis Rodriguez Zapatero, dopo 7 anni di politica completamente anticristiana e anticattolica, oggi è arrivato al capolinea. Ha chiuso completamente e fallimentarmente con la politica, è rimasto isolato all’interno del suo partito politico, dopo averlo distrutto, ed è uno dei politici attualmente più odiati al mondo. Migliaia di giovani si danno appuntamento ogni giorno in 67 piazze del Paese -gli “indignados”-, protestando contro la politica del governo. Il Partito popolare ha preso quasi il 10% dei voti in più di quello socialista nelle ultime elezioni amministrative e regionale e quasi sicuramente andrà al governo nel 2012. Il suo leader, Mariano Rajoy, ha dichiarato che si impegnerà ad abrogare la legge sull’aborto e quella sulle coppie omosessuali (cfr. Utlimissima 14/2/11).

Il giornalista spagnolo Lartaun De Azumendi ha recentemente commentato i motivi di questa disastrosa sconfitta (considerata la “peggiore dopo il franchismo”, cfr. La Stampa 24/5/11), sostenendo che proprio i temi bioetici sono fra le principali cause. Ovviamente la fetta più importante riguarda la crisi economica e quello che il governo non ha fatto. Ma ha contato tantissimo anche il «tentativo di cambiare le regole sociali: aborto più facile e rapido e matrimoni gay».

Insistere sui diritti civili, continua l’opinionista, «non ha influito molto sulla gente: primo perché la gente non ha richiesto le riforme sociali che hanno fatto, secondo perché queste riforme non hanno aiutato la gente mentre una politica economica seria sarebbe servita». Speriamo che sia d’esempio per tutta la classe politica europea.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

34 commenti a Aborto e promozione omosessuale tra i motivi della disfatta di Zapatero

« nascondi i commenti

  1. Piero ha detto

    Mi permetto di dissentire questa volta: gli “indignados” si lamentavano con Zapatero perche’ non faceva una politica abbastanza di sinistra. In altre parole, volevano piu’ comunismo: piu’ posti pubblici a carico delle gia’ disastrate casse statali, piu’ diritti (compresi quelli per cui le scimmie sono pareggiate agli umani) per tutti, maggiore “mano pesante” su cio’ che resta del cattolicesimo.

    0
  2. Karma ha detto

    Zapatero è bollito!

    0
  3. Rego ha detto

    “la gente non ha richiesto le riforme sociali che hanno fatto”, questo prova la potenza delle lobby, abortista e omosessuale!!

    0
    • Piero ha detto in risposta a Rego

      Il programma di Zapatero era CHIARO sin dalla prima volta che si e’ presentato. Come se non bastasse, era ANCORA PIU’ CHIARO prima della seconda vittoria.
      Come mai e’ stato rivotato? Anche li’ (secondo me) c’e’ una certa “sinistra cattolica” neopauperistica, che odia il liberismo, e tutta una serie di programmi economici “di destra” e per questo fa come quel marito che si taglia le p… per fare dispetto alla moglie.
      Ancora, mi sembra (ma non ricordo bene, quindi potrebbe essere una fonte non affidabile, o semplicemente “Repubblica”) che Rajoy abbia detto che non ha intenzione di cancellare la legge sul divorzio “sprint”.

      0
  4. Piero B. ha detto

    Ora che Malta ha detto sì al divorzio, il mondo laicista esulta.
    Principio della barca che se affonda, affonda per tutti.

    0
  5. Larry SFX ha detto

    Adiòs!

    0
  6. Lamberto Verzini ha detto

    Non sarà che i matrimoni gay e l’aborto non c’entrano niente con la sconfitta di Zapatero ma gli ”indignados” sono tali perchè tutta la politica Europea (comopresa qualla italiana di qualsiasi schieramento) non cura più i bisogni della gente ma solo i propri e al solo fine state al piotere!

    0
  7. Andrea ha detto

    Gli “indignados” volevano semmai una politica davvero di sinistra, ossia una politica vicina ai reali bisogni della gente.

    Ma è risaputo che la sinistra moderna se ne frega di quanto davvero sia importante, è rimasta solo uno schieramento iperlaicista senz’altri scopi.

    0
    • Piero ha detto in risposta a Andrea

      Ma quando mai la sinistra ha fattouna politica vicina ai reali bisogni delle gente?
      Ma se ci volevano ridurre come le popolazioni dell’Est…

      0
  8. Andrea ha detto

    Infatti non l’ha mai fatta.

    0
  9. Gigi ha detto

    Ma con la crisi che c’è e la disoccupazione al 20 per cento, la causa è l’aborto e l’omosessualità?
    Voi siete proprio suonati.

    0
    • Rebecca ha detto in risposta a Gigi

      Voi chi Gigi? Questa è l’impressione di un commentatore politico spagnolo, qui sopra citato. Ovviamente non saprà fare il suo mestiere, come tutti quelli che dicono cose che non vorremmo sentire dire. Ma cerca di prendere bene la mira quando esterni il tuo disprezzo. Saluti!

      0
  10. Gigi ha detto

    A parte che io non disprezzo nessuno, nemmeno il mio peggior nemico, il mio era solo un modo un pò spiritoso per definire una persona che a mio parere è in errore.
    Io sono d’accordo con Lamberto, l’aborto e i gay non c’entrano nulla, la protesta è contro i politici che se ne infischiano dei bisogni reali della gente.
    I cattolici vogliono portare tutto sulla religione solo per portare acqua al loro mulino. Basta leggere l’assurdo articolo sulle fiabe per capirlo.
    Saluti!!!

    0
« nascondi i commenti