Adozioni, la Cassazione corregge la stampa ma la bufala laicista continua

La Cassazione fa marcia indietro sulle adozioni ai single: «Nessuna sollecitazione sui legislatori». Potremmo dire che rettifica, oppure corregge, oppure contraddice quei laicisti affannati dentro le agenzie di stampa che non desiderano altro che travisare delle notizie per coltivare la loro ideologia (come abbiamo dimostrato ad esempio in Ultimissima 25/11/10). Si, perché la notizia che la Corte di Cassazione abbia aperto platealmente ai single sembra sempre più una bufala giornalistica. Infatti tutto è nato per un caso in cui una donna italiana ha chiesto l’adozione di una bambina russa. E la Cassazione ha respinto la richiesta sostenendo che l’adozione dei minori, italiani o stranieri, non può esser riconosciuta alle persone singole. Ha quindi rigettato in gran parte l’istanza. Forse, come ricostruisce Avvenire, qualcuno ha voluto esasperare un’uscita un pò maldestra della Cassazione, che nell’ultima frase della sentenza dice che la Convenzione di Strasburgo del 1967 lascia al legislatore nazionale la facoltà di ampliare l’adozione legittimante, se volesse ammettervi i singoli. Qualcuno ha così colto l’occasione per accendere il falò di una rivoluzione. Oggi però la Cassazione è intervenuta nuovamente, sottolineando che il senso della frase non corrisponde a come certa stampa lo ha interpretato: «non c’è stato alcun invito al legislatore da parte della Corte di Cassazione in materia di adozione».

Alcuni quotidiani però, con La Stampa e La Repubblica in testa, continuano ad intervistare dolcissime donne e uomini single e a propagandare lo slogan: “meglio un single che lasciarli in istituto”, o il denominato “principio del male minore”. Il tutto condito con tanto sentimentalismo e giustificato dal famigerato atto d’amore, che ricorda molto la motivazione per far passare l’eutanasia di stato. Ad esempio, viene intervistata sull’argomento il ministro Prestigiacomo, e anche lei ribadisce: «È chiaro che è meglio che un bambino stia con un solo genitore piuttosto che in un Istituto, ma il problema non è da porre in questi termini. In Italia ci sono molte più coppie disposte ad adottare rispetto ai bambini adottabili. La vera priorità non è quindi l’adozione dei single ma sono i criteri che rendono adottabile un bambino che nel nostro paese sono ancora troppo rigidi. Quando si parla di adozioni bisogna ragionare sempre di cosa è meglio per il bambino ed è indiscutibile che per chi ha già subito il trauma dell’abbandono la soluzione migliore sia una famiglia composta da un padre e una madre». E ancora: «E’ meglio per un bambino essere collocato presso una famiglia. I single che vogliono adottare hanno ottime intenzioni, sia che lo facciano per soddisfare un bisogno di maternità o paternità, sia che lo facciano per fare del bene. Ma per il bambino è meglio essere accolto in una famiglia completa». Insiste: «La legge vigente è giusta per quel che riguarda i single perché l’adozione in casi speciali è già contemplata quando il rapporto affettivo con l’adottante è stabile e duraturo e precedente alla perdita dei genitori». La posizione della Prestigiacomo è quindi chiara e condivisibile: è meglio un single che un orfanatrofio. Ma in Italia le coppie sposate che vogliono adottare sono tante e tutte in attesa. Quindi la “presunta” apertura è inutile e sbagliata anche perché la legge comunque lo permette già. Ma sapete come viene intitolato l’articolo? Così: «Il ministro Prestigiacomo: “Meglio un solo genitore che in istituto”». Cioè, come incanalare l’opinione pubblica e sperare che qualcuno si fermi a leggere solo i titoli. Questa è l’ideologia laicista.

Sulla vicenda tornano comunque anche oggi gli esperti (oltre a quelli di ieri raccolti in Ultimissima 15/2/11):

Il presidente del Forum delle associazioni familiari, Francesco Belletti dichiara: «in casi eccezionali già oggi la legge consente l’adozione da parte di single, ma sottolinea che questi casi devono restare, appunto, delle eccezioni e non diventare un improprio grimaldello per reclamare un allargamento delle maglie della legislazione». Al primo posto c’è il diritto del bambino «ad avere un padre e una madre che si curino di lui» e non, invece, il «desiderio degli aspiranti genitori».

L’editorialista de Il Giornale, Marcello Veneziani, scrive un ottimo commento: «Meglio un genitore adottivo che l’orfanotrofio. Meglio un figlio adottivo chela solitudine. Meglio favorire la nascita di legami affettivi, di mutua solidarietà. Sono d`accordo con le adozioni estese ai single. A condizione che si ribadisca una elementare scala di priorità: precedenza alla famiglia, che offre più garanzie di solidità, poi le coppie di fatto, infine i single. Nessuna discriminazione, ma una scala d’amore nell’interesse primario del bambino. Invece, se leggete i commenti dei moralisti a corrente alternata, vi accorgete che la sottile patina d’amore ricopre uno strato profondo di odio: contro la famiglia tradizionale, innanzitutto, poi contro la Chiesa, il governo e il Parlamento; e in favore, ma guarda un pò, dei magistrati. L’argomento da loro adottato è una buona ragione per respingere le adozioni ai single. Eccolo: ma chi lo dice che una famiglia vera sia meglio di un singolo, siamo sicuri che una coppia sia meglio di uno solo? Signori, sappiamo bene che l’umanità è varia, ci sono famiglie infernali, coppie da schifo o sull’orlo di separarsi. Ma sappiamo che secondo natura e cultura, secondo vita, storia e tradizione, le creature nascono e crescono in famiglia e hanno bisogno di un padre e una madre. E’ quello il loro alveo, su quell’elementare habitat siamo nati e cresciuti, su quelle basi si fonda la civiltà. Poi, certo, le famiglie possono essere pessime o sfasciate, come i single possono essere pessimi o torvi. Ma la legge, e la logica, parte dalla norma e poi si confronta con ciò che la smentisce. Invece no, si vuol capovolgere il diritto, la vita, la logica, partendo a rovescio. Ecco la perfidia e l’odio che si fanno scudo del bambino. Un bel colpo alla famiglia tradizionale, alla Chiesa, alla religione, al governo in carica. E ancora una volta, i giudici che non applicano la legge ma la inventano, si sostituiscono al potere legislativo».

Anche l’Associazione matrimonialisti italiani è contraria all’apertura ai single, per due ordini di motivi, spiega il presidente Gian Ettore Gassani: cOccorrerebbe modificare la Costituzione e cambiare i connotati del concetto di famiglia».

Valeria Rossi Dragone, pre­sidente del Ciai, il Centro italiano aiuti all’infanzia dichiara: «a­prire ai single è un falso problema: non ve­do frotte di single che sarebbero disponibili a questo tipo di ado­zioni, già molto impegnative per due genitori, figuriamoci per uno solo…c.

Donata Nova Mi­cucci, presidente di un altro ente ‘storico’ in Italia, l’Associazione famiglie affidatarie e adottive (An­faa), afferma: . cAprire le adozioni ai single non sposta di u­na virgola la sostanza delle cose. Sono i Paesi di origine a stabilire i criteri per le adozioni: quasi tutti richiedono coppie sposate, oltre ad altre condizioni che possono esse­re opinabili ma alle quale bisogna sottostare. La risposta alla preve­dibile crisi delle adozioni interna­zionali, da qui ai prossimi anni, non sta nell’allargare la platea de­gli aspiranti genitori, che è già so­vrabbondante», ma nella prepara­zione delle coppie»

Per Alberto Gambino, docente di Diritto privato alla Università Europea, è un falso problema giuridico: «il diritto agisce laddove esistono problemi sociali, e il problema della mancanza di coppie che adottino bambini nel nostro Paese non esiste. Al contrario forse bisognerebbe pensare a semplificare le norme per rendere più agevole la procedura già esistente. La legge già prevede che i single possano adottare un bambino in casi particolari specifici. Sono contemplati tutti, da quello della disabilità del bimbo fino a quello della separazione. Si tiene fermo il concetto per cui l’adozione non è un diritto soggettivo di chi vuole adottare, ma quello del bambino, per crescere e svilupparsi, ad avere una famiglia. Il numero delle coppie coniugate pronte ad adottare è di gran lunga superiore al numero dei bambini dichiarati adottabili. Non si comprende perché si dovrebbe dare al bambino un solo genitore quando si ha la concreta possibilità di dargliene entrambi, come peraltro previsto dalla nostra Carta Costituzionale all’articolo 29»

Il sociologo Pierpaolo Donati è preoccupato per la tendenza di privilegiare una cultura “virtuale”, basata su idee e desideri di parte: «Mi sembra che questa sentenza apra a una deriva inquietante: quella che per essere famiglia, e dare una famiglia a un bambino, basti che ci sia qualcuno che se ne occupi. È il trionfo della logica “assistenziale”: che sia uno solo ad allevare un figlio è il “male minore”. Condivido il timore che questa sentenza possa preparare il terreno alle adozioni a coppie omosessuali. Le scienze psicologiche e sociali hanno dimostrato con innumerevoli ricerche come sia meglio, da punto di vista educativo, che un bambino abbia due genitori. E ci sono molte più coppie disposte ad adottare che bambini presenti negli istituti. Che bisogno c’è, dunque, di adozioni ai single? Se non per soddisfare i loro desideri, ovvio, ma questo non è certo il senso dell’adozione»

Il ministro del Welfare, Maurizio Sacconi, sostiene che sia in atto una «pericolosa deriva licista». Lo stesso ministro esclude una nuova legge a proposito di adozioni e ribadisce che «già dalla prossima settimana ci sarà occasione per un segnale forte da parte del Parlamento per confermare il valore della vita»..

Anche il presidente dell’Udc, Rocco Buttiglione, critica i giudici che «non devono compiere indebite ingerenze nel campo legislativo che spetta al Parlamento». Ancora: «Il legislatore non deve porre le premesse per la creazione di nuovi legami affettivi che non corrispondano all’interesse del bambino, che ha diritto a un padre e a una madre».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

13 commenti a Adozioni, la Cassazione corregge la stampa ma la bufala laicista continua

« nascondi i commenti

  1. carmelo ha detto

    è Quindi una bufala? La cosa più interessante è che nessuno pro o contro abbia detto che famiglia è quella omosessuale. Almeno questo!

    0
    • Luca Pavani ha detto in risposta a carmelo

      Infatti! L’ho notato anch’io. Nessuno osa dire che una coppia omosessuale sia paragonabile alla coppia eterosessuale. Credo che sia una bellissima notizia per la sanità degli intellettuali italiani. Speriamo che duri!

      0
  2. elena2 ha detto

    ma questi laicisti resistono ancora? È una vita che dominano gli organi di stampa!

    0
    • Lucy ha detto in risposta a elena2

      Sono in tanti ancora barricati dentro le agenzie, sono vecchi comunistoni, vecchi compagni, ex pci, nostalgici dei bei tempi di quella grande illusione e allucinazione di massa che fu il sessantotto. Si sono infilati in ogni giornale per incanalare l’opinione pubblica di questi anni…credo però che si giunto anche il loro tempo.

      0
  3. Luca Pavani ha detto

    Grande Marcello Veneziani. Lo stimo sempre più!

    0
  4. Michele Santambrogio ha detto

    Ragazzi vi ho appena scoperti e già mi sono innamorato di questo sito!

    0
  5. Michele Santambrogio ha detto

    Complimenti agli articolisti e soprattutto al webmaster che ha fatto un egregio lavoro

    0
  6. iena ha detto

    se per educare un bimbo sono necessari un uomo ed una donna, quando uno dei due viene a mancare per decesso, secondo voi , i bambini vanno messi in istituto?

    0
    • LucaPavani ha detto in risposta a iena

      Ma che obiezione idiota eh? E’ evidente che fin dal principio si cercano le condizioni migliori no? Il livello dell’obiezione corrisponde però perfettamente al livello delle ragioni dell’ateismo moderno…non si può credere in Dio perché Fisichella ha detto di contestualizzare la bestemmia di Berlusconi…ridicoli!

      0
    • Lucy ha detto in risposta a iena

      E perché allora comprare una macchina con 4 ruote quando tanto prima o poi una si buca?

      0
« nascondi i commenti