Miracolo San Gennaro: scienziati stabiliscono che nell’ampolla c’è sangue umano

A Torino c’è il mistero della Sindone. A Napoli quello di San Gennaro.  Il Corriere della Sera annuncia che è avvenuto ieri alle 20,15, anche se un po’ in ritardo rispetto al solito. Presenti alla liquefazione del sangue nella basilica di Santa Chiara c’erano numerose persone, tra le quali il sindaco di Napoli, Rosa Iervolino Russo, e il neogovernatore della Regione Campania, Stefano Caldoro.

Da 700 anni, nel sabato che precede la prima domenica di maggio, si ripete il miracolo: gli altri due avvengono a settembre e a dicembre. Nonostante gli interventi assolutamente di parte del CICAP, che non ha spirito scientifico poiché è un’associazione che difficilmente andrà contro il suo spirito di sopravvivenza (che è quello di screditare il paranormale), il miracolo di San Gennaro è ancora tutto da dimostrare.

Anzitutto, al contrario di quello che sostiene il CICAP (senza aver mai studiato il liquido) dentro all’ampolla c’è sangue umano. Lo ha stabilito nel Febbraio 2010, dopo 4 anni di studio, il dipartimento di Biologia Molecolare dell’Universita’ Federico II di Napoli, guidato dal professor Giuseppe Geraci: «Abbiamo anche potuto aprire l’ampolla e verificato un elemento che ci ha convinto che all’interno ci fosse sangue. Il sangue umano, in particolari condizioni, sprigiona una sostanza che, di fatto, e’ vero e proprio mastice naturale. Il tappo, cosi’ come quello dell’ampolla di San Gennaro, era praticamente incollato al vetro. Quindi, quello contenuto nella teca è sangue e resta ancora da dimostare perche’ avvengano questi cambiamenti di stato».

Oltre alla bufala della seconda Sindone, il professor Garlaschelli del CICAP, ha riprodotto il “miracolocon una sostanza di colore rosso (per la Sindone invece ha usato il colore ocra, ignorando che sul Lino non c’è segno di alcun pigmento o di alcuna direzione). Purtroppo il gel tissotropico usato ha mantenuto le sue proprietà tissotropiche per solo 2 anni (come riportato da Antonio Ruggeri). Quello di Napoli è sangue umano e non una sostanza artificiale, passa dallo stato solido a quello liquido da oltre 700 anni. Inoltre, nel maggio 1976 il sangue non si sciolse affatto, nonostante l’agitazione dell’appolla per oltre otto giorni.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Un commento a Miracolo San Gennaro: scienziati stabiliscono che nell’ampolla c’è sangue umano

« nascondi i commenti

  1. A proposito di Garlaschelli e altro ancora.
    Nel mese di Giugno 2000, simpatizzai per il simpaticissimo giovane psicologo Massimo Polidoro, co-fondatore con Piero Angela e direttore CICAP, riconoscendo la benemerita opera che tale Comitato svolge per smascherare tanti lestofanti maghi e fattucchiere che rovinano in Italia milioni di persone superstiziose.
    Essendo già io addivenuto a dimensione di vita SOPRANNATURALE verificabilissima (oltre alla dimensione NATURALE comune), a maggior ragione decisi di divenire entusiasta Socio ordinario del CICAP. Così avrebbero potuto controllarmi “scientificamente”.
    Sùbito dopo l’iscrizione telefonai da un apparecchio pubblico.
    Mi rispose proprio Luigi Garlaschelli. Mi presentai come neofita Socio CICAP “Pazzo di DIO” e che, pertanto, potevo dimostrare l’Esistenza di DIO, per risolvere tale IMMENSO Problema.
    Mi disse testualmente: «Lei dovrà venire da me, io l’ammazzerò con un colpo di pistola. Successivamente dovrà ritornare e io l’ammazzerò con un secondo colpo di pistola. Infine, ritornerà ed io l’ammazzerò con un terzo colpo di pistola. Solo così, quando si ripresenterà ancora vivo, io crederò all’Esistenza di DIO».
    Tanto mi lasciò esterrefatto che appoggiai la cornetta del telefono senza aggiungere nient’altro.
    Ci può essere uno scienziato più CRETINO di Garlaschelli, per avere un tale DOGMA di chiusura su DIO?
    Non credo proprio, ma tanti scienziati come lui sì!… Particolarmente oltreoceano, nella ‘galassia’ anglo-americana.
    Non è giusto che la RAI gli dia tanto spazio in TV. Viceversa nasconde l’esistenza della mia umilissima persona.
    Sono un 71enne “Invalido civile totale – Codice 06”, chiuso in “Manicomio familiare” da oltre 15 anni (condannato di fatto a “Morte civile”), con l’avallo dello Stato (fantasma giuridico), a causa di un madornale errore di altro scienziato neuropsichiatrico pari pari, se non superiore per fama nazionale, allo scienziato chimico Luigi Garlaschelli. Per questo sono, dal Gennaio 2001, in CONTROVERSIA (ineludibile) con tutti gli amati connazionali. La CAUSA è stravinta in partenza e si tradurrà in SOLDONI/Euro, che saranno in misura 4-5 volte l’attuale dannosissimo, ingiusto e insostenibile “Debito pubblico”. Pagheranno solo i ricchi con patrimoni superiori a Euro 3.000.000, importo di franchigia da me istituito e comunicato con Raccomandata A.R. del 13/06/1994 al Ministro di Grazia e Giustizia, On.le Avv. Alfredo Biondi del 1° Governo BERLUSCONI. A me non serve un solo Euro. Mi trovo già in “Felicità perfetta” in termini di “Pienezza dell’ESSERE” dal 1°/11/2003. L’immensa ricchezza, sapientemente guadagnata, sarà esclusivamente messa a disposizione del Glorioso (martoriato) Popolo Italiano, per risolvere ogni crisi economica, ambientale e quant’altro.
    Il “Pazzo di DIO” dimostrerà così come DIO fa passare “un cammello per la cruna dell’ago”. Preciso che io non mi potrò mai vantare di niente ritenendomi un “servo inutile”. Approfondite, please!

    0
« nascondi i commenti