Risultati della ricerca



Il video delle due gemelle unite per la testa: messaggio agli abortisti

Un video sfida la non autosufficienza fisica e la presunta mancanza di dignità della vita come argomento a favore dell’aborto. Fortunatamente l’interruzione di gravidanza non è inammissibile solo per i cattolici, ma vi sono (soprattutto negli Stati Uniti) anche associazioni di non credenti che si battono contro questa piaga, tra cui Secular Pro-Life di cui abbiamo già parlato.

Pochi giorni or sono il loro sito parlava della famiglia canadese Hogan, nella quale cinque anni fa sono nate Tatiana e Krista, due gemelle siamesi attaccate per la testa. Purtroppo non è possibile dividerle chirurgicamente, perché condividono parte del materiale cerebrale

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

USA: gli stati più religiosi sono anche quelli più generosi

Un recente studio del Chronicle of Philanthropy ha portato alla luce che negli Usa gli stati più religiosi sono anche quelli più generosi.

Confrontando i dati relativi alle donazioni del 2008, diffusi dall’Internal Revenue Service, si è notato come gli stati del nord-est siano i meno caritatevoli. I primi cinque di questa classifica sono il New Hampshire, Maine, Vermont, Massachusetts e Rhode Island. Invece tra i più generosi compaiono il Mississippi, Alabama, Tennessee e Carolina del Sud, tutti stati situati al sud, sia di antica tradizione cattolica sia attualmente con forti presenze mormoni, la cui comunità, per chi non lo sapesse, chiede ai suoi membri di dare per la beneficenza il 10 per cento dei pro

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Attivisti cristiani difendono la libertà di parola degli atei

Solo all'interno delle cultura cristiana -non quella islamica, indù o ateo-comunista- è possibile esercitare pienamente il diritto di libertà di opinione, di religione e anche libertà dalla religione.

Non a caso, solo in queste aree geografiche possono proliferare iniziative laiciste (spesso fortemente intolleranti), e ci può essere spazio anche per presenze moderate e civili di irreligiosità. Sempre rispettate dalla Chiesa.

Benedetto XVI nell'ottobre scorso ha ad esempio tessuto un elogio ai laici e agli agnostici, a coloro che «non è stato dato il dono del poter credere e che tuttavia cercano la verità». Con il loro esempio tolgono agli «atei combattivi la loro falsa certezza

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Spagna: la Chiesa cattolica permette un risparmio sociale di 20 miliardi

Il quotidiano spagnolo "La Razón", quarto per vendite nel Paese, ha pubblicato un articolo interessante intitolato: "La Chiesa permette un risparmio sociale di oltre 20 miliardi".

Stretti nella morsa della crisi economia, alcuni media spagnoli di area socialista -come anche in Italia- hanno infatti attaccato la chiesa cattolica definendola un peso in più  da sopportare. Le risposte sono state molteplici, in molti hanno infatti mostrato il fondamentale contributo nella sanità, nell'istruzione e nell'assistenza sociale, indispensabili pilastri durante la crisi.

«Il contributo economico dell'opera sociale della Chiesa spagnola», si legge, «è incalcolabile, perché è difficile trovare la cifra esatta, ma in ogni caso si parla di un

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Il clochard, i carmelitani di Treviso e le false notizie pubblicate sul sito dell’UAAR

Può l'UAAR, la setta razionalista di atei neopagani, avvinghiata a neofascisti e centri sociali di estrema sinistra, essere una fonte di informazioni affidabile? Assolutamente no, come potrebbe?

Da sempre hanno il brutto vizio di ingannare i propri seguaci -meno di 4000 soggetti riuniti come una congregazione religiosa- modificando, nelle notizie che pubblicano, piccole paroline rispetto alla fonte originale. Inutile fare un elenco interminabile, dato che si tratta di modifiche sottili e subdole. Ne citiamo una, giusto per fare un esempio, dove il cambiamento è stato realizzato direttamente dal capo religioso dell'UAAR, Raffaele Carcano. Egli ripo

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Gli atei integralisti dell’UAAR compiono 25 anni, l’UCCR festeggia

L'UAAR compie 25 anni. Qualcuno se n'è accorto? No. Venticinque anni di aggressivo fondamentalismo ateo non sono poi molti se si paragonano ai 72 anni di ateismo di Stato dell'Unione Sovietica. Eppure, la presenza dell'UAAR è gravida di conseguenze, in massima parte positive per i credenti. Non ce ne vogliano i nostri amici uaarini, ma anche noi ci sentiamo di festeggiarli in qualche modo.

Nata da quattro o cinque perditempo in una pizzeria di Padova nel noioso dicembre dell'1986, si decise fin da subito che i soci fondatori avrebbero dovuto essere 12, giusto per imitare gli altri 12, quelli più famosi del primo secolo. Come primo segretario venne messo un tipo di nome Romano Oss, che fondò anche la rivista ufficiale, "L'Ateo" (la cui massima diffusione oggi si registra tra i

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

I radicali attaccano i privilegi della Chiesa e intanto prendono 10 milioni dallo Stato

In questi giorni di grave crisi economica ognuno ha la sua opinione su come uscirne e ognuno ne approfitta per portare acqua al suo mulino, alla sua ideologia.

L'UAAR, la setta ateo-razionalista italiana, non si è lasciata scappare l'occasione e attraverso un comunicato stampa (ma a chi importano le comunicazioni dell'UAAR??) ha sentenziato che la crisi economica si risolverebbe togliendo l'8x1000 alla Chiesa. Ad essi ha risposto ottimamente Luca Negri su La Bussola Quotidiana, ricordando tutto quello che la Chiesa produce per il mondo (e non per se stessa) grazie agli introiti che riceve. Noi aggiungiamo, come già abbiamo avuto modo di fare in

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Vince 1 milione di dollari dopo la preghiera del figlio ateo

Dall'America una storia incredibile. Un ateo ha beffardamente pregato Dio di far vincere la madre alla lotteria. Il giorno successivo la donna ha vinto un milione dollari e lui si è convertito.

Il signor Bentivegna, 28 anni, di Atlantic City, ha riferito al New York Post di aver invitato sarcasticamente la madre 61enne, a «chiedere al tuo Dio un milione di dollari". La donna, la signora Gloria, da buona cattolica ha rifiutato. Così, il figlio ha voluto sfidare lui stesso Dio, dicendo: «Dio, non so se sei vero o meno, ma se ci sei, ti chiedo di far vincere a mia madre un milione di dollari». Il giorno successivo la donna ha acquistato un biglietto della lotteria ad un'asta di beneficenza organizzata dalla Chiesa ed è risultato essere quello vincente: un milione di dollari più 50.000 all'anno per"

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Un medico ateo spagnolo dona il 5×1000 alla chiesa cattolica

Un importante oncologo spagnolo e ateo dichiarato, Dr. Jose Manuel Lopez, ha recentemente dichiarato che donerà il 5x1000 della sua dichiarazione dei redditi alla Chiesa Cattolica: «Cosa c'è di così sconvolgente a contrassegnare la casella della Chiesa cattolica nell'imposta sul reddito? E' storicamente la più efficiente organizzazione di beneficenza», ha dichiarato al quotidiano spagnolo El Diario Montanes.

Ha continuato: «Anche se io sono un ateo, non credo che le risorse gestite dalla Chiesa siano insignificanti o necessariamente sostit

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Emanuela Orlandi: tutte le news e la cronologia dei fatti

Emanuela OrlandiUltime sul caso di Emanuela Orlandi, la figlia del messo vaticano sparita nel 1983. In questo dossier tutte le ultime novità e gli aggiornamenti, giorno dopo giorno [pagina aggiornata al febbraio 2022].




Il 22 giugno 1983 sparisce da Roma Emanuela Orlandi, cittadina vaticana di 15 anni, figlia di un commesso della Prefettura della Casa Pontificia. E' uno dei casi più misteriosi nella storia italiana, anche a causa dei numerosissimi depistaggi verificatisi nel corso degli anni, dall'assenza della richiesta di un riscatto credibile da parte dei presunti rapitori nonché di una prova dell'esistenza in vita di Emanuela.

Ammirevole il dispendio di energie della famiglia Orlandi in tutt questi anni. Perplessità e sospetti emergono, invece, per la confusione e la poca professionalità da parte delle autorità di polizia (co

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace