“Perché Dio non esiste”: recensione del libro di Odifreddi

Il sedicente “matematico” Piegiorgio Odifreddi non è certo un matematico. Dopo l’università ha presto abbandonato la ricerca scientifica (nessuna pubblicazione all’attivo) per concentrarsi sulla divulgazione scientifica. Il motivo? Lo ha detto nel suo penultimo libro, intitolato “Perché Dio non esiste” (Aliberti 2010): «Il ricercatore cerca le risposte alle domande. Il divulgatore cerca di divulgare le risposte che già sono state date. Trovare risposte nella matematica è un’impresa giovanile», il che ricorda molto la volpe che non sapendo saltare abbastanza in alto per afferrare un chicco d’uva se ne va sconsolata dicendo che “tanto era acerba”. O, sinteticamente: è facile rifiutare quel che non si può ottenere. Oggi Odifreddi è finito a fare unicamente lo scrittore antireligioso e il volume citato è uno delle sue ultime fatiche. Titolone a parte, è semplicemente una banale intervista sui fatti privati del noto anticlericale, dai quali emerge tuttavia tutta la sua ambigua personalità.

 

BIOGRAFIA E ANEDDOTI. E’ vero, ha fatto il divulgatore, ma in realtà -come rivela lui stesso a pag. 131- ha solo usato le scoperte scientifiche (degli altri) per tentare di combattere la Chiesa: «Per anni ho scritto articoli su “Repubblica” sugli argomenti più disparati, ogm, big bang, scacchi, letteratura. Il mio divertimento era ficcarci dentro ogni tanto una frase contro la religione» (pag. 131). Comunque, ci si comincia a divertire fin dalla prefazione (pag. 10) a causa delle sue continue contraddizioni (o “odifreddure”). Dice, ad esempio: «Mi è difficile credere che persone strutturate intellettualmente siano dei credenti. Ci credo poco. Non credo ci siano credenti». Bastano però poche righe perché Odifreddi cambi idea raccontando gli anni giovanili passati dalle suore Giuseppine e le medie dai preti: «Si studiava bene. Sopratutto facendo il paragone con quello che si vede oggi. I preti mi hanno insegnato a studiare». Ma poco prima non aveva mica sostenuto che le persone istruite non possono essere credenti? Più avanti (pag. 122), si disgusterà perché «Carlo Rubbia mi pare che sia cattolico. Enrico Bombieri, medaglia Fields, è cattolico e va a messa». Anche loro persone non strutturate intellettualmente?

Per chi volesse passare al primo capitolo il divertimento rimane assicurato. Continuando a parlare della sua educazione cattolica, racconta: «negli anni Cinquanta io vedevo in televisione solo due personaggi Pio XII e Mike Bongiorno. Erano loro i due modelli fra i quali scegliere. Io scelsi Pio XII. Anche se poi sono diventato più come Mike Bongiorno» (pag. 12). Finì in seminario ma lo abbandonò perché aveva calcolato che c’era bassa probabilità per un italiano di diventare Papa nell’era postconciliare. Un altro motivo è perché «mi alzavo alla sei e mezzo, mi mettevo al tavolino e finivo la sera alle sei. E poi andavo a letto presto». Un ritmo da vero studioso, non certo alla sua portata: «mi ero rotto le scatole, non era adatto. Non ero in grado di obbedire, non sapevo stare alla disciplina» (pag. 12). Racconta anche che «dalle suore avevo il permesso speciale di alzarmi durante le lezioni. Potevo camminare nell’aula. Una specie di bulimia» (pag. 27). La disciplina comunque non la imparerà più, tanto da unirsi a violenti dissidenti sovietici in URSS. Venne arrestato, racconta, ma intervenne Giulio Andreotti, allora ministro degli esteri, che organizzò lo scambio dei prigionieri: «tornato in Italia ebbi i miei cinque minuti di gloria mediatica» (pag. 15). La fede comunista è ancora oggi molto viva in lui. Dice di Giovanni Paolo II: «Era un furbone. Pericoloso. E’ quello che ha tirato giù l’Unione Sovietica» (pag. 112). Pericolosissimo!

A pagina 20 prende coraggio e finalmente rivela l’altro motivo dell’abbandono della ricerca: «La soluzione dei problemi matematici richiede una grande concentrazione. E un notevole sforzo fisico. Stare dieci ore al giorno a pensare non è una cosa da poco». Facciamo notare che è lo stesso motivo per cui abbandonò anche il seminario. Si conferma dunque proprio un‘incapacità congenita all’uso prolungato della ragione. Tra l’altro, proprio per questo difetto genetico, Odifreddi è anche l’unico furbone ad aver scritto due libri, pubblicati uno di seguito all’alto, con un titolo quasi identico: “Il matematico impertinente” e “Il matematico impenitente”. Il secondo ovviamente ha venduto solo 50 mila copie (cioè quanto vende il libro del Papa in un giorno solo in Italia) perché, spiega lui sconsolato, «molti l’hanno confuso col primo. Qualcuno non ha capito che era un libro nuovo» (pag. 23).

 

ODIFREDDI CONTRO TUTTI. Scorrendo le pagine si nota lentamente l’emergere di una grande insoddisfazione verso la vita e verso gli uomini. I giudizi cinici su tutti e su tutto quanto lo circondi sono infiniti, e pure l’intervistatore, Claudio Sabelli Fioretti, se ne accorge. L’elenco dei disprezzati parte a pag. 14 da Flavio Briatore -suo compagno di classe di allora-, con un’accusa mica da ridere: «Era uno che non faceva niente. Finito il geometra a Cuneo si mise in società con un tal Dutto, che un giorno saltò in aria con tutta la macchina. Briatore scomparve da quel giorno. Quando riapparve era ricchissimo [...] Nessuno può costruire un impero dall’oggi al domani». Passa poi all’attacco dei ricchi e degli imprenditori, da buon vecchio e nostalgico comunista: «non sono antiberlusconiano più di quanto non sia anti-Fiat» (pag. 14). Passa alla politica, ma la sua ira non si placa: «Mi piace un sistema statalista, governato dal centro. Io sarei più di estrema sinistra, ma se vai in Rifondazione Comunista comunque sei fuori, fai le battaglie di bandiera. Veltroni doveva far fuori tutti: Rutelli, Fioroni, Fassino, D’Alema. Tutte queste cariatidi che tirano a fare i loro giochetti. Sono interessati solo ai posti, non gliene frega niente di portare la sinistra al governo». Bersani e Franceschini? «Persone degne ma senza carisma. E succubi dell’apparato» (pag. 33). Bassolino? «E’ una ruota di scorta. E’ andato perfino a baciare il sangue di san Gennaro. Uno di sinistra non può andare a baciare il sangue di san Gennaro» (pag. 34). Veltroni? «E’ l’antitesi di Zapatero. E’ un vecchio democristiano di sinistra. E’ responsabile della tragedia del Pd. Uno come Veltroni non si capisce cosa voglia. E alla fine ti frega. Gli chiesi di prendere posizione contro i democristiani. Lui ha parlato della funzione pubblica della religione. E allora me ne sono andato [...]. Ha sbagliato tutto» (pag. 34,35 e 102).

Rutelli? «Rutelli è difficile da capire. Si è convertito, fa la comunione, si è risposato in chiesa. Non lo capisco» (pag. 47). Pannella e Bonino? «Pannella parla molto ma fa poco. La stessa Bonino quando è stata al governo con Berlusconi, che cosa ha fatto per bloccare gli interessi della Chiesa?» (pag. 51). D’alema? «Se da quando nasci a quando muori stai in Parlamento, chi rappresenti? Uno come D’Alema, figlio di un deputato, che non ha nemmeno finito gli studi e non ha mai lavorato, chi rappresenta? [...] Si crede molto intelligente, e questo è un errore gravissimo, quando non lo si è» (pag. 56 e 102). Diliberto? «Simpatico. Ma il problema è che quelli lì io non li considero credibili» (pag. 101). Beppe Grillo? «produce populismo. Delegare la politica ai comici è sintomo di un malessere [...]. Grillo lo trovo antipatico e livroso» (pag. 103,104). Travaglio? «E’ un po’ manicheo e maniacale [...]. Spesso gioca sull’equivoco, riporta accuse a politici che non sono ancora state confermate nei tribunali» (pag. 103,104). Santoro? «Lo trovo un po’ egocentrico. E’ come Piero Angela: la sua trasmissione è lui. Da Piero Angela magari ci sono due premi Nobel in studio, ma non parlano: sono lì solo per confermare quello che dice lui» (pag. 131).

Una delle poche persone che ne esce bene da questo vortice di disgusto è Paola Binetti. Per lei ha parole gentili e di comprensione: «Fa il suo lavoro. E’ dell’Opus Dei, vive in una comunità di donne, il suo stipendio lo devolve all’Opus Dei. Quelli dell’Opus Dei sono persone un pò strane. Ma ti dico: preferisco una come lei. In fin dei conti sai cosa pensa» (pag. 35). Anche Berlusconi tuttavia è trattato dignitosamente: «Ha portato l’idea che la politica aveva bisogno di facce nuove. Che le facce nuove siano la Carfagna, la Brambilla o la Gelmini può non piacere. Rimane il fatto che sono faccie nuove. Tra i berlusconiani non ci sono quelli che di professione fanno il politico. Non c’è la casta» (pag. 95). Su Bruno Vespa dice: «Prima di conoscerlo lo trovavo insopportabile. Poi sono andato da lui qualche volta, e mi sono stupito. Ho dovuto ricredermi. Ho capito che lui è un professionista» (pag. 131). Stranamente ha qualche parola di apprezzamento anche per i religiosi: «Ho conosciuto il vescovo di Noto, Antonio Stagliano. Ovviamente non siamo d’accordo su nulla. Però è uno con cui si può parlare. Ho incontrato il cardinale di Napoli, Crescenzio Sepe. Anche lui mi è sembrato una persona aperta». Ripiomba però subito nel feroce nichilismo militante: «Ma frequentarli è sbagliato. I brigatisti rossi dicevano che se tu vai a sparare a qualcuno non devi pensare alla sua vita, a sua moglie, ai suoi figli. Non devi pensare che è una brava persona. Devi solo pensare che stai combattendo una battaglia politica. Non voglio sparare ai vescovi, ma il fatto che siano eventualmente persone decenti non li rende meno degne di essere combattute» (pag, 36).

 
CONTRO FILOSOFI E SCIENZIATIAnche per i filosofi e gli intellettuali c’è una forte repulsione: Vattimo? «Recita il breviario tutti i giorni. L’unica cosa che gli invidio è il colloquio che ha avuto con Fidel Castro» (pag. 41). Cacciari? «Va in Vaticano a presentare i libri del Papa. Il libero pensiero degli illuministi è qualcosa che a lui fa ribrezzo. Mi chiama il nipotino di Voltaire» (pag. 43). Severino? «è una cariatide della filosofia, incomprensibile e antiscientifico. La sua è la filosofia più deleteria» (pag. 46). Marcello Pera? «Era un filosofo della scienza, un popperiano. Arrivato al potere è diventato un laico devoto. E’ un personaggio singolare. Ma anche lui non è un grande filosofo» (pag. 47). Il matematico ebreo Giorgio Israel? «E’ un virulento, un intellettuale di nicchia, una testa calda. In più esercita il vittimismo dell’ebreo» (pag. 79). Il fisico Zichichi? «Ha l’intelligenza di un bambino. Anzi no, perché i bambini sono svegli» (pag. 87). Ernesto Galli della Loggia? «Anche lui è un po’ tonto, poverino» (pag. 88).

A pag. 59 rivela che nemmeno il Festival della matematica è una sua invenzione ma di Rutelli: «ero un pò scettico. Pensavo fosse un’esagerazione». E’ durato tre anni, poi «sono cominciati gli screzi. Di ogni tipo. Risultato, non mi hanno rinnovato il contratto». A pag. 62 rivela che «si può benissimo avere una concezione immanente della divinità. Allora ci credo anch’io. E si può anche non considerarlo come la natura, ma come l’ordine che regola la natura. Quindi ad un livello più alto. Gli scienziati ci credono che c’è un ordine che regola la natura». Poco dopo si nota un’ennesima odifreddura: «Solo la mancanza di un progetto può spiegare come è fatto il mondo». Più avanti dice una cosa ancora diversa: «Gli scienziati credono in quello che i cristiani chiamerebbero il Logos. Se non credi che l’universo sia strutturato, che sia regolare, che non sia casuale, è inutile che tu faccia lo scienziato» (pag. 123). Quindi la realtà è ordinata e non casuale ma manca di un progetto. Quanta confusione!

 

CLASSICHE ODIFREDDURE. A pag. 63 parla proprio dell‘inesistenza di Gesù e lo avrebbe capito addirittura leggendo i Vangeli, mentre a pag. 67 informa che Madre Teresa di Calcutta era atea. A pag. 71, temendo l’islam, dice che «Non c’è un concordato con l’islam. Quando ci sarà me ne occuperò. Nel frattempo posso dire che la Bibbia è una truffa mentre il Corano non lo è. La Bibbia si presenta come un libro di storia». Ma il Corano non è mica considerato essere dettato direttamente da Dio? Più avanti (pag. 108) difenderà il Burqa e l’Islam, opponendosi all’odio «nei confronti degli islamici perché si sono sempre contrapposti al cristianesimo». Ah, ecco perché gli sono così simpatici. Spiega anche che la paura del terrorismo è irrazionale perché l’11 settembre ha fatto 3000 vittime, mentre il tabacco e l’alcool ogni anno ne fanno 120 mila (pag. 109), e giustifica anche l’attentato, accusando il comportamento degli americani. A pag. 81 dice che «non è colpa mia se quelli di destra non vincono i Nobel». A pag. 81 annuncia che «fascista è un aggettivo generico, una maniera per dire che fa riferimento alla violenza, all’intolleranza. In questo senso Israele è un Stato fascista. Fascisti sono anche in parte gli Stati Uniti. Obama dice le cose identiche che diceva Bush [...]. Io sono antistatunitense, sono antisionista non antisemita». A pag. 127 si dichiara anche contro gli inglesi. Addirittura «io farei un referendum per buttarli fuori dall’Unione Europea».

Un libro che consigliamo vivamente insomma, che contribuisce a smantellare quell’aurea di saggezza e intelligenza creata appositamente dalla cultura atea attorno ad Odifreddi.

 

Aggiornamento 13/8/11: in seguito alla pubblicazione di questo articolo, il matematico Giorgio Israel ha pubblicato una risposta a Odifreddi, il quale ha contro-replicato sostenendo che sia l’intervistatore, Sabelli Fioretti, che l’editore, Alberti, avessero riportato pensieri non suoi. Tuttavia sia il giornalista che l’editore hanno replicato, il primo dichiarando di avere la registrazione delle parole di Odifreddi, il secondo annunciando querela. Potete trovare descritte queste vicende in Ultimissima 13/8/11 e Ultimissima 13/8/11.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

198 commenti a “Perché Dio non esiste”: recensione del libro di Odifreddi

« nascondi i commenti

    • Gennaro ha detto in risposta a Riccardo

      Incredibile quello che dice sull’Islam! O meglio, sul terrorismo islamico. Io dell’Islam vero ho pieno rispetto.

      Thumb up 0

  1. Riccardo ha detto

    http://www.gesustorico.it/htm/vangeli/criteri.asp

    Cosa vuol dire Odifreddi con il fatto che i Vangeli non siano fonti storiche affidabili? Ne sa più lui che decine di studiosi preparati su quest’argomento?

    Thumb up 3

    • Ingrid ha detto in risposta a Riccardo

      Cosa vuoi che dica, poveretto!

      Thumb up 0

    • Mr. Crowley ha detto in risposta a Riccardo

      Presumo che lo dica dopo avere fatto alcuni esperimenti scientifici:
      Ha provato la moltiplicazione dei pani e dei pesci, Ha provato a guarire i malati solo con la forza di volonta’, NON ha provato a scacciare i demoni perche’ e’ ateo, ha provato a risuscitare i morti, ha provato a camminare sulle acque.
      Non avendo avuto esito positivo nessun esperimento, malgrado si senta a pari di Cristo, ha dedotto che Gesu’ non sia mai esistito.

      Thumb up 0

  2. Piero B. ha detto

    “Il matematico impertinente e Il matematico impenitente. Il secondo ovviamente ha venduto solo 50 mila copie (cioè quanto vende il libro del Papa in un giorno solo in Italia) perché, spiega lui sconsolato, «molti l’hanno confuso col primo. Qualcuno non ha capito che era un libro nuovo»”

    ahahahaahah

    Thumb up 1

  3. Aleateo ha detto

    Io no cpisco perch� attacate un grande scenziato come Odifreddi LUI è molto saggio oviamente afinchè voi lo capiate dovete avere la SUA inteligenza che è una csa che vi manca, vedete contradizioni dove non esistono è ovio che avete manipolato tutto per fargli dre quel che voi volete!!

    Qundo diventerete atei come me che so che l’unverso � composto da 12 strisce vibrnti di energia come dicno diverese teorie scentifiche ptrete conosciere la VERA conoscienza invece voi vi ostnate a credere ad un tizio nel celo che a creato tutto, io no capisco.

    Thumb up 1

  4. Renato Valsecchi ha detto

    Ottima recensione! Grazie a voi non c’è più neppure bisogno di comprare il libro e dare i soldi a quell’asino!

    Thumb up 1

  5. Marco ha detto

    “Se non credi che l’universo sia strutturato, che sia regolare, che non sia casuale, è inutile che tu faccia lo scienziato”….quindi se non è casuale significa che c’è un progetto…o sbaglio?

    Thumb up 0

    • Enzo ha detto in risposta a Marco

      Sbagli.La scienza che studia la struttura di questo universo si chiama Fisica.Spazia dalla particelle sub-nucleari alla astronomia.Spiega perchè un geco può camminare verticalmente senza colla sotto le zampe e perchè in questo esatto momento violente piogge di metano colpiscono Titano. Non c’è traccia di un ordine, siamo un istante nel temop dell’ universo, una piccola roccia nel vuoto infinito, piena di presuntuosi che credono di essere al centro di chissà quale progetto.

      Thumb up 0

      • Marco ha detto in risposta a Enzo

        Enzo mi sembri molto aggressivo…come mai?

        Odifreddi sostiene che gli scienziati “credono che c’è un ordine che regola la natura”. Tu dici che non c’è alcun ordine. A chi credere? Se non c’è ordine significa che c’è il caos. Ma nessuno studierebbe il caos e cercherebbe delle leggi che regolano il caos. Quindi un ordine c’è. E, ti chiedo, da dove arriva quest’ordine?

        Thumb up 0

        • Enzo ha detto in risposta a Marco

          Odifreddi con ordine intende leggi.E quelle sono la struttura dell’universo. Ordine può essere interpretato anche come Logos, che compensa le differenze ,bilancia e mantiene in equilibrio. Bene come tale esiste poichè materia ed energia sono in equilibrio, niente nasce dal nulla e niente svanisce nel nulla e questo si giustifica in se stesso, siamo a conoscenza delle condizioni per esempio, in cui non potrebbe esserci stata vita sulla terra,e ne siamo a conoscenza proprio grazie al fatto che per puro caso ci è stata vita e quindi noi in grado di comprenderla. Ma il dio cristiano non si è mai espresso in termini di energia e materia, ma come una sorta di riparatore(e quindi di equilibratore ed ordine) delle faccende umane, un misuratore del coefficente di buone azioni e cattive , che in seguito riappiana le diseguaglianze,è la morale dei sacerdoti di Nietzsche, è la figura genitoriale massima di Freud, nonchè ,a mio parere, un romanzo poco chiaro con un fan club terrorizzante.

          Thumb up 0

          • simone ha detto in risposta a Enzo

            Ma perché un ateo è costretto a credere al caso pur di non credere a Dio?

            Thumb up 0

            • Enzo ha detto in risposta a simone

              WTF? Spiegati.

              Thumb up 0

              • simone ha detto in risposta a Enzo

                WTF sta per? Oltre ad aver interpretato a tua maniera le parole di Odifreddi, hai mostrato che l’ateo deve fare un grande atto di fede (il “Caso”) piuttosto che non credere semplicemente ad un Creatore. Mi chiedo cosa vi spinga a fare questo salto irrazionale pur di sostenere la vostra idea..

                Thumb up 0

                • Enzo ha detto in risposta a simone

                  Statisca. La questione della nascita della vita è ancora sconosciuta, mentre una volta nata abbiamo l’idea di come sia cambiata[QUalcuno di voi è evoluzionista?] semplicemente è più probabile,ci sono più possibilità in quello dato che non c’è altra alternativa, poichè le parole della bibbia più e più volte [] si sono dimostrate false, nonchè palesemnte e simili a tante altre sacre scritture di cui voi oggi ridete.

                  Thumb up 0

                  • simone ha detto in risposta a Enzo

                    Qui tutti sono evoluzionisti. Proprio perché non c’è alcun problema ad esserlo, anzi! La Bibbia non è un testo scientifico e se tu lo tratti letteralmente sei un fondamentalista. La probabilità è che un computer sia stato progettato e creato. Il nostro cervello è il più potente dei computer e la probabilità aumenta. Così come le incredibili coincidenze avvenutesi nella creazione dell’Universo. Tanto determinanti da aver portato uno dei maggiori fisici al mondo, Paul Davies, su posizioni deiste.

                    Thumb up 2

  6. gabriele ha detto

    secondo me ha preso materiale da internet e lo ha incastrato insieme in qualcosa di incoerente
    è matto
    preghiamo per lui

    Thumb up 0

  7. Gennaro ha detto

    Grandissimi c’è materiale per ridicolizzarlo per un anno intero

    Thumb up 0

  8. Leonardo Paolo Minniti ha detto

    quest’uomo è pieno di risorse! veramente! ma come è possibile che nessuno si accorga di quanto è scemo?

    Thumb up 2

  9. Nando ha detto

    Guarda che qui ce ne siamo accorti tutti :)

    Thumb up 2

  10. Ester ha detto

    Perché gli atei sono così ossessionati da Dio?

    Thumb up 1

    • Raffa ha detto in risposta a Ester

      Perché “i credenti parlano di ciò che amano e i non credenti di ciò che temono”.

      Thumb up 4

    • Enzo ha detto in risposta a Ester

      Perchè il credo in dio di una persona condiziona la vita di un’altra.

      Thumb up 0

      • Nofex ha detto in risposta a Enzo

        Anche il non credere in Dio condiziona la vita di un’altra persona. Guarda il tentativo di proselitismo che fa l’uaar, o guarda tutti i credenti morti sotto l’ateismo di stato.

        Thumb up 3

        • Enzo ha detto in risposta a Nofex

          il tentativo di proselitismo è una cosa(non sò a cosa tu ti stia riferendo) la violenza psicologica di far immaginare ad un bambino L’ETERNITà di FIAMME, DOLORE E SOFFERENZA CHE LO ASPETTA ALL’INFERNO se non segue i precetti sono un’altra.La confusione che si crea nel bambino quando a questo viene però spiegato che in realtà dio ama tutti, quella che si crea quando per curiosità si avvicina alle scritture e scopre un dio violento , meschino e vendicativo(antico testamento) ed un’altro nel nuovo, quella di quando scopre che è sgorgato più sangue in nome di dio che in nome di ogni altra causa.Quando vede gli scontri violenti fra sostenitori della stessa religione abramitica che fondamentalmente discutono se il vero nome si Allah,Gesù o Yaveh. Quando vede la correlazione fra geografia e religione e trova ingiusto che un povero innocente bambino indigeno del Brasile mai venuto in contatto con la civiltà debba bruciare all’inferno,così come migliaia di persone nella storia che hanno la colpa di non averlo mai sentito nominare , dato che ciò è deciso da un sedicente dio onnipotente.Insomma la logica confusa e meschina con cui la chiesa tira su adulti insicuri.

          Thumb up 0

        • Il Profeta ha detto in risposta a Nofex

          Non credo che un ateo condizioni un’altra persoan: il mio non-credo non dice ad un altro come fare sesso, mangiare, condurre il mio matrimonio etc.
          la cosa che non capisco è questa: ok, credete in un sistema di valori, ma applicatelo a voi stessi e lasciate in pace gli altri.
          Non volete aborto, eutanasia, contraccezione (che non sono liberi ma sottoposti a delle leggi)? Non fateli e basta,non fate sempre predicozzi.
          Non sarebbe un buon punto d’incontro?
          Per quanto riguarda l’ateismo di stato non menatela, se una casta lo pratica esclusivamente a proprio vantaggio direi che è ateismo d’elite.Del resto Pinochet era molto cristiano ed è apparso al balcone con papa Woytila, quindi le cose non sono così nette.
          Detto questo, non è detto che ***tutti*** gli atei siano buoni e i cristiani cattivi,ma manteniamo un buon vicinato.

          Thumb up 0

          • simone ha detto in risposta a Il Profeta

            Gli argomenti che porti sono semplici e più volte affrontati. Le leggi creano una cultura. Il cristianesimo è sempre una proposta e mai un obbligo. O anche qui l’ateo lo impedisce?

            Thumb up 2

        • Enzo ha detto in risposta a Nofex

          il tentativo di proselitismo è una cosa(non sò a cosa tu ti stia riferendo) la violenza psicologica di far immaginare ad un bambino L’ETERNITà di FIAMME, DOLORE E SOFFERENZA CHE LO ASPETTA ALL’INFERNO se non segue i precetti sono un’altra.La confusione che si crea nel bambino quando a questo viene però spiegato che in realtà dio ama tutti, quella che si crea quando per curiosità si avvicina alle scritture e scopre un dio violento , meschino e vendicativo(antico testamento) ed un’altro nel nuovo, quella di quando scopre che è sgorgato più sangue in nome di dio che in nome di ogni altra causa.Quando vede gli scontri violenti fra sostenitori della stessa religione abramitica che fondamentalmente discutono se il vero nome si Allah,Gesù o Yaveh. Quando vede la correlazione fra geografia e religione e trova ingiusto che un povero innocente bambino indigeno del Brasile mai venuto in contatto con la civiltà debba bruciare all’inferno,così come migliaia di persone nella storia che hanno la colpa di non averlo mai sentito nominare , dato che ciò è deciso da un sedicente dio onnipotente.Insomma la logica confusa e meschina con cui la chiesa tira su adulti insicuri.
          [scusate il repost ma me lo avevano bannato e non vedo la motivazione]

          Thumb up 0

          • simone ha detto in risposta a Enzo

            Non vedo alcuna violenza psicologia. Altrimenti avrebbe delle gravi conseguenze sulla psiche umana. Eppure molti soggetti educati cattolicamente decidono ad un certo punto di cambiare strada. Questo significa che non c’è alcuna costrizione o alcuno strappo psicologico. Inoltre è dimostrato che i bambini nascono già predisposti all’idea di un Creatore, è solo con la permanenza nello scetticismo che chiudono la ragione e diventano razionalisti.

            La questione dell’inferno è molto più semplice…per il cristiano il Bene è Dio. Dove non c’è Dio c’è il Male. Per questo rifiutare Dio è una scelta oggi, e verrà rispettata la tua decisione anche per il “domani”. Vivrai un eternità senza Dio (quindi l’inferno). Ma forse per te è una pacchia. Insomma non vedo dove sia l’offesa.

            Thumb up 2

            • Enzo ha detto in risposta a simone

              E NON HA GRAVI CONSEGUENZE SULLA PSICHE UMANA? MA VI GUARDATE INTORNO? Credenze irrazionali ovunque che portano solo sofferenza.
              “rifiutare Dio è una scelta oggi, e verrà rispettata la tua decisione anche per il “domani”. Vivrai un eternità senza Dio (quindi l’inferno)”
              Ma può il tuo Dio che perdona ogni cosa, non perdonare me perchè non ci ho creduto? Perdona assassini e non perdona un povero stronzo come me che non fà niente di male se non quello? Sarebbe vendicativo e un pò da primadonna.
              Credi che io compia del male? Credi che uccida persone perchè sono ateo?Credi che non sia capace di amare?E di farlo solo in quanto uomo e non opera divina? Che non sia in grado di aiutare una persona, solo per farla stare bene e non per un premio divino?Di non stupirmi davanti ad una montagna perchè conosco i magnifici processi con cui è nata invece di credere che opera del divino?
              1″ bambini nascono già predisposti all’idea di un Creatore” Non ti tirare la zappa sui piedi.
              2″ la permanenza nello scetticismo che chiudono la ragione e diventano razionalisti” Rielabora.

              Thumb up 0

              • simone ha detto in risposta a Enzo

                Il Dio cristiano è un Dio che preferisce la libertà. Se scegli di non credere in Lui ti prende sul serio e non ti costringe a stare con lui (al Paradiso). Rispetta la tua scelta. Non c’è alcuna opera divina, la libertà è in mano nostra. E non ci si muove certo per il premio ma per la propria felicità. Davanti alla montagna ti puoi stupire perché conosci i processi che l’hanno fatta sviluppare ma non ti commuoverai mai se non arrivando a capire che è lì perché è un dono. Allora tutto acquista un senso, tutto è “tuo”. Questa commozione e gratitudine non potrete mai sperimentarla, per questo siete rabbiosi con i credenti.

                Thumb up 1

  11. enrico ha detto

    Buon giorno.

    Mi chiamo Enrico e scrivo talvolta sul sito dell’UAAR con nick “enrico”.
    Noto che gli interventi di “aleateo” che qui scrive sono ugualmente sgrammaticati e con la medesima spaziatura contenente quadrati ( che francamente non so nemmeno come si faccia) di tal alecattolico che scrive sul sito UAAR.

    Mistero

    cfr
    “Nuova recensione sul sito: “Gesù”, di Paolo Flores d’Arcais”
    Alecattolico scrive:
    9 agosto 2011 alle 16:48
    Se l’ ha scritto Paolo Flores d’arcais � molto probabilmente diffamatorio nei confr�nti del Cristianesimo,questo grazie allasuperbia atea di ritenere vere solo le cose materiali,invece si possono dimostrare anche cose non materiali,l’amicizia, la sima,la simpatia,la fedet nell’unicoveroDio,quella in cui la fede � tetragona.

    cfr:
    Aleateo ha detto:
    10 agosto 2011 alle 13:35
    Io no cpisco perch� attacate un grande scenziato come Odifreddi LUI è molto saggio oviamente afinchè voi lo capiate dovete avere la SUA inteligenza che è una csa che vi manca, vedete contradizioni dove non esistono è ovio che avete manipolato tutto per fargli dre quel che voi volete!!

    Qundo diventerete atei come me che so che l’unverso � composto da 12 strisce vibrnti di energia come dicno diverese teorie scentifiche ptrete conosciere la VERA conoscienza invece voi vi ostnate a credere ad un tizio nel celo che a creato tutto, io no capisco.

    Thumb up 1

    • Aleateo ha detto in risposta a enrico

      Non ti permtere di prvare a dire che io sno come un cattlico perch� cè una diferenza abbisale tra me e uno di voi io bso la mia vita su conziderasioni sciientifiche � invece voi no potete prmettervlo.

      Thumb up 0

      • Piero ha detto in risposta a Aleateo

        OK lo scherzo e’ riuscito alla grandissima.
        Sei riuscito a resituire perfettamente l’idiozia di certi atei e l’imbecillita’ di certe affermazioni. C’e’ uno studio molto profondo dietro. Ci hai perso un sacco di tempo. Complimenti, non deve essere stato facile. E ci vuole del fegato.
        Ora pero’ basta e parla seriamente come un cristiano.
        Dai, chi sei?

        Thumb up 0

        • Mikhail Tal ha detto in risposta a Piero

          Sono io aleateo, l’ho fatto perchè sul sito uaar c’è un alecattolico che è un troll ateo che fa finta di essere credente, durante la pausa che si è presa la redazione uccr qualche utente aveva chiesto nei commenti di qualche notizia fa un aleateo anche in questo forum e io li ho accontentati.

          Lo studio non è stato molto approfondito mi è bastato ricordarmi i vari commenti dei troll che compaiono su questo sito da tempo(devo dire che neanche ho esasperato le loro varie teorie, sono veramente così, ho dovuto solo aggiungere i vari errori grammaticali per rendere tutto più comico e come ciliegina sulla torta la teoria delle stringhe) e leggermi 3-4 commenti di alecattolico e aggiungere il suo marchio di fabbrica cioè il ����.

          PS: enrico non so neanche io come si fanno questi così � li ho solo copiati.

          Thumb up 0

    • Rego ha detto in risposta a enrico

      Ciao! Grazie per le tue preziose informazioni…!

      Thumb up 0

  12. Luca Bonicalzi ha detto

    Veltroni doveva iniziare “a fare fuori” se stesso!

    Thumb up 0

  13. Hikaru7 ha detto

    Se io fossi Odifreddi, la prima cosa che mi verrebbe in mente, nel rispondere a questo articolo, sarebbe di proporre un veloce ripasso delle principali regole ortografiche della lingua italiana. E con questo non voglio schierarmi né con l’una, né con l’altra parte. Dico solo che, se proprio devi attaccare qualcuno, fai almeno in modo che il tuo dire sia ineccepibile sotto ogni aspetto. E provvedi a scrivere “un po’ ” con l’apostrofo e non con l’accento, e “facce” senza la “i”. Così, tanto per dire.

    Thumb up 0

    • Carlo ha detto in risposta a Hikaru7

      Ma, ma che noia! Ma basta!!! A scrivere veloci capitano questi errori, e poi non è certo gente pagata! Ma perché non parliamo dei contenuti?? Tu sei la stessa che ha scritto la stessa pallosità su Facebook e sei cattolica. Abituati a fare meno la maestrina e a valutare i contenuti!

      Thumb up 0

      • Mimmo ha detto in risposta a Carlo

        Odifreddi potrebbe rispondere che la prima guerra in Irak è stata causata dal fatto che Saddam non riuscì a restituire i soldi di un prestito al vaticano.

        Thumb up 0

      • Hikaru7 ha detto in risposta a Carlo

        Allora rileggi quel che ho scritto dopo, su Facebook, e lì commenta i miei, di contenuti. Thanks a lot.

        Thumb up 0

        • Carlo ha detto in risposta a Hikaru7

          Sei una maestrina rompi cojones…questo noto. E anche un pò moralistona.

          P.S. Ah, dimenticavo. Non si iniziano le frasi con “allora”.

          Thumb up 0

        • Maffo ha detto in risposta a Hikaru7

          Hai capito che contenuti! Difende Pierpippa…ragazzi è un altro troll!

          Thumb up 0

        • Francesco Santoni ha detto in risposta a Hikaru7

          Ragazzi state esagerando! Hikaru non è un troll ed è perfettamente indentificabile visto che ha scritto anche sulla pagina facebook antiuaar (http://www.facebook.com/hikaru987 ) ed i suoi interventi mi sembrano perfettamente ragionevoli. Non dico che tutti debbano pensarla come lei, ma la sua è una posizione rispettabilissima. Attenzione a non far branco contro ogni voce fuori dal coro come avviene sul sito UAAR!

          Thumb up 0

          • Maffo ha detto in risposta a Francesco Santoni

            A me non interessa il branco! Io non sopporto più chi pensa di essere cristiano facendo il buonismo. Troppi errori sono stati fatti per ragionamenti come i suoi. Se uno non capisce il dibattito culturale, l’ironia, se ne stia zitto e non venga a fare il moralista!!

            Thumb up 0

            • Francesco Santoni ha detto in risposta a Maffo

              Il branco non ti interesserà, ma resta il fatto che lo state facendo (insomma quel che si vede si vede). Io dico che vi state lasciando prendere la mano. Hikaru pone due questioni: 1) Evitare gli errori, di qualsiasi genere (e questo è sacrosanto, nulla da aggiungere, ha ragione e basta). 2) Non condivide il dileggio e preferirebbe altri toni, conservando però i contenuti (opinione condivisibile o meno, ma di certo rispettabile, ed in ogni caso non c’è in essa nessun tentativo provocatorio).
              Io dico che la reazione di diversi utenti nei confronti di Hikaro è esagerata. Se non fossero su un forum, ma stessero parlando faccia a faccia, avrebbero questo comportamento? Non credo proprio. Rinnovo quindi il mio invito a non fare come sul sito UAAR.

              Thumb up 0

              • Hikaru7 ha detto in risposta a Francesco Santoni

                Davvero, sono contenta che le mie intenzioni siano state comprese da almeno una persona. Dietro una tastiera è facilissimo scegliere qualcuno da prendere di mira e no, nemmeno io credo che avrebbero avuto la stessa sfrontatezza se dal vivo, ci avevo già pensato. Del resto, mi criticano tanto ma assumono gli stessi atteggiamenti da cui si guardano, mettendosi in cattedra a giudicarmi e offendendo pure, a volte. Pazienza.

                Thumb up 0

              • Maffo ha detto in risposta a Francesco Santoni

                L’impressione del branco è inevitabile quando sono più persone che la pensano ugualmente e decidono di esporre il loro pensiero. Come dice Raffa, c’è modo e modo di porre le questioni e farlo così l’ha fatta passare dalla parte dell’antipatica. Inoltre non ha ancora capito che siamo su un sito anche satirico, ha sparato un commento senza chiedersi dove si trovava.

                Thumb up 0

                • Francesco Santoni ha detto in risposta a Maffo

                  Però anche altri qui mi sono sembrati antipatici. Credo che sia opportuno chiudere questa discussione. Ammettiamo gli errori e le buone intenzioni di tutti e finiamola. Hikaru ha posto delle obiezioni che io in parte condivido. Ha iniziato il discorso, qui e su facebook, in maniera un po’ antipatica? Forse. Però poi si è chiarita e di sicuro non è un troll. Quindi credo si possa tornare ai normali toni di discussione.

                  Thumb up 0

                • Hikaru7 ha detto in risposta a Maffo

                  Io ho “sparato il commento” nello stesso modo, SATIRICO, in cui è stato scritto l’articolo. Capisco però che non a tutti è concesso.

                  Thumb up 0

                  • Maffo ha detto in risposta a Hikaru7

                    Condivido quanto dici, Francesco. Apprezzo anche che tu voglia calmare le acque (semmai sono agitate).

                    @Hiraku7: non si risponde satiricamente ad una satira. A meno che non si capisca di stare leggendo un articolo satirico. Inoltre ti ricordo che tu stessa hai detto (su FB) che non bisogna usare la satira e l’ironia ma “l’amore e la preghiera”. Anzi, stare in silenzio. Ciao!

                    Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Maffo

                      Io, però, non ho mai scritto di non usare satira ed ironia, ma di evitare la rabbia. Per di più, mi riferivo a persone che non credono, come Odifreddi, non ai “fratelli cattolici”.
                      Sì, questo è un articolo satirico, dunque mi hai appena autorizzato a rispondere allo stesso modo. ‘Notte

                      Thumb up 0

                    • Maffo ha detto in risposta a Maffo

                      Rabbia? E dove sarebbe la rabbia..perdonami..?? Guarda che stai prendendo una bella cantonata. Io trovo l’articolo molto divertente…e anche piacevolmente scorrevole. Tra l’altro lo spazio per i commenti dell’autore è ridottissimo, si lascia molto al delirio di Odifreddi. Non capisco nemmeno dove stia la tua satira. Secondo me non ti sei accorta in che luogo stai commentando, cioè una parodia dell’UAAR. Tanto che lo scambi per un “movimento cattolico”. Dai, capita di prendere qualche ciocca…l’importante è rinsavire presto!

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Maffo

                      Credo ci sia, invece. Perché usare tanta polemica, se no? Perché sfotterlo addirittura sul nome, la cosa che ho detestato di più? Le opinioni personali sono poche, è vero, ma molto chiare: Odifreddi è un esaltato. Quello che voglio dire è che non credo si faccia così, la “propaganda cattolica”, punto.

                      Thumb up 0

                    • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                      La propaganda cattolica forse la si fa votando il centrosinistra ed eleggendo ministro della salute Umberto Veronesi o Ignazio Marino…, vero Elena?

                      Thumb up 0

                    • Maffo ha detto in risposta a Maffo

                      Tra gli obiettivi non c’è il voler fare propaganda cattolica, infatti. O almeno io non leggo nulla del genere. Qui tutti lo chiamano Pierpippo, è un modo simpatico per evitare di prenderlo molto sul serio. E’ una canzonatura simpatica e divertente, proprio nello spirito della satira. Odifreddi è un esaltato, questo lo sappiamo bene. Evitiamo che qualcuno lo prenda sul serio.

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Maffo

                      @Maffo: Sicuro sicuro che nessuno, all’Anti UAAR, faccia propaganda? Che questo articolo non fosse un attimino fazioso?
                      Però, se mi giustifichi lo sfottò sul nome (che non trovo affatto benevolo), o il dargli dell’esaltato, allora sì, io ho sbagliato completamente nel criticare l’autore del pezzo.

                      Thumb up 0

                  • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

                    @hikaru
                    Forse non sai che “di la’” hanno messo al posto della foto di Benedetto XVI la foto dell’Imperatore di Star Wars, e poi di quella schifezza di statua raffigurante Ratzinger con il reggicalze.
                    Si meriterebbero altro.
                    Senza contare che il soggetto in questione ritiene che il termine “cristiano” derivi da “cretino”.

                    Ciao Tinetta.

                    Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

                      Se gli altri si comportano male, dobbiamo farlo anche noi? Mai condivisa questa politica, mi spiace. Saluti.

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Piero

                      Se gli altri si comportano male, dobbiamo farlo anche noi?
                      No, dobbiamo comportarci peggio. ;)

                      A brigante, brigante e mezzo diceva un popolare presidente italiano.
                      (spero mi perdonerai le minuscole nella parola “presidente”, ma Non Ho VoGlIa Di UsArE lO ShIfT) :D

                      Thumb up 0

                  • Maffo ha detto in risposta a Hikaru7

                    Non esiste la propaganda cattolica…fattelo insegnare da Rutelli! E’ soltanto un modo simpatico per prendere in giro i guru dell’ateismo militante. Non hai azzeccato ancora un commento…pensi di riuscirci prima o poi?

                    Thumb up 0

      • Francesco Santoni ha detto in risposta a Carlo

        Condivido quanto dice Hikaru. Nei commenti quando si scrive di getto gli errori possono capitare, ma negli articoli si deve cercare sempre di essere ineccepibili. In particolare mi è capitato più volte di notare (non in questo articolo) il pronome “gli” usato come complemento oggetto al posto di “li” (ad esempio “gli ho visti”). Non sarebbe propriamente un errore, ma è un uso antico che credo sopravviva in qualche dialetto. Oggi andrebbe evitato, anche perché chi non è abituato a sentirlo ha subito l’impressione che si tratti di un errore, e questo suscita subito un sentimento di diffidenza.
        Ricordate che all’apologista nessun errore viene mai perdonato. Leggete cosa è successo a Rino Cammilleri http://www.rinocammilleri.com/2010/05/eco/

        Thumb up 0

        • Hikaru7 ha detto in risposta a Francesco Santoni

          Grazie mille, Francesco :)

          Thumb up 0

        • Franz ha detto in risposta a Francesco Santoni

          Ma per favore! I quotidiani sono pieni di errori! Siamo umani e si sbaglia…altrimenti fate una colletta e pagate questi ragazzi che si sbattono anche per voi!

          Thumb up 0

          • Hikaru7 ha detto in risposta a Franz

            Proprio per questo dico di stare attenti. Dal momento che TV, Web e quotidiani costituiscono i principali veicoli di trasmissione, al giorno d’oggi, stiamo un attimino attenti alle fesserie che scriviamo, cavolo. Che poi le nuove generazioni si descolarizzano e son pure convinte di sapere l’italiano. Del resto, “l’ha detto la tivvù”…

            Thumb up 0

            • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

              Dacci un taglio! Stai sviando il discorso…non mi stupirei se tu fossi un’altra atea (magari Giulia?) che finge di essere cattolica per distrarre dai contenuti!

              Thumb up 0

              • Hikaru7 ha detto in risposta a Franz

                Che c’entra la religione che professo, adesso? Ateo=cattivo e cattolico=buono? Funziona così?

                Thumb up 0

                • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

                  Ateo che scrive su UCCR fingendo di essere cattolico e creando litigi e incomprensioni. Funziona così.

                  Thumb up 0

                  • Hikaru7 ha detto in risposta a Franz

                    Io non avevo intenzione di scatenare nessun litigio. Solo, mi sono attaccata ai cavilli linguistici perché, come è stato appena scritto, sono “ossessionata dall’apostrofo”. Non mi crederai, ma non volevo sollevare nessun polverone, visto che, per di più, non ho offeso né accusato nessuno, a parte l’anonimo autore. E non avrei mai pensato che una singola precisazione su qualcosa che ritengo sacrosanta dia adito a tutto ‘sto casino.

                    Thumb up 0

                    • Raffa ha detto in risposta a Hikaru7

                      Hikaru7, non hanno tutti i torti. C’è modo e modo di segnalare le cose…quello che hai scritto qui, più quello che hai scritto su Facebook è molto pesante. Sopratutto per chi stima il lavoro che fanno questi ragazzi. In fondo nessuno ti obbliga a seguire questo sito. Quando commenti dovresti cercare di comprendere un po’ di più il contesto in cui scrivi.

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                      @ Raffa: Vero, nessuno mi obbliga. Sono semplicemente libera di esprimere la mia opinione. Voi, di criticarla, per carità. Ammetterai, però, che mi si sta un po’ perseguitando.

                      Thumb up 0

                    • Raffa ha detto in risposta a Hikaru7

                      Perseguitando…mah…ti stanno rispondendo..come è giusto che sia. D’altraparte se sono in pochi che la pensano come te non è certo colpa loro. Ognuno dice quel che pensa, sono d’accordo, lo dici anche tu. Ripeto quel che ho già detto…hai proprio scelto male il modo di esprimerti…tutto qui.

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                      Rispetto la tua opinione ma trovo che ci sia qualcuno che si stia davvero accanendo. Così la penso io, ma sarà perché sono coinvolta, chissà. Ad ogni modo, il mio intervento, che può tranquillamente venire giudicato sarcastico, velenoso o quel che volete, rispondeva tono su tono a quello che c’è scritto in quell’articolo, che mi ha dato parecchio fastidio. Del resto, su Facebook ho letto dare dell’idiota all’Odifreddi, ma nessuno se n’è curato, e questo non mi sembra giusto. La mia, di opinione, ha suscitato una caterva di commenti, e a volte di insulti. Perché? Perché ho detto una cosa diversa? Perché in mezzo a tanti l’ho pensata diversamente? Lo ribadisco: non mi sembra affatto giusto.

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

                      @hikaru
                      Forse non sai che “di la’” hanno messo al posto della foto di Benedetto XVI la foto dell’Imperatore di Star Wars, e poi di quella schifezza di statua raffigurante Ratzinger con il reggicalze.
                      Si meriterebbero altro.
                      Senza contare che il soggetto in questione ritiene che il termine “cristiano” derivi da “cretino”.

                      Ciao Tinetta.

                      Thumb up 0

                    • Raffa ha detto in risposta a Hikaru7

                      Cara Hiraku7 probabilmente perché non ti sei limitata a dare un commento e una legittima opinione (che non condivido comunque) ma a tua volta ti sei accanita contro chi ti rispondeva (anche in modo forte, è vero). Il vittimismo è l’ultima cosa che puoi metterti a fare, anche se hai le tue ragioni.

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                      Io non mi sono mai accanita perché mi andava, ma solo per difendermi, ho solo risposto ad accuse e offese, a volte, che tutto sommato non credo fosse necessario farmi. Non faccio la vittima, penso sia vero che se avessi detto “Odifreddi è un cretino, un invasato!” non mi avreste criticato in nessun modo, proprio come è successo ieri pomeriggio a chi ha commentato prima di me. Quindi, sì, per me questo è un atteggiamento decisamente “di parte”, per non dire fazioso. Sui modi possiamo discutere quanto vogliamo, ma che si sia esagerato con me è vero. Per il resto, dal momento che mi sono davvero stancata di rispondere sempre alle stesse domande (faccio un discorso generale), e che quel che ho scritto finora non è stato quasi mai accettato, auguro una buona estate a tutti e stop. Le mie opinioni rimangono, così come le vostre. Ma chissà chi ha mancato di rispetto a chi.

                      Thumb up 0

                    • Raffa ha detto in risposta a Hikaru7

                      C’è anche modo e modo di difendersi. Io noto un accanimento bidirezionale che si è alimentato vicendevolmente. Dato che qui si era tranquilli prima, ti invito a porre le tue critiche, la prossima volta, con un altro tono. Buona estate anche a te!

                      Thumb up 0

    • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

      provvedi a scrivere “un po’ ” con l’apostrofo e non con l’accento

      pare esistano pure individui le cui tastiere non hanno le accentate…

      Thumb up 0

      • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

        Mi spieghi meglio, per favore?

        Thumb up 0

        • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

          Alcuni, per esempio per la programmazione, non usano una tastiera italiana, che ha le accentate, come per esempio à, è, ì, ò, ù, e che spesso causano dei problemi di comprensione perche’ possono per cosi’ dire “perdersi” e diventare simboli strani, e provvedono (come per esempio faccio io) con un a’, e’, i’, o’, u’ con il simboletto che tu detesti che non da’ problemi perche’ e’ su 7 bit.
          Non e’ un errore. E’ una scelta.

          Thumb up 0

          • Francesco Santoni ha detto in risposta a Piero

            Il punto è che “un po’” si deve scrivere proprio con l’apostrofo. Usare l’accento è sbagliato.

            Thumb up 0

          • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

            In questo modo, però, dai forza al mio discorso, visto che era di apostrofi e non di accenti che parlavo. O no? Se qualcuno dovesse non usare la tastiera “canonica”, gli verrebbe decisamente più facile scrivere “po’” in modo corretto. Dico bene?

            Thumb up 0

            • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

              Allora temo di non aver capito di cosa ti lamenti.
              Ti riferisci a questa frase riportata nell’articolo?
              Ernesto Galli della Loggia? «Anche lui è un po’ tonto, poverino»
              Non capisco cosa ci sia che non vada bene.
              Ripeto: io scrivo con il ” ‘ ” perche’
              1) non ho la tastiera italiana (per il mio lavoro)
              2) sono sicuro che si vede bene in tutti i sistemi

              Altrimenti non sono sicuro di aver capito a cosa ti riferisci.
              Puoi specificare meglio?

              Thumb up 0

              • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

                In più di un punto si legge “pò” anziché “po’”, in un altro “faccie”, e, dato che mi si accusa di non parlare sufficientemente di contenuti, non gradisco il tono dell’intero articolo, così polemico, sprezzante e rancoroso. Addirittura storpiare il nome dell’Odifreddi, dai… insomma, io avrei l’illusione di trovare un modo di argomentare le cose un attimo più pacifico, in un articolo di un movimento cattolico. Ma questo è un altro discorso.

                Thumb up 0

                • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

                  Movimento cattolico???? Ma fatti due risate su, maestrina!

                  Thumb up 0

                • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

                  Ma figurati che io avevo capito che polemizzavi sulla grammatica di Odifreddi. Perche’ allora hai cominciato con:
                  Se io fossi Odifreddi, la prima cosa che mi verrebbe in mente, (…) sarebbe di proporre un veloce ripasso delle principali regole ortografiche della lingua italiana ?
                  Perche’ se le dovrebbe ripassare Odifreddi le regole della grammatica italiana se l’errora l’ha fatto l’articolista?

                  Thumb up 0

                  • Piero ha detto in risposta a Piero

                    pardon…
                    errore se no mi bastoni…
                    Niente niente sei parente ad Accademia dei Pedanti ?

                    P.S.: quando si hanno pochi argomenti contro, spesso si ricorre al ricercare il pelo nell’uovo delle espressioni utilizzate
                    Non sono tesi universitarie, qualche errore ci sta: di solito sul web si usa una forma di comunicazione che sta in mezzo tra la comunicazione scritta e la comunicazione verbale. Se no devi stare 3 ore a limare ogni singola espressione.

                    Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

                      Nah, non tre ore. Ho collaborato anch’io per dei giornali, scrivendo al pc, e ti assicuro che, una volta fatta l’abitudine ad evitare l’errore, di tempo non se ne perde poi così tanto.

                      PS: Nessuna accademia. Avevo quasi sperato di non ricevere nessun commento velenoso, da te. Va be’…

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Piero

                      nessun commento velenoso

                      Se lo hai considerato tale, me ne scuso.
                      Non capisco pero’ perche’ lo ritieni tale.
                      bastava dire: Guardate, ci sono un (ah ah ah ah) di errori: questo questo e quest’altro.
                      Sara’ che io sono perfezionista, se decido di correggermi ci metto veramente tanto. Figurati che la tesi l’ho scritta in 3 settimane, e per riguardarla ci ho messo 6 mesi.

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Piero

                      ma ritieni che affiliarti ad Accademia dei Pedanti sia un’offesa che si debba lavare con il sangue oppure ho capito di nuovo male io?

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

                      Nessun bisogno di scuse, avrò capito male io e tu stavi solo scherzando. Nessun problema :)
                      Probabilmente hai ragione, ed ho sbagliato i toni. Ma l’articolo del Signor Nessuno mi ha fatto innervosire alquanto ed ho pensato a chiunque non credesse e lo leggesse. Fossi stata io, davvero ci avrei riso su. E poi avrei preso il tipo per un esaltato o non so che. Lì è scattato il mio, di sarcasmo. Ma per favore, chi immaginava che avrei leso alla tranquillità di tanta gente.

                      Thumb up 0

                    • Franz ha detto in risposta a Piero

                      Come è scattato il tuo è scattato quello di altri. Non si capisce il problema..o forse solo tu puoi permetterti di far scattare il sarcasmo. Non ti dico poi che figura hai fatto tu!!

                      Thumb up 0

                  • Hikaru7 ha detto in risposta a Piero

                    Quello che intendevo dire (scrivere), è che, se io fossi nei panni del matematico, leggendo quest’articolo mi farei subito due risate, e comincerei col dire di non attaccarmi a spada tratta se poi certe “elementarità” italiane non si conoscono, e si pretende pure di voler fare i giornalisti, i recensionisti o chissà che altro. Forse sono stata poco chiara nell’esprimere il concetto?

                    Thumb up 0

                    • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

                      Il concetto è chiaro, ed è anche stupido. Ci sono tre errori banali di distrazione in tutto…tu in quattro commenti ne hai collezionati molti di più. Tuttavia pretendi di fare la professoressa dei miei stivali. Come mai?

                      Thumb up 0

                    • Laura ha detto in risposta a Hikaru7

                      Sto seguendo la discussione ed è abbastanza ridicola. Ridicoli sono i ragionamenti di Hikaru7 e ridicole anche certe reazioni.

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                      @Franz: Davvero, non mi interessa quel che hai da dire. Non rispondere “perché replichi, allora?”, ti anticipo: era solo per fartelo sapere. ‘Notte!

                      Thumb up 0

                    • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

                      Su FB invece dicevi che bisognava sempre “porgere l’altra guancia” (tra l’altro lo intendi ovviamente da buonista)…non mi sembra una risposta molto cristiana questa…se fossimo faccia a faccia avresti la sfrontatezza di dirmelo? Perché ti comporti così male?

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

                      Io invece (sara’ un problema mio) non sopporto quando uno ribatte, specialmente quando si e’ concitati, sottolineando in maniera eccessiva e pedante gli errori (veri o presunti) grammaticali.
                      E’ accaduto diverse volte, sia a me che ad altri, con questo imb… ehm.. signore di “Accademia dei Pedanti”…
                      Alle mie risposte colpo su colpo delle idiozie dette da Odifreddi, mi e’ stato risposto che, avendolo chiamato erroneamente Oddifreddi, non meritavo alcuna risposta perche’ non sapevo neppure scrivere di cosa si stava parlando.
                      Giudica tu…

                      Naturalmente, non mancava di fare il “correttore ortografico umano” su tutti i commenti, denotando un qualche disturbo comportamentale…

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                      @Piero: Io non credo di essermi mai comportata in questo modo. Non sottolineavo una lettera sbagliata o un’altra inezia sui generis, ma veri e propri errori di ortografia, che un sedicente giornalista dovrebbe assolutamente evitare, per me. Ma voi l’avete presa come un’offesa personale, almeno a giudicare dall’aggressività con cui mi avete risposto. Spero di non essere considerata affetta da disturbi comportamentali per questo, perché credo di essere rimasta abbastanza calma anche di fronte a reazioni spropositate e a mio avviso assurde. Per il resto, ognuno è libero di pensarla come vuole.

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

                      @tinetta, alias Hikaru:
                      premesso che io avevo capito totalmente un’altra cosa…
                      (quindi magari prima di fare polemica chiariamo per bene tutti quali sono i termini)

                      perche’ “sedicente”?
                      Magari la redazione e’ composta da volontari.
                      Magari lo sbaglio e’ proprio nel libro di Odifreddi.
                      Io non mi offendo con ben altra gent(aglia), figurati se mi posso offendere per questo.
                      E comunque… cosa cambia ai fini del discorso?
                      Quindi secondo te un ignorante (magari perche’ non ha potuto studiare perche’ e’ andato a farsi un mazzo tanto dalla piu’ tenera eta’) non potra’ MAI avere ragione? Solo per il fatto che sbaglia “un pò” o “qual’è”?

                      Spero di non essere considerata affetta da disturbi comportamentali per questo

                      ma secondo te, uno che ad OGNI commento fa le pulci, anche nella spaziatura, e’ da considerarsi “normale”?

                      Pochi ragazzi da quelle parti? ;)

                      Poi, come ha detto il grande Piero B., provo anche io un grande stupore per una vera e propria CAZZATA, alla quale, non negarlo, hai partecipato anche tu e contribuito ad alimentare. Quante parole sprecate per una cosa del genere. Ma dico, non avete di meglio da fare? E’il 10 (oggi 11) Agosto, al mare non ci andate?

                      Infine, come si disse un po’ di tempo fa con Freccia, in un qualche thread, e’ difficile farsi capire bene nei commenti di un blog, basta notare che non si puo’ fare sentire il tono della voce e cose del genere, quindi gli equivoci sono all’ordine del giorno. Non perdiamo la calma.

                      Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                      @Piero, che poi mi spiegherà il perché del soprannome affibbiatomi: la critica, i “140 commenti”, come dici tu, li abbiamo alimentati tutti, anche TU, che ancor’oggi rispondi. Ed io non ho mai corretto nessun errore di nessuno, se non quelli del sedicente (sì, sedicente), giornalista o quelli di chi mi provocava deliberatamente con accuse poco prive di sostanza. Per il resto, sì, sto attenta anche alle spaziature, e se fosse questo a rendermi una disturbata, o chissà che, allora, ben lieta di esserlo.
                      E qui la questione non è che se non sai scrivere “qual è” per me hai torto e basta. Ma diciamo che io, dato il fatto che in matematica faccio pena, non mi metterei a discutere, che so, di ingegneria nucleare, di informatica avanzata o di fisica, a meno che prima non ci avessi cominciato dalle tabelline, a ripassare. Come ho scritto nel primo commento, per attaccare bisogna essere ineccepibili, perché poi arriva una maestrina e ti corregge su fesserie (?) come “po’” e simili. Gli altri si sentono come se questa gli avesse staccato un rene e le si rivoltano contro quasi non avessero mai fatto altro. E i contenuti dell’articolo in questione vanno persi. Con questo, saluto anche te, ed aspetto la risposta sul soprannome che mi hai improvvisamente affibbiato, nel caso tu voglia darmela. Buon divertimento, a mare. Ciao.

                      Thumb up 0

                    • Piero ha detto in risposta a Hikaru7

                      @hikaru
                      mi sa che con te equivoco sempre…
                      Ma “Hikaru” non e’ il nome originale di una delle protagoniste, Tinetta, del manga “Kimagure Orange Road” (in italiano passato come “E’ quasi magia Johnny”)?
                      http://it.wikipedia.org/wiki/Kimagure_Orange_Road
                      http://it.wikipedia.org/wiki/Hikaru_Hiyama

                      Ma anche tu mi sa che equivochi: io mi riferivo al tizio Accademia dei Pedanti (o sei tu “travestito”? prendiamo ispirazione da Giulietta la pasionaria?)
                      E SI, per me chi ha da obiettare anche sulle spaziature di una risposta, data come commento di un blog in un momento di fretta e non mediata attraverso mesi di revisioni di bozza di un libro o una tesi universitaria, e’ un po’ disturbato mentale, tanto piu’ che si attacca a queste cose per non rispondere nel merito delle cose che gli vengono proposte.

                      Ma diciamo che io, dato il fatto che in matematica faccio pena, non mi metterei a discutere, che so, di ingegneria nucleare, di informatica avanzata o di fisica, a meno che prima non ci avessi cominciato dalle tabelline, a ripassare.

                      E infatti Pierpippa (rivendico il diritto di chiamarlo come voglio almeno finche’ egli chiama i cristiani “cretini”) non e’ mica stato attaccato sul piano grammaticale, ma sulle cretinate che dice.
                      Cosa e’ che non ti e’ chiaro in questo?

                      Come ho scritto nel primo commento, per attaccare bisogna essere ineccepibili, perché poi arriva una maestrina e ti corregge su fesserie (?) come “po’” e simili.

                      E questo cosa cambia sul piano delle argomentazioni?
                      L’aver fatto un errore inficia la bonta’ delle argomentazioni forse?
                      Se io dico “Cristoforo Colombo a scoperto l’America?” secondo te per questo mio errore quel territorio e’ ancora vergine?

                      Gli altri si sentono come se questa gli avesse staccato un rene e le si rivoltano contro quasi non avessero mai fatto altro.
                      Non ho mai detto che tutti gli altri hanno ragione e che tu sei una povera piccola demente. Ognuno risponde per se’, nessuno ha potere sugli altri, e non credo di avere nulla di cui scusarmi con te.

                      Con questo, saluto anche te, ed aspetto la risposta sul soprannome che mi hai improvvisamente affibbiato, nel caso tu voglia darmela.
                      Saluti anche da parte mia, spero di essere stato esauriente sul “tinetta”.

                      Thumb up 0

                    • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

                      Spinetta…ti vedo agitata anche oggi? Non ti è ancora passata? Secondo questa tipa è Odifreddi in persona…come può prendersela tanto altrimenti?? Nemmeno gli uaarini se la sono presa!

                      Thumb up 0

                    • Fabio Moraldi ha detto in risposta a Hikaru7

                      Non sono mai intervenuto. Mi chiamo Fabio e sono di Catania. Da tempo leggo gli articoli che appaiono su questo sito e fin da subito è diventato un appuntamento quotidiano. 15 minuti di ironia, informazione (a volte riporta vicende sconosciute in Italia) e ottimo giornalismo. Non mi piace commentare, anche perché non ne ho mai tempo. Ma di fronte a questo attacco gratuito ai redattori (che sono studenti universitari e non certo giornalisti) da parte dell’utente Hiraku7, il fuoco amico è sempre il peggiore, ho voluto pubblicare il mio pensiero. Trovo (anche) quest’articolo veramente simpatico e prezioso, tanto che l’ho inviato per e-mail a diversi amici. E sono sicuro che si sono fatti tutti una bella risata! E’ proprio vero che attorno a Odifreddi è stata creata una velatura di sapienza (proprio come venne fatto con Voltaire, ricordate??), e grazie a questo, l’anticlericale più famoso d’Italia, ha un grandissimo spazio mediatico a disposizione. Ben vengano articoli come questo che con semplici citazioni e qualche commento ironico mostrano a che livello è la cultura d’opposizione alla chiesa. Colgo l’occasione per ringraziare tutti i redattori per il loro splendido lavoro!! Continuate così e non badate a critiche del genere (colme d’invidia, tra l’altro)!!

                      Thumb up 0

        • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

          Ho scoperto che la nostra amica è un pochino ossessionata dall’apostrofo..stavo capendo se è un troll o meno, e guardate di quale pagina è fan: http://www.facebook.com/pages/Salviamo-qual-%C3%A8-dallapostrofo/225949509428

          Ah, dimenticavo…ovviamente è una cattocomunista, una di quelle che vota per chi promuove l’eutanasi, l’omosessualità e l’aborto. E poi su Facebook dice di “porgere l’altra guancia”.

          P.S. non è un troll

          Thumb up 0

          • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

            Io promuovo l’eutanasia, l’omosessualità e l’aborto? Vista la psicologia da detective, mi elencheresti i link che lo provano?
            PS: Sì, sono fissata con la lingua italiana. E dovremmo curarcene tutti perché è tutt’altro che un crimine o una cosa dannosa.

            Thumb up 0

            • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

              Sei cattocomunista, indirettamente ti poni contro il Papa sostenendo l’area politica che promuove aborto, eutanasia e omosessualità. Hai mai riflettuto su questo piuttosto che straziare l’animo con la grammatica?

              Sai che la RU486 è arrivata in Italia grazie alla Turco. Scommetto che fra i voti che l’hanno sostenuta in campagna elettorale c’era anche il tuo, vero?

              Thumb up 0

              • Franz ha detto in risposta a Tano

                Forse è per questo che difende Odifreddi… :)

                Thumb up 0

              • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                Ripeto: mi riporti i link di Facebook in cui aderisco a tali iniziative/ideologie, per favore? O ti do io i miei, quelli VERI, tipo questi?
                https://www.facebook.com/pages/Aborto-No-grazie/135437986505843
                https://www.facebook.com/pages/San-Francesco-dAssisi/36151966774
                https://www.facebook.com/pages/Maria-a-Medjugorje/127236273991034
                Che figura che ci fai.

                Thumb up 0

                • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                  Sei cattocomunista, quindi anche se idealmente sei contro, promuovi comunque aborto, eutanasia e omosessualità.

                  P.S. “che figura ci fai” dovrebbe avere un punto interrogativo alla fine. Oppure sei ossessionata solo dall’apostrofo?

                  Thumb up 0

                  • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                    Perché un punto interrogativo? La mia era una constatazione, mica una domanda. E vorrei ancora capire da cosa arguisci che io sia una cattocomunista. Forse solo loro si fissano sulle regole ortografiche?

                    Thumb up 0

                    • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                      Si capisce che sei cattocomunista dalle pagine di cui sei fan.

                      Te lo ripeto per l’ennesima volta: NON SI INIZIANO LE FRASI CON LA “E”…ok?????

                      Thumb up 0

                    • Francesco Santoni ha detto in risposta a Hikaru7

                      Il dizionario Treccani la pensa diversamente a proposito delle frasi che iniziano con la “E”. http://www.treccani.it/vocabolario/e/ (Sezione 2.e)

                      Thumb up 0

                    • Laura ha detto in risposta a Hikaru7

                      Francesco, abbiamo capito che stai tentando di difendere questa povera ragazza che ha detto una cosa in parte giusta nel modo peggiore che potesse esserci. Però non esagerare. La “E” a principio di frase esiste solo se vi segue un punto interrogativo o esclamativo (come dice il vocabolario). Cosa che lei non ha fatto.

                      Sa difendersi bene anche da sola, nonostante tutto.

                      Thumb up 0

                    • Francesco Santoni ha detto in risposta a Hikaru7

                      Non mi interessa fare il paladino. E’ solo che nelle reazioni verso Hikaru ho notato una certa atmosfera “uaarina” che non mi piace affatto.

                      Thumb up 0

                    • Laura ha detto in risposta a Hikaru7

                      Questo è vero. Anche se comunque hanno le loro buone ragioni!

                      Thumb up 0

                    • lorenz ha detto in risposta a Hikaru7

                      Sono d’accordo con Francesco. Mi sembra che ad alcune provocazioni avanzate in questa settimana ci siano state reazioni eccessive. Siamo molto lontani dall’abisso profondo di pochezza umana, intellettuale e lessicale in cui è caduto da tempo il sito UAAR (anni fa erano meno infantili), ma basta rivedere discussioni di pochi mesi fa per notare che ci tenevamo tutti su un livello migliore.

                      Thumb up 0

            • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

              @Franz: mi “comporto così male” perché non tollero il tono che usi. Le critiche costruttive le accetto e vi rispondo, come ho fatto per tutta la serata. Il tuo atteggiamento no. Ripeto, è troppo facile accanirsi con una sola persona, specie dietro ad uno schermo. Altra cosa: sì, il mio “porgere l’altra guancia” stasera si esplica nel non rispondere alle offese ricambiandole, nel non andare sopra le righe e nel non esagerare. E visto che siete in tanti a darmi fastidio, mi sembra davvero qualcosa.

              Thumb up 0

          • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

            @Tano Gli errori sono reiterati, quindi per me VOLUTI, perché una cosa è sbagliare una volta, un’altra è scrivere solo in un modo. Quali sarebbero ‘sti infiniti errori, i miei, invece?

            Thumb up 0

            • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

              “Per l’ennesima volta”? Ma non era un altro a scrivermelo? O sei tu sotto mentite spoglie?
              Ripeto IO, per l’ennesima volta: invece di sentenziare a vuoto, perché non mi riporti “le pagine di cui sono fan”, quelle per cui mi accusi di essere una cattocomunista? Se no, la cattiva figura rimane. E senza punto interrogativo.

              Thumb up 0

              • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                “Mentite spoglie”? Ma di che diavolo parli?

                C’è una pagina contro Berlusconi e una che incita una nuova classe dirigente per il centrosinistra. Beccata?

                Thumb up 0

                • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                  Se ti riferisci a quello sulla bestemmia,è un fake in cui bastava guardare il video per aderire alla pagina, e non riesco a toglierlo; quanto al centrosinistra, non c’entra niente col Comunismo che è estrema sinistra. Ennesima figuraccia, insomma.

                  Thumb up 0

                  • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                    Non ho mai abbinato il comunismo al centrosinistra. I cattolici che votano a sinistra (centro o estremità) sono da sempre chiamati “cattocomunisti”.

                    Il concetto è che sostieni un partito politico che in materia bioetica la pensa esattamente al contrario del Papa. O forse Ignazio Marino milita nelle Lega? Quanto vorrai scappare ancora pur di non affrontare questa cosa cara Elena?

                    Thumb up 0

                    • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                      Al CENTROSINISTRA sta (stava) gente come Rutelli, per esempio, convertita e praticante. Del resto, se chiedo una “nuova classe dirigente” è perché voglio che le cose cambino, no? CATTOCOMUNISTA, invece, significa “Cattolico e Comunista”. Fine.
                      Senti, dirigi la tua ossessione da un’altra parte. Hai guardato più di settecento pagine fan da un profilo di una sconosciuta solo per vincere il puntiglio, è da Oscar. E bada che non ho esaurito gli argomenti: potremmo continuare fino a domattina. Mi sono solo stancata.

                      Thumb up 0

                    • Tano ha detto in risposta a Tano

                      Il comunismo non esiste più, per fortuna. I cattocomunisti sono i cattolici che votano PD, IDV ecc.. Chiedi una nuova classe dirigente? E però intanto voti e sostieni Ignazio Marino, Paola Concia, Grillini ecc.. anche questo un errore di distrazione? O è proprio voluto?

                      Thumb up 0

                    • Mandi ha detto in risposta a Tano

                      Rutelli non è quello che ha portato Paola Concia nel PD??

                      Thumb up 0

                    • Mandi ha detto in risposta a Tano

                      E chissà Luxuria chi l’ha portata nel partito che voti tu…chissà…

                      Thumb up 0

                • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                  Non eri tu ad incoraggiarmi, per usare un concetto eufemistico, a non cominciare un periodo con le congiunzioni. Perciò chiariscimi la cosa, per favore: scrivi per mezzo di due profili o cosa?

                  Thumb up 0

                  • Hikaru7 ha detto in risposta a Hikaru7

                    I Cattocomunisti, ripeto, si riconoscono nel marxismo e nel Comunismo più puro. Questa è storia. Se poi il movimento è ormai in declino, lo è anche il termine per identificare quella fetta di credenti che vorrebbe la rivoluzione, ed è superfluo anche l’usarlo. Bene così, andiamo di male in peggio.
                    Non sostengo un bel nessuno ma mi appoggio alle ideologie di centrosinistra. Al momento, però, come si legge nel mio profilo, “nessuno mi rappresenta”. C’è scritto anche questo, come mai ti è sfuggito? Non riporterai mica solo quello che più ti fa comodo?
                    E con questo, buonanotte.

                    Thumb up 0

                    • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                      “mi appoggio alle ideologie di centrosinistra”…il centrosinistra vuole le coppie di fatto, vuole la pillola dei 5 giorni dopo, vuole l’eutanasia.

                      Buonanotte cattocomunista, e se ti piace essere cattolica prova a leggere cosa dice il Papa su queste questioni biotiche!

                      Thumb up 0

                    • Franz ha detto in risposta a Hikaru7

                      Ma lei si appoggia solo! Dai Tano, su. Non ha mica scritto che sta spingendo..è solo un semplice appoggio :)

                      Thumb up 0

            • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

              Se inizi con una maiuscola (stiamo parlando di “Gli”) dev’esserci un punto prima. Anche questo ennesimo errore è voluto? Ma non eri ossessionata dalla grammatica tu?

              Thumb up 0

              • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                Gli errori di DISTRAZIONE si perdonano, come ho scritto poc’anzi. Li abbiamo fatti tutti ma non c’è il problema, non mi importa. Io parlavo del gesto ripetuto. Quando critichiamo, facciamolo con coscienza, che come già scritto non ho tempo da perdere. Allora, questo elenco?

                Thumb up 0

                • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                  Hai ripetuto tantissimi errori grammaticali in pochi commenti. Ora aggiungi frasi totalmente sbagliate: “Li abbiamo fatti tutti ma non c’è il problema”. Non c’è il problema? E sarebbe italiano questo?

                  Insomma non te la cavi molto bene in grammatica…eppure ti piace fare la maestrina e condannare subito gli errori degli altri. Ti giustifichi con la distrazione..come se solo tu puoi essere distratta. Perché non provi a guardare nel tuo piatto, Elena? A giocare alla “so-tutto-io” si finisce sempre per beccare qualche bella bastonata sui denti..

                  P.S….ho usato il termine “ennesimo” nel senso di ennesimo errore…non ho poi capito ancora a cosa (o chi) ti riferisci. Io su FB non ho scritto nulla.

                  Thumb up 0

                  • Hikaru7 ha detto in risposta a Tano

                    “Non c’è il problema”, è un’espressione gergale, proprio come “maestrina”. Non è un errore. “come se solo tu puoi…”, quello sì, è un errore. I miei, di “tantissimi” errori, non li trovo. Per i tuoi, invece, basta guardare il solo commento qui sopra. Quando si critica, ti dico ancora, lo si faccia con coscienza. E ‘ste bastonate sui denti io non le sento affatto, anzi, proprio a te è facilissimo rispondere.

                    Thumb up 0

                    • Tano ha detto in risposta a Hikaru7

                      Ah, quindi tu puoi esprimerti come vuoi..tanto o sono errori voluti (e quindi non sono errori) o è un’espressione gergale. Hai capito la maestrina quanto è furbetta!!

                      A proposito, io faccio molti errori, ma io non mi sento affatto un maestrino…e sopratutto non stresso la vita degli altri per queste cavolate. Le tue continue risposte (nonostante i tuoi continui saluti e le frasi secondo cui ti sei stufata) dimostrano proprio che la bacchettata sui denti l’hai sentita, e anche tanto!

                      Mi fa piacere, ti serva da lezione.

                      Thumb up 0

  14. Piero ha detto

    Se fate leggere questo a gente del Disinformatico gli viene un travaso di bile!!! :D

    Thumb up 0

  15. Mimmo ha detto

    Mah, non so nulla di questo Odifreddi e non posso giudicare la veridicità dell’articolo, ma voi non siete che dei pagliacci pagati dal Vaticano e credete in un dio minuscolo!
    Avevo i documenti di mio zio Marcinkus, ma voi del Vaticano me li avete fregati, altrimenti sarei ricco!

    Thumb up 0

  16. Mimmo ha detto

    In Italia siamo costretti ad essere cattolici dal vaticano!

    Thumb up 0

    • Piero ha detto in risposta a Mimmo

      OK, Mikhail Tal.
      Ci siamo divertiti moltissimo con il tuo scherzo.
      Pero’, scusami, adesso credo che calchi troppo la mano.
      In questo modo il personaggio che interpreti sembra troppo idiota e deficiente.
      Non e’ credibile un imbecille cosi’. Non trovi?
      Cosi’ sembra che abbia meno cervello di un criceto, e pronto a riempire il vuoto della sua scatola cranica con tutte le idiozie e cretinate che propina la propaganda atea.
      Un boccalone cosi’ non e’ certo credibile.
      Dovresti dargli un po’ piu’ di intelligenza, almeno una parvenza umana.
      In questo modo scadi troppo nella classica macchietta che squalifica subito tutto il tuo lavoro per renderti un ateo credibile.
      Ritenta, e sarai piu’ fortunato. ;)

      Thumb up 0

      • Riccardo ha detto in risposta a Piero

        Piero, purtroppo non è uno scherzo!
        Leggi la mia nota su Facebook.

        Thumb up 0

        • Piero ha detto in risposta a Riccardo

          Ooooooooooooohhhhhhhhhhh!!!!
          ma non mi dire!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
          Non lo avrei mai pensatoooooooo !!!!!!!!!!!!!!! ;)
          :D :D :D :D :D :D :D :D :D

          P.S.: il tuo link l’hai gia’ postato, non funziona.

          Thumb up 0

          • Riccardo ha detto in risposta a Piero

            Possibile? A me si apre benissimo! Comunqu sei su Facebook? Se si chiedimi l’amicizia e potrai leggere le note di questo “campione”.

            Thumb up 1

            • Piero ha detto in risposta a Riccardo

              me ne guardo bene, non ci tengo affatto a leggere i certi deliri…
              (riferiti al demen… ehm… a tale Mimmo)

              Thumb up 0

  17. Riccardo ha detto

    Ragazzi, non è uno scherzo, questo tizio esiste veramente!
    Leggete qui!

    http://www.facebook.com/note.php?note_id=104157796901

    Thumb up 0

  18. Piero B. ha detto

    Mi collego al sito e con stupore trovo sotto questo articolo oltre 140 commenti. Di solito viene superata la soglia degli 80 quando l’articolo tocca un nervo scoperto degli uaarini, ma non mi sembra tanto questo il caso. Mi sono immaginato comunque che una lievitazione dei commenti sia potuto succedere a causa dell’intervento dei soliti Giulia, Davide, notimenowhere o addirittura la riscossa di Guerrino.
    E invece… :(

    Thumb up 0

  19. Francesco Santoni ha detto

    Ragazzi! Questa segnalazione è importante. Credo che il prof. Giorgio Israel abbia letto questo articolo ed ha risposto al commento di Odifreddi su di lui.
    Ebbene Odifreddi ha risposto sul blog del prof. Israel e, udite udite, ha detto di disconoscere il libro di Sabelli Fioretti (perché effettivamente il libro non è di Odifreddi, come invece scritto nel titolo di questo articolo).
    Ad ogni modo ecco il link al blog (il commento di Odifreddi è più sotto nella pagina): http://gisrael.blogspot.com/2011/08/senti-chi-parla.html

    Thumb up 0

    • simone ha detto in risposta a Francesco Santoni

      Il libro è anche suo. C’è scritto in copertina.

      Thumb up 0

      • Francesco Santoni ha detto in risposta a simone

        Lui sostiene il contrario, e comunque era interessante sia il fatto che il prof. Giorgio Israel legga gli articoli di questo blog (non credo infatti che abbia citato lo stesso passo di Odifreddi negli stessi giorni per pura coincidenza), sia la risposta di Odifreddi che afferma di non riconoscersi affatto nell’intero libro di Sabelli Fioretti (perché comunque il libro l’ha scritto Sabelli Fioretti dopo aver intervistato Odifreddi, quest’ultimo non ha battuto una sola riga).

        Thumb up 0

  20. Larry SFX ha detto

    MA RITIRATI BUFFONE!!!!

    Thumb up 2

« nascondi i commenti