Walter Nudo e Lola Ponce si sono convertiti al cattolicesimo

Partito come spogliarellista, Walter Nudo è diventato presto un volto noto del piccolo schermo. Vincitore della prima edizione dell’Isola dei Famosi e sopratutto protagonista di molte fiction, come “Incantesimo” e “Carabinieri”.

Nel frattempo il carcere e le trasgressioni tipiche del mondo dello spettacolo. Poi, improvvisamente, l’incontro sconvolgente con la fede, e la conversione attraverso Natuzza Evolo. Determinante è stata anche la sua partecipazione a “Note di speranza“, pellicola girata nel 2008 negli Usa per la regia di Valerio Zanoli, per la quale ha dovuto frequentare varie strutture mediche e tramite queste ha conosciuto diversi bimbi malati di leucemia: «Da allora -racconta -mi sono reso conto di come, attraverso il dolore, si possa arrivare a Dio» (cfr. Exite.com).  L’attore ha raccontato la sua conversione nel libro “Ho alzato gli occhi al cielo” (Mondadori 2011), in cui dice «Oggi posso rivedere la mia vita come un percorso – spiega l’attore – pure negli sbagli, perché tutto ci insegna e tutto ci prepara. Non credo alla conversione come evento isolato che ti cambia radicalmente, ma Dio è sempre davanti a noi se vogliamo vederlo e ascoltarlo» (cfr. TGcom e Spraygossip). Recentemente ha anche preso parte a numerose celebrazioni commemorative in omaggio alla Evolo, come quella svoltasi a Napoli e durante la quale sono stati raccolti fondi per la Fondazione Cuore Immacolato di Maria che sostiene i malati terminali di tumore.

La cantante argentina, Lola Ponce, ha invece dichiarato recentemente alla rivista “Chi”: «La Bibbia è il mio punto di forza, nella Genesi ho trovato le risposte alle sofferenze». Dopo bagni di folla e successi a non finire, tra i quali il musical “Notre Dame de Paris” e la vittoria di un Festival di Sanremo, è arrivata un’improvvisa conversione, che per ora sembra veritiera. Il 25/4/11 è apparsa in un docu-film su RaiUno, “Una cantante in convento“, nel quale ha recitato con un gruppo di suore.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

35 commenti a Walter Nudo e Lola Ponce si sono convertiti al cattolicesimo

« nascondi i commenti

  1. Ingrid ha detto

    Questi vip mi sembrano molto instabili. Sicuramente Nudo è sincero, anche perché ho assistito ad una sua testimonianza qualche mese fa. Ne ha passate di cotte e di crude.

    0
    • EnricoBai ha detto in risposta a Ingrid

      Più si ha successo e più si capisce che nulla in fondo basta mai al nostro cuore. Non è un caso che chi ha tutto quello che un uomo superficiale può desiderare…soldi, donne, fama e successo ecc…, deve sempre trovare altro….: droga, alcool e spesso suicidio. E’ inspiegabile se non ammettendo che siamo fatti per Altro e solo in Lui il nostro cuore trova riposo.

      0
      • Antonio ha detto in risposta a EnricoBai

        @ Enrico Bai

        Quando al proprio accrescimento economico dovuto alla fama e al successo improvvisi non corrisponde una adeguata crescita culturale e morale, ci troviamo, quanto meno, al cospetto di una persona distratta e superficiale. Facile, quindi, cadere vittime dello stress, e della depressione.
        Recentemente, la cantante ultra-milionaria Lady Gaga ha dichiarato alla stampa inglese di sentirsi “sola e profondamente infelice”. Scommettiamo che pure lei ritornerà presto all’ovile?

        0
        • Riccardo ha detto in risposta a Antonio

          La tua visione della vita è alquanto limitata. Non mi stupisco che tu sia un razionalista. Anche perché è scientificamente provato che la fede religiosa sia sinonimo di sanità mentale: http://www.gallup.com/poll/144080/religious-americans-enjoy-higher-wellbeing.aspx e poi qui: http://www.uccronline.it/2010/04/28/fede-e-scienza-rassegna-notizie/#Fede e psicologia

          0
          • Antonio ha detto in risposta a Riccardo

            @ Riccardo

            Complimenti! Noto che anche su questo sito vige la regola di etichettare immediatamente i nuovi arrivati. Temo che non ci sia molta differenza tra voi dell’UCCR e quelli dell’UAAR.
            Per sua informazione, io non sono un “razionalista” ma molto più umanamente mi sforzo di essere un razionale(per quanto difficile possa essere).
            Riguardo al fatto che la fede religiosa sia sinonimo di sanità mentale, La invito a considerare quanto è appena successo in Marocco: un kamikaze si è fatto esplodere in mezzo alla folla provocando morti e feriti. Secondo Lei, è ragionevole pensare che quell’uomo (animato da fede religiosa, suppongo) bardato di esplosivo fosse mentalmente sano?

            0
            • Davide 1 ha detto in risposta a Antonio

              Be’ anche dire che Odifreddi e’ “mentalente sano”…..
              Per me tutti i fanatici sono uguali.
              Sia religiosi che atei.
              Lenin, Stalin, Pol Pot erano “mentalmente sani?”.
              Siamo razionali, giudichiamo caso per caso, il movimento Hamas e’ mentalmente sano, i nostri cooperanti che si fanno uccidere dagli amici dando colpa ad Israele sono “mentalmente sani”?.
              sa’ l’ostrega? Boh?.

              0
            • Riccardo ha detto in risposta a Antonio

              Ma io me la prendo con l’ateo volgare, militante e uaarino. No ho nulla da dire a chi vive la sua fede in nessun dio senza attaccare chi invece ha fede in Dio. Detto questo mi scuso se ti ho reputato un tipico “militante”. Gli studi scientifici sono fatti in America dove l’80% sono cristiani. E’ ovvio che si intende solo ed esclusivamente la fede cristiana. Inoltre lei si sta basando su un fondamentalismo, cioè l’estremizzazione della fede in un dio, in questo caso musulmano. E’ vero, esiste anche un fondamentalismo cristiano, sicuramente da condannare seppur limitatissimo. Non esiste il fondamentalismo cattolico invece.

              0
        • Raffa ha detto in risposta a Antonio

          Inoltre esistono altrettante persone che arrivano alla fede in momenti di pieno ottimismo e felicità. Tuttavia moltissimi atei raccontano di aver abbandonato la fede proprio per l’insuccesso nella vita. Quindi l’ateismo è un ritorno all’ovile dei disperati?

          0
        • Webber ha detto in risposta a Antonio

          Grazie Antonio per la tua permanenza sul sito. Credo che aiuti tutti noi a capire la differenza tra razionalismo e razionalità.

          0
        • EnricoBai ha detto in risposta a Antonio

          Attenzione amici perché Antonio ha ragione. Chi arriva al successo materiale senza una crescita morale è spesso vittima della depressione. Innanzitutto questo conferma i richiami continui della chiesa alla coerenza morale con quello che si fa. Tuttavia è una visione limitata, come avete fatto giustamente notare. Infatti..è possibile crescere moralmente credendo al nulla e alla casualità della vita? Credo proprio di no. L’ateismo è associato frequentemente a stati di depressione e suicidio: http://www.lastampa.it/_web/CMSTP/tmplrubriche/giornalisti/grubrica.asp?ID_blog=196&ID_articolo=271&ID_sezione=396&sezione (il doppio dei credenti). Ciò significa -secondo Antonio- la vera difficoltà per gli atei di creare una propria moralità emancipata da quella cristiana, ovviamente.

          0
    • Marco B. ha detto in risposta a Ingrid

      Io sono di Comunione e liberazione e don Giussani per spiegarci questo ci ha sempre citato Dante quando dice che “ciascun confusamente un bene apprende nel qual si quieti l’animo, e disira: per che di giugner lui ciascun contende”. Cioè, tutti abbiamo dentro di noi un desiderio di pienezza e di vera soddisfazione (di libertà) e finché non troviamo il Bene che stiamo cercando rimaniamo in ricerca. Chi si droga in fondo cerca di soddisfare la tensione interna verso questo oggetto a cui l’uomo (tutti gli uomini) aspira.

      0
  2. Rego ha detto

    Dicono che anche Madonna stia diventando cattolica….vicino all’opus dei. Credo che stia tornando ad essere di moda per alcuni.

    0
    • Francesco Santoni ha detto in risposta a Rego

      Madonna aveva già detto di essere cattolica diversi anni fa, non a caso chiamò sua figlia Maria Lourdes. Poi se non sbaglio è passata alla cabala dopo poco tempo.

      0
      • Luk ha detto in risposta a Francesco Santoni

        Fosse stata Cattolica per davvero non avrebbe avuto la sgradevole nonchè blasfema idea di assumere il nome per sè della Vergine … da anni ormai è aderente alla Kabbalah, pratica Yoga e lancia i cosiddetti centri “Material Girl”, e ogni qual volta che può cambia il proprio ragazzo con un Boy-Toy nuovo, tra divorzi e quant’altro .
        Sì, ultimamente sta nutrendo interesse nell’Opus Dei, ha avuto diversi colloqui esplorativi .
        Un augurio per la salvezza della sua anima, purché nel caso non si tratti di un’altra trovata modaiola .
        Per quanto concerne Nudo (un cognome, un destino), ultimamente l’ho sentito parlare ed è sembrato davvero sincero .
        Di Lola Ponce non ne sono invece del tutto convinto .

        0
        • Gio ha detto in risposta a Luk

          conoscendo lo spirito dell’Opera trovo quanto mai strano che Madonna, tra tutte le vie, si stia accostando proprio a questa… Mi fa molto strano

          0
      • Elisa ha detto in risposta a Francesco Santoni

        Può essere…d’altraparte “madonna” è un soprannome che si è data lei giusto?

        0
        • Antonio ha detto in risposta a Elisa

          @ Elisa e Luk

          Quello di “Madonna” non è il suo nome d’arte, bensì il suo nome di battesimo.

          0
          • Davide 1 ha detto in risposta a Antonio

            La cantante “Madonna” e’, al secolo Teresa Ciccone.
            Sua figlia l’ha chiamata Lourdes Maria (pero’ la Teresa poteva chiamarla “addolorata”).

            0
          • Piero ha detto in risposta a Antonio

            E’ una sciocchezza colossale.
            Il suo nome all’anagrafe e’ “Louise Veronica Ciccone”.
            Ma dove le leggi certe cose??

            0
            • Piero ha detto in risposta a Piero

              Il mio commento precedente voleva essere una risposta ad Antonio, non a Davide 1.
              Ho notato che certe volte succede che il sistema sbagli ad accodare le risposte.

              0
  3. Michele ha detto

    Crederò alle conversioni vip quando li vedrò confessati e comunicati. Io sono tomista (l’Apostolo non l’Aquinate).

    0
    • Antonio ha detto in risposta a Michele

      @ Michele

      Anche un “VIP” come Berlusconi si confessa e si comunica (i divorziati sposatisi in chiesa non possono fare la comunione, ma pare che a Berlusconi gli si riservi una corsia preferenziale). Tuttavia, tra il suo essere cattolico e la sua vita privata c’è un abisso grande tanto quanto la Fossa delle Marianne.

      0
      • Luk ha detto in risposta a Antonio

        Berlusconi, come qualsiasi altro divorziato, se non reiterasse nel peccato di unioni promiscue al di fuori del matrimonio, e dunque se stesse in astinenza e castità, teoricamente potrebbe accedere alla Comunione .
        Ma credo che non sia il caso di Berlusconi .

        0
      • Rego ha detto in risposta a Antonio

        Quoto Antonio alla grande….non basta fare la comunione ogni tanto. La certezza arriva se la tua coscienza di vita cambia, cioè quello che dici, quello che fai anche quando nessuno ti vede, è determinato dall’incontro cristiano che ti ha dato la fede. Quindi frequenterai la messa per fare memoria di Lui e vivrai lieto e grato per la vita che ti è stata donata. Possiamo dire che questo lo si vede in Paolo Brosio o in Claudia Koll. Sicuramente in Walter Nudo c’è del vero. Resta comunque un fatto molto privato e non è corretto neanche dire “tu si” e “tu no”…

        0
      • Davide 1 ha detto in risposta a Antonio

        Berlusconi cattolico?
        Io pensavo che vedesse Dio tutti i giorni quando si fa la barba davanti allo specchio.
        La comunione se non sbaglio la fa tutti i giorni a tavola quando mangia il pane.
        Chiama Cristo “collega”.
        E’ venuto a salvare le banche (gli uomini li ha salvati Gesu’).
        E’ gia’ risorto.
        Verra’ beatificato da Benedetto XVI nella cattedrale di Arcore.
        Niccolo’ Ghedini lo sta difendendo nella “causa di beatificazione” che, fortunatamente non si fa alla procura di Milano.

        0
      • Michele ha detto in risposta a Antonio

        Va bene. Avrei dovuto aggiungere l’inciso “sinceramente pentiti dei propri peccati”.

        0
  4. Elisa ha detto

    Ricordo gli altri “vip” convertiti improvvisamente (almeno quelli sinceri): Paolo Brosio, Claudia Koll, Roberto Vecchioni, Nek, Enzo Jannacci..http://liberofuturo.wordpress.com/2009/09/07/lo-strano-caso-dei-vip-convertiti/ è ovvio che lo sappiamo perché sono persone famose, ma in realtà queste cose accadono a miliardi di persone sconosciute, continuamente.

    0
  5. Antonio ha detto

    @i curatori di questo sito.
    ==========================

    Cosa significa esattamente il titolo “Walter Nudo e Lola Ponce si sono convertiti al cattolicesimo”? Vuol dire, forse, che quei due prima di adesso non erano cattolici ma professavano un’altra religione? oppure erano atei e adesso professano il cattolicesimo? Dubito che un figlio di un immigrato calabrese e un’ argentina di immigrati liguri non fossero cattolici.
    Inoltre, facendo una rapida ricerca sul web ho visto che la bella Ponce si è fatta fotografare contrita e a mani giunte in una chiesa. Sarà mica che la Ponce abbia scambiato un luogo di culto per un set cinematografico o un palco? Mi pare di capire che il lupo perde il pelo ma non il vizio!

    0
    • Riccardo ha detto in risposta a Antonio

      Vedo che sei più militante di quanto sospettavo….quindi per me sei alla pari di un uaarino qualunque. Io sono nato in una famiglia cattolica e sono andato sempre a messa. Solo nel 2005 però ho deciso di essere cattolico e io mi sento tale da quel momento. Io mi sono convertito al cattolicesimo nel 2005. La conversione significa un’adesione esplicita e volontaria, tutti i cattolici nati in famiglie cattoliche hanno un momento di conversione vera e propria, altrimenti sarebbe solo vivere di rendita. Ma tu essendo fuori da ciò che vuoi giudicare non ne capisci assolutamente nulla!

      0
      • Tiziana ha detto in risposta a Riccardo

        Segnalo il fatto che antonio è comparso sul sito subito dopo gli articoli contro l’uaar….è evidentemente parte della setta.

        0
    • Alfa & Beta ha detto in risposta a Antonio

      E’ lo stesso Walter Nudo a dire di essersi convertito…quest’area del sito è una rassegna stampa. Su tutti i quotidiani compare questa notizia con questo titolo. Vedo che le tue ricerche su internet sono dettate da una forte e pericolosa ideologia….noto anche che la faccenda ti stia dando parecchio fastidio, vero? Succede sempre ai militanti, sopratutto quando sono in ridicola minoranza.

      0
  6. Antonio ha detto

    @ Riccardo
    Sono d’accordo con Lei. Ma se fossi stato io, avrei scelto come titolo “Walter Nudo e Lola Ponce riscoprono le loro radici cattoliche”. È solo una questione di forma. La chiami pure “pignoleria”.

    0
    • Riccardo ha detto in risposta a Antonio

      La chiamo pignoleria o anche “non ho niente da dire e mi sento infastidito da queste notizie perché odio i cattolici”….

      0
« nascondi i commenti