USA, la Corte Suprema respinge ricorso contro il motto «In God we trust»

La Suprema Corte degli Stati Uniti ha deciso di non ascoltare il ricorso in appello di Micheal Newdow, un invasateo famoso negli USA per aver perso finora tutti gli attacchi alla chiesa e ai simboli cristiani. Questa volta se l’è presa con il motto In God We Trust (“noi confidiamo in Dio“) presente su tutte le banconote e monete americane. Lo riporta il sito del Washington Post.

Il ricorso alla Corte Suprema era stato intentato contro il precedente pronunciamento della Corte di San Francisco, la quale aveva stabilito che “la frase è cerimoniale e patriottica e nulla ha a che fare con le istituzioni religiose”. Newdow non è comuque il primo ad intentare una causa contro il famoso motto, ufficiale dal 1956, sebbene i sondaggi dicano che il 90% della popolazione è favorevole a quell’iscrizione sulle monete. Tutti i precedenti ricorsi sono però stati bocciati con motivazioni analoghe a quelle del caso di Newdow.

L’ateo Micheal Newdow, oltre ad essere lo zimbello del gruppo, è anche attivo ministro della Universal Life Church, un’associazione religiosa americana.

Aggiornamento 23/3/11
Micheal Newdow ha dichiarato che la sua battaglia contro il Pledge of Allegiance, il motto americano in cui è contenuta la frase “sotto Dio”, dopo la durata di dieci anni (in cui ha ovviamente sempre perso) è ufficialmente “terminata” (cfr. The Christian Post)

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

8 commenti a USA, la Corte Suprema respinge ricorso contro il motto «In God we trust»