Il viaggio di Benedetto XVI nel Regno Unito per la beatificazione di Newman

Benedetto XVI si è recato in viaggio apostolico nel Regno Unito dal 16 al 19 settembre 2010 seguendo un programma ricco di incontri, visite e celebrazioni, e che è culminato con la beatificazione del cardinale John Henry Newman.

Abbiamo dunque realizzato un dossier che contenga i video, i discorsi e gli articoli di giornale più significativi.

 
 
 
 
 
 

14 SETTEMBRE 2010

 
 

RASSEGNA STAMPA

 

 

 

 

 
 
 

15 SETTEMBRE 2010

  • Il primo ministro David Cameron ha offerto un caloroso benvenuto al Santo Padre in questa importante e storica visita. Cameron ha sottolineato “l’enorme contributo” della Chiesa cattolica per lo sviluppo della società: «la Santa Sede può anche essere un partner per noi, data la sua grande influenza nel mondo: abbiamo un lavoro incredibilmente importante da fare insieme nel combattere la povertà e il disagio, nel promuovere un dialogo tra le religioni e nel gettare le basi per affrontare il cambiamento climatico»

 
 

RASSEGNA STAMPA

 

 

 
 
 

16 SETTEMBRE 2010

  • La partenza del Santo Padre da Roma. Il Papa è partito alle 8.30 dall’aeroporto di Ciampino alla volta della Gran Bretagna. E’ stato salutato, a nome del governo italiano, dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta. Sarà seguito anche da 70 giornalisti provenienti da tutto il mondo.

 
 
 

  • Parte dell’intervista al Papa sull’aereo. Un passaggio interessante: «…una chiesa che cerca soprattutto di essere attrattiva sarebbe già su una strada sbagliata. Perché la chiesa non lavora per se, nn lavora per aumentare i propri numeri, così il proprio potere. La chiesa è al servizio di un Altro, serve non per se, per essere un corpo forte, ma serve per rendere accessibile l’annuncio di Gesù Cristo, le grandi verità, le grandi forze di amore di riconciliazione che è apparso in questa figura e che viene sempre dalla presenza di Gesù Cristo». Qui la trascrizione integrale.

 
 
 

  • La Regina Elisabetta accoglie Benedetto XVI. La sovrana ha offerto al Papa copie di alcune stampe del pittore tedesco Hans Holbein, fra cui un disegno del martire cattolico San Thomas More. Il Santo Padre ha fatto invece dono a Sua Maestà di una copia di un manoscritto originale di un vangelo tedesco dell’VIII secolo.Dopo calorosi ringraziamenti reciproci, è seguito anche un piccolo scambio di battute. La Regina ha osservato che il pontefice era arrivato a Holyrood – residenza estiva dei regnanti inglesi in Scozia – “in una macchina molto piccola”. E ha aggiunto: “Deve essere stato un pò stretto”, prima di chiedere al Santo Padre informazioni sulla sua papamobile. Il Santo Padre è stato ricevuto anche dal primate anglicano Rowan Williams dal vicepremier Nick Clegg. Qui il discorso del Pontefice.

 
 
 

  • Messa eucaristia a Glasgow: dalle 65 alle 80 mila persone. Nel Bellahouston Park di Glasgow, Benedetto XVI termina con una messa la sua prima giornata di visita in Gran Bretagna.

 
 

RASSEGNA STAMPA

  • Il primo ministro di Scozia: «Io penso che molti scettici, soprattutto nei media, oggi saranno smentiti. «Il Papa è giunto qui come primo passo. E’ un riconoscimento del fatto che la Scozia è una nazione» (da Agenzia SIR)

 

La star Susan Boyle ha dichiarato di aver realizzato «il suo sogno più grande. Poter cantare per il Papa è un grande onore e qualcosa che ho sempre sognato, è indescrivibile». Canterò anche l’inno religioso How Great Thou Art. La visita del Papa è un grande evento per i cattolici scozzesi. La fede è la base della mia vita, recito il Rosario ogni giorno” (da Daily Record). La cantante ha eseguito anche “I Dreamt a Dream”, il brano che l’ha proiettata verso il successo planetario.

 
 
 

17 SETTEMBRE 2010

  • Benedetto XVI incontra il mondo dell’educazione cattolica alla “Saint Mary’s University”. Sottolineiamo queste parole: «…c’è sempre un orizzonte più grande, nelle vostre scuole cattoliche, sopra e al di là delle singole materie del vostro studio e delle varie capacità che acquisite. Tutto il lavoro che fate è posto nel contesto della crescita nell’amicizia con Dio, e da quell’amicizia tutto quel lavoro fluisce. In tal modo apprendete non solo ad essere buoni studenti, ma buoni cittadini e buone persone. Ricordate sempre che ogni materia che studiate si inserisce in un orizzonte più ampio. Il mondo ha bisogno di buoni scienziati, ma una prospettiva scientifica diventa pericolosamente angusta, se ignora la dimensione etica e religiosa della vita, così come la religione diventa angusta, se rifiuta il legittimo contributo della scienza alla nostra comprensione del mondo. Abbiamo bisogno di buoni storici, filosofi ed economisti, ma se la percezione che essi offrono della vita umana all’interno del loro specifico campo è centrata su di una prospettiva troppo ristretta, essi possono seriamente portarci fuori strada. Una buona scuola offre una formazione completa per l’intera persona». Il testo integrale è su Radio Vaticana.

 

 
 
 

  • Visita di cortesia all’arcivescovo di Canterbury, a Lambeth.

 
 
 

  • Il Papa incontra gli esponenti della società civile britannica nella Westminster Hall. Il Santo Padre ha detto: «la Gran Bretagna è emersa come una democrazia pluralista, che attribuisce un grande valore alla libertà di espressione, alla libertà di affiliazione politica e al rispetto dello stato di diritto, con un forte senso dei diritti e doveri dei singoli, e dell’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alla legge. La dottrina sociale cattolica, pur formulata in un linguaggio diverso, ha molto in comune con un tale approccio, se si considera la sua fondamentale preoccupazione per la salvaguardia della dignità di ogni singola persona, creata ad immagine e somiglianza di Dio, e la sua sottolineatura del dovere delle autorità civili di promuovere il bene comune. La religione non è un problema da risolvere, ma un fattore che contribuisce in modo vitale al dibattito pubblico nella nazione. In tale contesto, non posso che esprimere la mia preoccupazione di fronte alla crescente marginalizzazione della religione, in particolare del Cristianesimo, che sta prendendo piede in alcuni ambienti, anche in nazioni che attribuiscono alla tolleranza un grande valore» (il testo integrale lo si trova qui).

 
 
 

  • Il Papa saluta i giovani dopo la celebrazione nella Westminster Hall.

 
 
 

18 SETTEMBRE 2010

Il Santo Padre ha incontrato privatamente nel palazzo arcivescovile il primo ministro David Cameron, il vice-ministro Nick Clegg e il leader dell’opposizione, Harriet Harman. Il Santo Padre ha fatto le proprie condoglianze a Cameron per la morte recente del padre, ha parlato con ciascun politico per circa 20 minuti e ha consegnato come ricordo una medaglia del suo pontificato. Cameron, anglicano, ha donato al Papa una copia della prima edizione del libro del nuovo beato John Henry Newman “Apologia Pro Vita Sua”, stampata nel 1864, e un ritaglio di giornale che descrive un servizio religioso presieduto dal Cardinale a Edgbaston, Birmingham.

 
 
 

  • Celebrazione nella Cattedrale del Preziosissimo Sangue di Gesù. Il Santo Padre ha detto: «Nella sua secolare storia, la gente del Galles si è distinta per la sua devozione alla Madre di Dio; ciò è posto in evidenza dagli innumerevoli luoghi del Galles chiamati “Llanfair”, chiesa di Maria. Prego affinché Ella continui ad intercedere presso il suo Figlio per tutti gli uomini e le donne del Galles. Che la luce di Cristo continui a guidare i loro passi e plasmare la vita e la cultura della nazione» (il discorso integrale lo si trova qui)

 
 
 

  • Veglia per la Beatificazione del cardinale Newman nell’Hyde Park. Il Santo Padre ha ricordato fra l’altro: «Ciascuno di noi ha una missione, ciascuno è chiamato a cambiare il mondo, ad operare per una cultura della vita, una cultura forgiata dall’amore e dal rispetto per la dignità di ogni persona umana».

 
 
 

19 SETTEMBRE 2010

  • La beatificazione del cardinal Newman nel Cofton Park. Benedetto XVI ha ricordato che: «Le intuizioni del Card. Newman sulla relazione fra fede e ragione, sullo spazio vitale della religione rivelata nella società civilizzata, e sulla necessità di un approccio all’educazione ampiamente fondato e a lungo raggio, non furono soltanto di importanza profonda per l’Inghilterra vittoriana, ma continuano ancor oggi ad ispirare e ad illuminare molti in tutto il mondo» (il testo integrale lo si trova qui)

 
 
 

  • Ultimo discorso del Santo Padre e del premier inglese David Cameron. Il Santo Padre ha detto: «Grazie per il calore della vostra accoglienza e per l’ospitalità che ho potuto gustare. Nel congedarmi da voi, permettetemi ancora una volta di formulare i migliori voti e le mie preghiere per la pace e la prosperità della Gran Bretagna».

 
 
 

  • La partenza del Santo Padre e i saluti delle autorità.

 
 

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace