Nuovo studio: padre e madre sono insostituibili

Couple giving two young children piggyback rides smilingLa rivista Early Children Develop­ment and Care ha dedicato il suo ultimo numero alla figura del padre nel suo contributo allo sviluppo mentale del bam­bino. Come indica la letteratura precedente, viene confermato che padre e madre so­no ugualmente importanti per il figlio ed insostituibili poiché ognuno ha un suo ruolo indispensabile per l’equilibrio psicofisico del bambino. Evidente il riferimento all’adozione da parte di persone omosessuali.

Una donna non può prende il posto dell’uomo nell’educazione del bimbo e un uomo, come dovrebbero insegnarci le femministe, non può sostituire il contributo unico che solo una donna può dare al suo bambino. La scienza parla chiaro: nell’edi­toriale di questo numero monografico si ricorda infatti che i figli di genitori con ruoli madre-padre differenziati «hanno capacità sociali più sviluppate e sono più pronti alla competizione» rispetto ai figli di genitori con ruoli non differenti. Si ri­corda inoltre, citando un secondo studio, che i figli delle coppie con ruoli differenziati tra madre e padre «hanno minor ag­gressività». La specificità dei ruoli non significa un monopolio ma una complementarietà tra madre e pa­dre, un giusto equilibrio a cui tutti i bambini hanno diritto: «I padri sembrano giocare un ruo­lo maggiore nel processo di apertura dei figli al mondo esterno che è legato allo sviluppo dell’autonomia e alla ca­pacità di affrontare i rischi». Invece, «le madri attribuiscono maggior valore al lavoro in casa, al supporto e­motivo per i figli e all’educazione ses­suale». Chi pensa che un uomo possa prendere il posto di una donna nel ruolo educativo dei figli compie una violazione rispetto a quanto avrebbe bisogno un bambino.

La rivista esamina con sette ar­ticoli di studiosi internazionali proprio queste differenze sottolineando in particolare le specificità paterne, anche perché quelle materne sono ormai note e approfondite in moltissimi studi. Si sottolinea inoltre l’importanza del gio­co-lotta tra padre e figlio, e il rapporto tra divisione dei ruoli padre-madre per la crescita sociale del figlio. La complementarietà dei sessi educa e permette l’importante esperienza con una sessualità diversa dalla propria, cosa che non sarebbe possibile con due genitori dello stesso sesso. Il figlio è in rapporto di crescita con la madre per certi tratti del carattere e col pa­dre per altri.

Anche altre riviste scientifiche specializzate, come spiega Carlo Bellieni,  chiariscono i dubbi: «L’aiuto alla so­cializzazione dei figli dato da madre e padre differiscono in alcuni tratti ma servono nella loro complementarietà a creare l’impalcatura di regolazione del­le emozioni» (New Directions for Child and Adolescent Development, 2010). Per far crescere bene un figlio non è vero che “basta volerlo”, non è vero che “basta l’amore”. Avere due mamme significa condannare i bambini ad essere orfani del padre e viceversa, è la scienza stessa a ribadirlo come abbiamo mostrato in questo dossier.

Un secondo studio, citato da diversi siti web, apparso recentemente ha stabilito che «i figli minori che vivono con entrambi i genitori biologici in un matrimonio stabile hanno un welfare molto più elevato rispetto ad altri tipi di situazioni». La ricerca è realizzata dall’Instituto de Estudios del Capital Social (INCAS) della Universidad Abat Oliba CEU. Fra le altre conclusioni questa è particolarmente interessante: «si può dire con forza che la famiglia classica previene la violenza domestica contro le donne e verso i bambini, i quali hanno tutti gli indicatori di salute migliori, beneficiano di un reddito più alto e maggiori condizioni stabili e favorevoli». Secondo un altro recente studio, realizzato da ricercatori della Rice University e della University of Houston, i bambini (campione di 10.400 soggetti) che vivono in famiglie in cui i genitori sono sposati hanno meno probabilità di essere obesi. Matrimonio stabile e con genitori biologici è l’equazione d’oro, il luogo ideale per crescere i bambini.

P.S.
No, inutile cercare, la notizia di questi studi non la troverete sui principali quotidiani internazionali.

La redazione

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

58 commenti a Nuovo studio: padre e madre sono insostituibili

« nascondi i commenti

  1. Katy ha detto

    Ma non bastava l’amore per essere genitori? Questi scienziati omofobi cominciano davvero a stufare 😉

    0
    • Alèudin ha detto in risposta a Katy

      tranquilla ora ci verranno a dire che è meglio il poliamore così i bambini potranno avere più padri e più madri, al poli-pride lo slogan sarà: “Dù is megl che uan!”

      😉

      0
      • LawFirstpope ha detto in risposta a Alèudin
        • Giacomot ha detto in risposta a LawFirstpope

          A me fà rabbrividire ancora di più quello che dice questo articolo http://www.nocristianofobia.org/usa-parte-il-mese-gay-anche-questo-giugno/ ..
          mi devo aspettare di trovare manifestanti nudi con un cartellone lgbt ora ._. ?

          0
          • LawFirstpope ha detto in risposta a Giacomot

            Si si, intendevo che ci sono già oggi dei veri e propri militanti poliamore che tentano il ‘sabotaggio’ dei cattolici…

            0
        • Daphnos ha detto in risposta a LawFirstpope

          Chiaramente, se lasciano la possibilità di rispondere su facebook, la caccia all’uomo parte inevitabile. Ogni sito riceve i commenti che si merita, in base allo spazio che concede: se si lascia commentare agli utenti di facebook, è inevitabile che i contenuti siano demenziali!

          Più o meno come questo:

          “È vero, sono perseguitati! Ma non dai poliamorosi, bensì dalla scienza medica: “Kathleen Taylor, ricercatrice neurologica, afferma che il fondamentalismo religioso potrebbe essere trattato come una malattia mentale”. http://www.huffingtonpost.com/2013/05/31/kathleen-taylor-religious-fundamentalism-mental-illness_n_3365896.html Era ora che se ne accorgessero… ;-)”

          questo deve essere un genio, un vero esperto di patologie neurolettiche. Mi verrebbe voglia di chiedergli cosa conosce della dissociazione del sistema talamo-corticale e della sovraespressione dei recettori D2-like, ma temo che risponderebbe che dovrei essere perseguitato dalla scienza. Contento lui, contenti tutti.

          0
          • Kosmo ha detto in risposta a Daphnos

            E non hai letto come commenta il tuo “amico” Galvani:
            figlio lurido di una puttana di merda, ringrazia il cielo, cancro animale che sei, che vivi in un paese di merda, pieno di ciellini di merda, e per questo non finisci in galera per gli insulti a gente che neanche conosci. spero che un cancro ti porti via subito, schifoso pezzo di merda che sei
            Qui si può vedere: https://www.facebook.com/carlo.g.martinelli

            Siamo alle SA.

            0
            • Xlove ha detto in risposta a Kosmo

              Leggi cosa Galvani gli dice: “obiezione di coscienza una cippa, razza di ritardato mentale. questi sono DIRITTI UMANI. vuoi fare il pubblico ufficiale per la REPUBBLICA LAICA DI FRANCIA? vai a fare in culo, e FAI IL TUO C A Z Z O DI DOVERE CVHE TUTTI FACCIAMO, razza di lurido figli di una cagna idiota. No, io sono sicuro di essere figlio di una DONNA CHE MI HA INSEGNATO A RISPETTARE TUTTI GLI ESSERI UMANI E A NON FARE IL GIUDICE MERDOSO COME FAI TU, CANCRO SCHIFOSO”: https://www.facebook.com/carlo.g.martinelli/posts/4767322350947

              Alessandro Galvani è l’esempio perfetto di cosa sia la tolleranza laica e la serenità dello stile di vita gay.

              0
          • Arald ha detto in risposta a Daphnos

            Su facebook si può stare, nonostante sia il nucleo dell’idiozia se hai accanto persone valide puoi gestire pagine e rispndere tranquillamente, e il più delle volte farti 4 risate. Personalmente ne ho una, “The Devourer”, non immagini le risate quotidiane! A un ateo incallito una volta gli ho chiesto se era in seminario, diceva che la vita del prete non è faticosa…

            0
            • Daphnos ha detto in risposta a Arald

              Certo, chiaramente ho esagerato. Oltretutto ho anche commesso un errore, in un eccesso di fretta, invertendo i termini neurolettico e psicotico (ma tanto il tizio in questione non avrebbe compreso neppure il significato del termine encefalo).

              Quello che intendevo dire è che, purtroppo, Facebook, mezzo di comunicazione formidale e ahimé attualmente insostituibile per le mie esigenze, ha comunque dei difetti importanti. Il più significativo di tutti è quello di appiattire i contenuti e azzerare le competenze, mettendo tutti sullo stesso piano chiunque può ritenersi legittimato a esprimersi senza freni, senza ritegno e persino senza dignità.

              Poi, le pagine sono talmente tante che riuscire a controllarle è un’utopia, poi con gli aggiornamenti di stato e il passaparola, le pagine molto visitate sono un inferno, non serve a nulla esprimere qualsivoglia concetto… senza contare che alcuni gestori probabilmente non conoscono neanche i mezzi per eliminare i troll. Ad esempio, nei giorni successivi alla morte di Andreotti la pagina a lui dedicata si riempì di un numero incalcolabile di idioti, intervenne persino la (presunta?) nipote di Falcone ad incolparlo della morte del nonno… chi era il gestore di quella pagina per restarsene con le mani in tasca, un coetaneo di Andreotti che non aveva mai visto uno schermo a colori?

              0
              • Kosmo ha detto in risposta a Daphnos

                E’ chiaro che all’amministrazione di facebook non piace che tu possa moderare commenti che sono nel pieno della moda accusatoria e del politicamente corretto.
                Ho segnalato personalmente centinaia di commenti razzisti e violenti contro i cristiani, anche immagini porno su pagine relative alla Madonna e mi hanno risposto che non ci trovavano niente di male. Se non mi piacevano potevo anche non guardarle.

                Un commento con qualche perplessità sui matrimoni omo sarebbe stato immediatamente cancellato e tu bannato per sempre. COn i carabinieri a casa.
                E’ questa la verità.

                0
            • manuzzo ha detto in risposta a Arald

              http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/06/07/figli-di-coppie-omosessuali-crescono-anche-meglio-rispetto-a-quelli-che-vivono-in/618910/

              Facciamoci 4 risate qui: prima di tutto, 500 individui minori (selezionati come?) e poi la serietà dell’indagine scientifica: le loro famiglie fanno un questionario via mail. MA QUANTO È AVANZATA LA SCIENZA A SERVIZIO DEL LAICISMO, far fare un questionario a 500 volontari che dicono ” siamo a posto, qui è tutto rosa e fiori”. È proprio una trovata scientifica!

              0
      • manuzzo ha detto in risposta a Alèudin

        Il comunismo platonico *_*

        Eppure sono sicuro che questi seguaci del tutto uguale non esiterebbero a sopprimere il loro cavallo (ne avessero uno) se gli facesse festa come farebbe il loro cane (ne avessero uno). Il richiamo è alla famosa favola.

        0
        • geminitolk ha detto in risposta a manuzzo

          Arriveremo ai tempi di Caligola, un cavallo siederà in parlamento! Anche se già ce ne sono, anche se non del tutto, sono dei semi-umani… 😀

          0
      • geminitolk ha detto in risposta a Alèudin

        Il poliamore e altre boiate simili sono come una malattia virale, pian si diffonderanno…
        Il problema è a monte nello Stato, che non ha gli anticorpi giusti per respingere queste fecce! Innanzitutto non consentendo quello scempio dei gay-pride e rimuovendo quei finti diritti della donna (aborto, quote rosa…).
        Ma chi ha il coraggio di fare queste cose così dure?

        0
      • Umpalumpa ha detto in risposta a Alèudin

        lo dici come battuta.
        Purtroppo non è così.
        Non mi sorprenderebbe usassero la costituzione italiana nell’articolo in cui prevede una tutela maggiore per le famiglie numerose per darsi un aiutino.

        0
  2. Giacomot ha detto

    Basta studiare sù !

    0
  3. geminitolk ha detto

    L’ideologia sono convinto sarà superata nei dibattici tecnici. Il problema invece è che questa esigenza “omosessuale” sta diventando politica. Non so se mi spiego, quello che voglio dirvi è che daranno lo stesso i diritti ai gays (tra cui l’adozione), lo faranno per dare un segnale al popolo.
    Hollande in Francia ha aperto ai matrimoni perché la situazione economica francese è tremenda.
    Per cui è positiva questa ricerca, ma il discorso rimane: tutti questi gruppetti pseudo-sociali devono togliere la loro ideologia dallo Stato (che siamo tutti)!

    0
    • manuzzo ha detto in risposta a geminitolk

      Sarebbe bello un mondo laico: un mondo in cui i vitelli d’oro innanzi a cui si inginocchiano gli anticristiani di turno, fossero messi a casa loro, nel privato!

      0
    • MarcoF ha detto in risposta a geminitolk

      L’economia europea (Germania esclusa) va a rotoli e quali sono le “soluzioni”?
      Le nozze gay, ovvio!!!!!! Ma perchè non ci hanno pensato prima? 🙁

      0
      • Giacomot ha detto in risposta a MarcoF

        Credono porteranno la pace nel mondo così ! E non stò scherzando ! C’è gente (per ora solo inglesi) che è fermamente convinta che se tutti fossimo omosessuali saremmo tutti in pace con tutto/i e se non vi sembra abbastanza pazzoide quest’idea state tranquilli che hanno (sempre queste GENTI inglesi con le quali parlo su alcuni blog ma soprattutto su youtube) anche già pensato a come continuare la specie . Con i cloni ! Ovvio ! Così saremo tutti oggetti magari con un numerino sulla fronte . A me sembra l’apocalisse , sarò pazzo io .. bhò.

        0
        • geminitolk ha detto in risposta a Giacomot

          “Questi principi – ha proseguito – non sono verità di fede, né sono solo una derivazione del diritto alla libertà religiosa. Essi sono inscritti nella natura umana stessa, riconoscibili con la ragione, e quindi sono comuni a tutta l’umanità‘.L’azione della Chiesa nel promuoverli non ha dunque carattere confessionale, ma è rivolta a tutte le persone, prescindendo dalla loro affiliazione religiosa. Tale azione è tanto più necessaria quanto più questi principi vengono negati o mal compresi, perché ciò costituisce un’offesa contro la verità della persona umana, una ferita grave inflitta alla giustizia e alla pace‘.”

          0
  4. MarcoF ha detto

    A tal proposito segnalo anche il servizio nella puntata delle iene di domenica 2 giugno scorso, di cui vi riporto il link: http://www.video.mediaset.it/video/iene/puntata/392731/lucci-nascere-senza-padre.html.

    Qual è il messaggio che passa? Che non c’è niente di male ad avere 2 mamme o 2 papà, anzi….!!!! La cosa che mi lascia più interdetto è quella di aver messo in mezzo bambini innocenti per biechi interessi “di parte”.

    0
    • picchus ha detto in risposta a MarcoF

      Da notare l’idiozia per cui al bambino non manca per nulla un padre perchè non lo ha mai avuto. Che è come dire che se uno nasce senza un braccio non è un problema perché non ne sente la mancanza rispetto a chi ne ha due, perchè tanto non lo ha mai avuto. Come diceva la mia mamma, se fai cose stupide non puoi che trovare giustificazioni stupide.

      0
    • Giacomot ha detto in risposta a MarcoF

      Il bello è che loro dico ‘basta sia felice’ eh si ! Se si uccide ed è felice facciamoglielo fare dai ! Sù ! Che cosa c’è di male ? Tanto è tutto relativo , non è bello cio che è bello ma è bello cio che piace , quindi facciamo quello che vogliamo tanto nessuno ci dice nulla . E in questi ragionamenti si rispecchiano anche i perchè del togliere dal codice civile come in Francia i termini mamma e papà sostituendoli con genitori e basta . Se no discriminano gli omosessuali ovvio ! Eliminiamo la normalità e spargiamo il seme di questo Pensiero Debole , stravolgiamo il pensiero disorientando tutti . Mi sembra quasi un discorso satanico . Come vorrei essere nell’antica Grecia dove almeno vigeva ancora la libertà in quanto padronanza e moderazione di se stessi .

      0
  5. edoardo ha detto

    Ho letto sul link di LawFirstPope…nocristianophobia…un articolo su un nuovo film-documentario su alcuni casi di pedofilia nel clero americano nei decenni passati.
    Dice che entrerà in distribuzione anche nelle sale italiane.
    Dunque: hanno fatto il film sugli orfanotrofi irlandesi, hanno fatto il film suo pedofili americani……e Cristiada dov’è rimasto?
    Hanno fatto BU’ e i distributori sono andati a nascondersi dallo spavento sotto il letto?
    Guardate, non dico niente. Mi pare che a volte le cose ce le meritiamo.
    ………….
    Tra poco io voglio ripudiare mia moglie e i miei figli, e mi voglio sposare con una gatta, e pretendo che lo Stato riconosca il mio sacrosanto diritto di riconoscere l’oggetto del mio amore.
    Con i “cattivi” no, ma con i bonaccioni ci si arriverà.

    0
    • geminitolk ha detto in risposta a edoardo

      C’è un mondo sottosopra. Gente che perde la testa e spende 4.000 € 5 notti in quell’infernale Ibiza!(un mio collega)
      La libertà personale sta diventando un giogo pericoloso sotto cui stiamo cadendo tutti, uno ad uno.

      0
    • Giacomot ha detto in risposta a edoardo

      Sono tutti cattivi quelli che non vogliono riconoscere me e la mia cactus (si chiama Spinosa) come marito e moglie ! Che vergogna !

      0
  6. unafides ha detto

    “…fuochi verranno attizzati per testimoniare che due più due fa quattro. Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate…”
    G.K. Chesterton fu quanto mai profeta

    0
  7. Daniele ha detto

    I laicisti sono contraddittori, in quanto prima dicono “noi crediamo alla scienza e non alla religione” (quindi ignorano che scienza e religione non sono in conflitto) e poi, quando gli si fa notare, come nel caso delle adozioni per gli omosessuali, che la scienza dà ragione alle tesi sostenute dai cristiani, cioè che un bambino ha bisogno di due figure di riferimento, una maschile e una femminile, scatta in loro il rinnegamento proprio di quella scienza di cui si credono strenui difensori (della serie: “La nostra ideologia è contraria alla realtà delle cose? Ebbene, piegheremo la realtà all’ideologia”).

    0
    • andrea g ha detto in risposta a Daniele

      Proprio così, DIO regna anche nel pensiero
      ateistico: non appena, infatti, si fà fuori
      LUI, si entra immediatamente in una contraddizione
      insanabile.
      La Verità di DIO risplende sempre.
      L’ateismo, insomma, è una contraddizione in
      termini.

      0
  8. Umpalumpa ha detto

    Molto bello il PS: non troverete queste notizie sui media.

    Fa paura sinceramente il livello di schieramento dei media italiani su questi temi.
    Del resto solo un superficialotto potrebbe vedere le lobby lgbt come piccole minoranze discriminate. In realtà sono ricchissime elitè
    http://secondonatura.blogspot.it/2008/09/chi-c-dietro-la-lobby-omosessuale.html
    https://outfront.org/takeaction/lobbyday

    Del resto se fossero una piccola minoranza discriminata non riuscirebbero ad organizzare cose simili
    http://gaytravel.about.com/od/previewsofpridefestivals/qt/Disney_Gay_Days.htm

    0
  9. Sophie ha detto

    Mi sa che vogliono boicottare il Family day di Palermo…

    0
    • MarcoF ha detto in risposta a Sophie

      Beh, certi esponenti istituzionali hanno dichiarato che a Palermo ci saranno, ma al gay pride!! E se saranno lì, dubito che andranno anche al family day…..

      0
      • Sophie ha detto in risposta a MarcoF

        Ci sto pregando un sacco per il family day perché non ha nessun appoggio politico, mi dispiace assai… La famiglia etero è il futuro e merita attenzione, è Madre Natura che ha deciso che le famiglie omosessuali non devono avere figli. Vedrai che quando avranno superato tutti i limiti (omosesssualità, pedofilia, incesto, poligamia, ecc) si tornerà alla famiglia tradizionale perché sarà una trasgressione nei tempi futuri, sta a vedere.

        0
        • Sophie ha detto in risposta a Sophie

          Ed ha ragione quando il Papa quando dice di prenderci cura del creato e di rispettare la Natura, perché so benissimo che non si riferisce solo a cose tipo l’ecologia…

          0
        • edoardo ha detto in risposta a Sophie

          Sophie, io non la vedo così come te.
          Vorrei fosse come dici te, ma non credo avverrà.
          Quel che credo possa avvenire sarà:
          dopo aver oltrepassato tutti i limiti come dici te, le due forse in Italia saranno il laicismo ateo che stiamo imparando a conoscere bene, e l’islam.
          Mi dispiace deludere, ma tra i due io non mi schiero dalla parte del laicismo ateo.
          Considerandoli entrambi dei nemici, quello che vedo nemico numero uno è il laicismo ateo, il vero nemico da abbattere.
          Se i cristiani non sanno difendersi e/o non vogliono, gli islamici lo sapranno fare.
          E’ proprio vero: la cristianofobia è la forma ultimata di antisemitismo, sobbillato dagli intellettuali.

          0
          • Sophie ha detto in risposta a edoardo

            Io credo che la religione islamica sia arrivata al capoliea invece, sono solo molto prepotenti e questo fa sembrare la percentuale di islamici più alta, in realtà non è così. L’ateismo sarà il vero problema, perchè le loby atee sono immensamente più forti della religioni cristiana e islamica messe insieme secondo me. Questo è colpa di noi cristiani perchè la RELIGIONE ATEA non ha alcun senso. Il mondo intero diventerà ateo perchè vuoi mettere vivere senza avere nessuno contro e senza faticare minimamente e vuoi mettere farti le domande su tutto?

            0
  10. Sacha Alessandro ha detto

    Come se questo articolo non fosse sufficiente ci pensa anche il SIPPS http://www.quotidianosanita.it/cronache/articolo.php?articolo_id=11072

    “L’unico studio – specifica la nota Sipps – che ha attualmente una riconosciuta validità è quello del sociologo dell’Università del Texas Mark Regnerus. Infatti, il testo, pubblicato nel 2012, vanta un impianto metodologico inedito quantitativamente e qualitativamente, sia perché si basa sul più grande campione rappresentativo casuale a livello nazionale (12.000), sia perché per la prima volta fa parlare direttamente i “figli” (ormai cresciuti) di genitori omosessuali, dimostrando che il 12% pensa al suicidio (contro il 5% dei figli di coppie etero), sono più propensi al tradimento (40% contro il 13%), sono più spesso disoccupati (28% contro l’8%), ricorrono più facilmente alla psicoterapia (19% contro l’8%), sono più spesso seguiti dall’assistenza sociale rispetto ai coetanei cresciuti da coppie etero­sessuali sposate. Nel 40% dei casi hanno contratto una patologia trasmissibile sessualmente (contro l’8%), sono genericamente meno sani, più poveri, più inclini al fumo e alla criminalità”.

    0
    • edoardo ha detto in risposta a Sacha Alessandro

      “….Nel 40% dei casi hanno contratto una patologia trasmissibile sessualmente (contro l’8%), ….”

      Accidenti! Pensate anche voi quel che penso io? Ecco a cosa gli serve l’adozione !

      0
  11. Ivanom ha detto

    Il fatto quotidiano ha pubblicato un articolo ( chiamiamolo ) “inverso” a questo http://bit.ly/12vHgNt

    0
« nascondi i commenti