Wael Farouq: «noi musulmani moderati abbiamo bisogno dei cristiani»

Wael Farouq, musulmano e intellettuale di rilievo della cultura egziana, professore di Lingua araba all’American University e docente di Scienze Islamiche alla Facoltà Copto-Cattolica di Sakakini a Il Cairo, iniziando la sua collaborazione con Il Sussidiario, ha affermato: “nessuno può negare le sofferenze dei cristiani in Medio Oriente. Ciò avviene in Nazioni a maggioranza musulmana, non nazioni islamiche, perché ad esempio l’Egitto, il mio paese, è tanto cristiano quanto islamico e il cristianesimo egiziano è un elemento inscindibile della sua identità”. Il rapporto con tra cristiani e musulmani in Egitto è a volte drammatico, ma -dice Farouq- “vediamo gli appartenenti alla classe media musulmana fare a gara per far studiare i propri figli nelle scuole cattoliche, così come vediamo centinaia di migliaia di egiziani musulmani giungere da ogni parte del paese per assistere alle festività cristiane e ricevere la benedizione della Vergine e dei santi”. Nel 2007 l’intellettuale egiziano si era già confrontato con altri intellettuali nel libro Dio salvi la ragione (Cantagalli 2007) sul discorso tenuto dal Santo Padre all’università di Resenburg.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

____________________________________