Fede e Storicità

La maggioranza degli studi e delle principali autorità in campo storico e archeologico -best seller e thriller religiosi a parte-, concordano nell’affermare ormai con certezza l’esistenza storica di Gesù Cristo e la comptabilità tra il Gesù ricostruito dalla ricerca e il Gesù proclamato e riconosciuto come Cristo nella fede.

Allo stesso modo si riconosce, anche grazie al progredire dei successi archeologici, l’alta attendibilità storica del racconto evangelico.

Grazie alle numerose scoperte archeologiche del secolo scorso e alla crisi del metodo demitizzatore dei Vangeli, oggi possediamo con certezza una mole di dati storici indiscutibili: l’esistenza storica di Gesù Cristo nel primo secolo d.C.; la veridicità e l’attendibilità storica del contenuto dei Vangeli anche in seguito alla necessaria ri-datazione a ridosso dei fatti narrati.

In questa sezione del sito, nel menu a sinistra, dimostreremo quanto abbiamo ora descritto sinteticamente dando spazio alle tante certezze che in questi secoli abbiamo potuto acquisire circa la storicità di Gesù Cristo, dei Vangeli e dell’Antico Testamento.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace