Borges: il più importante scrittore del ‘900 e il suo rapporto con Dio

Jorge Luis Borges è stato uno scrittore e poeta argentino. È ritenuto uno dei più importanti e influenti scrittori del XX secolo, sicuramente l'uomo argentino del '900 più conosciuto al mondo. Ringraziò spesso sua nonna per averlo educato al Cristianesimo e per avergli insegnato la Bibbia (sopratutto il Nuovo Testamento), opera che lo influenzò più di tutte.

Si autodefiniva "teologo ateo" e la sua inquietudine è ben rappresentata da questa citazione: «Gli uomini hanno perduto un volto, un volto irrecuperabile e tutti vorrebbero essere quel pellegrino che a Roma vede il sudario della Veronica e mormora: "Gesù Cristo, Dio mio, Dio vero, così era dunque la tua faccia?". Abbiamo perduto quei lineamenti, possiamo scorgerli e non riconoscerli». Lo scrittore argentino confessa di "non vedere" personalmente il volto di Cristo nella sua vita, tuttavia: «Insisterò a cercarlo fino al giorno dei miei ultimi passi sulla terra». (Borges, "Paradiso, XXXI, L'artefice", Tutte le opere, vol 1). Il suo lavoro è invece rappresentato da quest'altra frase: «L’impossibilità di penetrare il disegno divino dell’universo non può, tuttavia, dissuaderci dal tracciare disegni umani, anche se li sappiamo provvisori» (L. Borges, “L’idioma analitico di John Wilkins”, Altre inquisizioni, Tutte le opere, vol. 1, p. 1005). Disegni provvisori in attesa della fede.

Il quotidiano ...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

I cristiani nell’Africa Subsahariana sono arrivati a 470 milioni

Torniamo ad occuparci di Africa. Un recente rapporto del Pew Forum on Religion and Public Life evidenzia notevoli mutamenti nell’appartenenza religiosa delle popolazioni dell’Africa subsahariana.

Agli inizi del XX secolo, i musulmani e i cristiani costituivano solo una piccola minoranza, per un totale complessivo di meno del 25% della popolazione, mentre la maggioranza praticava religioni africane tradizionali. Nel corso dell’ultimo secolo, la situazione si è ribaltata: i musulmani sono aumentati di 20 volte, raggiungendo i 234 milioni nel 2010. I cristiani hanno avuto una trasformazione ancora maggiore, con un’esplosione di 70 volte: da 7 milioni sono passati a 470 milioni. I dati del Pew Forum sulla crescita religiosa in Africa sono in linea con quelli contenuti in una recente pubblicazione del Vaticano che sintetizza la nuova edizione dellAnnuario statistico della Chiesa.

Secondo il comunicato stampa del Vaticano, del 27 aprile, per il periodo 2000-2008, il numero dei cattolici nel mondo è aumentato dell’11,54%, passando da 1.045 milioni del 2000 a 1.166 milioni del 2008. Lo notizia è apparsa ieri su Zenit.it

... Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Lo psicoanalista Umberto Silva: «il cristianesimo è più vivo che mai»

Umberto Silva è un noto scrittore e psicoanalista italiano. In un articolo su Il Foglio spiega perché si sbaglia quando si parla di scristianizzazione dell'Europa. Innazitutto parla di chi voleva far fuori Cristo e si è fatto fuori da solo: «lo stesso Nietzsche ha avuto modo di sperimentarlo: il suo genio perse forza proprio quando osò sfidare Cristo, finendo nel delirio. Pazzia cercare di uccidere in un colpo solo il Padre, il Figlio e lo Spirito; cosa rimane poi? Gesù Cristo, naturalmente, Lui mai si dilegua, Lui sempre generoso. Difficile spuntarla con Uno così».

Siamo davvero sicuri di stare assistendo alla secolarizzazione del cristianesimo, oppure silenziosamente il Secolo si sta cristianizzando? Continua il professore: «laddove meno lo si aspetta Cristo risorge. Solo l’occhio pigro e mortifero si accontenta di Satana, della fatuità con cui il principe del mondo lo intrattiene. Osiamo guardare in faccia il Figlio, accogliendolo in tutta la sua violenza, perché è Cristo, più vivo che mai, carico di doni e di interrogativi. Lui è “l’ospite inquietante”, non quel nichilismo di cui parlano Nietzsche e i suoi discepoli. Il Figlio mina le certezze, porta un pensiero che mai ci darà pace. Il nichilismo viceversa non inquieta affatto, è rassicurante, dice che tutto è accaduto e nulla più accadrà, invita a tirare a campare, assecondando la voglia di morte eterna, mors tua vita mea e così via sogghignando».

Un messagio agli anticristiani: «Non...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Robert Schumann, il devoto cattolico fondatore dell’Unione Europea

L'Europa nasce dai politici cattolici e su radici cristiane. Il 9 maggio 1950, esattamente 60 anni fa, Robert Schumann, considerato "il Padre dell'Europa", presentò la sua proposta di creare un'organizzazione europea, indispensabile per il mantenimento di pacifiche relazioni. La sua proposta, conosciuta come "dichiarazione di Schuman", ha formato la base della costituenda CECA ed è considerata l'inizio della costruzione di quella che è oggi l'unione Europea. Altri Padri fondatori sono: Alcide De Gasperi (cattolico), Jean Monnet (cattolico), Joseph Bech (cattolico), Konrad Adenauer (cattolico).

Schuman ebbe anche l'idea di diventare sacerdote, ma poi rinunciò e si impegnò nel cattolicesimo sociale, come vivamente incoraggiato dal vescovo di Metz. Per lui costruire l'Europa significava anzitutto mettere in pratica un progetto spirituale di fratellanza, perché «l'Europa non è una unità naturale, come l'Australia o l'Africa; essa è il frutto di un lungo processo storico e di uno sviluppo spirituale». Ma questo progetto non poteva stare in piedi senza riconsocere le radici cristiane. In occasione della creazione del Consiglio d'Europa disse: «Siamo...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

New York Times: «aumentano i cattolici che stimano la Chiesa»

Un sondaggio promosso da CBS news e dal New York Times ha mostrato che i cattolici non hanno mutato i loro sentimenti a riguardo della Chiesa dopo i fatti degli abusi sessuali.

Anzi, ci sono più cattolici favorevoli all'operato della Chiesa ora di quanti ce ne fossero nel mese di marzo. In molti ritengono infatti gonfiate a dismisura le notizie della stampa.

La notizia con maggiori dettagli, è apparsa su Catholic News Agency. Un mese fa il sito GayNews aveva faziosamente parlato di un "crollo disastroso".

... Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Gli atei russi imitano l’UAAR: autobus con frasi atee e foto di Stalin

Sembra che gli atei siano particolarmente affezionati agli autobus...Nel 2009 l'UAAR ha tentato di portare a Genova l'iniziativa delle scritte atee sugli autobus, per evangelizzare i cittadini. Immediate le proteste degli stessi autisti, dell'ATM e dei sindacati che hanno brandito "l'obiezione di coscienza" e non hanno accettato l'ingerenza della parrocchia atea.

Oggi, da il quotidiano Libero apprendiamo che i loro colleghi russi provano ad imitarli: anche loro scriveranno qualcosa di ateistico sulle fiancate degli autobus di San Pietroburgo, accanto alle immagini del paladino dell'ateismo russo, il dittatore Joseph Stalinus. Gli atei-comunisti locali promettono di attaccarle in alto, affinchè nessun "vandalo" possa sfregiarle. Nessun vandalo o nessun famigliare dei 8-60 milioni di morti di cui lui e la sua ideologia anticristiana sono diretti responsabili? Milioni e milioni di uomini, donne, bambini, religiosi e religiose, a cui vanno aggiunti anche i 22.000 polacchi di Katyn (di cui moltissimi cattolici), citati anche su Wikipedia.

Le prove della diretta responsabilità dell'ateo Stalin ...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Il modello Eduardo Verastegui si converte al cattolicesimo

Viene chiamato "il Brad Pitt messicano". Eduardo Verastegui, famosissimo e "desideratissimo" latin lover messicano, ha scelto di sacrificare la sua ambigua carriera per riscoprire la sua fede cattolica.

La notizia è apparsa su The Times quest'estate, ed è ripresa oggi da Religionenlibertad, a cui il famoso attore messicano dice: «la mia conversione è un miracolo ottenuto grazie alle preghiere di mia madre». Prima era un modello di Calvin Klein, che ballava e recitava a torso nudo in sensuali video musicale, attirando migliaia di fan di sesso femminile.

Ora, a 35 anni frequenta la Messa quotidiana, si impegna ad educare i giovani, vola nel Darfur per aiutare gli affamati, fornisce aiuto finanziario per le donne che vogliono abortire...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Nietzsche: l’ateismo incarnato e l’odio verso l’uomo e i deboli

Friedrich Nietzsche è stato il peggior nemico che abbia mai avuto il cristianesimo, l'ateo più importante e famoso che ci sia mai stato. Odiava Cristo e la Chiesa con tutta la sua forza. Ha creduto e incarnato più di tutti nella storia i veri valori dell'ateismo e dell'anticristianesimo.

Per questo non poteva non ridurre l'uomo a mera conseguenza del fascio dei suoi istinti. Non poteva non odiare i deboli e l'uomo stesso, come scrive ne "L'anticristo": «è immorale nel senso più profondo dire «non uccidere». Il genere umano doveva progredire verso l’Übermensch (l’Oltreuomo) attraverso la selezione dei migliori e l'eliminazione dei deboli e, pertanto, accusava il cristianesimo di essere uno pseudoumanesimo, che aveva sempre difeso ogni uomo, nessuno escluso: «i deboli e i malriusciti devono perire, questo è il principio del nostro amore per gli uomini. Che cos’è più dannoso di qualsiasi vizio? Agire pietosamente verso tutti i malriusciti e i deboli. L'individuo fu tenuto dal cristianesimo così importante, posto in modo così assoluto, che non lo si poté più sacrificare , ma la specie sussiste solo grazie a sacrifici umani». Capiva che l’intangibilità della dignità umana dipendeva dal rapporto dell’uomo con Dio: «Davanti a Dio tutte le «anime» diventano uguali; ma questa è proprio la più pericolosa di tutte le valutazioni possibili! Se si pongono gli individui come uguali, si mette in questione la specie, si favorisce una prassi che mette capo alla rovina della specie; il cristianesimo è il principio opposto a quello...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Ecco 3 enormi contraddizioni degli abortisti

Ecco 3 enormi contraddizioni in cui inevitabilmente incappano gli abortisti (o i pro-choice). Ne hanno parlato gli amici dell'Associazione Libertà e Persona.

1) L'"aborto terapeutico” è utilizzato per situazioni in cui c'è la scoperta di gravi malformazioni nel feto. Il termine “aborto terapeutico” quindi significa trattamento di guarigione tramite la soppressione di una vita. Guarire e morire sono però due termini in antitesi tra loro, un ossimoro. Non c'è guarigione del soggetto malato, a cui viene praticata un’eutanasia. Il termine corretto quindi sarebbe “aborto eugenetico”, dal vago ricordo nazista.

2) Il limite massimo per praticare l'aborto terapeutico è 22 settimane, a 21 settimane il feto non è considerato un “cittadino” con i relativi diritti. A 22 settimane quindi arbitrariamente si diventa all'improvviso delle persone. E' lo stesso trattamento che anticamente, prima del cristianesimo, esisteva tra uomini liberi e schiavi, cioè un pò meno uomini e con meno diritti.

3) Il feto "sano", già a 12 settimane ha tutti i diritti di un libero cittadino mentre gli stessi diritti per un “non sano” vengono riconosciuti 10 settimane dopo (alla 22° settimana apputno). Quindi lo stato di malattia per gli abortisti rende un po’ meno uomini. Quesito imbarazzante: ma se prima delle 22 settimane un grave difetto fisico è tale da giustificare la morte del portatore perché"...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti 11 Commenti

Chai Ling, leader di piazza Tiananmen, si converte: «era vietato credere a Dio»

Da AsiaNews una bellissima storia. Chai Ling, l’unica donna leader di piazza Tiannamen nell’89, una dei 21 più ricercati dal governo ateo cinese. Si è fatta battezzare il 4 aprile scorso, dopo che ne aveva fatto domanda nel dicembre 2009.

Ha deciso questo senza aver ricevuto alcuna educazione religiosa, anzi dice: «In Cina non ci era permesso credere in Dio. Per i leader ‘Dio’ era una cosa cattiva che i capitalisti usavano per il lavaggio del cervello del popolo. Come risultato, perfino l’amore di Dio era visto come una cosa che faceva paura. La società era piena di odio, sfiducia, paura». La fede nella resurrezione di Gesù la rende ora più sicura e più certa. Nella sua testimonianza ha parole di misericordia anche per i leader cinesi, responsabili del massacro e della politica attuale: «Il perdono di Dio è così pieno. Se i leader della Cina potessero almeno ascoltare questo annuncio, se solo si pentissero, potrebbero ricevere lo stesso amore e perdono che tutti riceviamo. Quale grande dono riceverebbero? La libertà per se e per la Cina!».

La conversione di Chai Ling è l’ultima di una serie da parte di diversi leader di Tiananmen. Dopo aver lottato per le idee di uguaglianza e democrazia, grazie...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Elenco di personaggi famosi che hanno firmato l’appello in difesa di BXVI

Il 2 maggio 2010 il quotidiano italiano CronacaQui ha consegnato alla segreteria vaticana, durante la visita del Pontefice a Torino, l'appello che ha promosso in sua difesa rispetto alla questione pedofilia, con l'elenco dei vari firmatari.

Il quotidiano afferma: «il nostro non è il primo appello di solidarietà consegnato a Benedetto XVI. Ad inizio aprile, infatti, anche un nutrito gruppo di intellettuali francesi aveva reagito con sdegno gli attacchi della stampa internazionale nei confronti di Benedetto XVI». “L’appello dei cristiani alla verità”, lanciato il 31 marzo scorso a Parigi e Lione, era stato poi pubblicato anche da L’Osservatore Romano, dopo aver riunito migliaia di firme e l’adesione di molti personaggi illustri. Un appello che si «dichiara solidale con le vittime dei sacerdoti pedofili», ma anche «solidale con la Chiesa cattolica». Ad ideare l’iniziativa, in questo caso, un gruppo di scrittori, giornalisti, blogger, filosofi e professionisti che, «nell’urgenza del momento», ha improvvisato un «gesto cristiano» contro la la dilagante campagna di opinione ospitata da numerosi media.

Sempre su CronacaQui ...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Vittorio Feltri e “Il Giornale” promuovono l’8×1000 alla Chiesa Cattolica

«Nella discussione aperta dal Giornale dopo gli ultimi scandali i lettori si schierano con Feltri: il male commesso da pochi è molto inferiore al bene fatto da molti». Così titola un articolo del quotidiano di centrodestra, Il Giornale.

Il direttore Vittorio Feltri, non credente, nell’editoriale di ieri ha sottolineato che oltre ai fatti sugli abusi sessuali, c’è tutto il bene che la Chiesa, vera multinazionale della solidarietà, produce ogni giorno, in Italia e nel mondo. Ha dichiarato anche che destinerà ad essa l'8x1000. E' così inziata una bella campagna a sostegno della Chiesa Cattolica.

Maurizio Gasparri, presidente del gruppo parlamentare Il Popolo della Libertà al Senato della Repubblica, ha inviato una lettera al quotidiano in cui dice: «solo i credenti difendono i valori che riguardano tutti». E dichiara: «Caro direttore, opportuno il dibattito sull'otto per mille da devolvere alla Chiesa nella dichiarazione dei redditi. Come te, anche io confermerò la scelta in favore della Chiesa cattolica». Un'altra lettera è arrivata in redazione intitolata:...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Muore Cazzullo, padre della psichiatria italiana e presidente dei Medici cattolici

... Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Stati Uniti: la croce nel deserto del Mojave non viola il principio di laicità

La Croce eretta 76 anni fa in California, in memoria dei caduti americani della Prima Guerra Mondiale, non viola il principio costituzionale della separazione tra Chiesa e Stato.

E’ quanto ha stabilito la Corte Suprema degli Stati Uniti, rovesciando la precedente sentenza di un tribunale che ordinava la rimozione del monumento innalzato nel deserto del Mojave per presunta violazione del primo emendamento della Carta fondamentale.

A riferirlo è RadioVaticana.

... Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati

Il miracolo di san Gennaro alla prova della scienza

Per miracolo di San Gennaro si intende la liquefazione del suo sangue all'interno del Duomo di Napoli e in date precise durante l'anno, il fenomeno avviene da circa 700 anni. In questo dossier riporteremo quel che alcune valutazioni scientifiche hanno rilevato.

Ricordiamo che per i cattolici non c'è alcun problema ad affermare l'eventualità di un falso prodigio (la Chiesa non ha mai definito la liquefazione del sangue di San Gennaro un miracolo), a patto che lo si dimostri con chiarezza. La fede non si basa su questi fenomeni, può essere aiutata, ma non su di essi fondata. La questione di San Gennaro rimane comunque tuttora inspiegata e misteriosa, con buona pace di chi ha deciso preventivamente come deve andare il mondo.


IN COSA CONSISTE? Il sangue di san Gennaro è conservato nel Duomo di Napoli (assieme al busto aureo ed argenteo del Santo e al suo cranio) in una boccetta di vetro sigillata, con volume stimato di circa 60 millilitri, riempita per metà dal liquido. Questa bottiglietta, accanto ad un'altra più piccola e vuota, è contenuta tra due pareti di vetro in un reliquiario portatile d'argento. Durante la cerimonia del miracolo di San Gennaro, il reliquiario è più volte mosso, agitato e capovolto al fine di evidenziare l'avvenuta liquefazione, che diviene visibile senza difficoltà: in certi casi quasi immediatamente, in altri dopo alcuni giorni, sebbene solidificatosi nell’arco dei secoli. Si dice, su basi non comprovate dalla scienza, che in qualche circostanza il sangue "ribolla", cambi...

Continua a leggere...
Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • Commenti commenti disabilitati
RSS | Feed dei commenti
Pagina 251 di 257« Prima...102030...249250251252253...Ultima »