L'astrofisico Tanzella-Nitti: «Hawking sbaglia riducendo Dio ad un fattore empirico».

Giuseppe Tanzella-Nitti, astrofisico e teologo della Pontificia Università della Santa Croce di Roma, ha dichiarato sul sito dell’INAF (Istituto Nazionale di Astrofisica):

«Quando si cerca nelle equazioni matematiche una conferma o una smentita del ruolo di Dio nella creazione dell’universo, vuol dire che si sta considerando Dio al pari di un fattore empirico, un parametro da trovare o da rimuovere. Per la teologia della creazione, l’azione di Dio creatore sul cosmo è un’azione trascendente, fuori del tempo e dello spazio, non limitata al momento dell’origine (se mai ve ne è stato uno), ma finalizzata a volere da sempre l’universo e a sostenerlo da sempre con le sue leggi e i loro sviluppi. Siamo quindi ben lontani dal dilemma di chi abbia compiuto la ‘prima mossa’. Dibattere se venga prima Dio o prima le leggi di natura, come sembra fare il prof. Hawking, vuol dire impiegare la nozione di Dio in modo improprio, non come creatore, ma come “motorino di accensione” di cui si discute l’eventuale necessità o l’irrilevanza. Le leggi della fisica sono certamente sufficienti, al di là dei nostri problemi di impredicibilità, per spiegarci la struttura del cosmo ed il perché delle sue diverse trasformazioni. Ma il perché davvero “ultimo”, perché l’universo esiste — e mi lasci aggiungere, perché nell’universo esisto io, ciascuno di noi — questa è una domanda alla quale le leggi della fisica non intendono, né possono rispondere. Ma è una domanda, e in questo Hawking ha ragione, che l’essere umano in quanto tale non può non continuare a porsi».

  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace
  • <br style=”margin-bottom: 5px;” />
    <strong>Notizie correlate</strong>



    Notizie correlate
    Presidente Istituto Nazionale Astrofisica:«tesi di Hawking è totalmente irrazionale(3/9/10)
    L’astrofisico Robberto: «la tesi di Hawking è un’opinione non scientifica» (3/9/10)
    L’astrofisico Benvenuti: «Hawking è illogico ma ha capito come vendere il libro» (3/9/10)
    Il fisico Bussoletti: «Hawking? Nulla di nuovo né di convincente» (3/9/10)
    Il fisico Zichichi: «Hawking sbaglia, se c’è una logica c’è un Creatore» (3/9/10)
    Il fisico Gabici: «caro Hawking, il nulla in realtà è molto complesso» (4/9/10)
    Il matematico Lennox: «non si può spiegare l’universo senza Dio» (4/9/10)
    Il biologo ateo Telmo Bievani: «Hawking sbaglia e non prova che Dio non esiste» (3/9/10)
    Il biologo Denis Alexander: «Hawking parla di un dio scientifico già inesistente» (3/9/10)
    Il filosofo Giovanni Reale: «Hawking commette l’errore di molti scienziati» (3/9/10)
    Il filosofo ateo Massimo Cacciari: «la tesi di Hawking è illogica e comica» (3/9/10)
    Il filosofo Zecchi: «il problema non è l’origine del mondo ma il suo significato» (3/9/10)
    Il filosofo della scienza Giorello:«tesi di Hawking non contraddice la fede in Dio»(3/9/10)

    ____________________________________