I figli dei single e dei divorziati hanno una peggiore salute psicologica

Il benessere psicologico dei bambini e dei giovani in Australia si è deteriorato in modo significativo negli ultimi 10 anni a causa dell’aumento di tassi di divorzi, la rottura dei rapporti tra conviventi e l’aumento dei bambini nati da madri single. Lo ha stabilito un rapporto pubblicato dal professor Patrick Parkinson, della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Sydney.

La ricerca ha evidenziato un aumento del 250 per cento di segnalazioni di abusi e abbandono, un raddoppio del numero di bambini accolti da altre famiglie, un aumento del 66 per cento di ricoveri in ospedale per autolesioni in ragazzi dai 12 ai 14 anni e il 90 per cento per la fascia d’età tra i 15 e i 17 anni ed infine un aumento del 52 per cento di ricoveri per le ragazze dai 15-24 anni per intossicazione acuta da alcool.

Il rapporto conclude con un elenco di 14 raccomandazioni focalizzate sulla preparazione al matrimonio e di sostegno alla famiglia. «Il governo australiano non può continuare a ignorare la realtà che due genitori tendono a fornire risultati migliori per i bambini di uno solo, e che l’ambiente più stabile e sicuro per i bambini è quando i genitori sono, e rimangono, sposati l’uno con l’altro», ha detto il prof Parkinson.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Nuovo studio: i figli dei conviventi hanno maggiori problemi

Famiglia irlandeseUn nuovo rapporto realizzato da un paio di organizzazioni che si dedicano a rafforzare l’istituzione del matrimonio, mostra che un numero allarmante di coppie statunitensi decidono di avere figli senza essere sposati. Lo studio ha rilevato che, mentre verso la fine del 20° secolo il divorzio era la più grande minaccia al matrimonio, oggi è stata sostituita dall’ascesa delle convivenze, minacciando la qualità e la stabilità della vita familiare dei bambini.

Le statistiche mostrano che sempre più bambini nascono da coppie conviventi e trascorrono molto tempo in presenza di un adulto estraneo alla famiglia, che ad un certo punto si inserisce nella loro infanzia, spesso dopo che la coppia di genitori originaria si è sciolta. La ricerca dimostra anche che le coppie conviventi hanno il doppio delle probabilità di dividersi delle coppie sposate. Inoltre, i genitori conviventi hanno più probabilità di dover affrontare problemi emotivi e sociali, come l’abuso di droga, depressione, abbandono della scuola superiore, abusi fisici e sessuali, e povertà, con i loro figli rispetto a quelli di famiglie sposate.

Il Dr. W. Bradford Wilcox dell’University della Virginia e autore principale dello studio ha osservato che «l’instabilità familiare per i bambini è in aumento. Questo sembra in parte essere dovuto al fatto che le coppie sono conviventi e quindi molto instabili». Ha continuato: «Il nostro rapporto mostra anche che i figli all’interno di unioni di fatto hanno maggiori probabilità di soffrire a causa di una serie di problemi sociali ed emotivi – uso di droghe, depressione, fallimento scolastico – in confronto ai figli di famiglie sposate e non separate. La convivenza implica meno impegno, meno stabilità, meno fedeltà sessuale, e meno sicurezza ai partner romantici e ai loro figli. Di conseguenza, le coppie conviventi hanno più del doppio delle probabilità di dividersi e quattro volte più probabilità di essere infedeli a l’uno all’altro, rispetto alle coppie sposate. Tutto questo ha implicain queste casecrescono in queste situazioni».

Lo psicologo John Gottman, tra i massimi esperti statunitensi di relazioni matrimoniali, professore emerito di psicologia all’Università di Washington e co-autore del rapporto nazionale “Marriage Project”, ha dichiarato che tale instabilità ha un notevole impatto negativo sui bambini, il quale si nota nell’esternalizzazione dei disturbi, cioè più aggressività, che a livelo interno, cioè più in depressione. I figli delle coppie conviventi sono più a rischio rispetto a quelli delle coppie sposate».

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace

Nuovi studi: importanza della famiglia e problemi per i figli delle coppie di fatto

Mentre gli atei razionalisti esultano per ogni divorzio in più (cfr. Ultimissima 30/7/10), la società sta tornando a schierarsi sempre di più a favore della famiglia, pietra angolare della comunità umana e principale strumento di benessere degli individui.

L’importanza della famiglia, rivela l’agenzia Zenit.it, emerge anche in un recente rapporto sulle famiglie dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) afferma che «le famiglie forniscono identità, amore, attenzione, un ambiente per la crescita e lo sviluppo dei loro membri e costituiscono il nucleo portante di molte strutture sociali». Il rapporto, intitolato “Doing Well for Families”, riconosce inoltre che la povertà è in aumento per le famiglie di quasi tutti i Paesi membri dell’OCSE ed invita i Governi ad adottare politiche di sostegno, sopratutto verso la procreazione (oggi la media attuale di figli per donna è 1,7).

Un secondo studio, valutato su un ampio campione di famiglie nel Regno Unito, è stato pubblicato dall’Institute of Social and Economic Research dell’Università di Essex. Tra le conclusioni figurano anche questi due punti: sulla base di una serie di fattori indicativi, risulta che le persone conviventi sono significativamente meno felici nel loro rapporto rispetto alle persone sposate, i figli che vivono con un solo genitore sono meno propensi a dirsi del tutto felici della loro situazione.

Nel commentare un terzo studio, pubblicato negli Stati Uniti dall’ente di ricerca Child Trends dal titolo “Parental Relationship Quality and Child Outcomes Across Subgroups”, Elizabeth Marquardt, redattrice del sito Internet FamilyScholars.org, ha spiegato che esaminando le tabelle e le statistiche dello studio, i figliastri hanno una probabilità doppia, rispetto ai figli che vivono con i propri genitori sposati, di sviluppare problemi comportamentali. La problematicità è ancora superiore per i figli che vivono con una coppia di fatto, i quali presentano una probabilità tre volte superiore di avere problemi. Queste macrodifferenze sono confermate anche per altre categorie come i rapporti sociali e la condotta a scuola.

Un quarto studio, realizzato dal dr. John Gallacher e David Gallacher della Cardiff University’s School of Medicine, pubblicato sulla rivista BMJ Student e apparso anche in sintesi sul quotidiano Independent, ha preso in esame la questione se il matrimonio sia un bene per la salute: «Il dato di fondo è che, dal punto di vista medico, il gruppo che presenta la maggiore longevità è quello degli sposati», ha afferamto il dr. Gallacher. Secondo anche questo studio, i figli che vivono con la sola madre presentano maggiori problemi comportamentali rispetto a quelli che vivono con due genitori, e questi problemi peggiorano con ogni rottura di un rapporto e instaurazione di uno nuovo.

Condividi su:
  • Aggiungi su Facebook
  • Aggiungi su OKNOtizie
  • Aggiungi su Twitter
  • Aggiungi su Windows Live
  • Aggiungi su MySpace